Ravenant-Un'altra stroia 1

Scritto da , il 2020-09-05, genere pulp

RAVENANT- ANOTHER STORY 1

Esterno buio rischiarato da certe luci al neon. Una stanza di motel dove i clienti si rifugiano in compagnie delle loro amanti del momento.
Kennet, sdraiato nudo su un letto con federe rosse, disteso a pancia in su, mani dietro la nuca, gli occhi socchiusi in estasi controllata.
Una ragazza di nome Zaya lo sta masturbando sapientemente da circa un quarto d'ora. Ha dita sottili e si muovono con maestria lungo l'asta rigida del suo membro.
Lei ha capelli neri a caschetto, lucidi come piume di un corvo, il viso ovale e un nasino piccolo che la fa sembrare una ragazzina. Gli occhi sono di un intenso color cobalto.
Indossa una lingerie rossa con il pizzo, stretto su due grossi seni che minacciano di esplodere da un momento all'altro, tenuti nel corpetto dada lacci neri stretti ad X.
Le lunghe gambe erano inguainate da una giarrettiera nera. Non aveva le mutandine e il sesso era in evidenza. Dietro la schiena, vicino alle sue chiappe, il tatuaggio di un piccolo ragno nero e rosso. "Sì.. Sì Zaya.." disse lui in estasi "Hai delle manine veramente abili"
"Mi sei mancato in questi giorni" disse lei sussurrando "Ho avuto da fare, bambina" risponde lui
Mi piace il tuo cazzo" dsse lei continuando a masturbare "E lo voglio tutto"
"Lo vuoi? Serviti pure"
La ragazza non se lo fece ripetere due volte. Senza smettere di masturbarlo, scivolò su di lui dischiudendo le labbra. La punta della lingua sfiorò la punta esposta mandando una scossa di piacere alla mente di Kenneth "Non venire proprio ora" e inghiottì avidamente.
Il cervello di Kenny esplose in una girandola di piacere allucinatorio. Come se fosse stato sotto l'effetto di una droga, lasciò che Zaya muovesse lingua e labbra su e giù lungo l'asta del suo sesso, facendogli raggiungere estasi di piacere assoluto.
Non seppe dire quando, ma la venuta arrivò liberatoria, come il getto di un idrante sulla folla. Fu percorso da un'ondata di energia che gli fece formicolare la pelle e alleggerire la mente, mentre il liquido denso eruttava dal suo pene e fluiva nella gola di Zaya.
Zaya rialzò la testa emettendo una sorta di risucchio, simile ad una ventosa in una pozza d'acqua, si pulì le labbra con il dorso della mano e poi scivolò sul ventre e sul petto di Kenny, fermandosi a pochi centimetri dal suo "Avida puttanella" ansima lui "Lo hai preso tutto"
"E sono pronto a rifarlo ancora"
"La notte è ancora lunga donna" si alzò di scatto e la voltò a pancia in sotto "Adesso fa divertire me" e con un unico colpo d'anca, entrò velocemente dentro di lei.
La penetrazione anale durò dieci minuti. Lei si sentì avvampare di dolore e piacere. Kenny si muoveva veloce e frenetico, quasi posseduto da quella carica che lo pervadeva.
La sua erezione era quasi massima. Poi smise di colpo e girò Zaya di pancia. Senza perdere tempo affondò in profondità nella sua vagina e ricominciò a martellare con frenesia violenta.
L'orgasmo si liberò con un urlo acuto. Lei s'inarcò e crollò esamine sul letto, mentre lo sperma la investiva fuori dalla vagina, sul ventre e sulle tette. Lui crollò in ginocchio e si distese su di lei "Hai una ganascia vogliosa tra le gambe, ragazza mia"
"E tu hai un trapano del sesso, uomo" rise accarezzandolo. Si alzò a fatica e si diresse barcollando nel bagno "Ho bisogno di una doccia" disse lei
Acqua fredda. I capezzoli diventano punte di diamante. Mentre si accarezzò il corpo, si ritrovò a stuzzicare le punte, ad infilarsi le dita nella figa. Acqua e sperma mescolati insieme, Zaya ci mette poco a raggiungere l’orgasmo anche sotto la doccia.
Quell’uomo.. Kenny, un vero stallone, un cazzo da far invidia ad una trivella. Era un cliente abituale da circa sei mesi. Ogni settimana passava a trovarla, la invitava in camera, facevano sesso selvaggio più e più volte e poi.. Poi lui lasciava un biglietto da cinquanta sul comodino e una promessa lunga una settimana.
Zaya uscì dalla doccia. Usò l’asciugamano per frizionarsi i fianchi e i capelli. Nuda ritornò in camera da letto.
Lui era ancora lì, vestito completamente, quel sorriso sfacciato da divo del cinema anni 50. In pugno una grossa pistola con il silenziatore. Non fece in tempo a realizzare che l’uomo premette il grilletto e un proiettile la colpì in pieno ventre. Barcollò, la mano premuta sulla ferita, il sangue che usciva copioso. L’uomo sparò un’altra volta e ancora, e ancora. Quattro volte, quattro fiori rossi che sbocciarono sulla pelle. Zaya cadde all’indietro con il ventre forato e il sangue che usciva dalla bocca e dal ventre.
Kennet si avvicinò a lei, il sorriso ancora immutato “Una brava scopatrice e una bocca da oscar del pompino” gli puntò la pistola alla tempia e premette il grilletto.
Bang! Buio.

