La paura dell'armadio 2

Scritto da , il 2021-03-06, genere pulp

III-Notte di passione con Josh

“Lo sai di Martin?” la mia amica Nadia, una ragazzetta tonda e occhialuta, si venne a sedere davanti a me nella sala mensa
“Martin Huge?”chiedo
“Sì, lui. Suo fratello, lui e un amichetto che si era fermato a casa loro, sono finiti in ospedale”
“Cosa è successo?”
“Non si sa. Si sa solo che li hanno trovati in uno stato comatoso, in preda a deliri e febbri. Febbri che si alzavano e si abbassavano in maniera inspiegabile”
Qualcosa si fa largo nella mia mente “Deliri in che senso?”
“Boh? Martin blaterava di un’ombra uscita dall’armadio.. Ehi, ma cos’hai? Stai bene?”
Devo aver assunto un’aria più che spaventata per allarmare la mia amica Nadia. Nella mia mente, come un ritorno di fiamma, si riaccese la paura che mi ero portata dietro da piccola. Lui era reale ed era tornato. Lui mi cercava?
“Che tu sappia, è un caso isolato? O è già accaduto?”
“Adesso che mi ci fai pensare.. Mi sembra di ricordare di un fatto simile l’anno scorso. I vicini di casa di mia zia, su, al quartiere di North West. Una bambina di dodici anni. Si è ammalata improvvisamente ed è finita in coma all’ospedale. Nessuno ha saputo spiegarsi del perché si sia ammalata, ne di cosa. Il fatto durò solo lo spazio di una giornata, la bambina fu riportata a casa ma, lei incominciò a scalciare e gridare, urlando di cose strane che vivevano nell’armadio.. Sembrava un’indemoniata, non riuscivano a trattenerla. Hanno dovuto sedarla e l’hanno tenuta ancora in ospedale”
Non è possibile. Il babau esiste e si nutre delle anime dei bambini. Non è possibile. Non so cosa fare? A chi posso rivolgermi per avvertire di questo problema senza che mi prendano per pazza?

La sera mi sono vista con Josh. Ancora una volta, soli in camera. Ci spogliamo nel buio, con la frenesia della riscoperta dei nostri corpi. Josh, il petto glabro, liscio, non muscoloso ma asciutto, le spalle larghe di chi fa palestra. Io, con i miei seni piccoli ma succosi, a detta di lui. Rimaniamo nudi uno di fronte all’altro, mi beatifico del calore del suo corpo, del suo abbraccio. Premo il mio contro il suo cercando il suo sesso, il suo vigore. Lui ride e mi getta sul letto. Il suo sguardo brilla nella penombra della camera.
Lui entra e comincia a muoversi e io sento che, tutti i miei pensieri negativi fluiscono via, diluiti come una pozza d’olio. Il babau è un ricordo scivolato ai margini della mia mente.
E’ bravo Josh, sa come muoversi, sa cosa toccare. Mi fa raggiungere l’orgasmo mentre mi bacia, i nostri respiri che si uniscono e si miscelano, sono su un altro pianeta.
Io sdraiata a letto, lui ansimante, discende verso il basso, mi bacia il ventre e poi più giù. Con un brivido di piacere che inarca la mia schiena all’indietro, la sublimazione di quel gesto che non può rimanere incompiuto.
Lui seduto sul letto, io in ginocchio, la testa tra le sue gambe, ricambio con una fellatio, forse a regola a d’arte. Lui ripaga con carezze e mugugni di piacere
“Sei stava superfantastica” dice lui dopo un po’. Ancora letto, sdraiati uno accanto all’altra, mano nella mano “Non me l’aspettavo”
“Cosa? Il pompino?”
“No, proprio no. Però. Sei piena di sorprese”
“Beh, mi sembra doveroso ricambiare la tua leccata tra le mie gambe”
“Vero. Vero” ride lui
“E’ stato bello farlo senza preservativo. Rimarrò incinta?”
“Non credo” dice lui
Mi appoggio su di lui, resto abbracciata. Non parliamo per un po’. Poi, il pensiero della giornata ritorna in me e dico “Hai saputo di Martin?”
“Sì, una vera tragedia”
“Nadia mi ha raccontato di un altro fatto accaduto in città un anno fa. Simile, per non dire uguale.”a Josh ho raccontato tutto della mia infanzia. Perciò, non ci mette molto ad intuire dove voglio andare a parare “In entrambi i casi hanno menzionato all’uomo nero che vive nell’armadio”
“Coincidenze”
“Mi stai dando della bugiarda?”
Lui si affretta a correggersi “No, piccolo. Non ho detto questo ma.. Ok, per dirla tutta, anche io ho sentito storie simili negli anni precedenti. Io non ho mai sofferto di queste paure. Come ti dicevo, l’armadio era il mio rifugio segreto contro le brutture del Mondo esterno”
“Quanti altri casi?”
“Oh beh, parecchi.. Non so, una decina, forse di più. E finivano tutti con bambini o adolescenti che finivano in un reparto psichiatrico in preda a deliri e febbri instabili”
“Dobbiamo fare qualcosa”
“E cosa? Vuoi andare alla polizia e dire loro che esiste un demone che si nutre della forza vitale dei bambini? Che il babau è realtà? Che salta fuori dagli armadi con le maschere di carnevale? Ci internerebbero in qualche manicomio di sicuro” si alza e si riveste
“Cosa fai?”
“Vado a casa. Domani mattina ho un esame di biologia e vorrei arrivare in aula a mente fresca” si china verso di me, mi bacia “Non fare brutti sogni”

