Amsterdam - Il primo bar

Scritto da , il 2020-08-14, genere etero

Lo percepisco subito, appena entriamo. C’è nell’aria un desiderio esplicito di compiacere e di essere compiaciuti, di passare la serata nel migliore dei modi possibili. Lo si legge nei sorrisi e negli occhi delle persone, nelle risate. Ma se pensate che sia una specie di postribolo vi sbagliate. E’ un bar, un normalissimo bar, dove la gente si diverte. Anche figo, come posto. Mi domando perché Debbie mi abbia portata qui, non so cosa abbia in testa. Mi sembra che le uniche a scambiarsi sorrisi e sguardi carichi di voglia siamo noi, ma non è detto. Le cose potrebbero cambiare e anche in fretta. Prima di entrare nel locale ci siamo baciate di nuovo, stavolta in un angolino un po’ riparato. Le ho infilato la coscia tra le gambe per strusciarla appena, lei me l’ha accarezzata avventurandosi anche un po’ sotto la mini del vestito. Solo questo, ma è bastato. Prima di disincastrare la lingua dalla sua gliel’ho passata leggermente sul labbro e le ho detto “sentila bene questa lingua, perché ti farà impazzire”. Mi ha sorriso quasi con condiscendenza, come se pensasse che sono una ragazzina che le spara grosse, ma vi assicuro che non scherzavo. Io non so come faccia a gestirsi così bene, a me sembra di dover esplodere da un momento all’altro. La voglia che ognuna ha dell’altra non è passata, vorrei dire grazie al cielo. E l’ovetto, anche se a riposo, mi ricorda costantemente la sua presenza dentro di me e mi tiene sulla corda. A volte ho quasi l’impulso di chiedere a Debbie di accenderlo qui, in mezzo alla gente e al via vai dal bancone.

Un’altra cosa cui non riesco a essere insensibile sono i ragazzi intorno a me. Ragazzi, quasi uomini, uomini. Quasi tutti dai tratti somatici nord europei, molti con i capelli e gli occhi chiari. E alti, mai vista attorno a me una tale concentrazione di popolazione maschile così alta. E, con tutte le variazioni del caso, anche discretamente carina. Sedute su degli sgabelli, chiedo a Debbie cosa voglia bere mentre attendiamo che il barista finalmente ci degni della sua attenzione. Lei mi sorride un “non so, vediamo cosa ci offrono”. Mi metto a ridere, ho capito il gioco. Le si avvicina un tipo con un bicchiere in mano. Belloccio, niente di che, secondo me in giro c’è di meglio. Debbie invece ci scambia qualche parola che non capisco, poi mi presenta. Lui mi sorride gentilmente e poi torna ad interessarsi alla mia amica. Nel frattempo ho intercettato gli sguardi di almeno tre ragazzi che mi osservano. Uno è proprio figo, meriterebbe senz’altro una conoscenza un po’ più approfondita ma è anche quello più lontano da noi. D’improvviso alle mie spalle una voce domanda “ti piace Amsterdam?”. Devo avercelo scritto da qualche parte che sono straniera, perché me lo chiede direttamente in inglese. Mi volto e mi ritrovo sovrastata da un ragazzo che sarà più di uno e novanta e anche discretamente piantato. Non figo come quello che mi guardava, ma molto oltre il limite della passabilità. Ha un sorriso aperto e anche se il suo è un tentativo di rimorchio non lo dà a vedere. E’ la cosa che di lui mi piace di più, mi trasmette benessere. Forse è solo perché con me c’è Debbie e penso a lei, ma è così.

Di colpo mi sento avvolta anche io nell’atmosfera allegra e rilassata che ci gravita intorno. Scambio quattro parole con il tizio finché Debbie non ci interrompe e mi dice che Mark, quello con cui sta parlando lei, vuole offrirci da bere. Jan, il tizio si chiama Jan, le dice “se posso, a lei ci penso io”. Da qui comincia un quartetto alcolico e leggero. Sicuramente siamo due belle fighe abbordate al bancone di un bar, ma se penso alla coatteria di certi assalti subiti in passato mi sembra di stare a prendere il tè a Buckingham palace o giù di lì. Il fatto che i due ragazzi non si conoscano tra di loro mi incuriosisce. Tutto procede in modo abbastanza disinvolto, anche se stiamo scivolando verso una certa dimensione di intimità fisica. Non me ne ero accorta, ma Mark ha poggiato una mano sul ginocchio di Debbie, che lo lascia fare e gli parla sorridente. Mentre mi domando se quella mano salirà lungo la sua gamba, avverto quella di Jan che mi sfiora il fianco. Decido di non fare nulla nemmeno io, per il momento, anche se non desidero lasciarlo esagerare. Se mai sarà, voglio essere io a scegliere. E visti gli sguardi che in tanti ci riservano, direi che sia io che Debbie siamo nelle condizioni di scegliere.

