Lomellina noir-Ravenant (1)

Scritto da , il 2020-08-27, genere pulp

Lomellina noir-Revenant

Kelly
Luci al neon tremolanti. Lo sguardo oltre il vetro sudicio di una camera da motel. Il cortile di ghiaia è deserto, nessun cliente, bassa stagione. Il custode è nel suo cubicolo, a guardarsi un programma di quiz. Sono in reggiseno e mutandine, reggicalze nere, tutto in pizzo, uno scialle trasparente che copre, si fa per dire, schiena e spalle. Tra le tette spicca un tatuaggio dalle linee particolari, che richiama il disegno di un ragno. Un ragno nero, con un teschio bianco, diviso in quattro da una croce.
Le lenzuola del letto sono stropicciate. Sul comodino alcune banconote da venti e un revolver Smith & Wesson carico. “Diavolo!” impreco. Nervosa mi accendo la sigaretta. L’accendino è quasi scarico. Una debole fiammella riesce ad accendere la sigaretta in modo che io possa respirare un po’ di nicotina. Avevo smesso di fumare anni prima ma, la tensione degli ultimi giorni mi ha fatto riprendere il vizio. Aspiro una lunga boccata, il fumo gratta in gola come carta vetra. Poi espiro dalle narici come un drago pronto a fiammare il cavaliere di turno “Dove diavolo è finito?”
E’ uscito in fretta e furia, dopo una veloce e violenta scopata. Neanche il tempo di togliermi gli slip che già lui mi era entrato nel culo e mi aveva preso così, come una cagna in calore, e io aggrappata al cassettone vibrante ad ogni affondo che faceva.
Poi, dopo essere venuto dentro, si è rimesso l’uccello nei pantaloni ed era uscito “Prepara lo Champagne, baby”
Doveva essere di ritorno mezz’ora fa..

Luci che sciabolano nel piazzale. Un’auto scura sbanda e si ferma storta davanti alla finestra della mia camera, quasi sbattendo contro la balaustra. Corro verso il comodino e afferro il revolver, tiro indietro il cane, mi sposto velocemente nel bagno. La porta si spalanca, qualcuno entra come una furia e la richiude. Mi sporgo, braccio teso, pronta a sparare “Dillon!” urlo. Appoggiato alla porta, ansante, pistola automatica nella mano destra, larga chiazza di sangue sulla camicia, la mano sinistra premuta su una ferita che stilla sangue
“E’ andato tutto a puttane” biascica

Due ore prima
Dillon, Nia, Boris, CAlder. Il furgone è di colore nero, coi finestrini oscurati. Le targhe sono state rubate da un’auto in rottamazione.
“Entriamo, ci facciamo dare i soldi e ce ne andiamo” aveva detto Calder
“E la guardia giurata?” aveva chiesto Dillon
“E’ un vecchio rimbambito con i riflessi di un bradipo” aveva riso CAlder “Entriamo io, tu e Nia. Tu tieni d’occhio il vecchio. Io e Nia ci facciamo dare il denaro. Leghiamo clienti e personale e ce la filiamo via. Liscio come l’olio, nessuno muore, o si fa male”
“Quando cominciamo?” aveva detto Nia facendo scattare la sicura della sua Glock
“Ora” aveva battuto una mano sulla spalla di Boris “Tu, pronto a partire”
Boris aveva fatto segno con il pollice alzato. Dillon aveva afferrato la Sig Sauer calibro 9 ed era corso dietro a Calder.
Via deserta, un paese come tanto addormentato in mezzo a rogge e risaie. Poco più di mille abitanti, ora di cena, gente con le gambe sotto il tavolo. Una banca sola, sul far di chiusura. Dillon pensa al bottino da spartire, a Kelly che l’aspetta al motel, magari nuda o in reggicalze, o chissà che. Prima di uscire e unirsi al gruppo, l’aveva presa con violenza e stuprata nel culo. Uno sfogo, un fuoco ardente, la voglia di fare tutto e in fretta.
Il solo pensiero glielo fa venire duro.
Non si è accorto che Nia si è fermato e lui ci era finito contro. Lei si era voltata verso di lui, alzando il sopracciglio in maniera eloquente “Frena i bollori, tigre”
Passamontagna, Calder entra, frase d’effetto “Ok, gente, in alto le mani, questa è una rapina!”