Non fare brutti sogni. E’ una parola. Con quei pensieri sul babau, la mia infanzia, gli specialisti, la nostra fuga, la nuova città.
Mi rivesto, cerco il pigiama, il mio piede urta qualcosa. Una chiave con incisa sull’ogello, due maschere di carnevale. Come quelle sull’armadio. La lascio cadere a terra con un urlo. Cosa diavolo ci facevano in casa mia quelle chiavi? Che fossero di Josh?
Gliele avrei restituite l’indomani a scuola.

IV-Josh racconta una storia

Vedo Nadia e mi avvicino a lei “Ciao, hai visto Josh?” sta per rispondere ma lo scorgo in lontananza e mi affretto verso di lei, lasciando Nadia con la bocca aperta e un’espressione confusa sul viso. “Ehi, Josh”
Lui ha la faccia scura, sembra perso in mille pensieri. Si volta verso di me “Kelly” si rasserena un po’
“Che faccia lunga. Esame?”
“Rimandato” sospira
“Ti ho riportato questa. L’avevi lasciata a casa mia” gli mostro la chiave
Lui me l’afferra, quasi strappandola “Eccola qui”
“Lo sai che è inquietante?”
Lui mi previene “Per via delle maschere?” sorride “Vieni”
“Dove?”
“A casa mia”

