Orgia di badanti

Scritto da , il 2021-10-01, genere orge

In una tranquilla domenica di primavera Benji passeggiava per il parco solo.
Non erano molte ore che stava a secco ma per lui erano già troppe.
Sarebbe stato fantastico trovare una bella ficona che gli succhiasse qualche litro di sborra pensava dubitando molto della cosa.
E invece ne trovò addirittura tre.
Ma non erano molto fighe, anzi tutt’altro, erano parecchio bruttarelle nonché mature.
Erano badanti rumene.
Una era bruna, magra e aveva almeno cinquantanni, la seconda era bionda rotondetta e ne aveva almeno quaranta, la terza però era la migliore, doveva pesare almeno 150 chili di cui almeno venti sulle tette.
Un vero cesso di faccia ma con quei due siluri sul davanti ci fece poco caso.
Le tre se ne stavano su una panchina a confabulare tra loro. Da subito non lo notarono ma lui invece notò loro. La bruna cinquantenne, che in seguito avrebbe scoperto chiamarsi Olga aveva una gonna decisamente corta e le sue cosce erano uno spettacolo fasciate in un collant nero velatissimo.
Fissò le cosce, Olga studiò lui, lui sorrise, lei anche.
Poteva avvicinarsi e strapparla alle amiche. Da come la rumena fu lesta ad attaccar bottone non pareva un problema. Doveva aver capito subito a cosa mirava e non pareva dispiacergli affatto.
Ma più parlava con Olga e più fissava i tettoni della cicciona che seppe poi chiamarsi Lena.
Così mentre già Olga si stava facendo il suo programmino lui, stupendola, le invitò tutte e tre a casa sua. Anche la bionda che si chiamava Olinka e che sotto ai pantacollant neri molto aderenti svelò avere un bel culetto a mandolino.
Arrivarono a casa sua. Le tre rumene non avevano troppo tempo, entro mezzogiorno dovevano rientrare al lavoro.
Visto che erano già le dieci meglio sbrigarsi.
Arrapato mise una mano per tetta a Lena. Era un tettame immenso e lui amante delle zinne non poteva farselo sfuggire. Sbottonata la camicetta e tolto il reggiseno che le conteneva a stento si buttò a ciucciarle con tutta la foga che aveva in corpo.
Intanto Olga, che di certo non voleva farsi trascurare, si chinò e lo aiutò a togliersi i pantaloni constatando che non aveva le mutande e che, per di più, aveva il cazzo di un cavallo già bello duro e pronto.
Olga iniziò a spompinarlo a tutto spiano.
Si capiva subito che la troia ci sapeva fare. Chissà quanti cazzi aveva preso al suo paese. Olinka intanto trascurata si sedette sul divano buona buona a fissare il terzetto che faceva sesso in mezzo alla stanza.
Fatto togliere tutto a Lena che svelò i suoi giganteschi gamboni, il pancione grasso a tre borse e un ficone grosso come una vacca lui la spinse a terra e le montò letteralmente sopra. I centocinquanta chili di troiona non aspettavano altro. Con un sol colpo penetrò quella ciorniona enorme. Pareva più adatta a farsi chiavare da un cavallo che da un uomo quindi lui avendo un cazzo equino, era adattissimo allo scopo.
Olga intanto si tolse la gonna. Anche lei non aveva mutande. La troietta era proprio in cerca di uccelli. Il pelo della sua fichetta velato sotto ai collant era eccitantissimo e George non si fece sfuggire l’occasione di infilarci la testa in mezzo strappando il nilon con la bocca per poi leccare di gusto la passerona di Olga.
Matura ma ancora in buono stato l’avrebbe penetrata poco dopo. Lena intanto che continuava a farsi penetrare ululava emettendo strani versi di soddisfazione. Cento cinquanta chili di puttana che ansimavano e sudavano sotto alla forza del suo cazzo.
Sentendo che era prossimo alla prima sborrata lo tirò fuori e accovacciatosi sul petto della cicciona glielo infilò tra gli immensi tettoni.
Capito cosa voleva Lena si afferrò il tettame con le mani e gli sparò una spagnola divina lasciando che lui sborrasse copiosamente in quel mare di tette.
