Santina...continua

Scritto da , il 2020-09-26, genere incesti

E’ mattina presto quando li sento parlare in cucina, poi papa’ la saluta e sbatte la porta.
-Vai pure testa di cazzo, salutami mammina-borbotta mentre rumoreggia con le stoviglie
Mi stiro, sono ancora sbalordito di quanto successo nella notte, rivedo scorrere nella mia mente le forti immagini: la fica aperta che lecco avidamente, la bocca di mamma sul mio membro e il cazzo ritto del babbo che mi schizza in bocca, penso a nonna la vedo a pecorina mentre il figlio la incula violentemente…sono di nuovo eccitato; mi alzo e la raggiungo.
-Buongiorno, dormito bene?-
-Abbastanza-e mi siedo
-Papa’ è andato dalla mignotta-grida
-Non dire cosi dai è solo una vecchietta-
Mi passa una tazza, è incazzata
-Non è nemmeno geloso-
-Perche’ dovrebbe esserlo?-
-Ieri sera…ti ho quasi chiavato e lui invece di reagire si è eccitato. Speravo si incazzasse, picchiasse duro entrambi, invece…-
-Forse era meglio mamma almeno evitava di sborrarmi in bocca-
-Non credo anzi da come hai reagito ti deve essere piaciuto-
-Avevo il cazzo nella tua bocca che dovevo fare-
-Se era un uomo ti inculava-
-Forse era un po’ troppo-
-Penso che non ti sarebbe dispiaciuto-
-Non ci tengo grazie-
-Vedo, vedo- mi guarda il pacco
-Non è come credi. Sei tu che lo fai venire cosi’, non certo il resto-.
-Ma che ne sai, hai mai provato? Guarda che prenderlo in culo è estremamente piacevole-ride.
-Forse per te…-rido anch’io
-Che forma-la sua mano mi stringe il pacco
-Vieni da mamma- mi sfila le mutande e inizia un pompino divino.
La lingua indugia sulla cappella, si insinua dentro il buchetto, poi aspira e riporta la pelle a ricoprire l’intero membro; insaliva , morde una palla, poi l’altra…ricomincia
-Papa e’ matto a perdersi una come te- mi morde piu’ forte
-Mamma voglio scoparti-
-Ora no, zitto e godi-lecca. Mi mette le sue dita in bocca, le passa sotto le palle; scende con la bocca la lingua mi penetra dolcemente il buchetto
-Oh si mi piace-gemo. Stringe forte l’asta con una mano mentre un dito si fa strada dentro di me, ancora saliva e sono due
-Come si apre il mio bambino, avesse un cazzo dentro sarebbe molto contento-godo non posso dargli torto. Cerca a tentoni qualcosa sul tavolo, un forte dolore poi il piacere
-Guarda come ti incula mamma-spinge dentro forte un cazzo di zucchino, dentro e fuori
-No ma cosi mi sfondi-aumenta il ritmo, il cazzo mi scoppia e sento dal buco del culo uscire gli umori
-Bastardo che fai ti stai cagando addosso-mi sega forte e spinge tutto dentro quel manico
-Noo scoppio-non so cosa succede sembra che il culo mi sborri, vengo da entrambi i buchi, il culo brucia, la sua faccia da troia e’ piena di schizzi, cosi mi uccide.

