Seduzione estiva - The dark side

Scritto da , il 2020-08-11, genere etero

Beh, che gli vuoi dire? Giusto due parole: bel manzo. Fine. La sostanza è questa, inutile aggiungere altro. Mica c'è da scriverci sopra un romanzo. Ah no, eh? Dite che non me la posso cavare così? Che questo è un racconto, un certo tipo di racconto, e che il lettore si aspetta che scriva certe cose ecc ecc... Cioè, volete una cosa tipo ciao, sono Annalisa, sono alta 1,76 cm x 48 kg, ho una seconda di seno quando va bene ma in compenso ho un culetto che ha appena vinto tre Grammy. Sono bionda, ho gli occhi azzurri e un bel visino furbetto e sono anche tanto ma tanto puttana...

Ahahahah, ma no, dai. Ma che cazzo, non so scrivere così. E poi non sono nemmeno sicura che questo sia quel tipo di racconto.

Vabbè, ok, faccio uno sforzo. Perché volendo sì, è vero, qualcosina su questo manzo qui si potrebbe aggiungere. Ad esempio, che il modo di ravviarsi i capelli con la mano lo trasferisce dalla categoria "bel manzo" direttamente alla categoria "bel manzo pericoloso". Oppure che è un po' sbruffone. E sì, eh? La t-shirt bianca per evidenziare l'abbronzatura, come on, boy... Comunque peccato che se la sia infilata, il petto e gli addominali meritavano. Anche se capisco che venire qui al bar in costume, soprattutto a quest'ora, beh... meglio evitare, magari qui si incazzano. Tra l'altro, è vero, quella maglietta da un lato nasconde qualcosa, dall'altro però sottolinea proprio bene quei bicipiti. Mica male nemmeno quelli, ma manco per niente. Tesi, lunghi, non quelle pagnottone da maniaco della palestra.

Carina anche la sua ragazza, eh? Forse non proprio all'altezza, ma carina. Che poi a me che cazzo me ne frega, devono piacersi tra di loro. Ce ne saranno di cose che apprezzano l'uno dell'altra, no? Palesi e nascoste. Per dire, chissà come la stritola quando la prende tra quelle braccia... No, cioè, volevo dire chissà come la fa sentire sicura. Parlavo di cose così, che avevate capito?

Ah, è in questo modo che vi salutate voi due? Un bacetto per guancia? Espansivi, eh? Siete sicuri di essere fidanzati? Vabbè, come prima, cazzi vostri.

Io adoro le borse. Esteticamente e non solo. Mi direte ma adesso che cazzo c'entra, sei impazzita? 'spetta, 'spetta, te lo dico io che cazzo c'entra. C'entra tanto che, mentre me lo stavo lumando, diciamo, con una intensità medio-alta, il tipo si è voltato e mi ha vista. E io... zacchete! ho infilato lo sguardo nella borsa facendo finta di cercare le sigarette. Che poi, se riuscissi davvero a capire dov'è il pacchetto me la fumerei anche una sigaretta. Possibile che in questa borsa non si trovi mai un cazzo? No, non è che sono nervosa. E' che certe volte il trucco della borsa non riesce e... e quello sta venendo verso di me.

Mi sa che questo ci sta provando.

- Andiamo a bere qualcosa - dice.

No, cioè, scusa, aspetta un attimo. Ma che, si fa così? Cioè, questo ti sembra un invito? E' 'na convocazione! "Andiamo a bere qualcosa". Così, senza nemmeno il punto interrogativo. Ok, il gelato l'ho finito, ma spiegami te perché dovrei alzarmi e venire con te al bancone. Ma che cazzo di modi sono? Dove l'hai imparato il galateo, a Regina Coeli? Non ho nemmeno tanto tempo. Dimmi solo un motivo perché una... uuuhm, io un vodka tonic, grazie.

Non va bene il vodka tonic? Perché? Cioè, a me piace. No, il mojito no. Lo bevo solo in certi posti. In genere ci mettono tutti una quintalata di ghiaccio e mezzo cucchiaino di rum, dai... d'accordo “guidate sicuri”, "bevete responsabile" e tutte quelle cose lì, però... Ah, qui lo fanno bene? Ok...

