Latte e menta

Scritto da , il 2021-01-18, genere voyeur

I fibrinopeptidi sono le molecole che si evolvono più rapidamente perché la selezione naturale le ignora quasi del tutto. Esse sono libere di evolversi con la frequenza delle mutazioni – Richard Dawkins, l’orologiaio cieco

Incredibile quanto possa diventare piacevole una fissazione o una perversione, se la si asseconda in ogni suo aspetto.

Lo sai chi è questo? Questo è Matt Johnson

Stava guardando per l’ennesima volta un film sul Vietnam, sdraiata sul divano verde senza niente addosso a parte un paio di stivali di pelle con il tacco. Non si stancava mai, appena finiva con quelli che guardava di solito ricominciava da capo. C_Ca era seduta sul pavimento con la schiena appoggiata al divano. Mi sono seduto di fianco a lei, le ho passato un braccio intorno alla schiena e ho affondato il viso nei suoi capelli. Aveva un gradevole profumo di semi di lino. L’ho baciata sul collo, lei si è chinata su di me cercando il cazzo. Mentre mi faceva un pompino pensavo alle macchie solari e ai miliardi di atomi che si scontrano sulla superficie del Sole rilasciando una quantità inimmaginabile di energia. Per puro caso ho individuato a terra i due telecomandi dello schermo piatto e dello stereo. Ho premuto skip, su quello del lettore DVD. Poi lo premuto ancora, il lettore è passato su disc 3 ed è saltato ad una scena del film già iniziato. Nei brevi istanti in cui lo schermo è rimasto nero ho visto degli occhi sbarrati dietro di me. A quel punto ho premuto play su quello dello stereo, e poi di nuovo skip. In the Kingdom #19 è passata di colpo dai primi secondi al punto in cui Lee Ranaldo smette di urlare e si sente il motore di un’auto accelerare. Un mazzo di chiavi nella mano. Sullo schermo Rosanna Arquette ha sollevato la minigonna. Appoggiata contro una Mercedes decappottabile faceva sbattere le protesi di acciaio contro la vernice impeccabile della portiera. Un’ombra si è alzata in piedi alle mie spalle e si è fermata a gambe divaricate davanti allo schermo. Ha aspettato che C_Ca avesse finito, facendo flettere impaziente il suo frustino di cuoio. Appena lei si è alzata dai miei jeans sbottonati lasciando scendere un rivoletto di sperma dal suo sorriso da angelo, si è avvicinata di un passo.

“Questo ti costerà molto caro”.

In despair I need it, in death I have it.

