Le conseguenze di una masturbazione (2)

Scritto da , il 2021-02-24, genere etero

VI- LA CENA
“Mi piace leccare il cazzo” la madre tutta sorrisi con le tette di fuori. Siamo a tavola in attesa di mangiare. Layla mi ha aperto la porta indossando una camicetta bianca lunga fino alle ginocchia. Cosa che ha provveduto a tirarsi via non appena sono entrato. Lei è rimasta nuda, ad eccezione di un sottile perizoma che le copriva la zona fica.
“Mettiti pure comodo, qui non ci formalizziamo” ha detto LAyla .E ha presentato la figliastra come Aliss
“Penserai che siamo alquanto strambi”
“Beh, un po’ fuori dalle righe” ho portato con me una bottiglia di vino rosso che porgo alla padrona di casa. Obbedisco alle usanze della casa e mi spoglio rimanendo in boxer.
Jenny arriva poco dopo, camicia larga che la copre quasi interamente ma, a differenza della madre e della nonna, non si toglie i vestiti. Mi corre incontro e mi abbraccia come se fossimo due vecchi amici che non si vedono da anni. L’erezione arriva subito e preme contro il tessuto dei boxer e il suo corpo. Lei ride scostandosi.
“Quindi, a cosa devo questo onore?” chiedo alle mie ospiti “E non dite solo perché Jenny ha detto che sono a posto”
“Ci siamo incuriosite” risponde la mamma di Jenny “Una zona residenziale piena di gente over sessanta e tu, un giovane aitante e di bella presenza”
“Ok, grazie per l’aitante di bella presenza” ho risposto “Non ho voluto io venire ad abitare qui. Ci sono da quattro anni ormai. Il giudice ha creduto bene di isolarmi qui, lontano dalle tentazioni”
“Il Giudice?” chiede Layla
“Sei un tipo pericoloso?” fa Jenny spalancando gli occhi
“E’ stato un malinteso” ho risposto “Atti osceni in luogo pubblico”
“Uh” fa Jenny “Hai molestato delle ragazzine?”
“No” faccio offeso
“Allora per cosa?” chiede Aliss “Hai svuotato la vescica nel parco?”
“No” mi vergogno un po’ “Ho spiato una coppietta che si era appartata nel parco, tra i cespugli e io…”
“Ti sei masturbato in pubblico” dice Jenny
“Ero nascosto” ammetto “Non pensavo di essere visto da..”
“Da chi?”
“Una signora anziana che portava a spasso il cane mi ha visto con l’uccello in mano mentre lo facevo. Ha gridato, mi ha spruzzato del peperoncino in faccia e ha fischiato per attirare l’attenzione. E via, polizia, manette e figura di m davanti a tutti”
“E la coppietta nei cespugli?” chiede Aliss
“Loro sono scappati via, lasciando me nella gogna”
“Qui, arrestato, schedato e ingabbiato” commenta Layla
“Avevo un buon avvocato che ha convinto il giudice a darmi i domiciliari. Il Giudice ha acconsentito a patto che trascorressi la mia pena qui, lontano dalle tentazioni comuni e una cavigliera che mi monitorasse gli spostamenti”
“Ma oggi non avevi la cavigliera” commenta Layla
“Ho finito di scontare la mia condanna due settimane fa” allargo le braccia “Libero”
“Ma il vizio di menartelo non lo hai perso” fa notare Jenny con un sorriso malizioso
“Lo faccio in casa” mi difendo “E, è stata una dimenticanza quella di ieri”
“Oh, non ti dare problemi” fa rassicurante Aliss “Forse è stato un bene che ti abbiamo notato noi e non qualche vecchietta puritana”
“Quindi, qual è il piano?”
“Credi ci sia un piano?” chiede Aliss
“Non lo so, ditemelo voi”
“Per ora, si mangia e si scambia due chiacchiere” dice LAyla portando in tavola un bel piatto di lasagne
“Uh, deliziose” faccio leccandomi le labbra. Ma, in cuor mio, spero che il dopo cena sia sessualmente impeccabile. D'altronde, con Aliss che mi salta fuori con quella frase “Mi piace leccare il cazzo”, cosa dovrei pensare o aspettarmi?

