I nuovi vicini 2 di 4

Scritto da , il 2021-09-21, genere incesti

Sandra mi aveva invitato a una seratina di sesso a due.
Aveva spedito la madre non so dove e il marito era fuori città per lavoro quindi la troiona di certo aveva previsto di farsi trapanare fino a perdere i sensi…
Quando venne ad aprirmi in calze a rete, tacchi a spillo e body di pelle senza coppe che esaltava il suo gran seno e lasciava la fica in bella vista mi domandai se fosse il caso di perdere tempo a berci un aperitivo o se saltarle subito addosso in corridoio….
Le misi una mano nella fica e notai quanto era liscia ‘Che hai fatto ti sei depilata?’.
‘Mia madre aveva sempre i peli in bocca…così è più pratico’ spiegò.
‘Bhe giusta preoccupazione… In effetti così leccarla è più pratico davvero’ ammisi e sdraiati sul divano mi misi a farle un bel lavoretto con la lingua mentre mi levavo i vestiti.
A me un po di pelo che solletica il viso non è mai dispiaciuto ma mi tenni l’apprezzamento per me… Pelosa o rasata che fosse a me interessava solo sfondarla e riempirla di sborra per tutta la notte….
Stavamo scopando da quasi due ore ed ero già venuto tre volte, di cui una in culo quando Sandra propose una pausa per un drink ‘Ti preparo un coktail che ho inventato io tesoro’ disse e tutta trulla sculettando le belle chiappe e ondeggiando i tettoni sparì in cucina lasciandomi a riprendere un po le forze…
Così, visto che me la ero meritata mi accesi una sigaretta…
Fu in quel momento, mentre tiravo la seconda boccata, che sentii muovere le chiavi nella porta e subito dopo la vidi aprirsi.
La porta dava dritta sul divano quindi quando apparve Riccardo subito mi presentai davanti a lui bello comodo col cazzo mezzo duro e la mia sigaretta accesa…. chissà perchè invece di nascondere il pisello cercai solo di spegnere la sigaretta nel posacenere….Forse mi sembrava più maleducato quello che fottergli la moglie….
Lui mi squadrò un po… Mi stava studiando. Esclamò serio ma non arrabbiato ‘Quindi sei tu che te la sbatti’. Pareva più rassegnato che arrabbiato.
‘Bhe io ecco….’.
‘No, no tranquillo tanto lo so che vuole cazzi come il tuo e non come il mio’ e senza aggiungere altro si spogliò mostrandomi il suo pisello in effetti piuttosto piccolo e incredibilmente molle.
‘Vedi che vergogna….’.
Mi faceva più tenerezza che altro e provai a consolarlo ‘Non avvilirti. Forse non è il tipo di donna che ti eccita. A quanto ho saputo mi dicono che ti piacciono le donne mature’.
‘A dici per mia madre vero? Lo so che è quello che pensa Sandra ma non è così. In realtà mia madre aveva solo paura che io fossi frocio e non se lo poteva perdonare quindi decise che fare la troia con me era la soluzione migliore capisci? Per questo mi faceva scopare più che poteva”
‘E perchè mai avrebbe dovuto giudicarti frocio?’
‘Forse perchè lo sono disse’ e si chinò di fronte a me proprio con la cappella davanti alla faccia…
‘Quindi le scopate con la mamma non sono riuscite a fare molto’ sorrisi mentre gli accarezzavo la nuca.
‘Mamma si era rassegnata, godevo solo con lo straphon nel culo’.
‘E lei metteva lo straphon…. Che troia!’.
‘Io la adoravo… E per questo da allora mi eccitano i trans……’.
‘Bhe mi pare che ti ecciti anche il mio caro…. Bhe che aspetti accomodati’.
‘Posso?’.
‘E’ tutto tuo troietta…’ e spinsi un po avanti per poggiarglielo sulle labbra.
Riccardo non si fece scrupoli, spalancò la bocca, ne ingoiò più che poteva e iniziò a farmi un pompino divino… Non era certo il primo.
