Una svolta inaspettata

Scritto da , il 2020-07-31, genere trio

Ormai le mie storie si fanno monotone e ripetitive, che vi posso dire, ho praticamente scritto tutto di me, e ho notato che, quando certo di inventare, non mi sento a mio agio e penso di scrivere banalità. Quindi ho fatto uno sforzo di memoria e mi è tornato in mente quando sono andata a trovare la mia amica Antonella in ufficio. Che dirvi di lei. Quella ricciolina mi faceva impazzire in tutti i sensi, e quando ci siamo conosciute mi ha stravolto l'esistenza.

A pensarci bene è stata la mia prima storia lesbo seria, anche se entrambe eravamo bi-sex. Lei passava giorni interi a casa mia e io altrettanto, per me era importante come l'aria che respiro.
Sta di fatto che un giorno, per lavoro, passavo davanti alla palestra dove lei teneva le sue lezioni, e ho deciso di invitarla per pranzo, dato che era mezzogiorno. Mi infilai per una porta laterale, tanto ormai sono di casa, bussai al suo ufficio e come al solito entrai senza aspettare risposta.
Lei se ne stava li, bella come al solito, seduta al suo PC, e appena mi vide sorrise. Si alzò e mi baciò, è sempre stata dolcissima. Io sciolsi i suoi ricci con le mie dita.
“Se andiamo avanti così ci tocca scopare” - e le strinsi il seno
“E cosa ci sarebbe di male”
“Beh siamo nel tuo ufficio, di là ci sono i tuoi colleghi”
“Lo sai che mi piace scherzare” - E mi baciò ancora.
Si diresse verso la scrivania e le guardai il sedere coperto da una stupenda minigonna. Si risedette - “A cosa devo la tua presenza?”
Mi sedetti sulla scrivania, ormai c'era lo stampo delle mie chiappe - “Beh visto che ho fame, ti volevo invitare a pranzo”
Mi accarezzò le gambe - “Tesoro con tè verrei dappertutto, ma oggi deve arrivare un fornitore”
“Peccato” - Allungai le mani verso il seno - “Beh almeno ti posso baciare per un po”
“Quello sempre” - Mi sedetti sulle sue gambe e iniziai a
limonarla.
Lei mi sbottonò la camicetta e mi strinse il seno. Poi improvvisamente bussarono alla porta. Cazzo. Ero mezza nuda, cosa fare, ero agitata e come nelle più pessime commedie, Antonella mi disse di nascondermi sotto la scrivania.
La porta si apri e sentii una voce baritonale salutare la mia monella. Lei rispose cinguettando, era il suo solito tono quando flirtava. Diventai gelosa, le accarezzai le gambe, lei mi graffiò la mano. Trattenni una risata.
“Bene signor Becket, siamo interessati ai suoi prodotti” - Dal tono che assunse sembrava che volesse qualcos'altro da lui.
“Chiamami Sebastiano, lo sai che ci tengo”.
Io gelosa le misi la mano nella minigonna e iniziai a toccarle lentamente la passera. Si irrigidì e automaticamente chiuse le gambe. Non posso negare che mi stavo divertendo.
I loro discorsi erano noiosissimi, parlavano di proteine, aminoacidi e altre cazzate simili. Quindi iniziai a leccargli le gambe. Senza farsi vedere dal suo cliente, cercò in tutti i modi di allontanarmi da lei. Quindi le leccai le sue belle gambe lisce e toniche. Capii istintivamente che era eccitata, ma si sforzava per non farlo apparire.
Erano passati cinque minuti, stavo diventando impaziente e per fortuna, dopo i vari saluti di rito, se ne andò. Risalii in superficie. E subito mi diede della stronza e della puttana.
“Senti chi parla, te lo volevi fare. Vuoi forse negarlo”
“Beh” - Non riusciva a trovare le parole.
Fissai la porta. Mi balenò un idea - “Richiamalo”
“Ma cosa dici”
“Su richiamalo, lo voglio conoscere”
“Tu sei pazza”
“E tu te lo vuoi scopare”
Ancora una volta non trovò le parole per rispondermi. La baciai - “Dai chiamalo” - E accarezzandogli il seno - “Penso che ci divertiremo”.