Casa sua è un loft che si affaccia sul parco. Sembra lo studio di un artista: manichini, tele da pittore, latte di vernice, mobili coperti da teli bianchi. In un angolo di sinistra una piccola cucina. Sulla destra, una grossa porta in legno bianco. Dai vetri entra una cascata di luce dorata. Affacciata mi avvicino ad essa e guardo fuori. Il parco che si vede anche da casa mia si estende al di sotto “Abiti vicino a me e lo vengo a scoprire solo ora?”
Lui si stringe nelle spalle “Ora lo sai”
“Beh, hai una vista magnifica da qui”
“Era meglio quando qui intorno non c’erano questi palazzi. Vedi là, al centro del parco? Si vede quell’obelisco nero. Ci sei mai stata?”
“A dire il vero, no”
“Quello è il monumento delle streghe”
“Ci sono state streghe qui?”
“Le spose del diavolo. Una piccola comunità. Erano sette vedove che furono accusate di stregoneria e quindi processate per sommi capi e poi affogate nel laghetto”
“Quale laghetto?”
“Non c’è più da molto tempo. Ma, le loro ossa giacciono sul fondo di quel laghetto, ora parco”
“Mi vengono i brividi. Siamo su un cimitero?”
“Ah, no, le ossa sono state trasferite nel cimitero fuori città” sprofonda le mani nelle tasche “La leggenda narra che, prima di finire annegate, il capo di quelle streghe lanciò un monito che era anche una maledizione: = Verrà un uomo fatto d’ombra e striscerà nelle vostre case rapendo l’anima dei vostri figli. Piangerete la loro non morte e brucerete nelle fiamme della vostra crudeltà= Ti ricorda qualcosa?”
“Il babau?”
“Una delle sue varianti”
“Credi che sia ancora qui in cerca delle anime innocenti di questa gente?”
“Ti posso dire che, come da consueto, i figli di quegli uomini si ammalarono e caddero in un sonno di profonda incoscienza. E, mentre i loro genitori ne piangevano la perdita, il villaggio andò a fuoco”
“Come si collega a quella chiave che ti ho riportato?”
“Una delle mie antenate era una delle streghe affogate in quel laghetto” lo dice con un’aria fosca, carica di paura. Mi guarda serio, quasi me ne viene timore. Poi, la sua bocca si distende in un sorriso, trasformato ben presto in sonora risata “Ahahaha, che faccia hai fatto”
“Ah, scemo che sei”
Lui si sposta alle mie spalle, sento le sue mani su di esse che scendono sulle braccia. Così magico è il suo tocco “La leggenda è parte della mia famiglia” le mani scivolano sui fianchi. Lo sento premere contro la mia schiena, la mano destra che scivola fino alla gonna e s’infila sotto il tessuto. Frenetiche dita che scivolano sulle mutandine, le scostano, entrano nella mia fessura. Ho un gemito, le mani poggiate ai vetri. Temo che qualcuno ci possa vedere. La gonna slacciata cade alle mie caviglie. Lui che preme e mi fruga l’intimità. Il suo fiato caldo sul mio collo, il respiro sulla mia pelle.
E via anche le mutandine, le sue dita non cessano di frugare. Toglie le dita e le porta sul viso, con delicatezza disegna una linea su una guancia. Poi prende a baciarla mentre sento che si sfila i pantaloni. Sento il suo sesso libero che preme tra le mie chiappe, poi sotto che sfrega contro l’ano. Si muove frenetico, mani e sesso, la mano sinistra, invece, è per la mia tetta sinistra che prende a stringere “Assecondami” dice lui ansimando
Lo sento più voglioso, più impellente. Penetra da dietro. Io soffoco un grido sorpresa. Lui comincia a darci dentro, io che finisco di faccia contro il vetro. Non m’interessa più che qualcuno ci possa vedere. Lo lascio fare, lascio che la passione animale che lo pervada si impossessi del mio culo. Un’esperienza nuova, più violenta. Mi viene dentro, esplode insieme al mio urlo. Scivolo in ginocchio, rimanendo lì, con la fronte poggiata al vetro, mentre lui si allontana senza dire una parola. In distanza, sento il rumore della doccia che si accende.
Ho ancora la camicetta ma decido di togliermela e di lasciarla cadere dove ci sono la gonna e le mutandine. Tolgo anche il reggiseno e rimango lì, in attesa che lui ritorni.
Esce dal bagno completamente nudo, il sesso ancora eretto, con le gocce d’acqua che scivola sulla sua pelle come tanti piccoli fiumi. Lui si ferma a pochi passi da me, gli occhi che sembrano accendersi di cupa bramosia. Mi sembra più delineato, più scolpito. O è solo la mia immaginazione che me lo fa vedere così, possente e virile, desiderosa del suo sesso, di essere riempita “Sdraiati” mi dice
Obbedisco. A terra, su un soffice tappeto, lui mi sovrasta e mi penetra con foga. Non c’è dolcezza come nelle volte precedenti. Sembra più un animale desideroso di sfogarsi. Una bestia in calore che deve essere domata. Ma io non protesto, è come se quell’impeto improvviso l’attendessi da tempo e lo accolgo con gioia, come un naufrago che accoglie la salvezza. Instancabile fino a farmi male, esplodiamo all’unisono e crolliamo esausti uno di fianco all’altra “Scusa” dice dopo un po’
“Va bene così” ansimo “Anche questo, è stato super meraviglioso”
“Luce e oscurità” dice dopo un po’
“Come?”
“Le due maschere sulla chiave: una rappresenta la luce, il Bene, la Legge. L’altra è l’oscurità, il Male, il Caos. Appartengono entrambi allo stesso individuo perché è così che gli esseri umani sono”
“Luce e ombra. Ma il babau è fatto solo di ombre”
“Quando cala la notte e lui viaggia tra i Mondi, allora lui è fatto di ombre. Ma, quando la luce regna sovrana, lui diventa luce e si confonde tra gli uomini”
“Hai studiato a fondo le storie della tua famiglia. Allora dimmi, mio saggio, perché l’uomo d’ombra ha bisogno di rubare energia vitale agli adolescenti?”
“Perché è così che lui si guadagna la sua presenza nella luce”
“Cioè, ruba la vita per rimanere solido in questo Mondo?”
“Sì”
“Ma, è terribile”
“non secondo la sua ideologia. In fondo cosa fa di male?” ride nel dirlo
Io balzo su a sedere e lo guardo indignato “Come puoi dire una cosa del genere?”
“Oh, andiamo, è una storia” ride, mi abbraccia, mi tocca “Sai, credo che.. Che ho voglia ancora di te”

