Tettone al mare 5 di 5

Scritto da , il 2021-09-19, genere incesti

Si stava inculando come un toro la zia di 65 anni, uno dei sogni delle sue fantasie masturbatorie giovanili e ora c’era sua madre a guardarlo.
Si era bloccato come quando da ragazzino sua sorella lo aveva sorpreso in bagno a farsi una sega. Ma ora non era più un ragazzino, aveva la consapevolezza di essere uno stallone da monta e la rivelazione che le donne di famiglia erano delle gran vacche.
Certo era sua madre ma ieri sera l’aveva anche vista leccare la fica a sua nonna e qualche ora prima a sua sorella.
Sua madre era una vacca bisex c’era poco da dire. Comunque, educato, lo sfilò dal culo della zia Pina ancora duro e attese la reazione della genitrice.
Lei si avvicinò e lo studiò per bene ‘Certo che ti è davvero venuto un bel cazzone Luca’.
Senza dire altro glielo prese con una mano e sfiorandolo appena ammiccò lasciva ‘Ho fatto davvero un bel lavoro’.
‘Si mamma, grazie mamma’ disse lui meccanicamente.
Intanto lì accanto c’era ancora zia Giuseppina completamente nuda a guardarli.
I liquidi vaginali le colavano lungo le gambe e lei tappava il flusso con uno scottex.
Maria non voleva saperne di lasciare la presa. Solo a stringerglielo fra le mani a Luca sembrava venire ancor più duro.
Maria con indosso solo un costume da bagno azzurro a due pezzi aveva i tettoni gonfi che pulsavano di prepotenza pronti ad esplodere. Luca non poteva non notare che i suoi capezzoli erano belli duri ed eccitati.
‘E così finalmente hai scoperto tutto? Bhe è giusto che tu lo sappia ormai sei grandicello. Aveva ragione la nonna bisognava dirtelo era giusto farti partecipe’.
‘Mamma io… non capisco?’.
‘Non capisci cosa? Che siamo una famiglia dedita al sesso, che ci piace farlo tra parenti, che tuo padre si scopa tua sorella, che io vado a letto con tua nonna, che tua zia Giuseppina è la compagna di vita di nonna. Che siamo tutte bisessuali amanti dei grossi seni come dei grossi cazzi. Che cosa ti manca per capire?’.
Lui con uno scatto le afferrò le mammelle facendogliele sgusciare fuori dal reggipetto.
Erano stupende. Le stesse grosse bocce cariche di latte che aveva succhiato molti anni prima e che ora erano lì a soddisfare la sua libidine.
Senza dire altro ficcò la faccia fra i suoi seni e prese a leccarli a tutto spiano sentendo i capezzoli sempre più duri.
‘Mamma voglio scopare, voglio scoparti’ le sussurrò avvinghiato fra le sue tettone.
Maria fece un sorriso compiaciuto ‘Bhe era ora che trovassi il coraggio di farlo. Era ora che la smettessi di segarti mentre mi spii. Ci voleva tanto a trovare il coraggio’.
‘Io non avrei mai osato..’ confessò Luca.
‘Lo so Tesoro per questo zia Lina e zia Pina ci hanno dato una mano coordinando tutta l’operazione.
Prima ti abbiamo irretito durante il viaggio, poi la nonna ti ha dato una prima botta, tua sorella ti ha svelato quello che ancora non sapevi ed ora sei pronto’.
‘E zia Giuseppina -chiese Luca ammiccando verso la vecchia zia che se ne stava ancora nuda in disparte- lei che ruolo aveva?’.
‘Nessuno, lei aveva solo una gran voglia di cazzo’ rise la madre.
Meccanicamente la zia si avvicinò di fronte a Maria. “E non mi è passata” disse.
Ora Luca cinto fra due grosse paia di tettone che gli ondeggiavano davanti agli occhi non resistette oltre.
Sfilò il pezzo di sotto a sua madre denudando la sua bella fica di pelo nero e si chinò a baciarla e leccarla con affetto e piacere. ‘O si mamma -slap- o come ce l’hai dolce mamma- slap- fammi bere il tuo succo di fica mammina’.
In quel momente sentì la mano timida della zia strizzargli per bene i coglioni.
‘E’ di nuovo pieno’ commentò Giuseppina.
Detto fatto sua madre si sdraiò sul tavolo a gambe divaricate e offrì al figlio tutto il suo corpo.
Luca senza esitazioni le si sistemò sopra e lo guidò lentamente nella fica bagnata.
‘O si mamma come sei calda’.
‘o Luca quanto ce l hai duro’.
Prese a pompare nella fica di sua madre come un forsennato. La troia se la spassava e lui sentiva delle scariche potenti di piacere ad ogni colpo.
Il piacere era ai massimi ma non era ancora finita.
Quando la zia lo sorprese e chinandosi dietro di lui gli infilò la lingua nel buco del culo il cazzo di Luca prese a fremere come mai prima di allora.
‘Oddio ma quanto siete troie, troie…’ ragliò il ragazzo e sparò nella fica di sua madre la miglior sborrata della sua vita.
Si placarono.
Sudati ma non sazi sedettero tutti e tre nudi sul divano a fissarsi l’un l’altro.
‘Che gran goduta’ disse Luca.
“Ed e’ solo l’inizio -ammiccò la madre- abbiamo ancora due settimane di vacanza da sfruttare per benino amore mio”.

Quel che successe in quei quindici giorni si può ben immaginare.
Luca era una macchina da scopata. Le quattro donne erano sempre pronte ad accoglierlo, sempre nude con le angurie in bella vista che Luca non mancava di omaggiare con fluenti sborrate.
L’idea che lo sperma facesse rassodare i seni lo divertiva molto perché poteva schizzare in uno dei suoi posti preferiti e loro gli dicevano pure grazie.
Quando non scopavano con lui lo facevano fra di loro.
A nonna piaceva tanto andare con sua madre mentre la zia Pina pareva adorasse la fichetta di Loredana che leccava ogni volta che poteva anche dopo che aveva urinato.
Liberi da ogni inibizione, riparati dai giudizi in quella casa isolata si diedero alla pazza gioia appagando ogni perversione più segreta.
Fu la miglior vacanza della sua vita. E, quando salutate e ringraziate a dovere le nonne tornarono a casa sapeva che nulla sarebbe più stato come prima.

Questo racconto di è stato letto 6 3 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.