Finalmente rispose - “Va bene” - Si diresse alla porta e, con sua grande fortuna, lo trovò ancora alla reception. Lo convinse a tornare nell'ufficio e li lo vidi per la prima volta.
Era un bellissimo uomo sui 40 anni, ben messo, a quanto pare usava i prodotti che vendeva e aveva qualcosa di misterioso e intrigante. Capii l'agitazione di Antonella.
Appena mi vide fu sorpreso. Da dove spuntata quella stupenda bionda, ok qui sono stata vanitosa.
Antonella chiuse la porta e si avvicinò a me, non sapeva bene cosa fare. Io si. Andai dal tipo. Gli accarezzai le spalle possenti. Gli girai intorno e lo esaminai bene. Gli sussurrai - “Sai che la mia amica ti vuole scopare da anni”
Si girò di colpo verso di me, senza sapere come reagire.
Avevo capito che dovevo prendere l'iniziativa, raggiunsi Anto e la baciai, senza problemi, davanti a lui e le accarezzai il corpo. Aspettammo la sue reazione, che non giunse.
Appoggiai le mie chiappe sulla scrivania, mi tolsi gli short, non avevo le mutandine, iniziai a toccarmi e feci cenno alla mia ragazza di avvicinarsi. Guardai entrambi, erano due pezzi di legno, non avevano capito che lo stavo facendo per loro e si anche per me.
Appena potei afferrai il braccio di Antonella e gli sbottonai la camicetta. Vedetti chiaramente il cazzo di lui gonfiarsi sotto i pantaloni. Forse si stava svegliando.
Sfilai l'intimo sportivo della mia amica e gli leccai le tette, lei finalmente si lasciò andare e premette la sua mano sulla mia passera. Lui non ne poteva più e si abbassò i pantaloni e si menò quel fantastico, grosso cazzo desideroso. Si levò definitivamente i pantaloni e rimase li fermo. Troppo educato per i miei gusti. Abbassai, con tutta la forza, la mia bella riccia, e le ordinai di leccarmi, non si fece pregare.
Io le passai le dita tra i capelli, guardai lui - “Datti una mossa, idiota!” - l'ammetto ho sempre trattato male e con superiorità i maschi.
Finalmente si diede una mossa, si avvicinò, desideroso, alla mia amica e gli accarezzò il culo. Presi con forza la sua testa e la spinsi verso di me. Lo baciai, infilandogli la lingua in bocca. Dentro di me pensai – Chi l'avrebbe mai pensato che la giornata si sarebbe svolta in questo modo.
Afferrai il suo scettro con la mano destra e lo segai, intanto la bellissima continuava la sua opera con la sua lingua. Chinai il corpo all'indietro per gustarla meglio. Lascia quel pene di marmo, e lui intuii immediatamente le mie intenzioni. Si mise dietro alla mia amata, la sollevò leggermente, le accarezzò e baciò la figa, le tolse le mutandine e poi gli infilò il cazzo dentro. Lo sentii chiaramente dire: “Era ora”.
Lei smise un attimo di leccarmi e si assaporò il suo cazzo. Mi baciò e morse il seno. Ansimava velocemente. Lui faceva il suo dovere con la mia fanciulla e io mi godevo la scena.
Anto disse - “Chiudi gli occhi”
“Perché?”
“Tu chiudi gli occhi” - Obbedii. Non senti più la sua bocca, sentivo delle voci soffuse e dei respiri, delle mani possenti presero le mie braccia, potevano essere di entrambi, ma il cazzo che mi penetro, poteva essere solo di lui. Riaprii gli occhi e me lo ritrovai davanti. Non protestai, anzi, gli misi le mani intorno al collo e mi feci sbattere da lui, erano mesi che non prendevo un cazzo decente. Mi ero dimenticata quella sensazione fantastica.