VII-Fine cena
“Il nostro matrimonio è durato poco, giusto il tempo di un paio di figli e poi..” Layla allarga le braccia, mimando qualcosa che si invola “Mi sono sposata tre volte ma, le cose non duravano più di tre o quattro anni. Il mio ultimo marito, il padre di Aliss, se n’è andato via con la mia migliore amica. Un clichè”
“E mio marito, dopo avermi dato Jenny, viene da me e confessa di essere diventato gay”
“Urka”
“Il matrimonio non fa per noi” aggiunge Layla “Così, ci siamo ripromesse di darci alla pazza gioia, senza l’obbligo di creare legami”
“Più libertà, più possibilità di fare sesso. Tu non sei d’accordo?”
“Potrei essere d’accordo con voi. Non sono tipo da legame duraturo” rispondo “Il mio ultimo rapporto è durato due anni”
“Lei com’era?”
“Più o meno della stessa età. Faceva la segretaria in uno studio automobilistico. Con lei era sesso selvaggio”
“Cosa è andato storto? Anche lei scappata con un amico? O amica?” chiede Jenny maliziosa
“No, lei è.. Lei morì in un incidente”
“Oh, mi spiace, scusa” fa Jenny con il broncio
“No, ma va. Le piaceva fare le scalate. Un giorno ti esce con un gruppo di amici e, non so cosa è successo esattamente. Forse un chiodo mal messo, o una frana..” lascio cadere il discorso. Le mie ospiti, d’istinto, allungano le mani verso le mie, accarezzandole, per solidarietà. Lui, nel profondo, si risveglia

Arriva il secondo sotto la forma di roast beef. Poi una bella macedonia con panna e un caffè
“Noi siamo così” dice Aliss andandosi a sedere su una poltrona “Ci piace praticare il sesso occasionale”
“Che ne pensi di nonna?” mi chiede Jenny “So che te la sei scopata”
“Beh, una gran bella donna. Fisicamente e sessualmente incredibile. Mi ha colto alla sprovvista. Poi, non sono io che ho fatto sesso con lei ma, lei con me. Intendo, mi ha fatto rimanere sdraiato mentre lei mi cavalcava”
“Sì, tipico di Layla, dominare il sesso”
“Quindi, ora cosa ti aspetti da questa serata?” chiede Aliss alzandosi
“Non saprei. Quale sono le vostre intenzioni?”
“Potremo invitarti ancora, magari per pranzo” risponde Aliss
“Direi che non sarebbe male” annuisco
“Allora, ci si vede domani a pranzo”
Sono quasi deluso. Speravo in qualcosa di più. Magari un’orgia, un’altra cavalcata con Layla, una masturbata davanti a Jenny.
Faccio per rivestirmi quando sento Aliss che mi apostrofa “Te ne vai senza lasciare il pegno?”
Si sfila le mutandine, rivelandomi una fica con un bel ciuffo nero. Si avvicina a me, mi bacia, le mani che scivolano sulla mia pelle. “Il bacio della buona notte?” ricambio le sue carezze, le stringo le tette, gioco con i suoi capezzoli.
Lei trova il mio uccello nei boxer e lo estrae “Ora, rilassati” si inginocchia e me lo ingoia. Prende a succhiare, lavorando di labbra e lingua. Quasi percepisco Jenny, seduta sulla poltrona, che ci osserva succhiando l’immancabile lollipop e masturbandosi. Non vedo Layla ma… Sento che mi tocca la schiena, il suo corpo che aderisce a me. Il mio sogno si sta realizzando. Layla mi accarezza, mi bacia, mi stuzzica con i suoi capezzoli mentre, Aliss, continua a leccare e succhiare e Jenny a masturbarsi. “E’ un sogno.. Un sogno”
“Se pensi sia un sogno, non svegliarti” mi sussurra Layla
“Diavolo, se siete fantastiche” sento lo stimolo, sto per venire
“Devi svegliarti”
“Non voglio”
“Svegliati…”
Vengo… Qualcuno grida