Io Annalisa, tu? Ah, Alfredo? Ok, Alf...No, no... io proprio Annalisa, al massimo Annalì, ahahahah... cioè, sì, a casa qualche volta mi chiamano Anna, ma a me non piace molto quando mi chiamano Anna... Da piccola avevo una compagna di classe che si chiamava Anna e mi stava sul cazzo ahahahah, quindi discorso chiuso.

Primo: smettila di ridere come una scema. Secondo: respira, prendi aria. Terzo: mica è detto che questo ci stia provando. Magari vuole solo fare due chiacchiere...

Eccole là, me le vedo le mie amiche, sapete? Stefania, Trilli con la corona d’alloro in testa, Serena, Ludo, Debbie, pure se non capisce una minchia perché parliamo italiano e lei è olandese. Cazzo, sembrate un coro greco, dovete solo scegliere la corifea... Tutte schierate in piedi davanti a me che mi fanno “a Annalì, ma quante volte l’hai visto uno che ti porta al bar, in questo modo poi, e che vuole fare quattro chiacchiere? No, mò facce ride...”. Troie, oche, che cazzo c’entra? Ma perché, uno non può avere voglia di... di parlare e basta? Me la vedo Stefania che sghignazza come solo lei sa sghignazzare. E pure Debbie che dice “d’you remember Wim?”. Sì, certo che me lo ricordo Wim, ma quello ce l’aveva con te!

No, ok, avete ragione. Questo ce sta proprio a provà.

- Perché non ti togli quegli occhiali? Sono sicuro che sotto hai due fanali azzurri... Ecco, lo sapevo, bellissimi.

Cioè, ma che davvero mi sono tolta i Ray-Ban? Eh sì, ce li ho in mano, vabbè che non c’è nemmeno più tanta luce... E mi sa che mi tocca pure ringraziare.

- Grazie...

No, non è che sono venuta al mare. Cioè sì, ma stavo a Sabaudia. Una mia amica ha casa lì e ieri sera era la sua festa di laurea. Il mare l’ho fatto stamattina, più che altro. Qui ci sono capitata proprio per sbaglio. Volevo tornare un po’ prima che scoppiasse il casino, ma non volevo prendere subito la Pontina, eeee... beh, insomma, è stata una cazzata: un camion si è messo di traverso e poi si è ribaltato. Non lo sai? Ah già, tu stavi in spiaggia... Un casino! Un botto... portava del vino, chissà che puzza... Beh insomma io stavo dietro, una cinquantina di metri, eh? Mica tanto. Mi sono detta “qui si blocca tutto” e ho svoltato subito. Il navigatore impazzito, ahahahah “Vai di qua, vai di là, ricalcolo...”. Insomma sono finita sul lungomare e c’era un casino di traffico. Si è liberato un parcheggio qui davanti e mi ci sono infilata. Carino sto posto, ma dove cazzo stiamo, Anzio o Nettuno? La pianti di guardarmi in quel modo?

- Ma no, che Anzio, qui è Nettuno...

Ah, ok, che ne sapevo? E’ colpa mia se hanno fatto due paesi attaccati? Ne potevano fare uno, risparmiavano pure, no? Aspetta, scusa un secondo, ma dico davvero: la smetti di guardarmi così? E quel sorrisetto, poi. Cioè, lo so che dico un sacco di stronzate e straparlo. Ma cazzo, stiamo qui da nemmeno mezz’ora e sono già al terzo mojito! E poi tu hai quell’espressione da... sembri un gatto che ha visto... Cioè mi sento una preda se mi guardi in quel modo, lo capisci? Non è che non mi piaccia sentirmi preda, eh? Cazzo, sì che mi piace. E tu sei pure un bel cacciatore. Maaa... Cioè, insomma, devo smetterla di bere.