Delle mani mi afferrarono da dietro e mi distesero sulla scrivania. Le stesse mani passarono velocemente sul mio corpo, accarezzarono il mio seno. Sentii una lingua introdursi nella mia bocca, e la mano, che prima era sul mio seno mi sgrillettò la figa. Da carnefice a vittima.
Io non riuscivo a parlare, ero troppo eccitata. La luce scomparse, qualcosa l'aveva coperta, intuii che fosse la figa della monella e la leccai. Per avere una migliore presa, afferrai le sue cosce.
Lei era la mia donna, lei era come me.
Lui mi trapanava intensamente e in quel momento raggiunsi il primo orgasmo. Si sono stata la prima a raggiungerlo, ma ovviamente non mi fermai.
Urlai - “fottila, inculala”. Scesi dalla scrivania e mi appoggiai, per rifiatare, sulla sedia. L'uomo l'afferrò con decisione, le posizionò le mani sulla scrivania le fece allargare le gambe. La sculacciò, la strinse, con le sue manone, la chiappa destra. Io intanto guardavo la scena accarezzandomi il corpo nudo, coperto solamente dalla mia camicetta aperta.
Un altro schiaffo raggiunse il suo culo divino e poi lo raggiunse pure quel pene di marmo e l'inculò.
Anto urlò, ma non per dolore, ma per l'eccitazione, mi alzai dalla sedia e a baciai, il suo volto spiegava tutto, era felice. Sapevo come renderla ancora più felice. Sapevo dove teneva le armi pesanti. Aprii l'armadietto e rovistai in una scatole di scarpe.
Eccolo, il suo amato dildo, lo indossai immediatamente, ma non andai da lei, ma da quel energumeno. Mi chinai e gli leccai il culo e le strinsi le palle. Mi rialzai - “Chissà se sei pronto”
“Per cosa?” - Non risposi e gli sbattei il cazzo nel culo. Imprecò. I maschi, tutti uguali.
Antonella cercò il suo culo con le sue mani, gli lo allargò e l'attrasse a se - “Non smettere porco, lasciati andare” - Di risposta gli afferrò le tette, le strinse, e io continuai a incularlo. Adoro dare ai maschi quello che si meritano. Il mio pene finto stava facendo effetto, era ancora più eccitato.
Mi avvicinai, sussurrai al tipo - “Vuoi rendere felice la mia amica?”
Mi rispose di si.
“Lasciala” - Si allontanò subito. - Prendila in braccio, con i suoi muscoli era un gioco da ragazzi. Baciai la mia amica e presi in mano quel possente cazzo - “Prendila”.
La mia amica gli mise le gambe intorno al fusto e accolse quel pene, ancora una volta, dentro di lei. Siamo inesauribili.
Mi inginocchiai e leccai indistintamente entrambi e mi gustavo la penetrazione. Passai al buco del culo del mio tesoro e gli infilai dentro la lingua. Era completamente aperto, ci credo quell'incudine aprirebbe qualsiasi cosa. Mi rialzai, e delicatamente appoggiai quel pene finto all'ingresso secondario e la penetrai. La immischiammo in una doppia spettacolare. Eravamo cosi stretti che potevo toccare chiunque, ma ovviamente le mie mani erano dedicate su a quel corpo stupendo. Le baciai il collo.
Tremava. Urlò - “VI PREGO BASTA” - sapevo che mentiva e spinsi più forte. Era sfinita le sue braccia crollarono lungo il suo corpo, eravamo noi a reggerla. Le pizzicai i capezzoli e li porsi a lui, che subito li leccò. In quel momento sentii un liquido invadermi le cosce, era il suo. Il suo respiro decelerò, aveva raggiunto l'orgasmo, era il momento di far godere lui. Se l'era meritato.
La mia amata smontò a fatica dalla sua cavalcatura e, dopo un mio gesto, si inginocchio a leccare quei coglioni gonfi. L'afferrai il cazzo con due mani, si perché era enorme e iniziai una bella sega e ogni tanto gli leccavo la cappella.
Anto lo leccava da sotto e io da sopra. Lo stronzo non voleva venire. Però, dopo una accurata sega, schizzò tutto il suo seme in faccia al mio amore. Quel schizzo fu cosi potente che raggiunse pure il mio seno.