Buio.
La coscienza riemerge poco a poco. E con essa, la consapevolezza di essere discesa in un Abisso dal quale non è possibile risalire. Le parole della madre le tornano in mente, ricamate sulla tela di una ragnatela. “Questo è un Gris, figlia mia. E’ un retaggio antico di secoli che i nomadi si tramandano dalla notte dei tempi. E’ un talismano che ti proteggerà, qualora tu.. Subirai un grave trauma”
“Grave trauma in che senso?” si era preoccupata Zaya. Aveva avuto l’istinto di grattarsi la vagina in maniera scaramantica
“Oh, non ti fare problemi, bambina mia. Non ti accadrà mai nulla di preoccupante”
Ma la storia del Gris, lo aveva saputo tempo dopo dalla nonna di Vassili, un suo amico. Gris era un’ancora magica. Quando avvertiva che il corpo stava per cedere in maniera non naturale,il Gris si svegliava e catturava l’anima del suo possessore. E il corpo subiva un processo tale che, niente sarebbe stato più lo stesso”

RISVEGLIO
Apro gli occhi frastornata. Non capisco dove sono, la nebbia nella mente mi offusca i ricordi. E’ buio, mi trovo in una stanza, credo di motel. Sento una specie di prurito alla fronte. Muovo le braccia scoprendole pesantissime. Una strana sostanza appiccicosa mi ricopre da capo a piedi. Un bozzolo. Mi libero a fatica. Sono nuda e sono sola. Il sole sta sorgendo dietro le tendine tirate.
Cerco degli abiti da mettere, non posso uscire così. Devo mangiare qualcosa. E mettere insieme i miei pensieri.
Esco. Nella borsetta trovo un mazzo di chiavi con un telecomando. Schiaccio il pulsante e si attivano quattro frecce di una Mini gialla e rossa. Ci salgo e metto in moto. Guido fuori da un piazzale, su una strada asfaltata deserta. Case sparse simili a baracche poi, la città con i suoi negozi, i centri commerciali e la tavola calda.
Mi fermo lì. Sul menù esterno si recita: la torta di mele più buona dello Stato. Credo sia un cliché comune a tutti. Ogni città che si rispetti ha la torte migliore dello Stato.
Mi siedo al bancone, ordino pane tostato con burro e marmellata. Ma non basta, lo stomaco manda un gorgoglio. E allora ci aggiungo anche un paio di sandwich di pollo e insalata. La cameriera di turno mi guarda con fare perplesso ma non dice nulla. Un cliente è libero di mangiarsi quello che vuole alle 8 del mattino. Finisco il tutto con la famosa torta migliore dello stato “Buona davvero’ commento ingoiando un boccone enorme. Soffoco un rutto, chiedo dov’è un bagno. Mi risciacquo il viso e mi metto a fissare il mio volto riflesso. Ricorda …

Un bell’uomo, affabile, fascinoso. L’ho conosciuto in un bar in un momento in cui la mia vita era in equilibrio precario. Un fidanzato traditore, i miei propositi di matrimonio andati in fumo.
Si è fatto avanti lui, offrendomi un gintonic. Abbiamo cominciato a parlare, ci siamo scambiati alcune chiacchiere. Alla fine, come era logico pensare, siamo finiti a scopare in una camera di motel di periferia, lontani da occhi indiscreti. E lo abbiamo fatto per diversi mesi, una volta la settimana. Lui, un rappresentante per una ditta di cancelleria. Io, un’impiegata statale dalle origini gitane,con il cuore spezzato e tradito.
E ora, sono morta.
Quell’uomo che ho amato tra le lenzuola di quel motel per sei lunghi mesi, si è rivelato per un colossale figlio di puttana, nonché assassino. La domanda è: si tratta di un killer prezzolato? Oppure è una specie di serial killer che ce l’ha a morte con le anime infrante?
L’unica certezza è che il Gris è ora attivo e vuole una cosa sola: Vendetta.





Questo racconto di è stato letto 1 1 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.