Due ragazzi avevano appena chiesto delle birre da portare via. A quell’ora non era facile trovare un bar aperto. Durante il giorno il caldo dell’estate inoltrata ancora non dava tregua, in piena notte però la temperatura tornava vicina a quella in cui si può sviluppare la vita organica. Il barista continuava a guardarmi. Era indeciso se concentrare la sua attenzione sulle zeppe altissime che portavo ai piedi o sugli occhiali da sole che tenevo calati sugli occhi nonostante fosse notte.
“Latte e menta”.
Uno dei ragazzi in attesa delle birre si è voltato a squadrarmi. Ero sicura che la ragazza con lui fosse del mio palazzo, lui invece era spesso lì intorno, ma non abitava da quelle parti. Era molto più maturo di lei. Fingevo di ignorarli anche se in realtà stavo cercando di ascoltare i loro discorsi senza farmi notare. Purtroppo, non parlavano molto. Giusto qualche parola sottovoce ogni tanto. Ho bevuto il mio bicchiere di latte e sono uscita alzando il colletto dell’impermeabile nero. Morivo dalla voglia di scopare, passando davanti ai vicoli bui, mentre tornavo a casa, speravo di venire afferrata dai due che avevo appena incrociato al bar. Avrei lasciato che la ragazza mi aprisse l’impermeabile scoprendo il mio corpo nudo sotto. Poi mi sarei seduta sui talloni a succhiare il cazzo dell’uomo fino a farmi sborrare in faccia. Quando sono rientrata nel mio appartamento mi sono seduta davanti alla finestra vicino all’insegna al neon intermittente. Sono rimasta a osservare la stanza vuota mentre si illuminava a scatti della luce blu proveniente dall’esterno. Più tardi ho messo un video sado maso, cercavo di immaginarmi al posto dell’attrice, era legata ad una grata. Le hanno spinto un ginocchio tra le gambe, facendo passare in primo piano gli stivali con le zeppe, a quel punto mi sono messa due dita nella fica e sono venuta. Prima di addormentarmi ho pensato all’uomo del bar. Era stato anche da me, una sola volta. Non sapevo nemmeno il suo nome, mi ero fatta trovare sulla sedia nella stanza al buio. Le caviglie ammanettate alla sedia, i polsi infilati in un altro paio di manette dietro la schiena. Avevo lasciato la porta socchiusa ed ero rimasta ad aspettare sicura che non si sarebbe presentato. Invece dopo qualche ora, ho visto la porta nell’ingresso aprirsi lentamente. Si è avvicinato facendo scricchiolare il parquet sotto i suoi passi.
“Io non uscirò viva da questa stanza.”
Non ha risposto, mi ha abbassato la benda sugli occhi e ha chiuso le manette ai polsi. Dopo si è acceso un sigaro mentre mi passava una mano tra i capelli. Sentivo il fumo profumato diffondersi nella stanza. Un dolce profumo di menta. La mano è scivolata sul viso fermandosi sulla bocca. Ho pensato ad una farfalla posata sul mio viso e ho cercato di ricordarmi quello che provo quando raggiungo l’orgasmo. Da una fessura sotto la benda vedevo la stanza illuminarsi di blu e tronare nell’oscurità. Il cazzo in bocca era durissimo. Continuava a spingerlo avanti e indietro, profumo di muschio mescolato all’odore di sesso. Il pensiero di uno sconosciuto che si masturbava nella mia bocca mi ha dato in pasto ad un senso di vergogna devastante. Ero completamente nuda, sdraiata sulla cima di un ghiacciaio, la neve si impossessava del mio corpo.
“Sborra…sborrami in faccia”.
La temperatura nella stanza è scesa all’improvviso fino ad impedirmi di pensare. Mi ha schizzato il viso e le labbra tenendomi in vita ancora per qualche istante con il suo calore, poi ha finito di fumare nascosto nel buio da qualche parte
Dopo il nostro incontro fortuito, ho cercato di tenere d’occhio la ragazza che stava nell’appartamento di fianco al mio. Faceva una vita tutto sommato regolare. Non sono riuscita a capire che lavoro facesse, sapevo soltanto che rientrava molto tardi la sera. Di giorno era quasi impossibile incontrarla in giro o sulle scale. Quando avevo l’impressione che ci fosse qualcuno da lei, mi sedevo sul pavimento appoggiando un orecchio contro la parete. Cercavo di ascoltare le voci che provenivano dal suo appartamento. Una sera ho messo le scarpe con le zeppe sul davanzale della finestra e sono rimasta a guardarle sotto i riflessi della luce al neon. Aspettavo che iniziasse a fare giorno. In uno dei cassetti dell’armadio conservavo i frammenti di uno specchio rotto sparpagliati sulle pagine di una rivista di moda. Ne ho preso uno e l’ho passato davanti al viso cercando di riflettere soltanto un occhio. Sognavo di incontrarla per caso, in giro per la città, l’avrei trascinata in un seminterrato sudicio per scoparla. L’impulso di uscire a cercarla mi ha spinto a infilarmi le scarpe, ho lasciato l’appartamento con indosso solo l’impermeabile nero e i collant. Giravo per le strade deserte, sperando di incontrare qualcuno a cui valesse la pena succhiare il cazzo. Gli autobus avevano appena ripreso a circolare. Sono salita sul primo che ho visto passare e mi sono lasciata portare fino al capolinea. Gli unici passeggeri a bordo oltre a me erano due prostitute. Dormivano con la testa appoggiata al finestrino, sedute una davanti all’altra. Il motore dell’autobus mi guidava in un sogno lucido di lampioni che si spegnevano e fari ormai inutili alla luce del mattino. A metà del percorso si sono svegliate mettendosi a parlare tra loro con la voce ancora assonnata. Ridevano dei clienti che avevano abbordato nella notte. L’autobus si è fermato dietro ad un altro in attesa, in una via della periferia vicino la tangenziale. L’autista è sceso per fumare una sigaretta e scambiare qualche parola con il suo collega prima che questo ripartisse. Mi hanno guardata restando in silenzio per un attimo e hanno ricominciato a parlare tra loro.
Ho infilato una mano nella tasca per cercare la macchina fotografica, nell’altra tenevo il frammento di specchio che avevo preso dal cassetto. Sono scesa senza farmi notare, volevo cercarmi un taxi. L’idea di tornare in un autobus affollato mi terrorizzava.

