Tettone al mare 3 di 5

Scritto da , il 2021-09-18, genere incesti

Ancora non poteva crederci.
Sua nonna con le enormi poppe sogno di tante seghe giovanili ora era lì tutta per lui ansioso di farsi trapanare dal suo cazzone.
Con la vecchia sdraiata sul letto Luca le si chinò sopra e le piazzò la lingua tra le cosce. Non mentiva, la fica seppur vecchia, era calda e sugosa. Il clito della nonna era un invito ad essere consumato, succhiato leccato. Gli avevano detto che alle nonne viene la fica secca e non da più gusto ma la nonna Lina non era così.
Forse perché la usava ancora molto e la teneva in allenamento sembrava ancora la fica di una ragazzina dolce e sugosa.
‘Ooooo sei davvero bravissimo’ gemeva la nonna godendosi i suoi colpi di lingua. Gemeva e lo incitava a darci dentro.
Poi lo fece voltare piano piano guidandolo con la sua esperienza.
Quando si rese conto che il cazzo era davanti al viso della vecchia ebbe un fremito sentendo che sfiorava uno dei capezzoli con la cappella.
Poi si senti avvolto dal calore. La nonna glielo aveva preso in bocca.
Erano in un perfetto 69 laterale e lui grato per ciò che gli stava facendo cercò di infilare ancora più lingua nella sua vagina.
Si godette il 69 finché non sentì che stava a per scoppiare.
A quel punto si voltò, si mise sopra alla grossa tettona e senza più ritegno gli piantò il cazzo tra le gambe.
Nonna Lina era così bagnata che l’uccello la penetrò con un unico colpo. ‘Ooooo si Luca era tanto che non ne prendevo uno vero. Ti piace la mia fica Luca?”.
Lui le afferrò una tetta per mano strizzandole a tutta forza.
‘E’ caldissima nonna mi fai godere come un matto’.
‘E allora dai fottimi Luca, fotti la nonna falla godere’.
Lui non se lo fece dire ancora e a tutta forza con lunghi colpi di reni prese a scoparla facendole in fretta raggiungere l’orgasmo.
Sentiva che avrebbe potuto chiavarla tutto il giorno impegnato tra quelle tettone fuori misura e quella fica in calore ma dal giardino sentì la voce di sua madre che lo chiamava.
‘Luca! Luca dove sei?’.
Aumentò il ritmo pompando nella fica della vecchia mentre urlava “Vengo mamma vengo, vengo…. Eccooooooo”.
L’idea di quel doppio senso lo eccitava ancora di più.
Venne inondando la vulva di sua nonna che per nulla turbata continuò ad ondeggiare finché non sentì che la sua vecchia gnocca aveva prosciugato fino all’ultima goccia di sborra del nipotino che ora si stava ripulendo meglio che poteva per potersi infilare i pantaloni.

Quella sera però non riusciva a prendere sonno. I discorsi della nonna gli rimbalzavano in testa. “Sentivo il letto cigolare… Avrei voluto aiutarti… Dormo qui dietro…”.
Sorrise. Decise di verificare se era vero e come nulla fosse prese a segarsi a tutta forza incurante dei cigolii.
Ma non successe nulla.
Dopo una ventina di minuti si sborrò in mano come al solito.
Un po’ deluso ma comunque svuotato, si lasciò cadere sul cuscino e prese sonno quasi subito…

