Nonna e Nipotina

Scritto da , il 2021-10-01, genere trio

Michael era sceso a fare la spesa al supermercato e mai avrebbe immaginato che l’impellente bisogno di pane gli avrebbe procurato un bel po di fica fresca…
In effetti mentre vagava tra i reparti mai avrebbe creduto di trovarsi davanti Lella, una biondona ventenne alta e longilinea ma con due belle tettone dure e sode.
Ciò che lo colpì fu la minigonna della ragazza così corta che quando si chinò per prendere una scatola di pomodori non potè fare a meno di notare le sue mutandine bianche.
Aveva dei lunghi stivali fino al ginocchio e niente calze. Le sue gambe erano perfette e non aveva alcun bisogno di nasconderle. Michael, col cazzo già gonfio nei pantaloni, le si accodò per un po rifacendosi gli occhi ogni volta che Lella si chinava o si sporgeva facendo la spesa.
Avrebbe potuto avvicinarsi e attaccar bottone ma c’era un impedimento. Una vecchia ciabatta di cento chili vestita in nero, brutta e rugosa.
La nonna di Lella.
Straccia cazzi come non mai la vecchia si faceva servire di tutto punto dalla nipotina che sorridendo ancheggiava la mercanzia a destra e a manca.
Due volte lo sguardo di Michael si incrociò con lei. Dietro a quegli occhiali tondi i suoi begli occhioni azzurri dicevano fottimi fottimi, fottimi a tutto spiano.
Lui abbozzò un sorriso, lei annuì.
Era chiaro che senza nonna tra i coglioni avrebbe già mollato li il carrello per andare a farsi dare una ripassata.
Michael aveva già scritto il suo numero di telefono su un pezzo di carta pronto a passarlo alla ragazza alla prima occasione… In giornata o in settimana al massimo contava di farsi una bella trombata.
Ma non fu così.
Quando si avvicinò per infilare il biglietto nella borsetta aperta di Lella ecco che da dietro una mano lo afferrò.
Era quella rugosa della nonna.
Sicuramente doveva aver equivocato scambiandolo per un ladruncolo.
Michael aprì la mano, il biglietto scivolò nella borsa.
La nonna lo lasciò andare e prese il biglietto.
‘Ti aspetto quando vuoi…’ e seguiva il numero di telefono.
Pensò che la vecchia si sarebbe incazzata come una iena e aspettava già di ricevere un ceffone ma non fu così.
Anzi.
‘Quando voglio…? Anche subito?’ sorrise la vecchiaccia sotto al suo chilo di rughe.
Aveva settantatre anni compiuti.
‘Ma veramente io… lei’ borbottò indicando la biondina.
‘Capisco capisco volevi silurare la Lella capisco’.
‘Signora nonna io…’.
‘Chiamami Adele’ disse lei e con un gesto secco gli ficcò la mano sul pacco.
‘Lella senti che pacco’ esclamò subito dopo senza ritegno e la nipotina, senza problemi, obbedendo alla nonna tastò a sua volta eccitando Benji ancor di più.
In pochi minuti le due interruppero di far la spesa e pagato velocemente quanto avevano nel carrello seguirono Benji due isolati più lontano dove aveva l’appartamentino.
Appena saliti la signora Adele si sbottonò velocemente il lungo vestito a fiori.
Sotto era praticamente nuda ad eccezione di un bustino nero tutto lavorato che lasciava intravvedere le sue tettone ancora belle grosse e la fica pelosa e ingrigita.
‘E le mutande?’.
‘O io non le metto mai. Sai alla mia età è meglio fare in fretta… Ogni minuto è perso’.
‘Capisco’ annuì Michael e senza pensarci ancora si calò i pantaloni e fatta sdraiare la vecchia sul divano le entrò dentro iniziando a fotterla a tutto spiano.
Lei gradì molto. Era ancora calda e sbrodolava umori a tutto spiano.
Michael afferrate le tettazze molliccie iniziò a strizzarle godendo mentre il cazzo perforava la vecchia fino ai coglioni.
Eccitato soprattutto sapendo che la ragazzina lo stava guardando.
‘Lella ora viene la nonna e poi te lo passi anche tu’ disse la vecchia.
‘E cerca di non sfondarla che hai un cazzo da cavallo’.
‘Starò attento signora’ annuì Michael senza smettere di scoparla.
‘Nel culo no però che li è ancora vergine capito’.
‘E nel suo signora?’.
‘O nel mio vai tranquillo’ e così dicendo la vecchia si arcuò in avanti, gli afferrò il cazzo con una mano sfilandoselo dalla sorcona e se lo guidò fin nel culone lardoso invitandolo a sfondarlo.