Una segretaria con i capelli a caschetto e una camicetta bianca molto attillata leggeva distrattamente delle carte sulla scrivania. Rispondeva al telefono poi tornava a sporgere in avanti gli enormi seni scoperti appoggiandoli sui fogli sparsi davanti a sé. Un’altra ragazza è entrata nell’ufficio, hanno parlato per qualche istante, poi la tizia con i capelli a caschetto si è alzata in piedi e si è messa a leccarle la fica.
Pasticcina stava sfogliando un album di foto seduta sul divano.
“Guarda come ero giovane qui, avrò avuto al massimo sedici anni”
“Vedo, un vero talento naturale”.
Ho finto di non essermi accorto che stesse parlando dell’album di foto del liceo e ho continuato a parlare come se si stesse riferendo al video.
“Sei senza speranza, non vale la pena”.
Ha guardato per un secondo il video e si è rimessa a sfogliare l’album.
“Vuoi sapere di quello? Quello è il primo video che ho girato. Ero talmente eccitata durante le riprese che non sono riuscita a venire in nessuna delle scene. Quando sono tornata a casa mi sono dovuta masturbare per ore prima di riuscire a rilassarmi e riposare”.
Ho aspettato a risponderle.
“Davvero? Sai che prima o poi mi verrà voglia di chiederti il tuo vero nome?”
“Jennifer”
“Grazie tante! Sei una cretina, volevo solo provocarti, non avevo intenzione di chiedertelo adesso”.
Mi sono alzato e sono uscito dalla stanza. Intanto sentivo la sua risata sguaiata che mi pugnalava alle spalle. Era peggio della risata di uno di quei freak di Tod Browning.

- Ciao, vorrei proprio sentire un bel cazzo duro nel culo.
Ti andrebbe di venirmi a scopare tra un’ora? Peperoncina –
- Ok, mandami un messaggio con un indirizzo. C. A. –
- Prima posso farti una domanda? Che cosa pensi di me? Peperoncina. –

Mi sono di nuovo seduta di fianco alla parete della ragazza del bar. Ho tolto l’impermeabile e sono rimasta seduta ad aspettare. Nel pomeriggio avrei sviluppato le foto. Da quando li avevo incontrati non riuscivo più a stare in casa senza cercare di immaginare quello che stavano facendo lì a fianco. Nessun rumore fino al primo pomeriggio. Probabilmente era sola in casa. Si è fatta una doccia e l’appartamento è ripiombato nel silenzio più assoluto. Cercavo un modo per registrare i suoni provenienti dalla parete, ma ero sicura di non riuscire a catturare nulla con quello che avevo a disposizione, a parte i rumori più forti. Dopo essermi procurata qualcosa da leggere per ingannare il tempo nell’attesa, ho posizionato una sedia in corrispondenza della sua camera da letto. Un libro di Lovecraft. Il protagonista credeva di essere in grado di trasmettere delle immagini direttamente dal suo cervello a quello delle altre persone. Verso sera sono uscita sul balcone per fumare una sigaretta. L’uomo dei sigari alla menta era appoggiato contro la ringhiera. Sono rientrata in camera e mi sono spogliata prima di tornare fuori. Lui però era sparito. Mi chiedevo se si ricordasse della notte in cui era venuto a casa mia. Sono rimasta a fumare delusa, sperando che ritornasse, invece è stata la ragazza ad uscire. Anche lei era completamente nuda. Si è appoggiata alla ringhiera di ferro tenendosi una mano tra le gambe. Credevo volesse coprirsi, in realtà si stava masturbando, soltanto il movimento della sua mano procedeva ad una lentezza tale da non essere quasi percettibile. Stavo per dare una boccata alla sigaretta, ma era già arrivata al filtro. A quel punto ho rinunciato e sono di nuovo tornata dentro, volevo infilarmi le scarpe con le zeppe. Ormai le tenevo abitualmente sul davanzale della finestra, a volte mi davano l’impressione di una scultura su di un piedistallo. Nell’appartamento di fianco avevano acceso lo stereo a tutto volume, un vecchio pezzo degli anni ’70.
Prima di uscire mi sono infilata un paio di collant neri trasparenti e l’impermeabile. Per un po’ ho camminato senza meta. Restavo ferma a qualche angolo di strada, mi guardavo intorno e riprendevo a camminare. Sono entrata in un bar per riposarmi.
“Latte e menta”.
Pensavo all’uomo del sigaro e alla ragazza bionda. Non riuscivo a capacitarmi di come riuscissero a comunicare quasi senza parlare. Li avevo notati spesso ultimamente mentre erano insieme, sul pianerottolo di casa o in strada. A volte si muovevano come se stessero seguendo una coreografia prestabilita. Lei lo faceva con disinvoltura, lui invece cercava di nasconderlo dando sempre l’impressione che si trattasse di una coincidenza. Il barista mi ha messo di fronte il bicchiere di latte, interrompendo l’immagine di loro due intenti a fare sesso sul balcone mentre si stava formando nella mia testa. Ho desiderato che mi prendesse per un braccio e mi portasse sul retro per scoparmi. Mi avrebbe spinto in fondo al corridoio tenendomi una mano sulla schiena. Avrei appoggiato le braccia alla parete per tenermi in equilibrio e mi sarei fatta inculare, restando immobile con le gambe divaricate. Subito dopo, un altro uomo avrebbe preso il suo posto continuando a spingermelo dentro. Mi avrebbe tolto perfino la possibilità di vederlo in faccia. Ho cercato di afferrare il bicchiere, ma la mia mano si è chiusa prima di riuscirci rovesciando il latte sul bancone. Sono rimasta a guardare il latte che colava sul bancone. Ho aperto la bocca, ma non sono riuscita a parlare. Avevo l’impressione di non essere più in grado di recuperare il mio autocontrollo. Il barista ha asciugato il bancone con indifferenza.
“Non è successo niente”.
Istintivamente mi sono voltata per andarmene e per poco non sono inciampata nello sgabello, sentivo la pressione sanguigna alle tempie, le mie guance andavano a fuoco. Appena sono uscita in strada ho visto un autobus fermarsi a qualche metro. Mi sono affrettata e sono salita.
Ero seduta al fondo nel posto al centro della fila. Un uomo leggeva un libro incurante della mia presenza. Sono rimasta a guardarlo spostando di tanto in tanto lo sguardo sull’autista, poi ho allargato le gambe come se niente fosse. Non avevo ottenuto nessuna reazione dall’uomo sempre più assorto nella lettura. Ho messo le mani tra le gambe e ho strappato i collant sulla fica. Ero fradicia. L’uomo ha alzato lo sguardo per un secondo ed è ritornato come se niente fosse al suo libro. Sono scesa.
A metà dei gradini sull’uscita dell’autobus ho sbottonato l’impermeabile e ho continuato a camminare lasciandolo aperto. Vicino ad un parco un gruppo di ragazzi stava fumando hashish, erano appoggiati ad una macchina con gli sportelli aperti. Sarei voluta andare verso di loro per succhiarglielo, mi sarei fatta sfondare anche per tutta la notte lasciando che mi portassero a casa loro per continuare a divertirsi con calma, ma non si sono mossi. Mi hanno seguito con lo sguardo mentre imboccavo uno dei vialetti. All’interno del parco mi sono sfilata completamente l’impermeabile e l’ho lanciato sullo schienale di una panchina, vicino ad uno scivolo. Non appena ho sfiorato il ferro della panca con la fica, sono venuta.