Ho sbattuto la porta e me ne sono andato, non ne potevo piu’ delle sue lagne; sono in mezzo al traffico e ripenso a ieri sera la troia che spompina mio figlio, la mia incazzatura nei loro confronti ma poi il sopravvento dell’eccitazione; sono in ritardo mamma mi aspetta se ritardo saranno discussioni anche con lei, cazzo stamani che traffico!
Parcheggio nel vialetto, piu’ tardi devo sistemare il giardino, salgo le scale esterne mi stara’ sicuramente aspettando, non suono ho la chiave, entro.
Rumori inequivocabili, lamenti e’ sdraiata sul tavolo del soggiorno, completamente nuda, le gambe divaricate, la fica a ricevere i colpi di lungua di zia, mi avvicino, la lecca internamente mentre le strizza i capezzoli eccitati, sbroda, si dimena; le infila facilmente l’intera mano dentro, un buco senza fondo, slabbrato all’inverosimile, un pozzo profanato negli anni da svariati cazzi, da qualsiasi tipo di oggetto, una fonte inesauribile di umori
-Cazzo alla buonora. Muoviti ho voglia. Non devi farmi aspettare- sbraita, la saliva le cola sul mento, la sorca erutta liquido in abbondanza; tiro fuori il mio possente cazzo, giro la testa di zia e violentemente le sfondo la bocca, dentro e fuori, tutto dentro fino alle palle, soffoca e allora spingo piu’ forte; strabuzza gli occhi, tossisce e vomita saliva
-Dai troia sempre di piu’ preparalo per mamma- e affondo. Rantola e spinge il polso dentro mamma, di piu’, di piu’; urla e gode, gronda; la spingo di lato, adesso basta, entro in un solo colpo, il culo si lacera emette un forte rumore
-Siii lo aspettavo, sfonda mamma-mi mette la lingua in bocca, mi manca tanto, la amo da sempre, la voglio continuamente, zia mi stringe i glutei , mi incita, mi spinge
-Aprigli i buchi a questa vacca- mi giro, zio e’ sul divano, nudo con il cazzetto moscio in mano, se lo tira eccitato dalla scena; stappo il culo di mamma, tiro per i capelli zia la invito a ripulire l’asta, mi lecca avidamente fin giu’, fino ai coglioni, attraverso il salotto lasciando le due troie; mi avvicino a quel fisico rachitinito, lo alzo di peso, lo ruoto
-Si caro, si fallo- entro nel buchetto, forte e lo pompo velocemente. Mamma corre verso di noi, apre voracemente la bocca e prende tutto il pacco di zio, anche le palle, tira forte; l’ometto e’ inerme, vacilla sotto i miei colpi, zia lecca il mio sfintere, spingo.
-Sborro- zio viene ansimando, i flotti di liquido dalla bocca della troia, sorride soddisfatta; si alza, si avvicina; mi mostra la cavita’ piena di sperma, mi bacia passandomi il seme, esplodo.
-Oddio come e’ calda-urla il vecchietto, sua moglie si sdraia a terra, esco dal paradiso, il cazzo ancora turgido le si pone sopra, apre lo sfintere, il mio seme scende nel volto di zia, gode si masturba violentemente.
Non sono pago, in realta’ non lo sono mai; mi siedo in poltrona, il cazzo svetta ancora, le palle gonfie, la libido al massimo
-Amore mio- lei dolcemente mi viene sopra, mi bacia, mi abbraccia, la figa calda avvolge il mio lui, ondeggia dolcemente
-Ti amo- pomiciamo come due fidanzatini
-Mamma vengo- spruzzo violentemente, si contrae e gode; mi abbraccia forte, mi bacia ancora
-Non stancarti mai di me- una lacrima, la vacca e’ domata nuovamente.