- Devo smetterla di bere, se mi becca una pattuglia... non è che ho bevuto proprio del tè, come dice la canzone ahahahah... Non la conosci? Margherita Vicario? “Permette seniorina ma come sei bela...”. No, eh? Non è che quest’ape mi punge?

- E’ una vespa...

- Ah, è una vespa... vabbè, ma se mi punge? Da piccola mi hanno dato il cortisone, mica giro con il cortisone in borsa...

- Paura dei pungiglioni?

No, cos’era, un doppio senso? Davvero, mica ho capito. Ho proprio paura di api, vespe, calabroni, il cazzo che sono... Magari sono allergica e mi prende uno shock anafilattico... che ne so?

- Beh, dipende dai pungiglioni - rispondo - ... ahahahahah.

Oddio, ma che cazzo gli dico? Sul serio gli ho detto questo? Ma che, sono sbronza? E chi ci torna a Roma così?

- Ti piace il pesce?

Era un doppio senso pure questo? Keep calm, Annalisa. Keep calm e attenta a quello che dici.

- Cioè, in che senso? Sì mi piace... ma in che senso?

- Nel senso che forse è meglio se prima mangi qualcosa e poi ti rimetti in viaggio... Qui c’è un posto dove il pesce lo fanno bene.

Ah, ecco, era in quel senso. Cioè, fammi capire quel “poi ti rimetti in viaggio”. Che razza di gioco sta giocando questo qui? E io che come una deficiente gli ho pure detto “però devo avvertire mia sorella”. Cioè, vado a cena con questo?

Adesso, è ovvio, Martina mi si incula. Che stamattina mi ha chiesto se restavo anche stanotte da Trilli e io le ho detto che invece sarei tornata. Però, Martì, va bene che mamma e papà non ci sono, ma diciamocelo chiaramente: hai venticinque anni, una bella laurea, un bel lavoro, Massimo ha appena trovato lavoro pure lui... dovete proprio venire a scopare accanto alla mia stanza? E trovatevi una casa, no?

WhatsApp: “Scusa Marti, ma c’è un casino per strada, un incidente. Mi sa che ci resto davvero a dormire da Trilli”. “Non preoccuparti, risolto. Dove sei?”. “Nettuno”. “Cazzo ci fai a Nettuno?”. Sto bevendo una cosa davanti al mare”. “Ma Nettuno fa schifo!”. “Lo so, ma c’è un posto carino e anche un bel tramonto, il cielo è uno spettacolo”. “Incidente, eh? Quindi stanotte non torni?”. “No”. “Ok”.

- Scusa, eh? Dovevo dirlo a mia sorella sennò si preoccupa...

Ding, messaggio vocale WhatsApp. La voce cristallina di Martina con il solito tono tra l’ironico e il vice-materno: “Troooiaaa... ahahahahah”.

- Perché tua sorella ti chiama troia?

- Ahahahah no... no, è che... cioè insomma, è una cosa che ci diciamo tra di noi, ma così, per scherzo. Quando i nostri non ci sentono, è chiaro.

- Ah, ok.

- Scusa maaa... ma tu vai al ristorante così? Costume, maglietta e infradito?

- Ahahah... sì, vabbè, sono amici...

Dovevi dirmelo proprio in quel modo che sono amici? Gettandoti indietro sulla sedia con quella risata? Non lo sai che mi fai fare dei pensieri? Quali pensieri? Col cazzo che te lo dico. Ma ai lettori sì, mi sa che mi tocca proprio dirglielo. Sai, sempre per quella storia che questo è un racconto, un certo tipo di racconto... tutte quelle cazzate lì.

Beh, allora sappiate che ho fatto un pensiero tipo: chissà se si è fatto la doccia dopo il bagno o se, a leccargli il petto, si sentirebbe ancora il sale. Ecco, un pensiero tipo questo. Non basta? Un altro? Oddio, più che un pensiero è una errata corrige. Non lo definirei più “bel manzo”. Cambierei tipo di bovino, permettete? Direi più un bufalo. Cioè, non lo so perché. E’ vero che è alto e grosso, ma non è questo il punto. Non è mica un rozzone, no dai. Si vede. Ha pure una bella chiacchiera, anche se ammetto di non essere proprio concentrata su quello che dice. Direi bufalo perché quello che promette/minaccia di travolgerti è... il suo modo di fare. La sua decisione, ecco. Mi dà proprio l’aria di uno che non tentenna mai. E poi ok, va bene. Ne faccio pure un altro di pensiero. Contenti?