“Senti zuccherino, ho bisogno che mi accompagni ad un appuntamento. In centro, un ufficio”
“Devi andare ad un colloquio? Non mi dire che finalmente ti sei trovata un lavoro…Jennifer”
“Vai a fare inculo. Devo essere lì domani mattina. Voglio qualcuno che resti con me mentre aspetto”.
Ho circumnavigato il suo dito medio per andarmi a sedere di fianco a lei sul divano e spiare in mezzo alle foto che stava sistemando accuratamente in una cartellina verde.
“Casting per uno spot pubblicitario. I candidati selezionati verranno proposti per uno…ma che cosa vendono questi qui, preservativi?”

She’s a killer! She’s a killer!

Ho cercato di leggere la mail fino in fondo mentre l’indice premeva ripetutamente sul tasto meno del volume abbassando la musica.
“Occhiali da sole”
“Andiamo col Patrol, però. Con il tuo gelato alla fragola possiamo al massimo partecipare alle Wacky Races”.
Ha disteso le gambe sulle mie ginocchia, massaggiandomi con il piede. Intanto l’unghia verde del suo pollice teneva premuto il tasto +.
“Bravo!”

Nella prima foto che ho sviluppato si vedevano le due prostitute rannicchiate contro il finestrino. Una rideva con gli occhi socchiusi, stringendosi nel giubbotto di jeans. L’altra davanti a lei cercava di non svegliarsi. Sono rimasta ferma su un’altra in cui si vedeva il mio riflesso sulla vetrina di un negozio in piena notte. Ero riuscita a prendermi per intero, comprese le zeppe. Scattavo la foto con addosso solo i collant strappati, la scia rossa dei fari delle auto in transito alle mie spalle. Stavo cercando di trovarle un titolo tenendola di fianco ad un’altra in cui una prostituta sudamericana si masturbava, seduta contro il pilastro di cemento di un parcheggio coperto. Nuda dalla vita in giù, la testa piegata all’indietro e la bocca aperta. Le avevo messo i miei occhiali da sole neri. Mi piaceva come le stavano con i suoi capelli lisci scurissimi, raccolti dietro la nuca. Non era venuta male, la cosa più difficile era stata convincerla a farsi fotografare. Nell’ultima che avevo scattato si vedeva una donna seduta sulle scale del carcere. L’avevo presa restando dall’altro lato della strada. La luce del giorno era già abbastanza forte, ma si vedevano ancora i lampioni accesi. Il viale era deserto. Indossava delle scarpe di pelle consumate, senza calze. Con una mano si teneva il mento, appoggiando il gomito su una gamba piegata. L’altra era distesa sui gradini. Stringeva al petto una busta di plastica del supermercato. I capelli castani erano sciolti, lunghi e sporchissimi, in parte le coprivano il viso. La bocca socchiusa e lo sguardo assente, quasi interrogativo. Ero convinta che stesse pensando: “Adesso che faccio?”.
L’ho intitolata “La prima visita”. Era abbastanza a fuoco, raramente mi riuscivano così bene. Si vedevano anche le stampe con le teste dei personaggi famosi che avevano soggiornato in quel carcere. Erano posizionate come ornamento sul tetto. Ho scartato i due autisti al capolinea dell’autobus e sono uscita a fumare sul balcone. Se fossi stata fortunata sarei riuscita a spiare le ombre attraverso le persiane socchiuse dell’appartamento a fianco. La luce era accesa, ma le persiane erano spalancate. L’uomo col sigaro stava guardando dentro con un’aria piuttosto divertita. A giudicare dal movimento delle ombre e dalla musica, qualcuno in camera stava ballando in maniera molto provocante. L’ho fissato intensamente, cercando di attirare la sua attenzione, ma non mi ha degnata neanche di uno sguardo. Si è dato il cambio sul balcone con la ragazza bionda subito dopo aver finito di fumare il sigaro. E’ uscita con in mano una sigaretta e mi ha guardato sorridendo. Aveva il viso arrossato e i capezzoli eretti. Ha aspirato un’ultima boccata, poi si è chinata in avanti aggrappandosi alla ringhiera per soffiarla verso il basso. Sono tornata dentro per vestirmi. Nell’ingresso ho trovato un biglietto bianco con una grossa “O” nera. Era stato infilato sotto la porta. Dietro c’era stampato un indirizzo, con una matita verde avevano scritto sesto piano. L’ho messo in tasca e ho fatto scattare il chiavistello della porta d’ingresso.