Kelly
“Dillon!Mio Dio! Cos’è successo?” mi precipito da Dillon, lo sorregge “Mio Dio, dobbiamo andare in ospedale”
“No, non possiamo, hai capito? Non possiamo!”
“MA, cazzo Dill” lo faccio adagiare a letto, gli levo giacca e maglietta. Soffoco un grido quando vedo il contorno slabbrato del proiettile a cinque centimetri sulla destra dell’ombelico
“E’ uscito” dice lui digrignando i denti “Figlio di puttana! Altro che bradipo!”

Due ore prima.
I clienti e gli addetti agli sportelli alzano le mani. Dillon punta la pistola verso la guardia giurata che già stava abbassando la mano alla fondina della pistola. Non ha la faccia da vecchio: è un tizio sui 40, alto e robusto, con lo sguardo fermo e deciso. Dillon pensa, se mi distraggo, sono fottuto
Tic toc. Nia teneva sotto tiro clienti e addetti ai lavori. Calder si fece aprire la cassaforte. Dieci minuti, sacco pieno, clienti messi in sicurezza. Tutto ok? Sbagliato. Sbagliato per un cazzo.
L’imprevisto sotto forma di ritardatario, entra in banca per un deposito. Tutto si era svolto come al rallentatore. Lui entra, loro che ci distraggono un secondo più del necessario. La guardia giurata, come un dannato cowboy nel Far West, abbassa ed estrae come un dannato Billy the Kid.
Calder punta il suo fucile a canne mozze contro il cliente ritardatario, Nia tiene i clienti sotto tiro, la guardia giurata estrae e punta verso Dillon. Reazione, un battito di ciglia, Bang! Quasi all’unisono. Dillon che viene colpito all’addome. LA guardia giurata colpita in piena fronte. Secco al primo colpo “Merda!” aveva esclamato CAlder afferrando il cliente, sbattendolo a terra e colpendolo con violenza “Testa di cazzo figlio di puttana”
E via, fuori, nella via deserta fino al furgone. Boris li vede e grida “MA che cazzo è successo?”
“Muoviti, via!” urla CAlder
E via tra strade di campagne polverosa, cascine abbandonate e risaie. Il furgone entra in un fienile a tutta velocità. Un uomo con un largo cappello di paglia, vestito come un contadino, si preoccupa di sbarrare il portone del fienile “Spero per voi che non vi stiano correndo dietro” dice osservando fuori la nube di polvere che galleggia nell’aria
“Non credo” aveva risposto Calder aiutando Dillon e Nia a a scendere
“Ma che cazzo!” esclama il contadino
“Rattoppalo, Doc” aveva ordinato CAlder
“Foro d’entrata e d’uscita” aveva storto il naso “Ti è andata bene”
Avevano diviso il denaro poi, uno alla volta, se n’erano andati tutti. “Profilo basso Dillon” aveva raccomandato Calder