Chissà come sta messo lì. Ecco, mò ve l’ho detto.

Non perché debba avere necessariamente un megauccello. E' che quando penso a un tipo con il quale, siamo oneste, al momento le cose stanno andando un po' avanti, mi piace pensare anche a quello. Che c'è di male? Non penso che mi abbia abbordata per invitarmi a leggere le bozze del suo ultimo saggio su Tommaso d'Aquino, no? E nemmeno io sono una che si aspetta di parlarci di cinema iraniano. E poi, ve lo dico francamente, nel caso in cui le cose andassero in un certo modo non vorrei neanche che ce l’avesse, un megauccello. Anche perché, giusto stamattina, mi sono svegliata facendo delle considerazioni, diciamo così, tra lo zozzo e l'inusuale. Molto zozzo e molto inusuale. Per la sottoscritta.

E visto che ci siamo, un'altra considerazione abbastanza zozza lo faccio. Ma sì. Mi chiedo: come gli piacerà farseli fare i pompini? Si stende sul letto? Ti aspetta in poltrona? Oppure è di quelli che, senza nemmeno dirti niente, ti appoggiano le mani sulle spalle e ti spingono giù? Quelli che ti fanno venire un orgasmo ancor prima di toccare il pavimento con le ginocchia, santo cielo.

- Scusa maaaa... viene anche la tua ragazza?

- Uh?

- Ti ho visto con una tipa, prima...

- Quella? Ma quella è mia cugina... tu non hai un ragazzo?

Ecco fatto, bella figura di merda. Che poi oddio, a dirla tutta, mica mi sarebbe dispiaciuto, eh? Il fascino della zozzeria: sticazzi se sei fidanzato, a me interessa solo scopare. Same old story. Noi e loro: quelle che si fanno i fidanzati e quelle, come me, che glieli scopano. Comunque no, eh? Non era la tua tipa. Vabbè... Io? No, io non ce l’ho il ragazzo. Cioè ce l’avevo, ma ci siamo lasciati da un po’...

- Sai, capita se ti conosci da piccoli che a un certo punto... - aggiungo.

- Sei stata solo con lui?

- Sì, cioè no. Ci conosciamo da un sacco di tempo e abbiamo avuto anche una storiella, ma proprio da ragazzini, eh? ... poi ci siamo rimessi insieme quattro anni fa ma, beh, non è andata. Però gli sono molto affezionata.

Generatrice automatica di stronzate in action. Me le dovrei segnare tutte ste fesserie che gli dico o rischio di tradirmi, prima o poi.

- E da quando vi siete lasciati, più nessuna storia?

- Ahahahah no no, niente. Ma si sta bene eh? Libertà e pace dei sensi...

Che poi, pace dei sensi un cazzo. Se non avessi dormito in camera con Teresa, la nipotina di Trilli, stamattina una partita da sola me la sarei fatta. Senza dubbio ripensando al tipo di due settimane fa. Quello che per tenerlo a bada ho dovuto dirgli che non è che non mi va di essere inculata nel cesso di una discoteca, non mi va di essere inculata tout court, se capisci il francese. Non quello di “tout court”, quello di “inculare”, n’est-ce pas? Accontèntati, cavolo! E lui... e niente, si è accontentato, per fortuna. Perché spingeva proprio bene e si è pure ricordato il preservativo. Però quelle parole hanno continuato a ronzarmi dentro per giorni, chissà perché.” Dammi il culo, bionda”. Se non avessi dormito in camera con Teresa, le mie dita stamattina non si sarebbero fatte solo un giretto davanti, questo è poco ma sicuro.

