Il sequestro (V parte)

Scritto da , il 2020-08-26, genere pulp

Ore 7:00
Dopo un paio d’ore Rossana riprese conoscenza, aprì gli occhi e si ritrovò nuda in camera nel suo letto. La testa le girava e il suo respiro era così alcolico da far ubriacare chiunque l’avesse avvicinata. In queste precarie condizioni provò a girarsi su se stessa, la mancanza di lucidità le fece dimenticare per un momento quanto stesse accadendo, ma appunto fu solo per un momento, perché la fisicità del dolore provocato dai reali affondi di Valerj che le avevano deflorato l’ano poc'anzi, le ricordarono che fosse meglio muoversi con più cautela. Con lentezza provò a stendere gradualmente le sue lunghe gambe per poi provare a sedersi sul materasso, ma una volta raggiunto il massimo dell’estensione avvertì una notevole fitta di dolore. La pancia era in subbuglio evidentemente sia per il sesso ruvido, a cui era stata sottoposta, sia per l’alcool. Realizzò in pochi minuti tutto ciò che era avvenuto nelle ore precedenti e una volta analizzato per bene l’accaduto avvertì nuovamente quella sensazione di vergogna per aver goduto sotto i colpi di quegli animali. La penetrazione inaudita a cui si era abbandonata l’aveva scombussolata e solo ora si poteva realmente rendere conto dell’enormità dell’organo che l’aveva deflorata. Massaggiò delicatamente la pancia e adagio, finalmente con non poca fatica, si sedette sul letto. Osservò la sveglia sopra al comodino, erano le 07:07, mancavano ancora 5 ore all'ora X che i banditi avevano stabilito per ottenere il riscatto che avrebbe nuovamente reso libera la sua famiglia. Il sangue in testa le pulsava e sentiva il fottuto bisogno di un’aspirina, tutto quell'alcool trangugiato a forza l’aveva intontita per bene. Con fatica e dolore si alzò dal letto, con lo sguardo cercò qualcosa con cui coprire le sue nudità, magari i vestiti che qualche ora fa indossava, ma ricordò che era stata privata di essi ancor prima di varcare l’uscio della sua camera. Rassegnata aprì l’armadio accanto e indossò la prima t-shirt, e dei pantaloncini bianchi, poi ancora barcollante raggiunse l’uscio della porta della camera. Una volta nel corridoio sentì delle voci provenire dal salotto, si appoggiò al muro e silenziosa cercò di raggiungere il vano. Era quasi alla metà del corridoio quando il suono, e la voce, delle parole si fecero sempre più percettibili e con esso anche il senso del discorso. In prossimità della fine del corridoio si fermò e senza far rumore si posizionò in modo da poter origliare la conversazione. Distinse nettamente la voce di Darko, seguita da quella di suo marito, i due parlottavano abbastanza animosamente. Il ceceno sembrava avesse perso ogni tipo di pazienza e urlava contro Mario parole non proprio di stima. Quelle urla accentuarono il suo mal di testa, avrebbe voluto intervenire e urlare a tutti di stare in silenzio e correre in dispensa per prendere la medicina, ma ad un certo punto la sua attenzione fu catturata da uno strano avvertimento da parte del serbo. Un ammonimento che le sembrò di capire che avesse a che fare con la responsabilità e con il denaro.
M:- Ti prego, sii ragionevole, ho una famiglia da mantenere, non posso privarmi di tutti i miei risparmi per voi.
D:- Per tuo figlioooooooo, cazzo! Non per me.
Urlò Darko , mentre si sentì echeggiare il rumore di uno schiaffo nella sala.
Impaurita la donna schiacciò la schiena contro il muro, i toni e i rumori provenienti dalla stanza la angosciavano, ma ora doveva sopperire a qualcos'altro, a quel bisogno di capire fino in fondo cosa stesse succedendo e soprattutto capire cosa l’uomo della sua vita le stava nascondendo. Intimorita si ritrasse su se stessa rimanendo sulla punta dei piedi, immobile con la schiena contro il muro, origliando l’animosa conversazione tra i due che intanto proseguiva:
D:- Ti è piaciuto scopartela eh? La minacciavi! Lei me lo ha raccontato in lacrime quando la prendevi in bagno mentre faceva le pulizie,oppure nel tuo lettone quando tua moglie usciva. Ti sei fottuto mia sorella e hai lasciato insoddisfatta tua moglie, che coglione che sei! Ma ora devi pagare, pagherai fino all’ultimo centesimo, il figlio è tuo e devi provvedere al suo mantenimento.
Mario rispondeva fiaccamente alle sue accuse cercando di difendere la sua posizione e giustificare anche i sentimenti per la ragazza in questione, circostanza che paralizzò Rossana.
M:- Non è come credi! Tra me e Jelenka c’è stato qualcosa, c’eravamo innamorati e abbiamo portato avanti la nostra relazione finché abbiamo potuto. Quando mi ha detto di essere in cinta poi abbiamo deciso di comune accordo di interrompere la nostra storia, le ho dato dei soldi e lei è andata via.
Un forte pugno lo colpì in pieno volto, seguito da una serie di calci ben assestati, che se non fosse intervenuto Iancu lo avrebbero sicuramente ucciso
D:- Sei un pezzo di merda, bugiardo l’hai gettata via per strada dopo averci fatto i tuoi porci comodi. Mi ha raccontato che tra voi non c’era nulla e che lei accettava di farsi scopare dal tuo cazzetto solo per soldi, che poi inviava a casa.