Kelly
Nudo, una vistosa toppa scarlatta sull’addome e dietro la schiena. Mi sdraio accanto a lui, lo stringo, comincio a baciarlo. Con la mano afferro il suo uccello e comincio a masturbarlo. Lui sembra apprezzare, irrigidendosi.
Mi sposto più in giù, espongo la punta, incomincio a leccarlo. Lui emette un gemito, lo sento fremere. Continuo a leccare, piano, come se avessi un cono gelato davanti a me. Poi chiudo con le labbra, do’ dei colpetti sulla punta, succhio da vera troia. “Scopami” dice lui
“Ti farò male”
“Scopami, dannazione” inveisce lui
Lo cavalco, impalandomi lentamente su di lui. Lui geme, io comincio a muovermi lentamente. Sciolgo i miei lunghi capelli ricci e biondi, dimeno i fianchi, lascio che le sue mani tocchino le mie tette, che mi strizzano i capezzoli.
Sto godendo da troia, non penso ad altro. Non penso neanche più al ritardo. Sì, perché il ritardo dell’attesa non è per Dillon ma…
Lui esplode dentro di me, un urlo liberatorio che libera anche me e mi fa crollare sul letto accanto a lui. Lui, il cazzo ancora eretto, che erutta come un geyser, facendo un arco quasi perfetto nell’aria e andando ad infrangersi contro la parete “Dovrò pulire questo posto” si alza a fatica, premendosi la mano sul fianco “Maledetta guardia. Calder aveva detto che era un vecchio con la velocità di un bradipo. Invece era un uomo adulto con la velocità di un fottuto crotalo” si dirige verso la porta, esce, torna poco dopo con un borsone “Due milioni di euro” batte una mano sulla sacca
Mi alzo a sedere sul letto, lancio un’occhiata alle tende, alle luci tremolanti lì fuori . Mi alzo, nuda come sono, la fica ancora umida di sperma. “Vado in bagno” dico
“Sai, una mia curiosità: che significato ha quel tatuaggio strano che hai tra le tette?”
“Questo?” mi tocco il tatuaggio, ne seguo i contorni “Retaggio”
“Di che?”
“Magia”
“Magia?”
“Un’antica credenza che risale ad una tribù gitana vissuta all’epoca di Vlad l’impalatore”
“Vlad, il maledetto Dracula?” ride
“Mia nonna si definiva maga, colei che proteggeva il popolo nomade dalla cattiva sorte e teneva lontani gli spiriti oscuri. Questo è uno spirito guardiano di nome Asazhi, che può trasformarsi in un feroce guerriero dotato di vendetta se viene provocato nella maniera sbagliata”
“Uh, paura” ride lui aprendo la cerniera della borsa “Aspetti qualcuno, forse?”
“Come?”
“Continui a lanciare occhiate nervose fuori dalla finestra da quando sono rientrato. Chi aspetti?”
“Io, non aspetto nessuno. Aspettavo te. Che ti prende?”
Lui estrae dalla borsa un grosso revolver e me lo punta contro “Gran bella scopata, troia infame”
“MA che diavolo ti prende?”
“I tuoi amici non erano nascosti bene” sorride Dillon “Calder e gli altri si stanno occupando di loro, in questo momento. Dimmi, sei un’informatrice o sui un fottuto sbirro?”
“Senti, Dillon..”
Il rumore dello sparo è un colpo di cannone che mi sfonda i timpani. Un pugno allo stomaco che mi mozza il respiro, il corpo che viene sollevato in aria, il sangue che fuoriesce come il getto di una fontana. Finisco a sedere all’indietro, sbattendo con violenza contro il bordo della vasca. Il sangue sta disegnando una pozza attorno al mio corpo nudo, insieme all’urina e allo sperma. Lui si avvicina, il sorriso di uno squalo, mi solleva il mento con la punta del piede e calcia la mia testa all’indietro “Non puoi essere uno sbirro. Sarai una troia zingara infame che collabora con la polizia. Bel corpo, gran belle tette e una fica da succhiare ad ogni momento ma, sei una spia fottuta” mi appoggia la canna della Magnum sulla mia fronte “Spiaccicherò il tuo fottuto cervello nella vasca da bagno e poi, darò fuoco a tutto il maledetto hotel. Di te non rimarrà nulla” ride quando preme il grilletto e il buio mi esplode nel cervello

Dillon, Calder, Nia, Boris contemplano il rogo del motel San teodoro. Il custode dell’hotel giace vittima di un avvelenamento da piombo e ora brucia anche lui insieme alla sua bettola e quella spia del cazzo “Gli sbirri arriveranno a frotte” dice Nia
“Che vengano” ride Dillon “Le nostre prove sono là dentro. Nessuno risalirà a noi”
“Arrivano i Vigili del fuoco” dice CAlder osservando le luci in lontananza
“Inizia il circo” Dillon mette il borsone nel bagagliaio dell’auto e si accinge ad attendere i soccorsi
Questioni di attimo e arrivano tutti in pompa magna: vigili del fuoco, Polizia, Carabinieri. Dopo i giornalisti “Che succede qui?” chiede un poliziotto sceso dall’auto
“Un incendio, probabilmente doloso” dice Dilllon estraendo un tesserino da poliziotto e sventolandolo sotto il naso dell’agente “Fate transennare la zona e lontano i curiosi”
“Oh, sì, ispettore Dillesi” scatta sull’attenti l’agente
Arturo Dillesi in arte Dillon sorride. Tutto liscio come l’olio. Niente e nessuno avrebbe potuto fermarlo

=Fine 1=

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.