“Ho sentito le campane e il ticchettio dell’orologio”
“Ti ho vista aprire le persiane. Grigie, completamente rovinate dal sole. Hai guardato fuori, verso un sentiero che si perdeva in un bosco.”
“Oltre il bosco si vedeva il mare”
“Hai incontrato un bivio?”
“No”
“Oggi pomeriggio sono sceso in città per comprare le sigarette. Era troppo presto, così ho dovuto aspettare che aprissero i negozi. Quando sono riuscito a comprare le sigarette e sono uscito in strada, ho sentito il piano scordato. Mi ha accompagnato per tutto il viaggio di ritorno. Il cielo era coperto di nuvole, il mare scuro.”
Mi ha baciato sul collo. Sotto di noi una stella stava esplodendo dando vita ad una supernova.
“Mi hai fatto delle domande ma non ricordo di averti risposto”
“Perché pensi così spesso alla tua infanzia?”
“Non sono i ricordi in sé ad essere importanti. Stavo pensando all’odore che sentivo in casa, nel pomeriggio il caldo faceva sudare i muri. Si sentiva sempre un forte odore di umidità. Non l’ho mai sentito da nessuna altra parte. La stessa cosa succede con i tuoi disegni, per questo mi piacciono. Evocano delle emozioni ancora prima di spiegarle”
“A dopo”.

