Sin city 2

Scritto da , il 2021-08-11, genere pulp

E così i soldi mi sono bastati giusto per una settimana, giusto per rimettermi.

Me ne vado giù, urlo alla mia coinquilina, che tanto non sente strafatta com'è.

Prendo giusto due birre dal frigo.

Me ne bevo una mentre scendo le scale luride del mio palazzo, esco e vado alla fermata del bus, tre anni che non passa, ma che mi frega tanto non devo mica prenderlo.

Mi siedo sul bordo del marciapiede, la schiena appoggiata alla palina della fermata e mi finisco la prima birra, mi accendo una sigaretta, poi apro l'altra bottiglia con l'accendino.

Una boccata di tabacco poi mentre espiro guardo giù, ventre piatto il mio e d'altronde visto che non mangio un cazzo non poteva essere diverso, addominali sì e poi allargo le gambe, il micro perizoma cela appena il piercing al clitoride, lo tocco e parte la scossa.

Tiro un'altra boccata e anche un lungo sorso di birra, sposto il filo del perizoma e mi tocco la figa, sono eccitata, mi è sempre piaciuto masturbarmi, com'era quel detto, ah sì, è come fare l'amore con la persona a cui vuoi più bene.

Mi metto la cicca in bocca, poi prendo la bottiglia vuota e la spingo verso la mia figa che si dilata subito, che vuoi che ti dica sarà per come vivo ma è sempre pronta.

Il collo entra bene, mi masturbo un poco poi spingo ancora ed entra anche parte del corpo, chiudo gli occhi e tiro su la siga.

Merda è già finita, mi attacco all'altra bottiglia, mi è venuta un'idea, una pessima idea, finisco la birra e poi mi tocco il buco del culo.

Ci infilo dentro un dito, poi due, bel lavoro mi hanno fatto quelli l'altro giorno, tre dita ci vanno.

Punto anche l'altra bottiglia ed entra, cazzo ma sono proprio sfasciata, rotta, sgarrata.

Chiudo gli occhi e gioco con le due bottiglie, le spingo dentro masturbandomi, poi mi siedo su quella che ho in culo, vorrei farla entrare tutta ma mi fa male, meglio lasciar perdere, mi masturbo con l'altra in figa.

Un clacson, schiamazzi, apro gli occhi, un'auto, quattro ragazzi, mi alzo le bottiglie scivolano da me rotolando via, altri schiamazzi, io mi alzo il top mostrando le tette, mi avvicino al finestrino dove vedo facce arrapate.

Ragazzi vi va di divertirvi con una troia arrapata a bestia?

Questo racconto di è stato letto 9 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.