Guardai entrambi - “bene ora che hai fatto il tuo dovere, puoi anche andartene” - Mi accorsi che il mio tono era troppo freddo, quindi lo baciai. Lui mestamente si rivesti e se ne scappò con il cazzo tra le gambe ma, sono sicura, felice.
Abbracciai Antonella, era sfinita, eravamo sfinite. Lei fu la prima a parlare.
“Credo che ci serva una doccia”
“Credo che tu abbia ragione”
Ci spogliammo completamente e raggiungemmo la doccia dedicata allo staff della palestra. Iniziammo ad accarezzarci, un po' di dolcezza, dopo quello che avevamo combinato, ci serviva. Ci passammo il sapone sulla pelle. Ogni tanto ci baciavamo. Le accarezzai il seno. Lei mi girò. Mi fece appoggiare alla parete di piastrelle e mi pulì delicatamente il sedere. Mi sculacciò. Mi baciò la schiena.
“Sai, mi sa che ti devo un favore”
“Per cosa tesoro”
“Perché mi hai fatto scopare con quel tipo”
“Non ti preoccupare, anch'io mi sono divertita”
Sentii la sua lingua scorrermi sulla schiena, mi accarezzò il seno da dietro, l'accarezzò, a quanto pare non era ancora sazia. Mi morse il collo, poi sentii la sua lingua scendere verso il basso. Appena percepii la sua presenza all'interno della mia passera, appoggiai il viso contro il muro e iniziai ad ansimare. Avevo i brividi anche se l'acqua calda scendeva lungo la mia schiena.
Sentivo le sue unghie sulle mie chiappe, me le aprii e infilò un dito nel buchetto secondario. La sua umida estremità accelerò di colpo dentro di me. Tremai, le ginocchia si indebolirono e crollai sul piatto della doccia. Subito lei si avventò sopra di me, mi baciò intensamente, l'acqua scorreva sopra le nostre teste. Mise le sue mani sulle mie ginocchia e le apri, infilò tre dita nella mia figa e iniziò a fottermi, mentre mi succhiava l'acqua intorno ai miei capezzoli. Sentii chiaramente i miei occhi che si rivoltavano all'indietro. Bel modo per ringraziarmi. Sentii l'urina premermi nella vescica e il mio godimento si fece più intenso. Lei se ne accorse, si avvicinò a me - “falla pure, tanto siamo in doccia” - Visto che ero allo spasimo l'accontentai e la riempii della mia rugiada bionda, che subito scomparse grazie all'acqua della doccia.
Lei si immerse ancora tra le mie gambe, pulì le ultime gocce di urina e mi stuzzicò il clito con la lingua. Stavolta le dita scivolarono nel buco del culo. Prima con quel cretino avevo goduto, ma con lei era dieci volte più piacevole.
Tutto il mio corpo fremeva. Massaggiai il mio seno, strinsi i capezzoli con due dita.
L'accarezzai dappertutto, le dita uscirono dal mio culo e entrarono nella figa, aggiunse pure l'anulare. Il mio clito si contrasse. Su tutto il corpo sentii degli spasmi. Sentii un liquido cercare la via d'uscita, questa volta non era urina, era più diluito, più simile all'acqua. Squirtai. Le invasi la faccia.
Rimanemmo abbracciate sotto la doccia per diversi minuti, ci coccolammo. Ci svegliammo dal torpore. Chiudemmo i rubinetti, ci rivestimmo. Guardai l'orologio, erano passate le 14, addio pranzo, me ne fregai. La baciai per l'ultima volta e la salutai promettendole che quella sera l'avrei offerto la cena.

Lei rimarrà per sempre la mia migliore amica, anche se ora ci siamo separate. Ogni volta che ci vediamo , però, facciamo festa. Volete sapere che ha fine fatto l'uomo. Beh divenne, per qualche mese, il nostro giocattolo sessuale e, come spesso capita , dopo un po', svanì dalla nostra vita.

Questo racconto di è stato letto 2 1 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.