Uscita bassa

Scritto da , il 2020-09-15, genere saffico

L’erba è tagliata di fresco, di solito lo fanno la sera prima.
Cammino nervosa nell’area di rigore, il gesso bianco della striscia che la delimita, si appiccica ai tacchetti delle scarpette, ogni poco saltello, sbatto i guantoni, faccio mulinare le braccia, un venticello improvviso di tramontana ha raffreddato l’aria, e con essa i miei muscoli, non voglio farmi trovare con i riflessi rallentati.
Osservo le mie compagne, sono tutte nell’altra metà campo, la partita è iniziata da almeno mezz’ora, e finora ho toccato soltanto tre volte il pallone, due retropassaggi, e una rimessa dal fondo, dopo che l’unica volta che le avversarie si sono avventurate dalle mie parti, la loro centravanti ha scoccato un tiraccio che si è perso oltre la recinzione.
Le pressiamo e le teniamo schiacciate nella loro area, ma ancora non siamo riuscite a segnare, un po’ per la bravura del loro portiere, che ha già compiuto almeno tre o quattro interventi miracolosi, e un po’ per la strana imprecisione delle nostre due punte, oggi un po’ svagate e inconcludenti.
Oggi vorrei essere al posto di quell’altra che difende la loro porta, ho bisogno di tensione continua, mi esalto con le difficoltà, mentre quando resto troppa inoperosa mi deconcentro, mi annoio, il rischio è di fare qualche frittata.
Ma è il mal comune di chi gioca nel mio ruolo, è risaputo che i grandi portieri sono quelli che restano sempre concentrati, che fanno la parata miracolosa nell’unico tiro in porta di tutta la partita.
Per qualche misteriosa combinazione celebrale, perversa e inopportuna, quando mi ritrovo in queste situazioni, inizio a pensare al sesso.
E’ una cosa molto imbarazzante e non la posso confidare, già per uno strano caso, sono l’unica lesbica della squadra, in altri posti dove ho giocato eravamo sempre almeno tre o quattro.
Le altre probabilmente hanno intuito, e lo sanno, ma sono abituate, il fatto che io sia la sola probabilmente anche per loro è inconsueto.
L’arbitro fa trillare il suo fischietto per tre volte, il primo tempo è finito.
Torniamo in ordine sparso nello spogliatoio, tutte bevono e si asciugano il sudore, qualcuna si cambia la maglina zuppa, in tralice osservo i loro seni, la pelle bianca della schiena, il solco che si forma tra i muscoli dorsali.
Mi siedo su di un termoconvettore che espelle un arietta tiepida, mentre le altre cercano acqua fresca, io bramo un po’ di calore.
L’allenatrice ci catechizza, stiamo calme, loro arrivano da una categoria inferiore, è la prima partita nella massima serie, per ora l’adrenalina dell’esordio le ha galvanizzate, al primo svarione cadranno come un castello di carte, l’importante è, e mentre lo dice mi guarda con occhio indagatore, non combinare qualche pasticcio in difesa, “se passano in vantaggio allora si galvanizzano” e noi avremo solo più tutto da perdere.
Con questo ritornello dentro alla testa rientriamo in campo.
Loro hanno sostituito il centravanti, mi sembrava un po’ imballata, forse si è fatta male.
Quella nuova è una ragazzina, probabilmente presa in prestito dalla squadra giovanile.
E’ esile ma bellissima, intravedo le sue forme sotto alla divisa, ha i capelli rossi rasati sulla nuca, con un ciuffo lungo e impomatato, per l’occasione penso, dipinto in mille colori.
Dopo tre , minuti segniamo.
Il loro portiere fenomenale nel primo tempo, resta per un attimo imbambolato, dovrebbe uscire ed il pallone resta a metà strada tra lei ed il difensore centrale, la nostra centravanti si infila lesta, e segna la più facile e banale delle marcature.
Come previsto spengono la luce, e nel giro di un quarto d’ora segniamo altre tre reti.
Tiriamo i remi in barca, a questo punto è inutile infierire, la nostra allenatrice comunica alla capitano, di farle un po’ giocare, proviamo qualche movimento della difesa, c’è da collaudare la nuova sistemazione a zona sulle punizioni ed i corner.
Penso, finalmente un po’ di tensione anche per me, posso comandare la difesa, almeno qualche tiro forse mi arriva.
Loro sono poca cosa, nonostante il nostro ridotto impegno, non riescono mai ad essere pericolose.
L’unica che davvero si muove bene, rapida e dotata di buona tecnica, è la ragazzina subentrata.
Le fanno un paio di lanci, troppo lunghi, arrivo sul pallone senza patemi, ma lei comunque corre, mi arriva vicino, la seconda volta mentre si allontana le sfioro con un guantone il sedere, lei si volta e mi sorride, e mi rende la pacca sul deretano.
Inizio a far dei pensieri peccaminosi, mentre corre la vedo nuda, il pelo rosso della fica, sicuramente rasato, le tettine sode,il capezzolo che immagino appuntito.
Battono un calcio d’angolo, ma la traiettoria è troppo alta e lunga e si perde sul fondo.
Mentre tutte tornano verso metà campo , lei si era messa davanti a me, poi scivola e cade nella porta.
Le do una mano per farla rialzare, e mentre lo fa si avvicina mi sussurra, “mi piaci da morire, chissà se qualche volta ci potremmo vedere”.
Mancano un paio di minuti, abbiamo ripreso noi a comandare il gioco, più che altro è una melina per finire la partita.
Il nostro difensore centrale effetua un passaggio un po’ sbilenco, e una delle loro fa un lancio verso la nostra area.
La giovane centroattacco si avventa lesta, so che arriverei prima su quel pallone, ma tergiverso quell’istante che basta, e poi mi butto avanti e faccio un uscita bassa, ben sapendo che lei sarebbe arrivata prima.
Forse per perizia, o per pura fortuna calcia con la punta, il tiro mi passa sotto e docile e delicato si infila nella porta sguarnita.
Festeggiano come avessero vinto la finale dei mondiali, raccolgo il pallone dal fondo della rete e lo calcio fingendo rabbia e delusione.
Camminiamo lente verso gli spogliatoi, abbiamo vinto quattro a uno, prendere quel goal per me non ha significato nulla, nemmeno se ne sono accorti che ho giobbato, ma per lei è stata la gioia più grande che potesse vivere, segnare all’esordio, anche se il goal è ininfluente, bene o male resta scritto negli annali.
Mi sento toccare una spalla, è lei che mi sorride, mi dice “grazie, so che su quel pallone ci saresti arrivata”.
“Domani aggiungimi nei contatti di face book, in privato ti posto il mio numero, ho voglia di ringraziarti come si deve”.

Questo racconto di è stato letto 2 9 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.