Seduta sui gradini che portano alla vetrata, in attesa che lui finisca di fare la doccia. Mi alzo e incomincio ad esplorare quel loft. L’impeto, l’amore e l’ardore. Ha ritrovato quel giusto equilibrio delle prime due sere.
Arrivo fino alla porta di legno bianca e, mi viene da curiosare. Dentro c’è una stanza piccola, grossa un terzo del loft, senza mobili, ad eccezione di un mobile coperto da un telo bianco. Mi avvicino con un certo timore, afferro il lenzuolo e lo scosto un attimo.
Sotto c’è un armadio. La sorpresa mi fa scattare all’indietro con un grido soffocato. Sbatto contro qualcuno. Josh in accappatoio, il volto come pietra, mi guarda con rimprovero “La curiosità uccise il gatto” poi, la sua faccia torna quasi sorridente “Ebbene sì, ho un armadio in casa. Mea culpa” alza le mani
Alzo lo sguardo verso l’alto e vedo le immancabili maschere: una che sorride, l’altra no. Arretro spaventata, portandomi le mani alla bocca. “Questa…”
“Sì, come ti dicevo, discendenza”
“Coprilo, per favore”
“Come vuoi” mi passa davanti, afferra il lenzuolo
“Sai, per un attimo ho creduto che..”
“Cosa?”
“Non so.. Ero sicura di non averti raccontato dell’armadio con le maschere” gli volto le spalle mentre lo dico. Un timore che nasce dal profondo e pian piano germoglia dentro di me “O forse sì, non mi ricordo” qualcosa di freddo e oscuro mi avvolge le spalle. Un tremito mi percuote le ossa. Ho paura a girarmi. Insieme mi arriva anche un vago sentore di bruciato. Bruciato?
Mi giro lentamente “Josh?”. LA stanza è vuota. L’armadio aperto con le maschere che sembrano ghignare di me. L’accappatoio bianco di Josh è a terra ma lui non c’è “Josh?” chiamo più forte “Josh”
E poi vedo la mano che fuoriesce dall’anta e si aggrappa ad essa. Guanti neri, la manica scura della sua giacca, una massa scura di ombre e fumo, due occhi che sembrano tizzoni ardenti. Ho gridato, sono caduta all’indietro. In quel momento non capivo più nulla. Credo di aver urtato qualcosa che si è infranto a terra e.. sono scappata. Sono scappata via senza voltarmi indietro

