Mamma grande figa

Scritto da , il 2021-09-26, genere incesti

Che mamma sia stata bellissima da giovane, è chiaro, ancora ora che ha quarantacinque anni, è una favola, non è una donna magra minuta, anzi, qualche chilo in più, ora l'ha resa molto di più desiderabile.
E non lo dico solo io, ma tutti i miei amici, e maschi con più anni di mè, a volte faccio finta di non conoscerla, per godermi i loro commenti, e vi assicuro che sono pesanti, comunque tutti vorrebbero scoparsela e incularsela.
Io dal canto mio, sin da giovanissimo, iniziai a farmi seghe e sogni su di lei, però avevo avuto una fortuna che pochi avevano avuto, il vederla nuda.
I miei non hanno mai nascosto la loro nudità, abituandomi a vederli nudi, papà, era ed è un bel maschio, con un cazzo notevole, spesso mi era capitato di vederlo con il cazzo duro, e a dire il vero, mi ha sempre attirato, ma vedere mamma nuda era un'altra cosa, seno quinta misura, sodo capezzoli turgidi sempre, aureola ben delineata, ventre leggermente pronunciato, finche ben delineati, e un culo come il burro.
La figa sempre rasata, minuto, una conchiglia chiusa, che racchiudeva le grandi labbra alla vista, ho potuto vederla lavarsi fare pipì, e notare il liquido che fuoriusciva dalla sua figa, e la cosa mi eccitava.
Poi crescendo, chiaramente le cose sono cambiate, specialmente in pubertà, visto, che alla sua vista, il cazzo mi si induriva, e lei, per non procurarmi traumi, evitò di farsi vedere nuda.
Anche se io di nascosto la osservavo, e a dire il vero, accorgendosene, non si nascondeva, anzi, capendo la mia situazione, quando ero più grande, allargava le sue gambe, e potevo vede la sua bella figa, e qualche volta, la allargava facendomi ammirare il suo interno.
Poi crescendo mi innamoravo sempre di più, ma l'inizio della svolta avvenne quando avevo da poco compiuto diciannove anni, devo dire che nei due anni precedenti, avevo avuto esperienze sessuali con alcune ragazze, e con alcuni miei compagni, si ero, e sono omosessuale, anche se mi divido trà maschi e femmine.
I miei erano andati a trovare la nonna, e sarebbero stati via alcuni giorni, dandomi la possibilità di praticare il mio hobby personale, curiosare trà i cassetti di mamma, guardare, e toccare la sua biancheria intima, reggiseni, slip, reggicalze, le sue velatissime calze, osservare le sue innumerevoli scarpe, per poi passare ai sui vestiti e profumi.
Passando ai suoi giochini personali, cazzi di gomma, plung per i suo culetto, e falli, che usa con papà, si se li lega ai fianchi e si scopa papà, lubrificanti e creme.
Spesso li ho usati per darmi piacere anale, il sapere che prima, se lo era infilato in figa, mi faceva sborrare immediatamente.
Ma quel giorno ebbi una fortuna spacciata, curiosando, toccai una parte nascosta di un cassetto, che si aprì, e sollevato il fondo, scoprii un doppio fondo.
Al sui interno centinaia di foto, a colori in bianco e nero, foto che sicuramente, non erano state scattate da papà, erano foto da professionisti, che immortalavano mamma, nuda, in alcune, in posizioni hard, o con intimo e tacchi, sola o in presenza di uomini o donne, o mentre, veniva scopata da papà, o altri maschi, o in orge con altre donne, alcuni e alcune le riconobbi, un paio di amici e amiche di famiglia, lo zio, e la zia, comunque tutte con cazzi in figa e in culo.
Le presi e le portai sul lettone, e me le gustai una per una, vidi papà a pecora, in reggicalze e tacchi, prendersi cazzi da parecchi maschi, e da mamma, vidi mamma seduta su due cazzi, uno in figa e uno in culo, mentre spompinava un terzo maschio, e non erano foto vecchie, almeno non tutte, alcune risalivano a sei sette anni fa, ora sicuramente scattavano foto con i cellulari.
Ma le foto che mi colpirono erano quelle che la ritraevano sola, in pose osè, in intimo, o nuda, con la sua figa in bella mostra, chiaro che per prima cosa, mi masturbai, sborrando un fiume di sperma.
