Vita stupenda

Scritto da , il 2021-09-23, genere incesti

Essere accettata per quello che si è, non è semplice, specialmente nella sfera famigliare, per dei genitori, concepire un figlio, per una madre , partorire, un figlio maschio, e poi accorgersi, che di maschile non ha nulla, deve essere sicuramente devastante.
Ma l'amore di una madre, e di un padre, superano, a volte, il concetto sessuale maschio femmina.
Nel mio caso, nato maschio, ma già in tenera età, dimostravo forte propensione per il mondo femminile, tanto, che i miei mi portarono subito da Psicologi e altri luminari.
Il verdetto fù, che la mia natura era femminile, e che col passare degli anni, la cosa si sarebbe presentata con evidenti scelte sessuali, insomma, suo figlio è una femmina.
Nella mia pubertà, iniziai ad avere un carattere sempre più simile a quello di una ragazza, e a differenza dei miei compagni, il mio pene, non cresceva, anzi un'inizio di seno spuntava sul mio petto.
Non cercarono di nascondermi nulla, magari cercavano di non prendere sul serio i miei cambiamenti, ma poi dovettero affrontare il, diciamo problema.
Verso i sedici anni, in pieno sviluppo ormonale, il mio seno crebbe, fino a una terza, e qui, non si potè più nascondere nulla, corsero ai ripari, mi portarono in una scuola privata, dai preti, è si coi preti nascondi tutto, e mamma, mi fornì, un guardaroba adatto alla mia persona.
Passai dai pantaloni scarpe e indumenti maschili, a gonne slip reggiseno e tutto quello che serviva a una ragazza della mia età.
Il mio pene, era poco più, di un clito troppo cresciuto, i testicoli, erano bloccati al mio interno, ero come trà il mondo e il nulla.
Arrivai verso i diciotto anni, ero bella, capelli lunghi, glabra, ne peli ne barba, ma qualcosa si stava muovendo dentro di mè, intanto, ero attratta dai maschi, ma essendo sprovvista di figa, sapevo, che non ero completamente donna.
Poi, un giorno, incontrai, l'amore, padre Tom, un prete Americano da poco trasferito nel collegio dove io studiavo.
Un uomo di cinquant'anni, normale, un poco cicciotto, ma simpatico e afabile, che da subito, cercò di aiutarmi, forse troppo.
Passando molte ore a chiacchierare, e a parlare della mia natura, particolare, mi fece capire, che ero nata così, e per uno scopo sicuramente, e che lo avrei capito col tempo.
I nostri incontri, se facevano sempre più assidui, e si verteva sul sesso, iniziando ad eccitarmi, e ad eccitare lui, me ne accorsi un giorno, quando, vidi una macchia nei suoi pantaloni, era venuto guardandomi, quel giorno, avevo una camicetta attillata e una gonna cortissima, i capezzoli TURGIDI.
non so chi iniziò e come, fù come una meteora, mi ritrovai a baciarlo, e il contatto con le sue labbra e con la sua lingua, mi mandarono ai Pazzi.
Dopo cena lo raggiunsi in camera sua, ci spogliammo, e una volta nudi, presi trà le mani il suo cazzo, non ne avevo mai toccato uno, visto sì, ma toccato mai, era duro e caldo, pulsava, poi lo leccai, e iniziai a succhiarlo.
Pochi minuti e mi scoppiò in bocca, sperma caldo e colloso, dolce e salato, e lo deglutii.
I l mio primo pompino, lui ricambiò, succhiando il mio cosino, e anche io spruzzai due gocce di liquido.
Così le nostre sere iniziarono a prendere una piega sessuale, fino a poche settimane dopo, in preda a una voglia da femmina, mi misi a carponi, e dissi a padre Tom, di farmi donna.
Il sentirmi leccare, ungere e umettare di crema, già mi faceva bagnare, ma sentirlo entrare in mè, sentirmi deflorare , sverginare, mi fece impazzire, mi fece superare il dolore iniziale.
Ero donna, finalmente ero una donna con un uomo.
La nostra relazione durò il tempo di finire gli studi, poi lasciai il collegio e Padre Tom.
Rientrai a casa come una figlia e non più come un maschio, i mie mi accettarono come tale, e io iniziai il mio percorso femminile.
Ma pochi mesi dopo, iniziai a soffrire di forti dolori, interni, diagnosticati, come simili a cisti ovariche, e così il medico, disse che dovevano asportarmi, i testicoli, che mai erano scesi, ne completamente formatosi.
La castrazione in poche parole, e così, a diciannove anni, mi tolsero i testicoli, dando vita a una donna.
Il mio pene era inesistente, presente, piccolo ma mai sviluppato, il mio ano, era come una figa, provavo un piacere immenso nella penetrazione, così, divenni una trans.
Capii da subito che ero un'attrazione da circo, e che i maschi mi volevano solo perché ero così, quindi divenni una prostituta, mi volevi scopare paga, un'orgia, paga.
A ventiquattro anni, ero la puttana più gettonata di Milano, prendevo fino a venti cazzi a notte in culo, con regolare sborrata, poi mi innamorai.

Questo racconto di è stato letto 7 6 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.