Aggiornamento dell’ultim’ora: se stasera o un’altra volta non lo so, ma questo mi vuole proprio scopare. Sennò quello scostarmi i capelli, quell’unghia che scende lenta sul collo... cazzo che brivido. Lo so benissimo che significa quel gesto. E lo sa pure lui, ne sono sicura. E tu che ne pensi, Alf? Che ne pensi di una ragazza che non reagisce ma nemmeno dice niente, nemmeno si sottrae? Pensi che è una che si tira indietro o è una che ci sta? E soprattutto, quando pensi di scoprirlo?

Della cena ricordo poco, se non che il pesce obiettivamente era buono. Ormai ho spento il cervello nell’attesa che succeda qualcosa, che lui faccia succedere qualcosa. Ci portano il conto e mi alzo scusandomi, non vorrei imbarazzarlo con questioni di soldi. Fatti due o tre passi mi volto e, ci avrei giurato, mi sta guardando il culo. Gli lancio un sorriso radioso. Sono certa che sappia il fatto suo e che lo decodificherà per bene questo sorriso. Che troia che sono. No, non lo sto invitando a seguirmi, che andate a pensare, no. Che poi qui certe cose non è nemmeno possibile farle. Non sto andando al bagno per quello. Bisogna sempre dirvi tutto, eh? Comunque, se conoscete uno che nel bagno di un ristorante di Nettuno ha trovato un paio di mutandine... beh, sono le mie.

E vi confesso che al bagno ci vado anche perché voglio crogiolarmi da sola in un pensiero che è la diretta conseguenza di tutti quelli che ho fatto sinora. Un pensiero che arrivata a questo punto io - non so voi, ragazze - faccio sempre, ma sempre, ma sempre. Perché mi piace pensarlo, tutto qui.

Chissà questo come mi scoperebbe.

Beh, che volete che vi dica? L’ultima-ultima breaking news è che questo non solo mi vuole scopare, mi vuole proprio scopare stanotte.

- Devo rientrare a Roma, adesso è davvero un po’ tardi...

- Resta qui, no? Dormi e riparti domattina con calma e senza paura che ti facciano un controllo. Puoi stare da me.

Ehi, ma sei scemo? Lo sai sì che con queste ultime parole, “puoi stare da me”, mi hai praticamente già messa a novanta e mi stai abbassando il tasso alcolemico a furia di botte di cazzo? Lo sai?

E dimmi, in che senso facciamo prima a passare dalla spiaggia? Ma è buio, non si vede una mazza, ci sporchiamo i piedi... Ok, ma non vorrei camminare sopra... non si vede proprio nulla, non c’è nemmeno la luna, si è eclissata. Sarebbe romantico se ci fosse la luna, no? La luna è degli innamorati...

Cazzo come stringi, mi spezzi il fianco. Stringi e mi rigiri. Non ci capisco più niente. Un secondo fa camminavamo e adesso ti ho di fronte? Un bacio? Cristo santo, un bacio... Non mi sono nemmeno lavata i denti... e ho mangiato il pesce. Si sente? La tua lingua lo sente? Io sento il sapore dell’amaro che ti sei fatto, invece. E queste mani sul culo sono le tue?

Ma no, cazzo, mica mi offendo. Le mani sul culo andavano benissimo. Perché le hai tolte? Perché me le metti sulle spalle? Perché mi spingi giù?

Oh merda, magari un orgasmo no, ma di sicuro mi metto a colare prima di poggiare le ginocchia per terra. E questo bozzo nel costume? Ah, wow, complimenti. Non so se mi gira la testa per quanto ho bevuto o per l’odore. L’odore di maschio, hai presente? Sì, se vuoi chiamalo odore di cazzo, non è che ci fosse proprio bisogno di... vabbè, tanto a sto punto. Beh, comunque sempre girare la testa mi fa. Ma poi a casa tua ci andiamo, vero? L’offerta è sempre valida?

Perché sai com'è.

La luna è per gli innamorati.

The dark side of the moon è per le troie.

Anche se è roba vecchia, quel disco mi è sempre piaciuto.

Questo racconto di è stato letto 2 8 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.