Due uomini mascherati mi hanno aperto la porta. All’interno era decorata con un pannello rosso su cui si vedeva una pioggia di cuoricini. Sono stata afferrata per il braccio e trascinata in una stanza buia. Subito dopo avermi spogliata dell’impermeabile mi hanno ammanettata ad una barra d’acciaio con le braccia alzate. Sentivo una superficie fredda e liscia contro il corpo, vetro probabilmente. Avrei voluto fare delle domande ai due uomini mascherati, ma ho pensato che sarebbe stato inutile. Si è acceso un faretto alogeno davanti a me. Ero ammanettata ad una sbarra simile a quelle che si trovano nelle scuole di danza per stendere i muscoli. Passava a circa due metri di altezza dal pavimento tenendomi schiacciata contro una lastra di vetro trasparente, una specie di finto specchio. Dall’altro lato i due uomini di prima stavano inculando a turno una donna inginocchiata, il busto piegato in avanti con il viso appoggiato sul pavimento, le mani ammanettate dietro la schiena. Sulla faccia aveva una maschera nera di lattice con la cerniera sulla bocca. Vicino a lei una ragazza completamente nuda fumava un sigaro seduta sopra la schiena di un’altra donna vestita con una tuta di lattice blu trasparente. La usava come poltrona, il viso nascosto dietro un paio di occhiali a specchio, le gambe accavallate. Le aveva messo un portacenere di vetro bianco sulla testa. Fissava dritta nel finto specchio come se fossi perfettamente visibile. Ai suoi piedi una lunga frusta nera. Finito il sigaro, l’ha spento nel portacenere, la ragazza sotto di lei ha irrigidito il collo per non farlo cadere. Prima di alzarsi in piedi lo ha posato sul pavimento di linoleum nero su cui era stampato un gigantesco pavone. Si è messa a cavalcioni con le gambe divaricate e le ha pisciato addosso, cominciando dalla testa. La ragazza nella tuta di lattice si muoveva come un serpente appeso ad un ramo. Era impossibile capire se stesse cercando di ritrarsi o di assecondarla. Non ha cambiato posizione però, fino alla fine. I due uomini stavano venendo nella bocca dell’altra a cui avevano aperto la cerniera sulla maschera. Poi sono usciti, la luce del faretto si è abbassata lasciando la stanza illuminata da due lampadine blu appese al soffitto. Per qualche istante sono rimasta a guardare le decorazioni, un motivo floreale giallo oro disegnato su uno sfondo nero. Le lampadine non avevano paralume, soltanto un cavo elettrico che pendeva dall’alto. Un’altra donna si è fatta avanti dalla direzione opposta a quella verso cui erano scomparsi i due uomini. Indossava un vestito grigio aderente molto leggero, aperto sui seni e agganciato ad un collare di perle nere. Al centro del collare risaltava una pietra verde simile ad uno smeraldo. Una maschera verde sul viso. Stringeva tra le mani un guinzaglio, prima di agganciarlo al collare della ragazza con la tuta trasparente si è fermata a guardare negli occhi la donna con gli occhiali a specchio. Si somigliavano come due gocce d’acqua. Quella con gli occhiali era semplicemente molto più giovane, tra loro c’era una differenza di età di almeno vent’anni. Avevano lo stesso viso triangolare con un neo su un lato, la stessa corporatura, gli stessi capelli castani molto chiari. Ha trascinato via per il guinzaglio la ragazza carponi sfilandola dalle gambe dell’altra, ma senza farla alzare in piedi. L’altra ha raccolto la frusta e le ha seguite verso la sbarra fissata alla parete. Dopo averla ammanettata al muro si sono voltate. La donna con il vestito grigio ha ripetuto la stessa operazione con quella inginocchiata davanti a me, questa volta però lasciandola rivolta verso il muro. Morivo dalla voglia di masturbarmi, le manette mi impedivano di toccarmi. Ho piegato la testa all’indietro chiudendo gli occhi per cercare di resistere, ma non sono riuscita a fare a meno di appoggiare la fica contro la lastra di vetro. L’ho spinta in avanti il più possibile e ho iniziato a muoverla su e giù. Ho riaperto gli occhi al primo colpo di frusta. La donna con gli occhiali a specchio faceva scorrere la frusta in una mano e colpiva la ragazza nuda sul culo. Ad ogni colpo il mio corpo vibrava spingendo sempre più forte contro il vetro. Appena mi sono fermata con lo sguardo sulle zeppe che portavano ai piedi ho sentito l’orgasmo salire lentamente verso il centro del cranio. Desideravo liberarmi con tutte le mie forze per andare da loro a leccarle. Gemiti e urla strozzate si sono aggiunte ai colpi di frusta. Ho ripreso a masturbarmi contro il vetro inarcando il corpo. L’uomo dei sigari alla menta è entrato nella stanza e si è fermato dietro la donna con il vestito grigio. Jeans e anfibi neri, un giubbotto di pelle senza niente sotto. Occhiali scuri e un collare di acciaio per cani chiuso da un lucchetto. Al centro del petto nudo una catenina con una croce rovesciata. Hanno liberato le ragazze ammanettate, solo quella con la tuta di lattice è rimasta nella stanza. L’altra è stata portata fuori al guinzaglio dalla donna con gli occhiali a specchio. Si sono avvicinati. La donna col vestito grigio si è voltata di spalle e si è chinata in avanti fino a toccarsi la punta dei piedi, tenendo le gambe rigide. Il vestito si è alzato scoprendo il culo. Ha voltato la testa per guardarmi e si è messa a ridere. La ragazza con la tuta di lattice era carponi davanti a me, lei si è seduta sulla sua schiena e ha iniziato a succhiare il cazzo all’uomo dei sigari, tenendo le mani sulle ginocchia. Lui la guardava con la testa leggermente piegata da un lato, sporgendosi in avanti. Sentivo una patina di sudore tra il mio corpo e la lastra di vetro. Le ha sborrato in bocca senza cambiare mai espressione. Lo sperma è colato in parte sul vestito. Quando si è allontanato si è piegata in avanti e ha lasciato scendere il resto sulla faccia dell’altra sotto di lei. La luce si è spenta e i due uomini mascherati sono venuti ad aprire le mie manette.