Erano quasi le due del mattino quando sentì la strana sensazione alle parti basse. Aprì gli occhi e vide che nell’ombra qualcuno gli stava facendo una pompa.
Pensò alla nonna e la ringraziò “o nonnina come ciucci bene” sussurrò,
Ma una voce nel buio rispose “non sono la nonna” e poi riprese a succhiare.
Di scatto accese la luce e si vide davanti sua sorella di con la bocca spalancata sul suo cazzo e i due enormi tettoni che ora gli imprigionavano il cazzo alla spagnola.
Vedeva il suo uccello scorrere fra quelle due zucche sudate coi capezzoli dritti, lo sguardo vorace di Loredana che succhiava senza sosta.
“Lory?”.
“Ho voglia di cazzo” rise lei continuando la sega.
Eccitato sborrò senza neanche rendersene conto.
Lesta la sorella se lo sfilò di bocca e fece colare tutto lo sperma sulle tettone quindi con meccanica maestria prese a massaggiarsi la sbroda calda come fosse una crema.
‘Lory ma che cazzo fai?’.
‘Sapessi come rassoda la sborra. Perchè credi che le abbiamo così grosse… sborra fratellino mio’ e rise.
A guardare quella porca che si passava il suo seme su quei meloni gli tornò subito duro e meccanicamente senza perdersi un centimetro di quello spettacolo iniziò a segarsi ritmicamente.
“Scopiamo?” chiese la sorella appena finito il massaggio.
“Non vedo l’ora” disse lui con la mano che stantuffava a tutta forza.
La prese, la spinse all’indietro e si tuffò su di lei iniziando a succhiarle avidamente i capezzoli.
Era arrapatissimo.
La fica di Loredana completamente depilata gli pulsava a pochi centimetri dal cazzo e non ci volle molto per sentire la sua cappella che si faceva strada poggiandosi sulle grosse labbra della vagina della ragazza.
‘Ouch’ fece lei sentendolo entrare.
‘Ti faccio male?’.
‘No è solo molto grosso non preoccuparti fratellino. Certo che mamma ha fatto davvero un bel lavoro con te’.
‘Grazie’ disse lui spingendo per penetrarla completamente.
‘O si che bello duro, dai pompa Luca pompa’.
‘Mica devi dirmelo porca di una zoccola, sapessi come me lo avete fatto venire duro tu e mamma oggi’.
‘Si lo immagino…. però credevo che ti avesse scaricato la nonna’.
Senza smettere di trapanarla a tutta forza Luca restò a fissarla stupito ‘Come fai a saperlo, mi hai spiato?’.
‘Ma no figurati non ne ho avuto bisogno, appena scesa di sotto la nonna ci ha raccontato tutto’.
‘Cosa!’.
‘Bhe si ha detto a mamma quanto eri bravo e di come l’avevi fottuta bene, insomma ci ha detto tutto’.
‘Vuoi dire che la mamma sa che mi sono scopato la nonna!’.
‘Ma certo che lo sa Luca perchè ti stupisci tanto? Guarda che qui in questa casa nessuno si stupisce più di niente’.
‘Siete tutte troie lo so. La nonna mi ha fatto intuire che si è scopata anche papà’.
‘E ha fatto bene vedessi che uccello ha papà’.
‘Loredana ma cosa dici?’ restò male lui.
‘Ma dai non fare il difficile. Guarda che è da un po’ che mi faccio impalare da papà’.
‘Ti scopi papà e lesbichi con mamma. Porca puttana Loredana ma sei una vera troia’.
Infoiato da tale idea prese a pompare più forte, sempre più forte. Loredana prese a gemere mentre sopravveniva l’orgasmo. ‘Troia, ho la sorella troiaaaa’ ululò Luca venendole nella fica con l’ennesimo lago di sborra.
Crollarono sul letto. Lei tutta sudata con le tettone lucide e gonfie prese una sigaretta e se la accese ‘Per essere la prima volta sei stato davvero bravo’.
‘Tra te e nonna me lo avete prosciugato’ disse lui fissandosi l’uccello molle.
‘Ma dai sei già stanco? Ma allora vali poco. Con papà ce ne facciamo anche tre di fila’.
‘Cazzo ma scherzi e dove la prende tanta sborra io qui sono asciutto’.
‘Bhe sai se deve accontentare me e mamma insieme da qualche parte la troverà’.
‘Quindi papà vi chiava assieme ma che vacche’.
‘Ne chiava una mentre l’altra fa un lavoretto di lingua sulla fica della prima così mentre lui trapana una fica l’altra è già bella bagnata per la penetrazione successiva’.
Luca la fissò perplesso ‘Tu mi sa che racconti un sacco di stronzate’.
‘Non mi credi?’.
‘Faccio fatica a farlo’.
‘Eppure a lui l’idea non è dispiaciuta affatto’ rise la ragazza indicandogli il cazzo che solo all’idea dell’orgia descritta da lei era diventato di nuovo un maglio d’acciaio.
Luca non perse tempo, fece sdraiare la sorella su un fianco, le si poggiò dietro e aggrappato al suo seno poggiò la cappella sulle natiche della sorella.
‘Hei fai piano’ protestò lei, ma era troppo tardi per accampare scuse.
Inarrestabile, voglioso e rabbioso lo infilò nel culo alla sorella senza pietà.
‘Troia, ho la sorella troiaaaa’ mugulava impalandola a tutta forza.
Quaranta minuti dopo era ancora al lavoro alternando il culo alla fica.
Sua sorella era stremata, chiavata più di quanto avesse mai osato sperare.
Aveva bocca, fica e culo piene di sborra e ciò senza contare la doccia sulle grosse tettone ballonzolanti.
‘Wow che chiavata Luca mi sa che ti meriti un premio’.
‘Premio?’.
‘Vieni che ti mostro una cosa’ ammiccò la sorella.
Lo prese per mano, lo guidò in corridoio e da lì fino alla camera di nonna Lina.
La porta era appena socchiusa, la luce accesa.
‘Guarda dentro senza far rumore’ disse la sorella.
Lui obbedì e restò di sasso.
Sul letto c’era sua nonna, tutta nuda con in mano una bottiglia di olio per lozioni che si spalmava copiosamente sulle tettone gonfie. Al suo fianco, a pecorina, sua madre. Aveva la testa infilata nella sorca della nonna e lappava a tutto spiano mentre nel contempo un grosso vibratore a pile le si muoveva piantato dentro alla fica.
‘Che puttane’ sussurrò Luca ma era così eccitato che si sentì il cazzo venire ancora duro.
Loredana se ne accorse perché glielo prese in mano e iniziò a segarlo lentamente… “Goditi pure lo spettacolo te lo meriti” disse lei mentre gli scivolava sul pube, si appoggiava il cazzo duro sulle grosse poppe e lo spompinava delicatamente.

Questo racconto di è stato letto 5 1 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.