Il quadretto è interrotto dall’irruzione di un tizio che attira l’attenzione del barista al di là del bancone. Ha una camicia blu scuro che è la prima cosa che vedo e tiene per mano una strafiga rossa pazzesca in crop top che si lascia trascinare e che guarda in basso, ma con una espressione tutt’altro che ingenua. Lui non è formidabile ma non è male. Ha sul viso un accenno di barba che, come sempre, mi fa pensare a come irriterebbe la pelle del mio interno coscia. Ma soprattutto, nei pochi secondi in cui si frappone tra me e Debbie, mi squadra come se mi facesse una risonanza magnetica con gli occhi. Lo fa a me perché è orientato verso di me, altrimenti lo farebbe a Debbie, questo è chiaro. Non credo che sia particolarmente interessato alla sottoscritta. E’ il modo rapido e intenso, e vorrei dire quasi spietato, con cui mi guarda che mi aggancia a lui. Lo seguo con gli occhi mentre si allontana sempre trascinando per mano la strafiga in crop top. Per la prima volta da giorni, e soprattutto da quando sono con Debbie, ho la pazzesca voglia di un maschio. E’ un attimo ma è fortissimo, come la mia contrazione. Una di quelle che ti fa venire voglia di corrergli dietro e dirgli “no, dove cazzo vai? portami al bagno e stuprami!”.

E’ un attimo, vi dicevo. Ma è quell’attimo che mi fa accettare la mano di Jan che dal fianco scivola verso il basso e che mi fa cercare il contatto con il suo corpo. Quasi inconsapevolmente mi appoggio a lui e guardo Debbie. Mark è risalito con la mano quasi a metà coscia e lei l’ha lasciato fare, gli sorride. Poi d’un tratto, sempre sorridente, si alza e mi prende per mano. Dice qualcosa agli altri due e mi trascina via dicendo “vieni Annalisa, andiamo”. Faccio appena in tempo a dare un bacio a sfioro sulle labbra di Jan. Debbie si volta e li saluta ancora una volta. Le chiedo cosa cazzo stia succedendo e lei mi risponde “non vorrai mica passare la serata con quei due…”.

Camminiamo ridendo. E allacciate. Sì, ok, potremmo sembrare due lesbiche, ma anche due amiche. Potremmo sembrare sorelle. Non mi dispiace questa cosa, non mi dispiace che la gente consideri Debbie la maggiore, un gradino sopra di me. E poi c’è una cosa che mi sorprende. Cioè, mi sorprende se mi soffermo a pensarci, ma comunque è questa: mi sento sempre più a mio agio a camminare su questi tacchi assurdi. Che cazzo ne so, sarà la qualità delle scarpe che si compra Debbie, ma inizio a sentirmi comoda. E in più sculetto, ondeggio, e per una con un culo come la sottoscritta lo spettacolo che sto offrendo deve essere da infarto. Ne sono consapevole e mi piace, mi eccita. E penso anche che Debbie invece di cingermi il fianco dovrebbe proprio mettermi una mano sul sedere. Vorrei che fosse sfacciata e indecente, per far capire a tutti che sono sua.

Senza che quasi me ne accorga mi porta all’ingresso di un altro locale. Proprio prima di entrare, però, tira fuori il telecomando e fa partire l’ovetto. La prima scarica è violenta, mi fa sussultare, poi Debbie ne abbassa l’intensità, diventa quasi impercettibile. Sono certa che dal mio sguardo capisca cosa sto pensando. E ciò che sto pensando è esattamente “ti adoro per quanto sei troia, Debbie”. Mi abbraccia e mi bacia con passione, con voglia. Non è un bacio normale, è un bacio da pre-scopata. E anche la sua stretta lo è. Se mettessi la mano tra le sue gambe, mi ci giocherei un occhio, troverei la sua micro-tutina bagnata, come bagnate sono ancora una volta le mie mutandine. Non lo faccio solo perché siamo sulla porta, nel pieno dell’illuminazione. Restiamo lì a limonare non so quanto, finché qualcuno ci apre la porta addosso. E’ una ragazza, capelli neri, forse tinti, e occhi chiari. Ci osserva con un sorriso, poi accoglie tra le braccia un’altra ragazza che esce dal locale e si allontanano allacciate come fino a poco fa camminavamo allacciate io e Debbie.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 8 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.