Con tutte le donne che ci sono

Scritto da , il 2021-06-12, genere incesti

Erano diversi mesi che circa un paio di volte al mese mi vedevo con Monica, una bella signora che avevo conosciuto durante un evento fieristico. Era una donna di quasi cinquant'anni, un pò rotondetta, ma con tutte le curve al posto giusto, e poi aveva una viso sempre sorridente. Indossava sempre vestitini che esaltavano le sue curve e tacchi non molto alti, ma sexy al punto giusto. A letto era molto disinibita ed era capace di qualunque cosa: nei vari incontri avevamo goduto in ogni posizione e ci divertivamo parecchio. Una sera, dopo aver fatto sesso per circa due ore, mi propose di poter invitare una sua amica al prossimo incontro. Io feci finta di non essere molto interessato e le dissi che volevo solo lei, ecc. Lei apprezzò molto, ma insistette (in realtà io non vedevo l'ora di fare una cosa a tre) e fu così che dopo un paio di settimane ci incontrammo a casa sua: appena entrai in casa vidi Monica super tirata, con un bel abitino, trucco, tacchi, il suo solito gran sorriso. Seduta su uno degli sgabelli della cucina, di spalle vidi un'altra donna, anche lei con un vestitino sexy e un paio di tacchi molto alti, appena mi avvicinai, lei si girò e ... ... cazzo zia, cosa ci fai qui ??? Ci fu un lungo momento di imbarazzo e non so chi tra me e zia era più rosso/a in viso. Monica rideva come una pazza. Mia zia era una donna single, ormai non più giovanissima, ma ancora molto bella. Da ragazzo mi ero massacrato di pippe pensando di fare sesso con lei ... ma mai avrei pensato di trovarmi in una situazione simile. Iniziammo tutti a ridere e Monica prese da bere dal frigo. Poco dopo Monica iniziò ad accarezzare zia con una mano ed a palpeggiare me con l'altra. Andammo tutti su di giri e ci trascinammo in camera da letto tra strusciamenti e palpeggiamenti vari. Il mio pene pulsava violentemente nei pantaloni, ma venne liberato da Monica appena mi sdraiai sul letto. Zia mi guardò con un sorriso malizioso e disse: posso ? Non feci in tempo a rispondere che era già affondata sul mio pene e lo succhiava con intensità; arrivò anche Monica e presero a farmi un doppio pompino che mi faceva impazzire. Pian piano ci spogliammo e quando fummo tutti nudi, zia si staccò dal cazzo e recuperò i tacchi: Monica, saranno almeno trent'anni che questo mailino mi guarda i tacchi ogni volta che mi vede ... quindi sono certa che preferisce se continuo con le scarpe indossate. Zia, quante ne sai ! La presi ai fianchi con decisione ed iniziai a scoparla a pecorina, con Monica che si alzò e si rimise le scarpe pure lei ... se è così che ti piace ... e si piazzò a pecorina davanti alla faccia di zia che prese a leccarle il culo e la vulva. Aumentai un pò il ritmo e quando davo i colpi un pò più profondi, vedevo il viso di zia affondare nel culo di Monica. Ad un certo punto, cambiammo posizione (per fortuna, altrimenti sarei esploso): Monica e zia si fecero un sessantanove molto sexy ed io stetti un pò ad osservare, poi iniziai ad inculare Monica con iniziale delicatezza poi via via con sempre più energia. Era una cosa estremamente eccitante, non avevo mai provato niente del genere... Mi sfilai, ma Monica si girò di scatto con occhi famelici e disse: dove vai ? Ne voglio ancora! Si spostò dal sessantanove, si mise a pecora e chiese a zia di mettersi nella stessa posizione. Erano lì entrambe col culo in aria e pronto ad essere sfondato: Monica iniziò a farlo ballare e mi invitava a sfondarla. Dai dai fammelo sentire tutto. Presi nuovamente ad incularla con energia, ma senza esagerare col ritmo perchè non volevo ancora venire. Zia, li di fianco a Monica, col viso appoggiato sul letto iniziò ad implorare: anch'io! anch'io! Lo sfilai dal bel culo di Monica per infilarlo nel bel culo di zia. Monica che ormai mi conosceva bene comprese che non potevo andare avanti molto in quel modo ... si alzò e ridendo disse: prendo un aiuto dell'armadio ... e tornò con un dildo di quelli da quaranta centimetri con la cappella da ambo i lati. Mi sfilai e mi feci da parte. Zia e Monica si misero a pecora e si infilarono nelle rispettive vagine il dildo che quasi scomparve: presero a muoversi ad un ritmo indiavolato ed io ne approfittai per farmi spompinare a turno da entrambe. Poi Monica, spostò il dildo e con un pò di fatica se lo infilò nel culo, poco dopo fece uguale anche zia. Che porche! Erano lì a pecora che si facevano inculare da quella barra di gomma che durante i movimenti più impetuosi scompariva nei loro corpi. La situazione era talmente eccitante che presi a menarmi il cazzo con violenza, Monica si mise ad incitarmi: vai vai ! Più veloce! E quando sei pronto la tua zietta ne sarà felice. Detto, fatto. Mi avvicinai allo splendido viso di zia che faceva sorrisi, ammiccamenti e moine invitanti e proseguii segandomi con irruenza, poi arrivato al punto di non ritorno, mi blocca i tenendo il cazzo in tiro più che potevo. L'esplosione arrivò violenta e quattro schizzi abbondanti di sbora inondarono il viso di zia che poi prese in bocca il mio pene e prese a succhiare avida il resto dello sperma. Monica si avvicinò e prese a leccare il viso di zia. Io ero ancora eccitatissimo ed il mio cazzo era ancora durissimo ... zia: wow nipotino, sei insaziabile! Zia guardò Monica e le strizzò l'occhio.

Questo racconto di è stato letto 1 3 2 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.