“Questa?”
“Enigma. Bevi una birra con lo sguardo assente. Una specie di sorriso sulle labbra. Sembra una pausa. Solo che non si capisce cosa pensi. Cosa stavi facendo realmente?”
“Questa?”
“Incognita. Le braccia afferrano da dietro la donna. Lei piega la testa all’indietro lasciandosi catturare, è affascinata da qualcosa che non conosce. I geroglifici riconducono ad un mistero da svelare.”
Una cometa è passata alle nostre spalle e ci ha superato perdendosi nello spazio vuoto. Alcuni elettroni si muovevano al rallentatore intorno a noi terminando la loro corsa in un circuito di silicio.
“Questa?”
“Un facile bersaglio, vulnerabile? No, con una parola sola ancora non ci riesco. Magari però sono io che non conosco la parola. Sbaglia il bersaglio di proposito perché vuole anche l’altra parte. Troppo difficile. Irraggiungibile?”
“Continuiamo dopo?”
“Ancora una, era tanto tempo che non facevo questo gioco. Mi sei mancata”
“Questa?”
“Perversa, non ha assolutamente niente di strano, è la sua espressione in primo piano a renderla perversa. Non è possibile nascondere quello che vorrebbe reprimere con l’abito che indossa. Mi piace come riesci a catturare le espressioni dei volti. Specialmente quelle ispirate ai santi, sono impressionanti.”
Le onde verdi del mare hanno ripreso ad infrangersi sulla spiaggia.
“A dopo”
“Questa l’ho capita, però non te la racconto, è troppo intima, molto bella. A dopo”.

Ho incontrato la ragazza bionda nel portone. Abbiamo preso l’ascensore insieme. Una mano invisibile mi stringeva la gola, non riuscivo a pensare.
“Sei già stata sull’isola? Sono settimane che ti aspettiamo.”
Non credevo a quello che mi stava dicendo, ancora meno a quello che stavo per risponderle.
“Come fate a capirvi senza parlare?”
“Telepatia. Tu cosa credevi?”
Si è messa a ridere e ha continuato.
“Succede quando sei innamorata. Siamo innamorati. Vieni? Alcuni di noi si incontrano solo sull’isola, hanno la loro vita da qualche parte ma non si vedono mai in altro modo. A volte sono semplicemente troppo distanti, molti non parlano nemmeno la stessa lingua. Non dirlo a lui. Pensa che sia più prudente se non si viene a sapere, in realtà non c’è niente di strano. D’altra parte, lo sanno tutti che l’amore è un fenomeno assolutamente soprannaturale.”
Appena ho messo piede nell’appartamento ho sentito qualcosa di strano nelle scarpe, come se ci fosse entrato qualcosa. Le ho tolte per appoggiarle sul davanzale. Prima di sistemarle sul loro piedistallo di marmo le ho capovolte. Quello che ho visto precipitare sul pavimento dallo stivaletto con le zeppe mi ha lasciato paralizzata dallo stupore per qualche secondo. Sabbia marina.

“Mi fermo qui?”
Sono salito con due ruote sul marciapiede davanti al portone di un palazzo.
“Ma, fammi capire una cosa: davvero non dovrai succhiare il cazzo a nessuno per questo provino?”
Teneva una mano in tasca stretta a pugno, almeno si era ricordata di portarsi dietro la moneta fortunata. Nell’altra la cartellina verde con le foto.
“Ci vediamo dopo”
Non mi ha dato nemmeno il tempo di risponderle, è scesa afferrando i guanti con la scritta guardian che avevo appoggiato sul cruscotto.
“Ma non volevi…”
Qualcuno che ti facesse compagnia, ho continuato nella mia testa. Mi sono cercato un parcheggio e sono tornato a piedi per aspettare davanti al portone. Stavo fumando un sigaro alla menta guardando le persone camminare sul marciapiede, quando mi è passata di fianco. Ha lasciato una gradevole scia di profumo. Glicine, molto intenso. Camminava con la testa bassa, capelli lunghi e scuri, sciolti su un vestito chiaro a fiori. La pelle scurissima. Appena sono stato raggiunto dal suo profumo, la sua immagine ha rallentato bruscamente mentre restava impressa nella retina.
“Questa?”
“Un facile bersaglio. Te l’ho detto è troppo difficile. Irraggiungibile? Cerca di superare un limite, metà del corpo lo ha oltrepassato. Intorno a lei ci sono tutti i bersagli mancati. Forse è lei ad aver fatto molti tentativi, ma non riesce a trovare quello che cerca. Per questo motivo si protegge con una mano”.
Un fascio di impulsi luminosi passava velocissimo sopra le nostre teste. Viaggiavano all’interno di un canale virtuale. Attraversando la dorsale che unisce i continenti venivano proiettati verso l’atmosfera da un’antenna.
“Questa?”
“L’aggressività a volte ha un lato erotico. Hai mai visto i gatti in amore?”
“Non sperare che mi prenda fuoco il vestito, e poi tanto in un parcheggio con te non ci vengo. A dopo”.
“Ho sentito di nuovo il profumo di glicine. Anzi credo di averti incontrata proprio grazie a lei. A dopo”.