Il capezzolone di Lena era così grosso che pareva un dito, la fica marcia di Olga gli riempiva la bocca di sbroda dolce e calda. Il suo cazzo non aveva il tempo di ammosciarsi. Olga assunta posizione a pecora lo invitò ad approfittarne. George lo fece, due volte, fica e culo. Spalancandole l’ano a colpi di cappella finchè non fu dentro fino a coglioni fino a sfondare il culo alla vecchia rumena. Inondatole il culo lasciò che Olga si accasciasse a terra distrutta ma soddisfatta. Era il turno di Lena. Il suo culone era così immenso che faticò a capire dove fosse il buco ma alla fine lo trovò. Accomodatosi sulla schiena della cicciona si fece strada piano piano e le scivolò dentro. Un troione di questo calibro lo meritava nel culo fino in fondo.
Intanto mentre era intento a pompare nel culone di Lena notò Olinka che tutta sola sul divano si era piano piano sfilata il pantacollant e le mutande ed ora, nuda dalla vita in giù si stava masturbando vigorosamente con due dita.
Eccitato dal grilletto sparò la terza bordata di sborra in mezz’ora inondando il culo della cicciona.
Senza darsi sosta si alzò in piedi. Il cazzo colava sborra e umori anali della troiona. Niente di meglio che avvicinarsi al divano e farselo ciucciare da Olinka.
La bionda non fece obiezioni, lo succhiò per bene e si preparò a farsi chiavare. Cosa che avvenne poco dopo sdraiata sul divano con lui sopra che dimenava il bacino dandole lunghi colpi orgasmici che la trapassavano tutta.
Sborrò in fica senza farsi grossi problemi. Era una vulva bella calda e meritava….
‘Girati che ti faccio il culo’ le disse, convinto di voler completare l’opera. Gli mancava solo quel buco e li avrebbe tappati tutti e tre. Un occasione da non perdere.
Ma Lena non pareva d’accordo. La cicciona, più vigorosa di quanto credeva si alzò in piedi ballonzolando la ciccia. Si avvicinò e gli prese saldamente il cazzo in mano ‘Fica, ancora, dai infila’ parlava male l’Italiano ma si faceva capire benissimo.
Così l’accontentò.
Fattala sdraiare le montò sopra e iniziò a scoparsela mentre con la mano masturbava Olinka che ancora attendeva di farsi inculare. Dall’altra parte Olga la bruna si era ripresa e pareva intenta a partecipare al giochino. ‘Leccami il buco del culo’ le disse e lei obbedì. Così mentre ne trapanava una, sgrillettava l’altra e si faceva leccare il culo dalla terza venne nell’enorme ficone gemendo per quanto erano troie le tre.
Il cazzo si stava ammosciando dopo la quarta sborrata ma il culo di Olinka era un richiamo troppo forte. Alzatosi in piedi la fece chinare in avanti poggiata sul tavolo e lo infilò con un colpo secco. Olinka aveva il culo ampiamente sfondato. La troia doveva già esserselo fatto infilare da mezza Europa.
Tanto meglio.
Coperte di sborra lasciò che le tre troie andassero a lavarsi.
Alla fine le riaccompagnò alla panchina appena in tempo raccomandando a tutte e tre che quando ne avessero sentito il bisogno la sua trivella era sempre pronta. ‘E passate pure la voce alle vostre amiche badanti e troie… Se vogliono una ripassata basta dirlo’.
Tutte contente, col culo infuocato le tre annuirono.
Difficile credere cosa avrebbero potuto combinare quel pomeriggio visto che si reggevano a malapena in piedi.
Lui invece stava benissimo. Chiavare non lo stancava, anzi gli dava forza e vigore.
Andò a pranzo in una pizzeria lì vicino e si rilassò un po certo di essersi sfogato abbastanza.
Invece, appena preso il caffè, si ritrovò col cazzo nuovamente duro a fissare due tardone che mangiavano in un tavolo lì accanto…..
Il vizio della fica matura non lo abbandonava mai

Keysevenfans@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 4 1 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.