Si passa un dito sulla faccia, raccoglie il liquido e lo porta alla bocca, ride soddisfatta
-Vai a frti una doccia che usciamo-
-Ma te…voglio farti godere-
-Lo hai gia fatto. Dai tesoro veloce dobbiamo andare a fare la spesa- ciondolando mi dirigo al bagno.
In auto tutto torna normale, e’ raggiante,.parliamo
-Allora come ti trovi con il nuovo lavoro?-
-Benino, devo ingranare-
-E la fidanzata? Quando me la fai conoscere-
-Niente da fare. Io ho te- sorride felice.
Entriamo all’esseluga, oggi e’ davvero bella, il vestitino appena sopra le ginocchia le dona, i tacchi accentuano i muscoli delle gambe, il sottile tessuto colorato mette in risalto le sue forme. Ammiro lo sculettare mentre spinge il carrello, il perizoma che intravedo a contrasto mi provoca un certo prurito
-Ma sei bellissima- le mormoro
-Dai non lusingarmi troppo- mi accarezza una mano
-Tu sei bellissimo. La mamma non puo’ sfigurare quando esce con te- e ride
Entriamo subito nel reparto frutta e ortaggi, mele, uva e quant’altro a riempire il carrello
-Se i prezzi continuano a salire presto non compreremo piu’ frutta-
-Almeno ora lavoro anch’io-
La verdura, insalata e pomodori
-Che dici, vuoi un cetriolo-sorride maliziosa
-Ora ci vorra’ a te- rispondo stizzito
Allunga la mano con il guanto, ammira, soppesa sente la consistenza; ne tiene in mano uno gigante
-Assomiglia al tuo, potrebbe andare-dice
-Che cazzo dici sara’ almeno tre volte-
-Si ma e’ tosto uguale-lo soppesa di nuovo
_Si ma per l’isalata sono meglio quelli teneri-svio il discorso
-E chi ti dice che lo voglio…condire?-ride, ne sceglie altri tre piu’ o meno uguali e l’imbusta.
Stesso discorso alle banane, verdi e giganti
-Quanto mi piace sbucciarle- provoca
-E sei bravissima- rispondo audace.
Riempiamo il carrello, poi il reparto beauty, creme e profumi
-Ti piace il rossetto?-
-Molto-
-Scegli tu il colore- un rosso acceso
-Un po’ da mignottone-dice
-Meglio- rido
Biancheria intima. Di solito ci passavo da ragazzino, quante seghe, ora ormai adulto mi vergognavo.
Si sofferma, compra dei collant, una magliettina, mi guarda
-Ti piace questo?- provoca mostrandomi una micro mutandina trasparente, non rispondo
-Poi in bagno te lo passi su e giu’ sul cazzone- e’ proprio una troia
-Preferisco tu lo indossi mentre ti sditalino-e’ il mio turno
-Sara’ fatto, lo prendo-ondeggia felice, dio la inculerei appoggiata a quel carrello.
Usciamo carichi di borse
-Mentre carichi arrivo a fare un bisognino- corre
Una faticaccia,non arriva quanto ci mette; salgo metto in moto e faccio partire l’aria condizionata
-Scusa amore- entra scosciando
-Un caldo terrificante- si sventola con un lembo del vestito. Parto
-Guarda come mi sta-alza il vestito completamente, che visione fantastica.
Mentre siamo nel traffico a gambe aperte si strofina il micro tessuto
-Sei impossibile- dico
-Visto che non mantieni le promesse…-e continua, la fica unta rumoreggia. Fermi al semaforo, macchine a destra e a sinistra, cerca tra le buste
-Sii questo-Un uomo la guarda stupito
-Ma che cazzo fai?- spompina un notevole cetriolo, lo insaliva e sorride provocante al passeggero.
Parto sgommando, divertita e eccitata sposta la fradicia mutandina, sputa sulla parte superiore e lo infila gemendo; l’altra mano velocemente mi sposta il calzoncino corto, stringe il cazzo
-Stessa consistenza- geme mentre si maltratta la passera: Armeggia velocemente, cerco un buco dove fermarmi, non resisto
-Sei troppo troia-
-E non mi hai ancora provata completamente….uuuu- gode, si sente e si vede, squirta violentemente: Non paga si piega su di me, lo succhia avidamente, sborro li in mezzo al traffico.

Prima di occuparmi del prato devo farmi una doccia, sono distrutto ma felice, entro in bagno
-Scusami non sapevo- sulla tazza zia urina rumoreggiando
-Non mi pare il caso di scandalizzarsi- continua tranquilla
-Il guerriero non e’ mai pago-ride, in effetti sara’ stato il momento creatosi o che non urino da ore ma il pacco non e’ proprio moscio
-Vieni da zia, ti da un bacetto-continua a urinare e intanto si stropiccia la fica. Mi avvicino e la alzo.
La pipi le scende sulle cosce
-Niente bacini e’ ora del tuo turno- Affondo la mazza su verso l’utero, geme e sbrodola
-Sei calda e stretta. Lo zio certo non ti apre cosi-
-E sola del tuo cazzo, lo sai-e mi bacia. Quante volte lo chiavata, e’ stata lei a sverginarmi sia il cazzo che il culo, mi a fatto fare qualsiasi cosa da suo marito, lo sfondato, mi ha spompinato, umiliato; e anche mamma , e stata lei a suggerirle suo figlio.
Sono ancora qui, dentro la sua calda e accogliente fregna; sborro per la terza volta, ancora tanto.
Le metto la lingua in bocca, le stringo le piccole tette anche lei e’ mia, gode goccilandomi sulle palle.

Questo racconto di è stato letto 8 1 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.