Ho cercato con lo sguardo la donna col vestito a fiori, ma era sparita in mezzo ai passanti.
Pasticcina è uscita dal portone.
“Allora andiamo o no?”
Siamo tornati alla macchina.
“Ma si può sapere almeno cosa vendono questi qui della pubblicità?”
“Un bagno schiuma, cercavano una modella per uno spot”
“E non ti hanno presa per l’età?”
“Guarda che io non ho ancora compiuto diciannove anni”
“Davvero? Sai che sembri più giovane?”
“Vedi che quando vuoi persino tu riesci ad essere gentile”
“Molto più giovane. Molto, molto più giovane”
Non mi ha più risposto.
“Prima o poi ti verrà un crampo a forza di mostrarmi il dito medio”.
Continuava a guardare la strada, trattenendo il respiro di tanto in tanto come se volesse dire qualcosa che invece si teneva dentro, alla fine si è decisa.
“Ma tu davvero ci trovi qualcosa di bello in me?”
Ho aspettato un po’ prima di rispondere.
“Hai presente i cori da stadio che si sentono nelle canzoni degli Iron Maiden? Negli anni ’80 erano molto di moda tra i gruppi metal. Steve Harris è sempre stato un patito di calcio. Per questo motivo ad un certo punto hanno iniziato a metterli nelle loro canzoni, una specie di tributo alla squadra. Nessuno si è mai chiesto il motivo della loro presenza e pure ai fan piacevano moltissimo”.
Ha bisbigliato fan-culo e si è girata verso il finestrino.

Cercavo un CD tra quelli sparpagliati vicino lo stereo. Quando finalmente sono riuscita a trovarlo l’ho inserito nel lettore e ho premuto play, ma non ricordavo più quale fosse. Ho guardato verso l’appartamento a fianco. Ero sicura che loro due mi stessero osservando. Erano in grado di vedermi attraverso la parete. Sono rimasta a fissare il muro per un po’, sapevo che se fossi andata nell’ingresso avrei trovato un altro biglietto infilato sotto la porta. Mi sono rivestita per uscire, in effetti era lì. Identico al primo, solo non c’erano disegni, era completamente bianco. Sul retro avevano lasciato una scritta con una matita blu: “sai cavalcare i frattali?”. L’ho messo in una tasca dell’impermeabile e sono uscita. Quando sono arrivata in strada mi sono ritrovata in una città che non avevo mai visto prima. Come se non bastasse, a giudicare dalle auto in circolazione potevano essere al massimo gli anni ’80. Non ho pensato neanche per un attimo a rientrare nel mio palazzo, non era più quello da cui ero uscita. Camminavo lungo la strada nel pieno centro di una città del Nord Europa. Una di lingua tedesca. La neve sottile di una fredda giornata invernale bagnava l’asfalto senza fermarsi. Non c’era una ragione precisa, ma sapevo di dover raggiungere uno degli edifici lungo la strada, così ho continuato. Mi sono fermata davanti ad un palazzetto dello sport dove stavano giocando una partita di hockey. Due squadre amatoriali, all’interno era quasi deserto. Una ragazza con lunghi capelli castani, legati con la coda, e una giacca a vento nera, aspettava vicino alla pista proprio dietro le barriere di plexiglass. Era molto attraente, non ha parlato, mi ha soltanto sorriso. Mi sono seduta vicino a lei, con un gesto della mano ha chiesto se avessi qualcosa in tasca. Non sapevo cosa fare, poi ho ripensato al biglietto che avevo trovato sotto la porta. L’ho tirato fuori per mostrarglielo. Ha fissato il lato completamente bianco, come se riuscisse a leggervi un messaggio che ai miei occhi risultava invisibile. Pensavo alle lettere degli innamorati scritte con l’inchiostro simpatico. L’ha messo in tasca e dopo aver frugato nell’altra ha tirato fuori una pendrive blu. Non capivo se fosse più surreale la situazione in sé, o il fatto che avesse in mano un dispositivo compatibile con la tecnologia del nostro tempo. Appena l’ho presa in mano si è alzata e si è allontanata. Ho lasciato anch’io lo stadio e mi sono diretta verso un bar. Avrei voluto bere latte e menta, ma non avevo la più pallida idea di come fare per chiederlo. La ragazza dietro il bancone mi ha messo davanti un bicchiere già pronto, senza chiedere niente è tornata ad occuparsi degli altri clienti. Ho bevuto il latte e sono uscita. La strada all’esterno del bar era di nuovo quella che conoscevo, la solita via nei dintorni del palazzo in cui abitavo. Ho messo una mano in tasca per accertarmi che non si fosse trattato di un’allucinazione, ma la pendrive era lì, nella tasca dell’impermeabile. Una volta a casa ho persino cercato di inserirla nel portatile, la cartella al suo interno era vuota. Quando sono uscita a fumare sul balcone, c’erano anche loro.
“Ti ha dato qualcosa?”
“Una pendrive blu”
“Puoi lasciarcela?”
Gli ho consegnato la pendrive sul pianerottolo e sono tornata in casa. In cucina ho trovato un altro biglietto: una donna bendata con le mani legate davanti a sé. Era sdraiata sul letto nuda, in bocca un bavaglio con la pallina. Sul retro c’era scritto sempre con la solita matita blu: grazie per la musica.

Questo racconto di è stato letto 1 1 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.