Anna. Una cavallona ninfomane.

Scritto da , il 2021-01-01, genere tradimenti

Quando la troia indica in alcune donne "sono solo fighe di legno” intende dire che queste si limitano ad aprire le gambe e poco altro in più.
Voi direte: ok, ma perché? Cosa fa questa vacca di tanto diverso da molte altre?
In realtà buona parte dei video la vedono sotto a un porco che urla e geme. Ma questo è inevitabile in quanto è una posizione che rende irriconoscibili (ora con i tatuaggi esiste comunque qualche rischio) entrambi, inoltre il toro di turno è talmente infoiato da sfogare immediatamente la sua libidine montandola da sopra.
La vacca anche se viene scopata in questa tradizionale posizione aggiunge qualcosa di suo accompagnando con il bacino il movimento del porco sopra di lei.
Le mani non stanno mai ferme. O spingono le natiche o impugnano le lenzuola stringendole oppure si aggrappata alla spalliera alle sue spalle. Non è raro che titilli anche i capezzoli del toro di turno.
La figa è spesso talmente bagnata da chiedere di interrompere per asciugarsela.
Urla e geme con vocali soffocate, anche se in pochi minuti di video si possono ascoltare decine di "siiiii, siiiiii".
Quando il maschio è sopra di lei e soprattutto se le è di particolare gradimento (e ora è molto attenta nella scelta e raramente sbaglia) lo limona con passione, allunga il collo per leccargli il petto e succhiargli i capezzoli.
Questo avviene quando è sotto al porco. Ma la vacca predilige una posizione particolare: a cavallo! Da vera amazzone!
Non può essere un caso che la prima foto della sua carriera da zoccola la vede su un divano, a cavallo di un porco, mentre altri due le offrono il loro cazzo.
Anche il primo video. In un motel. Lei e tre porci. Le hanno da pochi minuti rotto il culo, ma nonostante questo, le prime immagini la vedono cavalcare con furia uno dei tre porci. Davanti a sé uno specchio e un altro toro che le offre il cazzo in bocca. Quindi un orgasmo della vacca. Pochi secondi di respiro e ricomincia a cavalcare.
Quasi sempre le mani le alterna tra il petto del toro e le due gambe portandola dietro la schiena. Predilige un su e giù alternando il ritmo che decide lei.
Si mette a cavallo dopo aver fatto sfogare il porco nella prima fase in cui lui è sopra di lei.
Quando scopa a casa sua l’unico che ha una visuale privilegiata è il toro di turno il quale se la trova davanti.
Cosa diversa quando la vacca va in motel. Non esiste camera di motel che non abbia una ampia specchiera sulla parete lato spalliere del letto. In questo caso, anche nei video, la visibilità è perfetta seppure riflessa nello specchio.
Il capo della vacca reclinato da un lato, aria estasiata spesso a occhi chiusi, la lingua passata sulle labbra nei momenti più intensi.
Nella quasi totalità dei casi la cavalcata avviene successivamente alla monta tradizionale da sopra. E i motivi sono quelli spiegati sopra.
Ma se si è usato la parola "quasi" non è casuale. C'è una grande eccezione. E l'eccezione ha un nome: Steve.
Chi è Steve? Facciamolo dire alla protagonista. Facciamolo dire alla vacca.
"Steve è il maschio che mi ha sempre fatto godere da impazzire”. E la troia dice "sempre" perché l'ha incontrato varie volte. Sia da solo sia insieme al suo gruppo gang.
Steve la conosce bene la vacca. Conosce a fondo i suoi gusti. Hanno una complicità e una affinità nel fare sesso che pare lo facciano da sempre.
E Steve sa che la vacca ama cavalcare quindi (dopo il consueto riscaldamento fatto da mano in figa e super pompino) quindi il porco si mette a faccia su.
Un video in particolare lo vede di fronte alla telecamera appena accesa dalla troia. Il sorriso tra il porco e beffardo e il cazzone (anche questo venticinque centimetri veri di uccello) che si staglia come un pilastro.
Quindi compare la troia che si accinge salire sul letto. Va sopra a Steve, apre le gambe e si infila il palo di carne in figa.
Non serve neanche guardare quando è il preciso momento in cui la vacca sente il cazzo. Un "Ooohh" molto significativo dice molto di più delle immagini.
Qui però accade una variante che quel porco di Steve conosce e sa che la vacca apprezza da impazzire.
Non le permette di andare su e giù ma la prende per le spalle tirandola a sé mentre contemporaneamente è lui a spingere il cazzo.
La stanza si riempie delle urla di piacere della vacca. È la vacca stessa a confermare che predilige raggiungere Steve a casa sua (quasi sempre lasciando il cornuto a casa) anche perché è più libera di urlare di quanto non possa fare a casa sua.
La vacca urla mentre Steve ha un tono dimesso nel sussurrare, pare quasi un maestro con la sua allieva quando le sussurra: "Brava, puttana. Brava. Godi tutta troia! Godi tutta!"
Quanta voglia aveva la vacca di prendere quel cazzo? Un solo dato: il video registra che sono passati appena cinquantacinque secondi dal momento in cui la zoccola accese la videocamera. E dopo cinquantacinque secondi la vacca ha avuto il primo orgasmo!!
Solo allora Steve la lascerà libera di cavalcare liberamente e in pochi minuti si aggiungeranno altri due intensissimi godute.
Solo in seguito Steve prenderà iniziativa scopandola da sopra a cui seguirà inevitabile inculata a cui farà seguito la altrettanto bevuta di sborra.
La troia non ha tutti i torti quando dice: "Non sono figa come tante altre, ma io so scopare!"
Una vera cavallona ninfomane.



Questo racconto di è stato letto 5 0 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.