Sabella noir 4 - In gabbia -

Scritto da , il 2020-08-14, genere pulp

In gabbia
Con il marito della Marisa di nuovo a casa a festeggiare la lunga permanenza lontano da casa, il sottoscritto, oltre a passare le ore vuote a farsi seghe, ha pensato bene di fare il segugio e di continuare le indagini. Sabella è ancora in coma, sua madre veglia giorno e notte su di lei, pregando e maledicendo. Io, la vado a trovare in ospedale e rievoco i bei momenti passati insieme. Certo, mi piacerebbe infilare la mano sotto le lenzuola e stuzzicarla un po’. Infilare le dita in quella fichetta non più stretta e, sì, magari anche svegliarla dal coma in cui è precipitata. Mi limito a stringerle la mano e a sussurrarle qualche parola
Molti dei suoi ammiratori / amanti, sono passati a trovarla in ospedale, portando fiori, palloncini colorati, peluche. In un angolo c’è un altare composto da questi doni e uno cartello con su scritto NOI TUTTI ASPETTIAMO IL TUO RITORNO.
E mentre esco dalla sua stanza mi arriva incontro un carabiniere dalla pelle scura e i baffetti alla Zorro, che intima l’alta, tipo vigile e mi chiede di seguirlo “A che Pro?” chiedo
“Come persona informata sui fatti” risponde lui “Ci segue senza fare storie?”
“Maresciallo, mi vuole spiegare perché?”
“Manette” dice rivolto ad un appuntato lì vicino
“Ok, ok” alzo le mani “LA seguo” ma che cazzo succede?

“Signor Torrisi..” comincia il maresciallo
“Ispettore Torrisi” sottolineo
“Ex ispettore. Mi risulta che lei sia sospeso dal servizio per condotta indecorosa”
“Perché sono qui? E dov’è il capitano?”
“Il capitano non la può aiutare al momento” punta il dito sulla scrivania “Lei è il fratellastro di Sabella MAsseri?”
“Nonché suo amante”
“Queste illazioni..”
Alza una mano e mi guarda con condiscenda “Sappiamo che lei e sua sorella.. sorellastra, avete avuto rapporti incestuosi, immorali, in più di un’occasione”
“Maresciallo”
“Finisco di parlare io. Lei è una vergogna alla divisa che porta”
“Mi sta accusando di avere investito mia sorella e ucciso Ambrosi?”
Lui agita una mano come a scacciare una mosca fastidiosa “Parliamo di sua sorella” non si corregge neanche più “Sono anni che fa sesso con lei. Una minorenne..”
“Maggiorenne”
“Minorenne” alza il tono di voce
“Legga bene la data di nascita”
“Chiuda quella bocca o la sbatto in cella insieme ad un paio di criminali desiderosi di rifarsi sulla sua pelle” assurdo, ridicolo. E la Marisa dov’è? A Casa con il marito a farsi inculare allegramente. E qui, quello che viene inculato sono io
“Non sono stato io ad investirla. E’ stata usata l’auto di Giulio Ambrosi, la scientifica ha appurato..”
“Sì, sì, sì.. Ma lo sappiamo tutti e due che non vuol dire nulla”
“MA che cazzo! Cos’è questa smania di volermi accusare a tutti i costi? Sto anche aiutando nelle indagini”
“Insomma la smetta. Un testimone afferma di averla vista con Sabella poco prima di essere investita. E l’uomo che si è fermato per soccorrerla, ha fatto una descrizione dell’investitore. Descrizione che ricalca la sua figura”
“Mente”
“Tutti mentono, tutti sono innocenti”
“Falsa testimonianza. Magari qualcuno a cui sto sul culo”
“La smetta di fare il pagliaccio. Via, lei è in arresto”

Arrestato come un comune criminale. Messo in gabbia come un animale e un testimone che mi accusa di essere l’aggressore di mia sorella Sabella.
Ma che cazzo di prove hanno a parte il falso testimone? E come hanno saputo che io e Sabella abbiamo avuto dei rapporti sessuali.
Ah, ma che palle! E dove cazzo è finita la Marisa? Diavolo, torna il marito e si prende una pausa dai suoi doveri?

