Aprile 2020

Scritto da , il 2021-01-08, genere saffico

Oggi è davvero una bella giornata, decido che a fare la spesa ci andrò io.
Mia mi rifila una lista che sembra un trattato di non belligeranza tra due nazioni che sono in guerra da dieci anni.
Rassegnata avvio l’auto e percorro i pochi chilometri in mezzo alla campagna che mi separano dal supermercato.
C’è un bel sole, tutto sembrerebbe andare per il meglio, non fosse che per tutto il tragitto non incontro anima viva.
Arrivo a destinazione ed entro nel parcheggio e finalmente vedo qualche essere vivente.
Sono tutti in una lunga fila, che corre lungo il muro del capannone, per poi girare verso un lato del piazzale.
Una ventina di persone, con il loro bel carrello, muniti di guanti e mascherina, penso: “benvenuti nel tempo del coronavirus”.
Con calma mi bardo anche io,guanto in lattice, mascherina recuperata tra quelle che usiamo per dare il verderame.
Spingendo il carrello mi incammino verso il fondo della fila e mi accodo all’ultima persona, una signora che sta armeggiando al cellulare.
Metto la faccia al sole, e mi godo per qualche minuto il tepore che mi arriva, poi mi rendo conto che l’attesa non sarà breve, e inizio ad osservare la gente in fila, e mi concentro sulla signora davanti a me.
Mentre tutti sono in abbigliamento molto disimpegnato, spicca per una certa eleganza, cappotto di lana loden color cammello, pantalone nero a sigaretta, scarpa nera con il tacco di media misura.
E’ alta, poi si gira un pochino e vedo che è anche ben truccata, occhiale da sole firmato, carnagione chiara, capello tinto di rosso che tradisce una frequentazione assidua della parrucchiera.
Poi si volta del tutto verso di me e noto che è robusta, non proprio grassa, ma dal cappotto aperto sul davanti fuoriesce un pò di pancia, strizzata in un maglione nero frastagliato di fili multi colorati e luccicanti.
Faccio una battuta sui tempi grami, lei mi sorride e risponde a tono.
Iniziamo a chiacchierare, mi pare di capire che lavora, che ha approfittato di un appuntamento li vicino per fermarsi a fare la spesa.
Trascorre una mezz’ora, prima che il nostro lento incedere ci porti di fronte alla porta scorrevole che consente l’ingresso al supermercato.
Quasi in contemporanea ci squilla il cellulare, sono Mia e suo marito, che vogliono sapere come procede.
Poi finalmente entriamo, tiro fuori il mio trattato di non belligeranza, e mi aggiro per gli scaffali, confezioni di acqua minerale, cibo per i cani, qualche busta di verdura surgelata.
La ritrovo al bancone del macellaio, un paio di battute, e poi di nuovo ognuno per la propria strada.
Quando il carrello è ormai stracolmo, soddisfatta mi reco alla cassa dove la ritrovo.
Vedo che entrambe abbiamo una discreta scorta di vini, lei ha anche un paio di bottiglie di super alcolici, e con il cassiere azzardo la battuta,”di questi tempi se resto senza vino per due giorni sono morta”.
Pure lei, che sta a sua volta svuotando il carrello sul tappeto mobile della cassa, afferma la stessa cosa , e ci facciamo una bella risata.
Esco e faccio piano, ormai mi intriga, e l’aspetto mentre lei con il suo carrello affretta il passo e mi raggiunge. Abbiamo le auto parcheggiate vicine, e dopo aver depositato le provviste nel bagagliaio le dico”aspetta che ti aiuto a caricare la spesa”.
Dalle chiacchiere fatte durante la fila, ho intuito che non deve abitare molto lontano da casa mia, forse solo un paio di chilometri, per cui tento, come una giocatrice di poker, l’apertura al buio.
Dico, “certo, ci fosse qualche bar aperto potremmo andare a prendere un aperitivo, prima di rientrare, ma ora, a meno che non ci fermiamo a scolarci una di quelle bottiglie che abbiamo comprato, da qualche parte imboscate nella campagna,ci tocca tornare a casa.”
Lei mi guarda un po’ sorniona e mi dice, “in fondo chi ce lo vieta, se sai qualche posto, ti seguo e lo facciamo”.
Un po’ stupita la osservo e le leggo negli occhi la voglia di trasgredire, la stessa che mi ha catturato nel preciso momento in cui ho visto la sua bella pancetta, una botta di vita in questa situazione grama.
Le dico di seguirmi che un posto forse c’era.
Dopo aver percorso un po’ di strada, avvicinandomi verso casa, faccio una deviazione, in una stradina che conduce in uno spiazzo in cima ad una collina, in mezzo a delle case abbandonate, in quella che un tempo doveva essere una fattoria popolata da contadini, lavoratori a mezzadria per qualche latifondista locale, finito in disgrazia come tutti i grossi proprietari terrieri dell’epoca.
Parcheggio e lei che mi ha seguito si ferma di fianco a me, scende dalla sua auto con una bottiglia di prosecco in mano, apre lo sportello del passeggero e si mette a sedere.
Mi porge la bottiglia,” stappala che brindiamo”.
Il tappo viene via in un men che non si dica, e gliela porgo, “a te l’onore”.
Ne beve una lunga sorsata, e poi me la ripassa, anche io ne faccio una lunga sorsata dicendo “alla nostra e al coronavirus”.
Poi poso la bottiglia e lei con un balzo mi si avvicina , mi mette la lingua in bocca e iniziamo a limonare duro.

Ci palpeggiamo e ci baciamo come due liceali, per qualche minuto, ma poi mi accorgo che ha voglia di essere leccata, che quello è il suo unico pensiero, ma a modo suo è un po’ pudica, non ha ancora trovato il coraggio di allungare una mano, di toccare quello che più di ogni altra cosa vorrebbe sentire.
Allora mentre la bacio, le slaccio i pantaloni, e abbasso la cerniera, e glieli sfilo fino a metà delle cosce, e poi appoggio la mano sul suo sesso, infilandola sotto alle mutandine, nere, setose e raffinate.
Sento che è depilata, e tutta bagnata, la sua passera è carnosa, il monte di Venere rigonfio e paffuto,
cerco il clitoride in mezzo a tutto quel mondo misterioso, e lo trovo, lo sfrego e lei inarca il bacino, mettendo in mostra tutta quell’opulenza che avevo intuito sotto al maglione.
Ora sento che anche lei si è messa a trafficare con i miei jeans, e dopo avermeli slacciati ed abbassati, mi ha infilato una mano nelle mutande e ha iniziato a toccarmi, con fare timido e delicato.
Poi penso a Mia e a suo marito, che a casa ci stanno aspettando, mentre noi ci stiamo lasciando andare agli istinti più bassi, al più infingardo dei tradimenti, e decido che non sarei andata oltre.
Mi allontano e richiudo i jeans, mentre lei per qualche istante resta bloccata, guardandomi un po’ confusa,
ma poi istintivamente si ricompone.
Ridiamo insieme per forse mezzo minuto, poi lei scende dall’auto e prima di avvicinarsi alla sua, si affaccia al mio finestrino aperto, mi stampa un bacio in bocca, e mi sussurra in un orecchio:
“stasera mi scortico la fica pensando a come sarebbe stato godere mentre mi leccavi”.

Questo racconto di è stato letto 3 3 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.