Anale - Cazzo nel Culo

Scritto da , il 2020-07-13, genere etero

È da giorni ormai che la parola anale, quasi come un istigazione, mi salta agli occhi di continuo riportandomi a pensieri e a voglie impronunciabili. Non si parla d’altro, dentro e fuori dal sito, e tutto ciò che dico o che sento a riguardo, mi rimbomba nelle orecchie fino a provocarmi stordimento. L’idea è stata geniale come chi l’ha avuta. Geniale come tutto quello che da essa ancora nasce e ne scaturisce. Mi diverte, mi eccita, mi incuriosisce, entrare nell’immaginazione di tutti e trovarmi di fronte alla fantasia galoppante di ogni autore che si è cimentato a scrivere.
Solo che, va bene la premiazione, va bene il gran Galà, ma fra tutti i nomi che si potevano scegliere per la manifestazione, proprio questo acronimo doveva venire in mente a chi l’ha pensato? Nella remota ipotesi che tutto ciò realmente accadesse, l’autocandidarmi a vincitrice della categoria che ha dato il nome a tutto questo, già di per se, stana ogni inconfutabile dubbio sulla mia predilezione per la pratica.
Quei puntini alla fine di ogni lettera io manco li ho guardati, non gli ho prestato mai attenzione, non sono mai esistiti.
Anale per me significa una cosa sola.
Cazzo nel culo.
E mi sento provocata cosi tanto da non riuscire a smettere di provocarti.
Se qualcuno potesse toccarmi ora, infilandomi le dita nelle mutande fradicie, capirebbe fino in fondo e completamente, che cosa intendo.
È tutto facilmente spiegato nei miei copiosi e odorosi umori. È inevitabile pensarci, soprattutto per me che già ci penso sempre. La parola letta e ripetuta all’infinito, però, non fa altro che aumentare la mia voglia di prenderti nel culo.
E il sollievo arriva sempre alla stessa maniera, ogni volta che cedo alla tentazione, ogni volta che ho la fottuta smania di sentirti dietro.
Infilo il perizoma che mi hai regalato e te lo mostro, poi te lo dico, te lo chiedo. Sono giorni che lo faccio senza darci mai tregua. Ripetutamente, come il peggiore dei rituali, come una lagna, una cantilena.
“Voglio il tuo cazzo, tutt’ncul”
E tutto in culo lo voglio, come nel più spinto porno anale. Il desiderio è cresciuto insieme all’evolversi del gioco, è diventato incessante e malato, io gli ho dato sfogo, anche a parole, anche da sola, ma non è bastato.
Ieri mattina ho usato la voce più suadente, quella più calda. Quella che conosci bene e che non ha mai saputo che cos’è il pudore. Ti ho sussurrato volgarmente e con indecenza le mie chiare intenzioni e la tua risposta, come sempre, è stata il fottuto silenzio.
“Voglio il tuo bel cazzo duro, tutt’ncul.”
L’ho detto sempre piano, lentamente, perché mai ti sfuggisse anche un impercettibile respiro.
Come fossi una di quelle puttane che si chiamano per sentire cose sporche, quelle che ti fanno rizzare il cazzo quando ti dicono senza vergogna che vogliono essere sfondate il culo.
Te l’ho sbattuta in faccia la mia perversione e me lo hai lasciato fare. Non hai detto nulla, hai taciuto. Hai acconsentito, approvato. E più sei stato zitto, più mi hai fatto eccitare. Perché voglio sentirla la tua voce, oh si, voglio sentirla eccome. Ma voglio sentirla ora, dal vivo, all’orecchio. Mentre mi apri il culo con le mani e mi metti il cazzo dentro stracciandomi la carne. Perché sei in città oggi e finalmente ci parleremo in bocca, sei qui e non potrai più negarmi un cazzo. Sei qui per il mio gran Gala, per la mia festa, per il mio anale. Sei qui e sarai la mia giuria di qualità.
E non ti ho portato sfogliatelle e babà sculettando, no, no. Ti ho portato me stessa. Ti ho portato il mio culo e l’urgente voglia che ho, di farmelo scopare. Mi apri la porta e ti piombo davanti, tu sei in mutande, io sudata, accelerata.
“È stato un gioco estenuante.”