Michael obbedì. Sodomizzò la vecchia e ne approfittò per sborrarle dentro.
Il culo della vecchia troia era davvero sfondatissimo.
‘Ma cosa ci ha messo qui dentro?’.
‘Zucchine… Banane… Bottiglie’.
‘Ma brava la nonnina sei un bel troione sai…’.
‘Grazie, grazie tante. Ma ormai se non uso la Lella di cazzi mica ne trovo tanti’.
‘La usi? Usi la nipotina intendi’.
‘Ma si dai che hai capito. Io porto in giro quella gnocca di nipote con quelle minigonne corte e quelle belle tettone e voi basta fottere lei date una botta anche a me no?’.
‘Signora lei mi offende. Io sono uno che chiava tutto. Se me lo avesse detto l’avrei inculata anche senza la Lella’.
‘Galante che sei ma io i cazzi mica li faccio rizzare più’.
‘Ma no signora che ha ancora un bel culone anzi sa cosa le dico si metta a pecora che le faccio il bis di sborra nella fica’.
Entusiasta la vecchia non se lo fece dire due volte.
Messasi a pecora lasciò che lui le infilasse tutto dentro e iniziò a farsi montare come una vacca selvaggia. ‘O ma come sei bravo. Si vede che trombi tanto… Ma ti piace la gnocca grigia a te?’.
‘A me piace tutto signora. Si figuri che mi facevo mia nonna..’.
‘Ma che bravo… Anche io mi faccio la nipotina comunque’.
‘Non ne avevo dubbi’.
‘Si la fichetta della mia Lella è deliziosa…. Fatevi un 69, ve lo consiglio… Anzi, meglio ancora: Lellaaaa… Lelllaaa vieni subito dai’.
La ragazza entrò, aveva ancora la gonnellina ma si era sfilata le mutande.
‘Nipotina cara fagli leccare la patata a questo ragazzo così gentile che mi fa fare anche la seconda’.
E così la biondona statuaria appena ventenne fece felice la nonna vecchia e brutta lasciandosi slappare a raffica dalla lingua vogliosa di Michael mentre il suo cazzo trapanava la vecchia nonna senza pietà.
Alla fine Michael si fece anche la ragazza.
La sua fichetta biondiccia era calda e soffice. Nulla che la nonna potesse neanche vagamente emulare ma era stato bello inculare e fottere quel vecchio cesso che lo implorava di avere più cazzo possibile.
Siccome la nonna si era tanto raccomandata di non ingravidarle la nipote lui ci fece la giusta attenzione e lo tirò fuori per tempo… Nulla di meglio quindi che ficcarlo duro e gonfio in bocca alla vecchia e sborrarle giù per la gola in allegria.
Alla fine nudi sul letto con la nonna a un fianco e la nipotina all’altro Michael non potè far a meno di eccitarsi ancora quando le due gli presero il cazzo contemporaneamente iniziando a masturbarlo con forza.
A turno si sdraiarono su di lui cavalcandolo per alcuni minuti… Un rapido orgasmo di congedo prima di andar via.
Lui le saziò ancora.
Ma era ormai tempo di saluti.
Presosi il cazzo in mano si sparò una sborrata che schizzò fino al soffitto inondando entrambe le donne da testa a piedi.
Si lavarono.
Si salutarono. ‘Ma la vostra troiaggine ha saltato una generazione?’ chiese Michael.
‘No no mia figlia è anche più troia di mia nipote’ ridacchiò la vecchia puttana.
‘Non basta dirlo, bisogna dimostralo’ ridacchiò lui.
‘Bhe tieniti libero domani pomeriggio e te lo dimostriamo’ disse secca la Lella.
‘Ma dai. Mi viene già duro adesso. Va a finire che mi tocca farmi una sega…’.
‘Non fartene troppe -rise la biondina- domani io ti dimostro che ho la madre troia ma tu ci devi dimostrare che hai cazzo per tre donne tutte insieme’.
‘Venite tutte e tre?’.
‘Se ce la fai. O ti scoccia la nonna?’.
‘Ma che dite. Anzi signora venga pure anche da sola che la monto molto volentieri’.
‘Sei davvero galante’ annuì la nonna.
‘Spero che un domani la Lella si sposi un uomo proprio come te’.
‘Già signora la capisco. Lei è proprio una gran troia e scusi se glielo dico’.
‘Ma figurati, anzi, lo considero un complimento’ e così dicendo si sollevò il vestito per rimarcargli che se ne stava andando in giro con la fica al vento…
La troia!

Keysevenfans@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 4 3 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.