Santina e la mamma

Scritto da , il 2020-09-13, genere incesti

La mattina dopo parti a malincuore non avrei voluto lasciarla piu’; la sera prima era stato fantastico, quella semiscopata mi avrebbe cambiato la vita, mai mi sarei immaginato che la mia prima volta sarebbe stata cosi’.
Promisi che sarei tornato gia’ il weekend successivo in realta’ il tram tram quotidiano non me lo permise, iniziai con impegno un lavoro promettente e nel fine settimana tornai a giocare a calcio; ci sentivamo quasi quotidianamente e spesso giocavamo tra noi
-Allora come sta il mio ragazzo?-
-Tutto bene soprattutto quando ti sento-
-Ti sei fatto la sega giornaliera?-
-Dai nonna non dire cosi mi fai vergognare. Non lo faccio piu’ se non con te-
-Non devi innamorarti di una vecchia. Hai un cazzo meraviglioso e ci farai felice molte donne. Devi trovartene una e poi…non ci credo che non ti seghi guardando la mamma-
-Davvero sono cambiato…ho voglia solo di te. Solo a sentirti mi viene duro-
-Mmm mi fa piacere, lo sai che sono nuda e mi sto toccando la micia-
-Voglio leccartela tutta-
-E’ qui che ti aspetta, tutta aperta e bagnata-
-Nonnina non resisto se fai così-
-Segati maialino e dammi tutto il tuo seme-
Davvero ero cambiato, non mi eccitavo piu come prima, mi mancava la realta’, gli odori e le parole.
Non spiavo piu’ mia mamma e mi metteva in imbarazzo parlare o stare con il babbo; lo immaginavo li a sborrare su sua madre: lui era stato fortunato ad avere una troia che lo svezzasse io al piu’ l’avevo guardata di nascosto e avevo goduto nel vederla.
Spesso il fine settimana andava da lei con la scusa della spesa da fare o del giardino da curare ma immaginavo che invece andava li a godersela; con mamma si chiavava, li avevo visti spesso, ma in modo tradizionale, freddo e veloce, solo una routine; delle volte, dopo, mamma si chiudeva in bagno dove evidentemente insoddisfatta si masturbava gemendo.
-Nonna sono geloso, papa e’ venuto anche oggi-
-Si amore e’ venuto piu’ volte…-
-Avete scopato?-
-In realta’ gli ho fatto un pompino appena arrivato, era tanto carico tua mamma lo scopa poco-
-Eppoi?-
-Gli ho pisciato in bocca, come piace a te e mi sono fatta inculare; e’ andato via distrutto-
-Voglio farlo anch’io-
-No con te e’ diverso, te lo detto guardare ma non toccare. Devi scopare con altre…magari la mamma-
-Non credo sia possibile-
-Se non ci provi non lo puoi sapere. Se vuoi ne parlo con il babbo-
-Sei matta mi ucciderebbe-
-Non credo e’ un gran maiale sarebbe felice di vederti mentre la monti. Organizziamo una chiavata a quattro lui dentro di me e tu dentro lei.-
-Te lo detto sei matta- e cosi dicendo sborrai copiosamente al solo pensiero.