‘Ummm si…. O si bravo succhia, succhia…..’.
Fu in quel momento che tornò Sandra, ancora nuda ma con un’espressione diversa. ‘A bene ecco la checca…. Ecco quello che gli piace’.
Il marito smise di succhiare e si voltò a fissarla ‘Cara perdonami io….’.
‘Tu niente. Tu hai perso ogni diritto di parola. Tu adesso guardi cosa deve fare un vero uomo…. Guardi e soffri capito e scivolata a pecora sul divano ordinò ‘Forza Joe rimettimelo nel culo che la checca guardi’.
A me un po dispiaceva ma Riccardo me lo aveva fatto così duro che non resistetti…. In un attimo ero nel culo di Sandra e pompavo come un pazzo.
‘O si Joe, si spingilo fammelo uscire dalla bocca…. O siiii’.
Io obbedivo anche perchè ero infoiatissimo.
‘Ti piace vero frocio?’ domandava seria al marito.
‘O si amore, tutto quello che vuoi tu amore mio’ ribatteva lui segandosi a tutta forza.
‘Dai fatti una sega’ ordinò lei.
‘O si amore ne ho tanta voglia’.
‘Su allora segati e di quanto sei frocio e cornuto’.
Lui annui….
Venimmo insieme. Io nel culo a Sandra e lui nella sua mano ululando ‘Siiii sono un frocio cornuto siiii’…. Gli venne un bello schizzone che colò sul pavimento ma lui per nulla stanco si continuava a segare come una furia.
Sandra ancheggiava il culo per aumentare la penetrazione, doveva aver goduto almeno cinque o sei volte…. ‘Bene vedo che bello duro…. Fai il tuo dovere Joe sfonda il frocio’.
Riccardo mi guardò. Si era già chinato a novanta gradi sul tappeto ‘O si puniscimi Joe che me lo merito siiii’.
In effetti era bello invitante.
Mi staccai dal culo di Sandra lasciando che tutta la sborra colasse lungo le sue gambe e bello lubrificato mi misi dietro a Riccardo…
‘Cavoli qui il culo è già bello spanato’ notai.
‘Ma certo chissà quanti cazzi in culo avrà preso. Vero porco?’ attaccò Sandra.
‘O si amore come dici tu’.
‘Ora basta parlare. Forza sfondami questa checca forza’.
Non me lo dovette ripetere. Ero troppo arrapato e il mio uccello entrò nel culo a Riccardo in un colpo solo. La forza fu tale che lui cacciò un urlo di dolore a tutta voce.
‘Bene sfondalo fagli male’ aggiunse Sandra che per godersi meglio lo spettacolo si era messa sul divano di fronte a lui e si sgrillettava la fica a tutta forza.
‘Forza sfonda sto ricchione forza’.
‘O si cara, si adesso mi sfonda siii’ belava Riccardo umiliato e felice.
Io mi aggrappai ai fianchi e comincia a muoverlo su e giù nel suo culo… ‘Ti piace?’ chiesi
‘Ummm si delizioso ummm’.
Sandra con gli occhi iniettati di fuoco si masturbava come una furia… guardare il marito che si faceva inculare gli piaceva da impazzire.
Presa da un raptus si alzò in piedi, ci raggiunse e piazzò la gnocca in bocca al marito ‘Forza visto che non sai usare il cazzo usa la lingua… lecca frocio…. leccaaaaaaaa’.
Lui obbedì.
Due ore dopo stavamo ancora pompando come forsennati. Il culo di Riccardo era spanato e sanguinolento, la fica di Sandra era rosso sangue.
Io ero alla sborrata conclusiva e i due chinati a terra come cagnolini me lo presero in bocca all’unisono come se facessero a gara a chi spompinava meglio….
‘Sborroooooooooooooo’ ululai e tutti e due bevvero come assetati.
Esausti stramazzarono al suolo privi di forze e io, ormai in riserva, mi trascinai a fatica verso la porta e tornai a casa domandandomi, al risveglio quante cose avrebbero avuto da dirsi.

Questo racconto di è stato letto 6 3 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.