V- Lui era reale

“Mi dica cosa accadde dopo?” chiese il dottore a Kelly
“Io non sapevo dove andare. Ma, da qualche parte dovevo pur andare. Andai a casa e corsi a piangere da mia madre. Lei mi consolò, come spesso accadeva quando, da piccola, avevo quegli incubi sull’uomo d’ombra. Mi volle accompagnare nel loft ma io avevo paura e puntai i piedi come quando ero piccola”
“Cosa accadde dunque?”
“Accadde..” Kelly abbassò lo sguardo e la voce. Mormorò qualcosa tanto che il dottore dovette abbassarsi per udirla meglio
“Può alzare la voce, signorina?”
“Il loft era vuoto”
“Trovarono Josh?”
“Secondo quanto emerso successivamente, Josh non fu mai esistito”
“Un amico immaginario?”
“Josh era reale” disse quasi con voce capricciosa “Il suo corpo, il suo abbraccio, il suo sesso. Tutto in lui era reale”
“Eppure, nessuno ricorda di aver mai visto Josh, ne al campus e ne’ con lei”
“Lui era reale”
“La sua amica Nadia confermò che Josh non esisteva. Disse, cito testuali parole =La vedevo parlare da sola molte volte. Parlava come se avesse qualcuno al suo fianco. Ma, mi spiace dirlo, lei era una sciroccata. Quel pomeriggio in cui ebbe quel crollò, venne da me e mi chiese se avessi visto Josh. Io stavo per risponderle ‘Josh chi?’ E poi la vedo andare verso un qualcuno, dicendo ‘L’ho trovato’. E vederla parlare con il Nulla assoluto. E poi se n’è andata via. Aveva qualcosa in mano ma non ho visto bene perché era lontana”
“Lui era reale” ripetè Kelly
“E il loft?”
“Nessuno lo occupava da mesi. Secondo l’agenzia immobiliare, nessuno aveva affittato qul luogo negli ultimi mesi. E nessuno che si chiamasse Josh si era mai fatto sentire con loro”
“Quindi?”
“Mia madre fece fare un test del DNA. Aveva un’amica in medicina legale. Le fece fare i test con il luminol e tutte quelle cose da serie TV. Trovarono tracce di sperma vicino la vetrata ma… c’era solo il mio” Kelly cominciò a piangere “Era così reale” scoppiò in un pianto quasi isterico “Era tutto così reale”
“Signorina… Noi l’aiuteremo. E’ nel luogo giusto. Vedrà che, con il nostro aiuto, lei guarirà”
“Non voglio vedere armadi”
“Va bene, niente armadi”
“Dimenticherò Josh”
“Temo di sì”
La porta si aprì, due robusti infermieri entrarono “E’ tempo di tornare alla sua stanza”
“Niente armadi. Niente armadi” gridò lei
“E’ tutto a posto. Ci vediamo domani alla stessa ora” sorrise bonario il dottore
Kelly si lasciò portare fuori dalla stanza.