È la prima cosa che riesco a dire mentre mi chiudo la porta alle spalle lasciando cadere a terra la borsa. Tu lo sai che è così, perché mi sono masturbata per giorni pensando ad oggi. "Anale" è stata la mia porca scusa per sbatterti in faccia la mia voglia di cazzo nel culo.
Non ti muovi ma subito mi prendi per un braccio e mi giri così che ti dia le spalle. Rimaniamo dove siamo, sento la fica pulsare, sbattere, grondare.
“Hai messo il perizoma che ti ho regalato?”
Lo sussurri mentre le mani scivolano sui fianchi
e mi abbassano i pantaloncini.
“Si che l’ho messo, come in ogni video che ti ho mandato.”
Le dita frugano scostando il filo dal culo e rimettendolo poi al suo posto.
“Sei così puttana quando parli in napoletano, mi fai scoppiare il cazzo”
Sento l’erezione spingere, inizio a strusciarmi.
Mi sento già persa, l’unica cosa che riesco a pensare è alla sensazione che provo quando mi sei dietro e dentro.
Mi sento così sporca, squallida. Senza freni. Ti sei liberato e sento la carne calda sulla mia. Abbasso la testa indietro poggiandotela addosso, mi mordi il collo, le gambe cedono.
“A cosa pensavi mentre facevi la zoccola al telefono?”
La tua bocca risale fino all’orecchio.
“Al tuo cazzo nel culo”
“Nel culo? Sei diventata forse per bene?”
Ridi della tua bella risata e cammini costringendomi ad avanzare, l’equilibrio va subito a puttane e allungo le braccia per poggiarmi alla porta.
“‘Ncul, miettammel ‘ncul”
Lo dico e un fremito violento mi assale. La tua mano sulla schiena mi spinge a piegarmi di più, man mano che scendo sento il culo schiudersi e l’idea che i tuoi occhi accesi siano fissi sul mio buco stretto, mi manda fuori di testa. Mi afferri una coscia e la sollevi, scosti il perizoma e me lo appoggi dietro. Sono così bagnata che sento già l’orgasmo montare. Perché so che non mi ci infilerai prima un dito, ne sarai attento. Mi scoperai senza grazia e senza accortezza me lo metterai nel culo. Ti fai strada, la cappella mi accarezza, poi spinge, entra. I tuoi colpi decisi mi tolgono il fiato, mi sento sempre più aperta e ad ogni botta di cazzo il rumore della tua carne nella mia risuona nella stanza pregna del nostro sesso.
Mi afferri per i capelli e più tiri, più inarco la schiena.
La stoffa sfrega sulla fica ogni volta che muovi il perizoma mentre entri ed esci scopandomi con foga. Ti sento tutto, dentro, fino alle viscere.
Il tuo cazzo grande che forza per entrare è il godimento più intenso che io possa provare. Il dolore misto al piacere è l’orgasmo più squassante a cui io possa arrivare.
Sto venendo ed è un qualcosa di lacerante che mi parte dal profondo. Aumenti il ritmo, mi sei addosso.
Ti sento più grande, più gonfio, più prepotente.
“Te lo rompo questo culo da puttana!”
Mi sollevo appena per raggiungere la tua bocca, cerco la tua lingua, ci scambiamo saliva bollente. Godo fra le tue labbra, ansimando e gemendo fuori controllo. Ti sento pompare, mi sbatti più forte, mi tiri i capelli, mi stringi le tette con forza. Un colpo ancora e la tua sborra calda mi invade il culo.
Mi sento piena, indecente, esagerata.
Mi appoggio alla porta con il tuo braccio ancora in vita. Mi piego leggermente sulle ginocchia per l’ultimo atto di questo spettacolo osceno.
Ti allontani e ti sento trafficare col pacchetto di sigarette.
Mi mostro ancora una volta e nella versione più sporca. Il tuo seme caldo mi scivola giù per le cosce, ne raccolgo un po’ con le dita e lo lecco. Sarai con me per i prossimi giorni, ogni volta che non potrò sedermi senza ricordare oggi. Ogni volta che sarò sul cesso e la tua sborra mi ricorderà che mi sei venuto nel culo. Ti rivolgo il mio sguardo perso che si perde nel tuo compiaciuto.
Ti sei seduto, fumi, poi rompi il silenzio.
“E a me i babà non li hai portati?”

Questo racconto di è stato letto 8 4 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.