Medico cornuto e innamorato 3 - La monta bisex

Scritto da , il 2020-07-12, genere tradimenti

-Amore,davvero non so come descriverti quello che mi stava succedendo.

Pensavo di andare con un maschio affascinante e dotato che mi avrebbe fatta godere per tutta la notte ed invece ero impegnata in un rapporto saffico con una bellissima ragazza lesbica.

Lo sai anche tu,non mi sono mai interessate le donne e per quante proposte avessi ricevuto,non ero mai stata con una di loro,neanche per sbaglio!

Quello che mi stava succedendo in quel momento però,era qualcosa di incredibile e alla quale non mi sarei sottratta per niente al mondo.

E poi,era successo tutto così all'improvviso che non avevo neanche avuto il tempo per riflettere e prendere una decisione ragionata.

In quei momenti,io non c'ero.

Non c'era il mio cervello e neanche la mia volontà e la capacità di decidere.

C'era il mio corpo che rispondeva a dei segnali che solo lui sapeva decifrare a prescindere dalla mia volontà e così,totalmente abbandonata ero alla sua mercé ed a quella del maschio col quale,secondo i miei progetti,avrei dovuto fottere.-

Così diceva Sara al marito quando dopo una lunga,estenuante notte di sesso incredibile lo aveva raggiunto nella hall dell'albergo dove la stava aspettando da quasi un'ora.

La nottata brava era continuata quando,dopo il secondo orgasmo si era accasciata priva di sensi sul materasso dove era stata distesa da Jenny con l'aiuto del suo compagno.

Destandosi da quel torpore,si era ritrovata con la schiena appoggiata ad una montagna di cuscini con la ragazza che le asciugava il sudore e l'uomo che le offriva una ristoratrice bibita fresca.

Quando si era ripresa tra le lievi carezze di Jenny e di CIR che le massaggiava le caviglie e le baciava i piedi,aveva sorriso rilasciando un lungo,liberatorio respiro.

Senza rendersene conto,come nel gioco dell'oca si era ritrovata nel punto in cui erano iniziati i suoi indescrivibili momenti di piacere.

A conferma di quella sensazione,Jenny le aveva tolto i cuscini da sotto la schiena facendole assumere una postura supina e subito dopo le si era distesa sopra a 69.

Mentre si leccavano reciprocamente,l'uomo le baciava i piedi e le succhiava le dita una per una regalandole sensazioni che non aveva mai provato prima.

A differenza dei due devastanti orgasmi che aveva già avuto,quei nuovi trattamenti,le procuravano un piacere languido e prolungato come se non dovesse avere mai fine.

Ansimava,si contorceva piano ed anche le gambe,stimolate dai massaggi ai piedi,reagivano con leggere contrazioni.

Quando si era sentita sollevare il bacino per infilare dei cuscini sotto ai suoi glutei,aveva solo pensato ad una trovata di Jenny per poterla leccare meglio ed invece,una nuova lingua si era intrufolata tra le sue cosce aggiungendosi a quella della ragazza mentre delle dita le titillavano lo sfintere anale.

Tutto poi era avvenuto ad un ritmo più serrato rispetto a quello al quele l'avevano abituata.

Mentre Jenny continuava a leccarla,il pittore si era incuneato tra le sue cosce e sollevandole le gambe,l'aveva infilzata col suo cazzo.

A quel punto per Sara,erano ripartite scatenanti sensazioni di delirio e mentre Jenny continuava a leccarla e contemporaneamente spingere sulla sua bocca soffocandola con la fica,l'uomo la montava alternandosi con la verga durissima nei due buchi abbondantemente lubrificati con la saliva.

Le grida di Sara spente dalla fica della ragazza e dai suoi abbondanti umori vaginali,si confondevano coi grugniti del maschio che con un urlo bestiale,aveva cominciato ad alternare i suoi fiotti di sperma tra la fica di Sara e la bocca di Jenny.

-Dio mio amore...non puoi immaginare le sensazioni che stavo provando in quel momento.

Avevo il buchetto del culo in fiamme per come me lo aveva aperto,la bocca tapppata da quella fica che pisciava umori come fosse una fontana soffocando le mie urla di piacere mentre il maschio grugnendo e scuotendosi come una macchina,mi spruzzava di sperma scaldandomi coi suoi potenti fiotti.

Come eravamo sudati amore e come eravamo inzuppati di sperma e umori vaginali che colavano dai nostri sessi bollenti.-

Aveva continuato ancora a raccontare Sara al marito.

La suite che li ospitava,aveva una grande vasca Jacuzzi dove tutti e tre insieme avevano fatto il bagno scolandosi una bottiglia di Champagne.

Alle fine quando tutti avevano finalmente ripreso le loro forze,avevano ricominciato i loro giochi.

Per prima cosa Sara aveva voluto assaggiare con la bocca il cazzo del pittore ancora incredibilmente in tiro"Chissà quanto Viagra prende questo"aveva pensato lei soddisfatta da quell'idea.

Dopo il lungo e gustoso pompino di Sara,Jenny aveva aiutato CIR a sollevare le gambe in modo che la donna potesse spingersi con la bocca oltre il perineo ed alternare le leccate dei testicoli a quelle sul buco del culo del maschio.

Quel trattamente che lei non aveva mai provato prima,l'aveva alquanto impressionata in quanto il buco del maschio increspato e dall'aspetto simile ad una stella,ad ogni passaggio della sua lingua,rispondeva contraendosi e dilatandosi come un animale vivo.

Quelle sensazioni l'avevano eccitata al punto che mentre lo leccava con una mano si masturbava.

Jenny intanto,offriva alle labbra dell'uomo la sua figa ben aperta e gocciolante da leccare.

Una nuova esperienza attendeva Sara che continuava a pennellare con la lingua le palle e il buco del culo del pittore.

Jenny si era alzata ed aveva preso dall'armadio uno di quei falli di lattice che si legano in vita con una cinghia e mentre Sara continuava nel suo gustoso leccaggio,glielo aveva infilato nella fica ed aveva cominciato a chiavarla.

Poi,pilotando i corpi degli altri due amanti,aveva fatto mettere Sara a candela sul cazzo di CIR mentre lei la infilava da dietro nel culo in una inedita doppia penetrazione.

Sicuramente le urla di piacere della donna erano udibili anche dalle altre stanze dell'albergo tanto erano acuti e disordinati.

L'alba era oramai imminente quando l'uomo più infoiato e potente che mai,aveva preso a montare Sara alla missionaria e mentre la chiavava,le succhiava i capezzoli e la baciava sulla bocca e proprio mentre le loro lingue si intrecciavano al ritmo della monta,Jenny aveva puntato il cazzo di gomma sul buco del culo del maschio e con un colpo secco era sprofondato nel suo retto sino a scuotere anche l'utero e tutto il corpo di Sara.

segue



Questo racconto di è stato letto 4 1 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.