Santina, la mamma e il triangolo

Scritto da , il 2020-09-17, genere incesti

La vita riprese come al solito, la mamma si comportava normalmente come se tra di noi non fosse accaduto niente, il mio lavoro impegnava i giorni e spesso la sera tiravo fino a tardi con la nonna al telefono, di ragazze neanche l’ombra.
Avevo smesso definitivamente di masturbarmi, non mi eccitava piu’ spiare mamma o la sua biancheria e nemmeno nonna con le sue storie spinte: le esperienze vissute ultimamente avevano amplificato i miei desideri modificando i miei bisogni, non fantasticavo piu’ volevo possedere le mie donne nella realta’.
Il venerdi sera a tavola riprese la solita discussione tra i miei.
-Domattina devo andare da mamma vuole rinfrescare le pareti della cucina probabilmente mi trattengo fino a domenica mattina-
-Non è possibile che quella rompicoglioni abbia bisogno di te tutti i fine settimana-
-Dai cara lo sai e’ anziana-
-E io che cazzo faccio. Non ci pensi a me. Non usciamo mai, non aiuti. Non sono la tua schiava-
-Hai ragione ma non posso farci nulla-
-Ma vaffanculo va- si alza e sbatte la sedia.
Saranno le due, mi sveglio, rumori dalla camera dei miei; mi alzo incuriosito; la porta e’ semiaperta e la luce accesa
-Fai il tuo dovere stronzo fai godere questa puttana- nuda con le gambe divaricate davanti a lui
-Si amore ma stai zitta, ci sente-
-Ho voglia, non mi frega un cazzo. Al massimo si tirera’ l’ennesima sega-un fare proprio da mignotta
-Dai ma che dici, sei matta- lentamente si toglie la mutanda mettendo in mostra un batocchio che non sembra tanto in tiro, anzi.
-Lo fa ogni volta che mi vede, mentre sono al bagno, durante la doccia e solitamente quando chiaviamo e’ dietro la porta- cazzo la troia mi conosce proprio bene
-Cazzo non dire cosi, mi imbarazza sapere di essere spiato e poi non mi va che desideri sua madre. Domani ci chiariamo- bello incazzato
-Stai zitto, proprio tu. Ti sei finito il cazzo con la mamma-
-Ma che cazzo dici sei di fuori-
-Leccami la fica, ti o detto che ho voglia e il cazzo non ti tira-
-Senti mi hai rotto i coglioni. Cosi’ non mi va. Vai affanculo- si distende sul letto, si gira e buonanotte
-Sei proprio uno stronzo. Domani mi faccio fare tutti i buchi…il primo che trovo-
-Si, si buonanotte- silenzio.
Torno in camera, si accende il corridoio poi si apre la porta
-Non fare finta di dormire anche tu bastardo. La troia va in bagno a godere, alzati vieni a vedere la fica aperta della mamma, vieni a sborrare in terra- urla, cazzo, e’ diventata pazza
Non mi alzo nemmeno se mi chiede di chiavarla, babbo e’ li, avra’ sentito tutto chissa come e’ incazzato
-Figli di puttana! La fica a bisogno di voi- urla nell’ingresso
-Ho due cazzi fuori uso, la fica che bolle….voglio che mi sfondate- impazzita. Il rumore inequivocabile delle dita dentro
-Chiavatemi finocchi. Lo voglio anche in culo- mamma mia
-Vieni da mamma, aprimi il culo- giuro mi vergogno
Poi spalanca la porta
-Senti come sono fradicia, questa volta sono io che ti desidero- tira via le lenzuola
-Ti faccio vedere- sale sopra di me e mi mette la fica fradicia sul viso, si accascia e comincia a leccarmi l’asta, sono pietrificato
-Apri la bocca maiale- spompina divinamente
-No ti prego cosi sborro- gemo; mio padre in piedi sulla porta
-Sei una troia. Come si fa a scopare il figlio. Depravata di merda- intanto pero’ a preso il cazzo in mano
-Sei solo un finocchio. Non ti tira piu’. Da ora in poi lo chiavo ogni volta che ne ho voglia- eccitato la lecco avidamente
-Lui si che mi fa godere. Lecca in maniera meravigliosa. Sborrami in bocca amore- mi sega fortissimo
-Che troia ahh, tieni vacca- mio padre indirizza la cappella verso il suo corpo e spara un primo fiotto
-Anche a te maiale- si avvicina sposta il culo di mamma e schizza
-No babbo che schifo- mi arriva sborra dappertutto, gli occhi e la bocca piena
-Leccami la fica stronzo, non fermarti- e torna sopra di me. Ho in gola la sborra di mio padre e la fica che mi molla la faccia, non resisto
-Sborro mamma- aspira a piu’ non posso. Me lo stacca, ingoia
-Bevi te adesso- sborra e poi urina; lecco e bevo. Ha ancora il mio cazzo in gola
-Si fallo anche te puttana- e le piscio in gola.

Questo racconto di è stato letto 1 1 6 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.