Il sangue ora scivolava lungo il labbro di Mario che respirava a fatica steso sul pavimento. Un colpo di tosse gli scatenò un forte dolore lungo le costole, mentre riprese a respirare a fatica. Poi continuò:
M: Le invio ogni mese un assegno per mantenere suo figlio…cosa altro dovrei fare?
In preda all'isteria totale Darko si lanciò nuovamente contro l’uomo per terra e lo colpì inveendo ancora.
D: Tuo figlio, pezzo di merda! Ora i tuoi soldi non bastano più, lei non lavora più da quando è tornata a casa e con quei soldi deve mantenere oltre a suo figlio anche i nostri anziani e malati genitori.
Poi con rabbia colpì un vaso sul tavolo facendolo volare contro il pavimento, riempiendo di cocci di vetro il parquet. Seguì un breve momento in cui Rossana poté udire le sue silenziose lacrime che iniziavano a fasciarle il viso. Poi quell'istante surreale fu interrotto nuovamente dal sequestratore, il qual si rivolse a Mario aggiungendo con un tono meno irruento, ma fortemente intimidatorio:
D:- Con questa storia del sequestro ti sto salvando la vita, ma non riesci a capirlo perché sei troppo stronzo: uscirai pulito da questa storia pagando un riscatto, ma in compenso manterrai la tua bella famiglia, tua moglie non saprà mai che non sei capace a tenere l’uccello nei calzoni e di conseguenza i tuoi figli non sapranno mai di avere un fratello. Le ferite si cicatrizzeranno e te continuerai a vivere in questa lussuosa villa di merda. Ma sei troppo coglione per capirlo!
Con le ultime forze che gli erano rimaste, Mario malconcio gli ricordò con orgoglio l’umiliazione a cui aveva dovuto assistere e urlò con rabbia:
M: - Non mi stai solo rapinando. Ti sei scopato mia moglie, cazzooooooooooo!
A queste parole il serbo tornò più sereno e con soddisfazione gli rispose
D:- Io, anzi noi abbiamo fatto solo un favore alla tua dolce mogliettina insoddisfatta, ha goduto, l’hai sentita e vista anche te mugolare mentre la montavamo Il tuo cazzetto non la soddisfa, ma potrai far finta che questo non sia mai successo, lei era bendata e della tua presenza non si è accorta. Questa è la piccola pena da pagare, avere una mogliettina fedele ma puttana.
Rossana nonostante il suo triste stato d’animo a quelle parole abbassò gli occhi arrossendo.
Darko poi riprese minaccioso:
A me basta poco per rovinarti, potrei andare a parlare con lei ora e metterla al corrente delle volte che ti sei approfittato di mia sorella o peggio ancora spiegare ai tuoi figli che hanno un fratellastro in Cecenia figlio del loro padre e della loro domestica. Allora cosa vuoi fare pagare questi sporchi 30.000 euro oppure perdere tutto quello che hai costruito nella tua miserabile vita?
Mario si alzò con difficoltà e una volta in piedi raggiunse il divano, sotto lo sguardo attento di Valerj che fino a quel momento aveva fatto da spettatore senza dire una parola, e si lasciò cadere su di esso.
Si ripulì del rivolo di sangue che scorreva dal labbro sinistro e dopo qualche istante rispose:
M:- Hai preso già una parte dei miei risparmi dalla cassaforte, più i monili di mia moglie, ora ti darò quello che chiedi ma dovrai sparire per sempre dalla mia vita.
La replica non tardò:
D:- Non chiedo altro, con te non vorrei averci a che fare nemmeno se fossi l’ultimo uomo sulla terra, e ovviamente non conoscerai mai tuo figlio.
Quanto appena sentito distrusse la già precaria psiche di Rossana, che senza fare il minimo rumore si staccò dal muro su cui si poggiava e in punta di piedi si diresse verso la sua stanza incurante del prosieguo della conversazione tra i due. Quanto sentito poteva bastarle per entrare in uno stato catatonico per il resto della vita, impegnò il corridoio sparendo tra la penombra del sole del mattino che iniziava a conquistare gli angoli bui della casa. Alle sue spalle le voci dei due si fecero sempre più lontane e indistinguibili,non le importava più nulla di quello che dicesse o di ciò che avesse fatto quel infedele del suo uomo. Tuttavia prima di sparire nuovamente nella semioscurità riuscì a percepire della sincerità nell'ultima frase del sequestratore:
D:-Di tutta questa storia mi spiace solo per tua moglie che non potrà mai sapere che razza di merda sei.
Mai parole non furono più azzeccate pensò la donna intanto che guadagnava l’uscio della porta della sua stanza, mentre allo stesso tempo le lacrime continuavano a rigarle silenziosamente il volto.
Mario nel frattempo fu aiutato da Iancu ad alzarsi dal divano, era mal ridotto, ma non così tanto da non rimanere in piedi. Darko lo guardò con disprezzo e poi aggiunse:
D:- Bene! Ora vatti a dare una sistemata, Iancu ti darà una mano a ripulirti e ti accompagnerà in banca. Ovviamente ti aspetterà in auto, dove saremo in costante contatto, al minimo errore o sospetto non esiterò a far fuori la tua famiglia. Tutto chiaro?
Senza emettere alcuna parola, Mario annuì e sparì con Iancu dalla stanza.





Questo racconto di è stato letto 2 7 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.