Poi ripresi col cellulare foto per foto, e le trasferii nel mio pc, e poi le riposi in modo che non se ne accorgesse.
Così i giorni seguenti, indossando i suoi intimi mi spellai il cazzo, pensando a lei.
Al loro rientro, non li vidi più come i miei genitori, ma come una copia di maiali e lei come una troia da letto, ma come potevo arrivare a lei?, mi scervellai per settimane, e poi mi venne l'idea.
Cominciai, a mandarle, dei messaggi con whatsaap, usando un numero che feci appositamente per questo, spacciandomi per un maschio, che era molto interessato a lei, e inizialmente era molto distaccata, ma poi iniziò a fare la stupida, e in circa quindici giorni, parlavamo di sesso, e così, le inviai una foto, dove era nuda, una bella foto.
La sua reazione fù immediata, e usò il nome dell'uomo che l'aveva fotografata, Angelo sei tù, porco, è da un sacco che non ci sei vede, eccetera.
Le dissi che non ero Angelo, e iniziai a inviarle una seri di foto, sola con papà con lo zio, con altri, e per alcuni giorni non capìva era spaventata, la vidi precipitarsi al cassetto e visionare le foto, e poi capì.
Entrò in camera mia, era alterata, ma più tranquilla, mi guardò, e mi disse, hai curiosato nei miei cassetti vero? annuii, sei un maiale, e tù una figa stupenda, si avvicinò, allungai una mano, le accarezzai le cosce, fermati, non fare lo scemo, sono tua madre, le infilai la mano trà le cosce, si mamma, è vero, le accarezzai la figa da sopra gli slip, smettila subito, e strinse le gambe, non mi allontanò la mano.
Mi alzai, e la baciai, le infilai la lingua in bocca, lei cercò di allontanarmi, io la serrai trà le braccia e la buttai sul letto.
Emi fiondai trà le sue gambe, le strappai lo spio, e mi concentrai sulla sua figa bagnata, e poco dopo ansimava dal piacere, ora mi dissi o mai più, mi ero nel frattempo slacciato e tolto i pantaloni, il cazzo era durissimo, mi staccai dalla figa, e le infilai il cazzo di colpo.
Urlò, dal piacere e dal dolore, ho un cazzo tosto, spalancò gli occhi, e poi si sciolse, e la montai.
Le sollevai le gambe, e affondai il cazzo, godeva come una troia, urlava e ansimava, le sbattevo le palle sulla figa lei rigirava gli occhi e continuava a chiedermi di più.
Le sborrai in figa dopo una decina di minuti di monta, la inondai di caldo sperma, le mi cinse con le gambe per prendersela tutta.
Era sfinita, ci baciammo per alcuni minuti e poi mi staccai da lei, la guardavo, vestita con la figa colante di sperma, e le scattai un seie di foto.
Sei uno schifoso mi disse, e rise, sì e tù una troia, così, ci spogliammo nudi, cazzo i disse, nemmeno mi hai spogliata, mi hai violentata stronzo e rise.
Le toccai il seno le baciai i capezzoli facendola godere ancora una volta, lei mi fece un pompino da urlo, e cos' un paio d'ore dopo, al rientro di papà, eravamo ancora nudi nel mio letto.
Appena ci vide, disse, ma sei troia con nostro figlio, sei proprio troia, e rise, io mi presi in mano il cazzo, lo segai, dai papi, e sollevai le gambe, io sono depilato completamente, alla vista del mio culo, mi disse, masei frocio?, si papà, mettimelo in culo, ero già bagnato, in un attimo, mi affondò il suo palo nel culo.
Ora di foto ne facciamo molte io e mamma io e papà, io con loro, o con i loro amici, io e mamma in intimo facciamo godere un sacco di maschi, e io le loro mogli, il marito nel mio culo, e io in figa alle mogli.
Amo la mamma, e la scopo regolarmente, è stupenda, ma da un paio di mesi, sono la donna di papà, ci siamo innamorati, e mi ha chiesto, di trasformarmi in una donna, la sua.
Ora mamma dorme in cameretta il a letto con papà, e mi ha chiesto di dargli un figlio, usando mamma, e così, stò ingravidando mamma.








Questo racconto di è stato letto 6 7 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.