-Sei sempre al telefono con nonna, sei come papa parli sempre di lei-
-Ma no mamma, e’ lei che chiama si sente sola-
-Sola un cazzo. Tutti i fine settimana va a casa sua e torna distrutto. Chissa cosa gli fa fare. Qui non muove paglia-
-Se hai bisogno ti aiuto io-
-Sei gentile ma non credo che puoi sostituirlo in tutto-
-Ci posso provare-
-E’ che non e’ solo per le normali faccende. Non c’e’ mai, sempre fuori per lavoro…poi torna e va dalla mammina…deve avere il miele impazzite tutti per lei-
-E’ anziana e a bisogno di una mano, babbo e’ solo gentile-
-Torna stanco e oltretutto a perso ogni tipo di interesse-
-Ne vuoi parlare?-
-Mi vergogno non e’ normale con un figlio-
-Sono grande ti puoi confidare-
-Non e’ minimamente attratto da me, sono giovane ho le mie esigenze-
-Sara’ un momento, passera’…sei cosi bella, non devi preoccuparti-
-Speriamo ma non ci credo. Deve avere un’altra-
-Non ne avrebbe nemmeno il tempo, forse sara’ l’eta’-
-Certo alla tua gli ormoni vanno a mille-
-Che c’entra?-
-Pensi che non mi sia mai accorta di niente?-
-E di che?-
-Ti trovo sempre dietro le porte, ti chiudi per ore in bagno e-
-E?-
-Trovo la mia biancheria sempre appiccicosa, alla tua eta’ bisogna trovare una ragazza non si puo’ venire sulla roba della mamma-
-Cosi mi imbarazzi, sara’ capitato qualche volta prima da ragazzino-
-Non mi sembra. Non capisco come fai ad eccitarti con della biancheria sporca-
-Non lo so saranno gli ormoni…- e giu’ una bella risata.
-Davvero ti piace il mio intimo?-
-Dai non possiamo parlare di altro?-
Mi sorprede. Si alza il vestito e si sfila la mutandina
-E’ ore che la indosso, tienila fammi vedere come fai-
-Ma che dici, davanti a te non ci riesco-
-Fammi vedere. Ti ho visto gia segarti sai-
-Non e’ vero-
-Anche l’altra sera, con nonna al telefono. Non so perche’ ma parlavi e menavi con gusto. Fammi vedere ora-
Imbarazzato ma ovviamente evvitato porto le mutandine al naso
-Puzzano?-
-No anzi un odore piacevole- e poi come faccio sempre inizio a leccarle
-Ma sono tutte sudate-
-Meglio e’ come leccarla, anche se in realta’ non lo mai fatto-
-Non hai mai visto una passera?-
-Non nella realta’-
Si toglie la gonna
-Guarda non e’ niente di speciale-
-Lo dici te-
-Fammi vedere cosa hai li sotto?- Slaccio i pantaloni, li sfilo e rimango davanti a lei, le mutande sul viso e una erezione ingredibile
-Cazzo guarda come ti tira. Fammi vedere la cappella- e cosi dicendo si siede comoda, apre le gambe e inizia a toccarsi
Tiro indietro la pelle e mostro fiero il cazzo
-Allora che ne dici-
-Pensavo alla fortuna che avranno a provarlo- e giu’ due dita dentro; la fica di mamma e’ molto piu’ piccola e chiusa, piacevole ma non molto usata probabilmente.
Metto le sue mutande sopra e inizio
-Bravo cosi e’ bellissimo-si masturba forte
Mi metto in ginocchio vicino a lei la osservo da vicino
-Ti piace?-
-Tantissimo, profuma- mi avvicino, sposto la sua mano e inizio a leccarla
-Wow non pensavo a tanto. Mica sei cosi sprovveduto. Anzi lecchi proprio bene-
Mi sego velocemente mentre la lingua ripassa tutto il buco, scendo sotto fino al culo
-Cazzo che maiale, anche il culo siii- gode come una vacca, non si controllla piu’, forse anche lei desiderava questo
-Leccami il clito che vengo- apre oscenamente la fica. Insalivo un dito e lo metto dentro, apro bene le grandi labbra e con la punta della lingua gli tormento il cicciolino.
-Oddio cosi’ non resisto dai piu’ forte- Sbrodola come nonna, anche lei e’ una troia. Tolgo il dito assaporo e poi dolcemente glielo metto dentro il culo
-Godo cosi’, sei bravo. Mi piace in culo.Dai un altro.- non me lo faccio ripetere. A fatica inzuppo quattro dita contemporaneamente nella figa, ne tolgo due che rimetto in culo
-Oh e’ troppo. In figa e in culo con la lingua- si contorce e’ impazzita, con la sinistra me lo stacco
-Godoooo guarda come schizzo- e arriva sbroda, tanta , io continuo piu’ forte voglio di piu’
-Basta amore non ce la faccio, non cosi basta- ma io non mollo anzi la lingua va ancora piu’ veloce
-No tesoro non cosi, non la trattengo- ed e’ cio’ che voglio, uno schizzo, due poi lo scroscio, l’urina dappertutto, geme gode e piscia, forte su di me. A bocca aperta prendo cio’ che posso, felice.
La guardo e’ spossata, mi alzo, il cazzo di marmo altri pochi colpi. Lo porto alla sua bocca
-No che vuoi fare…non voglio, non mi piace-
-Zitta il tuo bambino adesso ti gode in bocca-
-Non l’ho mai fatto- ma intanto la apre oscenamente
-Vengo mamma- zampillo forte, la colpisco in tutto il corpo. La bocca e’ piena non sa cosa fare.
Prendo la cappella e l’affondo tra i denti
-Bevila tutta adesso imparerai cose impensabili- deglutisce e mi lecca la cappella, l’abbraccio e iniziamo a pomiciare

Questo racconto di è stato letto 1 2 0 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.