La Marisa, nuda a pancia in giù, abbracciata ad un cuscino e il marito Fausto a cavalcioni dietro, che le massaggia la schiena. Rilassante. “Sicura che non è un problema tenerti lontana dalla Caserma?” chiede lui
“Nulla che il maresciallo non possa gestire. Sono solo due giorni”
“E di quel caso che mi hai accennato?”
“Punto fermo. Si devo aspettare le analisi della scientifica. E figurati se quelli si muovono il sabato o la domenica. E ci siamo fermati un po’. Confido su l’ispettore a riposo Mauro Torrisi”
“Torrisi” emette un grugnito “Buono quello. Non era in sospensione?”
“Si è offerto di aiutarci. Sabella è la sua sorellastra. Fintanto che non intralcia le indagini”
Fausto si adagia maggiormente contro il culo della moglie, fa sentire il desiderio virile tra le sue chiappe e preme, muovendo i fianchi, nella speranza di invogliarla “Che ne diresti se..” il telefono fisso squilla in maniera fastidiosa “Oh, cazzo..”
“MA che rompi cazzo” malvolentieri, la Marisa si alza e, tutta nuda, si muove verso il marito “Pronto” dice sgarbata
“Ciao Marisa, scusa se rompo il cazzo lì a casa..”
“Sì, cazzo..”
“mi hanno arrestato”
“Cosa? Chi?”
“I tuoi colleghi, il maresciallo come cazzo si chiama. Mi ha arrestato e ingabbiato perché qualcuno dice di avermi riconosciuto di spalle mentre scappavo del luogo dell’incidente”
“Ma tu hai un alibi”
“Sì, ma non lo posso dire specie che ora c’è tuo marito a casa per le vacanze”
Marisa appende e sospira profondamente “Marisa?”
Si volta verso il marito, la virile erezione ancora in atto. Scuote la testa. Mauro può aspettare un po’. Si dirige verso il marito “Ho una bega sul lavoro ma, non urgente. Quindi, usa quell’affare che hai tra le gambe e dacci dentro come se non esistesse un domani”

La Marisa entra nell’ufficio del maresciallo Tancredi. Questi, sorpreso, si alza in piedi nel saluto militare “Dica un po’, è forse impazzito?” il maresciallo, la mano bloccata a metà, si blocca frastornato fissando il suo superiore “Avete arrestato Mauro Torrisi e non mi avete chiamato?”
“Capitano, per così poco..”
“Seduto” il maresciallo, obbediente, si sedette “Lo tiri fuori”
“Capitano”
“Ora”
Un testimone lo ha riconosciuto..”
“Il testimone mente”
“I suoi trascorsi”
Il capitano pianta i pugni sul tavolo e si sporge il più minacciosamente possibile verso il maresciallo e disse con un tono di voce simile ad un laser “Non lo posso mettere per iscritto, maresciallo Tancredi ma, le posso dire che il signor Torrisi è estraneo ai fatti”
“Il testimone dice..”
“Dice un cazzo perché Torrisi ra con me. Tutta la notte” si alza lentamente dando modo al maresciallo di assimilare la notizia “E le assicuro che non si è allontanato da casa per tutta la notte e il giorno. Adesso, numero uno: il nome del testimone. Numero 2: liberate Torrisi. Numero 3: Non dirà nulla sul perché lo scarcerate. Errore burocratico andrà bene”
“Lei capisce che mentire in un’indagine porterebbe a gravi conseguenze, specie se un ufficiale dell’Arma..”
“Ognuno la sua pecca, maresciallo. Io ho Torrisi, lei ha la figlia del farmacista” e qui s’irrigidisce facendo vibrare i baffi “mi saluti sua moglie”

fine 4

Questo racconto di è stato letto 4 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.