VIII-Ma che diavolo?
Spalanco gli occhi sul soffitto. Sono in camera da letto e qualcuno sta caragnando “Dio.. che schifo” mi puntello sui gomiti. Al solito, il cazzo è fuori e ha eiaculato. Davanti a me, le braccia spalancate e la faccia sporca di sperma, c’è Priscilla, la mia tutrice legale. Ha trent’anni, aspetto insipido da bibliotecaria anni 50, faccia sparata di efelidi, grandi occhiali da miope. E ha la faccia coperta del mio sperma.. Cosa diavolo stava succedendo? Possibile che era tutto un sogno? Possibile che stavo facendo sesso con la bruttina stagionata?
“Oddioddioddio” fa lei correndo in bagno
Mi alzo dal letto e la seguo “Priscilla, ma che diavolo è successo?”
Lei si sta sciacquando la faccia, vigorosamente “Stai indietro. Indietro”
Mi discosto, mi lavo l’uccello e lo rinfodero nei boxer
“Ma sei impazzito? Ti rendi conto che dovrò denunciare il fatto al tribunale?”
“Ma che diavolo è successo?!” grido cogliendola di sorpresa. La guardo, vestita con abiti dai colori spenti. Camicia abbottonata fino al collo, golfino, gonna fino a sotto le ginocchia, calzettoni della nonna. Tutto in lei è spento e grigio. Ma allora, cosa ci faceva sul mio letto altezza cazzo mentre eiaculavo? “Cosa ci facevi sul letto?”
“Ero venuta a controllarti. Ricordi? La cavigliera?”
“La cavigliera…” abbasso lo sguardo. E’ ancora lì, non l’ho ancora tolta. Ma, allora, è stato tutto un sogno “I vicini di casa?”
“Quali vicini di casa?” mi guarda come se fossi pazzo
“Quelli che abitano qui” e le indico oltre la finestra del bagno
“Non abita nessuno lì”
“Tre donne: una giovane di nome Jenny, una vecchia di nome LAyla e Aliss..”
“Senti, capisco che questa forzatura obbligata influisca sulla tua mente.. Senti il bisogno di una donna..” arrossisce
“Ok, la mia immaginazione mi ha fatto creare un mondo di gnocche da scopare” la guardo “Ma, come spieghi il fatto che tu sia salita sul letto per svegliarmi?”
“Io.. Io ti volevo svegliare”
“Non ti sei messa a fianco del letto per scuotermi. Sei salita sul letto” arretro di un passo e guardo il pacco, poi guardo lei “Sai, non mi è mai capitato di venire nel sonno, nemmeno dopo un intenso sogno erotico spinto” mi avvicino a lei, la guardo intensamente “Mi capita se, qualcuno, mi stimola preventivamente”
Il rossore di Priscilla aumenta “Io..” mi volta le spalle “Oddio che vergogna”
“Stavi approfittando di me nel sonno?” sono scandalizzato e stupito al contempo. La grigia Priscilla che, nel profondo, nasconde una verità animale “Volevi farmi.. No, mi stavi facendo un pompino?”
Lei si lascia cadere in ginocchio e si copre il volto con le mani “Che vergogna” piange
“Oh, cazzo” mi inchino vicino a lei e l’abbraccio. Chi lo avrebbe mai detto? Priscilla la grigia, che mi fa un pompino mentre faccio un sogno erotico
“Ok. E’ imbarazzante ma non è così grave”
“Devo dire al giudice di farmi sostituire da qualcun altro. Mi vergogno tantissimo”
“No, non devi” le scosto le mani dalla faccia “Ora che so come ti senti quando sei con me” la faccio alzare “Non posso lasciarti andare”
“Cosa vuoi farmi?” dice spaventata
“Nulla che tu non voglia” faccio scivolare i boxer a terra rimanendo nuda davanti a lei. Le porgo la mano “Che ne diresti di fare le cose come si deve?”
Lei, titubante, afferra la mia mano “Io sono vergine” dice in un soffio
“Poco male” sorrido trascinandola verso il letto e iniziando a spogliarla “Abbiamo tempo per rimediare”


=Fine?=

Questo racconto di è stato letto 1 8 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.