Il dottore la osservò mentre la conducevano fuori. Scosse la testa. Povera ragazza, che fervida immaginazione. Rilesse ancora i rapporti che riportavano tutte le vicissitudini che l’avevano condotta fino a lì. Quella ragazza soffriva di schizofrenia e andava curata al più presto. Tutte fantasie: l’armadio, Josh, il babau. Scosse la testa, si alzò, andò verso il fondo del suo studio dove c’era un’anta a scomparsa. Un armadio a muro dove riponeva i suoi schedari e il cambio di lavoro. E’ stato un bene che Kelly non si fosse accorta di quell’armadio. Avrebbe dato di matto e non ci sarebbe stata occasione di ascoltare le sue fantasie.
C’era stato un attimo, nelle fasi del racconto, in cui qualcosa si era risvegliato in lui. Le scene di sesso, quella voglia di farlo, sopito in un angolo remoto della sua mente. Certo, Kelly aveva un bel corpicino e, se avesse avuto vent’anni di meno…
Aprì l’armadio…

Kelly si bloccò d’improvviso e disse “La mia bambolina”
“Che bambolina?” chiese uno degli inservienti
“La mia Kelly Kelly” disse in tono lamentoso
“L’avrai lasciata in camera” disse infermiere numero due strattonandola
“No, no, era con me nello studio del dottore” si tirò indietro “Devo riaverla” fece il broncio “Per favore”
“Va bene. Aspetta qui tu” disse rivolto al primo infermiere “Ti accompagno”
“Faccio da sola”
“Sì, ok ma, devo accompagnarti” tornarono verso lo studio del dottore. “Aspetto qui, fai presto” rimase sulla soglia, la porta socchiusa
Kelly entrò, cercò vicino al lettino, si spostò a carponi sul tappeto. La trovò, la sua Kelly Kelly. Alzò lo sguardo. Il dottore era in fondo allo studio e le dava le spalle. Si era cambiato d’abito. Indossava un cappotto scuro e reggeva in mano qualcosa di floscio, sembrava una di quelle maschere in lattice che si vedono spesso nei film “Dottore, mi scusi” si avvicinò di qualche passo “Avevo lasciato qui la mia Kelly Kelly e.. Dottore” due passi ancora. La maschera di lattice cadde a terra con uno strano rumore, un misto di gomma e uovo rotto. Kelly guardò verso quella grottesca figura e trovò strano che fosse bagnata di..
“La curiosità uccise il gatto” disse una voce raschiante e tremendamente famigliare
L’urlo di Kelly si udì per tutto l’ospedale

“Insomma, lei mi vuol far credere che, una giovane donna come Kelly sia entrata nello studio del dottore per cercare una bambolina di pezza..”
“Che non esisteva” aggiunse l’infermiere
“E che, nell’arco di 1 minuto, ha tagliato la faccia al povero dottore con un tagliacarte che stava sulla scrivania”
“Sì, lei ha detto che è stato il babau a farlo”
“Il motivo per cui è stata ricoverata”
“Sì. Manie di persecuzione, follia deviante”
“Beh, vede, c’è un anacronismo in quanto detto”
“E cioè?”
“Beh, secondo l’autopsia, la faccia del dottore non è stata tagliata ma strappata”
“Beh, io non mi intendo di queste cose..”
“Esatto, non se ne intende” ribattè l’ispettore osservando Kelly dall’altra parte del vetro. Era con la camicia di forza, seduta a terra in una stanza imbottita, con lo sguardo vitreo fisso nel vuoto “Strappata..” ripetè a fior di labbra

Epilogo
“Deve proprio stare lì?” chiese Valeria rivolta al marito
L’uomo, un brizzolato quarantenne, aveva appena finito di fare ‘il miglior sesso di sempre’ con la sua adorata consorte. Lei, quarant’anni, fisico pieno, appetibile come una liceale appena formata, se ne stava nuda, seduta contro la testiera del letto, a fissare il marito, in piedi davanti al letto, nudo, intento a sorseggiarsi del tè nero. Che, a sua volta, stava osservando l’armadio consegnato quella mattina e sistemato contro la parete di fronte “E’ dove deve essere” rispose il marito sorridendo
“Quelle maschere mi fanno venire i brividi”
“E’ un armadio cara. Di cosa vuoi avere paura? Del babau?” scoppiò a ridere Josh


Fine

Questo racconto di è stato letto 9 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.