Disdicevoli II

Scritto da , il 2020-07-01, genere incesti

Debora, senza h, dolce ragazza dai capelli ed occhi nero pece. La sua pelle ambrata. Un seno prosperoso e sodo, di altezza media su due gambe perfette ed un sederino plasmato da uno scultore. Era triste quella sera, le lacrime rigavano il suo viso. "cosa c'è che non va, amore?" "sai mamma, da come parlano le mie amiche ritengo di aver qualcosa di sbagliato in me" "ma cosa stai dicendo 'tata'?" " si, le ragazze mi parlano dei loro ragazzi, delle loro notti infuocate ed io, ascoltandole, capisco che qualcosa non funziona" "ovvero?" "mamma, ho avuto il mio primo rapporto completo tre anni fa con M., poi è finita e davo la colpa a lui; dopo c'è stato B., è durata poco anche con lui e, di nuovo, ho dato la colpa a B.; oggi abbiamo rotto con S., ma ho capito che ho io il problema." "insomma, mi spieghi ca cavolo stai dicendo o no?" "mamma, in tre anni non ho mai raggiunto l'orgasmo. Me ne hanno parlato come della cosa più eccezionale del mondo ma io non l'ho mai provato neanche con l'auto erotismo" la madre la prese per le spalle e se la strinse a sé cercando di consolare il suo pianto senza saper cosa dirle. Quando all'ora di cena si ritrovarono con il padre tutt'e tre a tavola anche lui notò la tristezza della figlia ed al suo interrogativo non ebbe una risposta; Holga fece cenno a Ugo che glie ne avrebbe parlato dopo, da soli dopo cena a letto.
"sai, sono un po' preoccupata e un po' dispiaciuta per nostra figlia. Pensa, mi ha raccontato che non ha mai raggiunto un orgasmo e crede di aver qualcosa che non va in lei" "mhà, Holga, me ne parli così come se si trattasse di un fazzoletto piegato male? Che diamine, sono cose sue, della sua intimità. Ok fra voi donne ma parlarne a me..." "cribbio, Ugo, con chi dovrei parlarne? Sei suo padre ed anche tu devi saperlo e provare ad aiutarmi ad aiutarla, no?".
Marito e moglie si guardarono per un po' senza parlare, fino a quando Ugo "amore, io non so proprio come poterla aiutare. Magari un buon ginecologo o, che so, un sessuologo...?" "sai una cosa Ugo, adesso che ci penso, me la devo studiare ma, forse, una mezza soluzione potrei averla. Va bhé, buona notte amore". Holga spegne la luce lasciando il marito confuso e curioso.
Il mattino dopo era Sabato e solo Ugo lavorava, mezza giornata per sbrigare gli arretrati settimanali. Madre e figlia si alzarono presto per le faccende domestiche ma ambedue non ne avevano una gran voglia e dopo il caffè si sedettero sul divano a guardare, pigramente, un po' di TV.
"tata, fammi capire meglio, davvero non hai mai raggiunto...?" "si, mamma, davvero. Da come me ne hanno parlato so di non aver mai toccato il cielo con un dito, di non essermi sentita svuotare di tutte le energie, di non aver accusato la frenesia di ricominciare subito per avere ancora più godimento. Alla fine, lui viene, mi sporca la pancia, i peli della patata, soffia e sbuffa come un treno a vapore ed io sento un vago formicolio. Tutto qua" "possiamo parlarne apertamente?" "certo mamma, magari puoi, non so, aiutarmi o consigliarmi visto come ti sento gridare ognittanto..." "esagerata; gridare... Magari qualche urletto..." si misero a ridacchiare un po' per poi rifarsi serie.
Parlarono tutta la mattina di quella situazione che turbava Debora e la madre capì alcune cose che riteneva importanti e li prese una strana decisione.
Al telefono" Ugo amore, per pranzo noi non siamo a casa; guarda se puoi mangiare qualcosa ad un ristorante che stasera mi faccio perdonare" non aspettò neanche la risposta e chiuse la chiamata; prese per mano sua figlia " dai Deby, vestiti che andiamo a fare un paio di commissioni" una frase senza diritto di replica; Holga si preparò con una mise molto sexy fatta di una lunga gonna aderente sotto la quale si intuiva l'assenza di intimo, autoreggenti nere come la gonna; sopra un cachemire girocollo anch'esso aderente senza reggiseno, il tutto su di un paio di tacchi dodici lucidi. Debora vesti a casual; uscita dalla sua stanza incontrò lo sguardo di sua madre "va bhé tata, poi ci penso io". Chiusa la porta di casa si recarono in alcuni negozi per acquisti, diciamo così, un po' pazzi. Rincasarono con diverse borse contenenti dal intimo ai vestiti fino agli accessori, tutti molto sexy ed eccitanti; nel acquistare ogni cosa Holga non tenne mai conto delle parole della figlia ed ogni diniego della ragazza era vano. Giunte a casa "amore di mamma, ora vai a fare la doccia nel bagno di sopre che io la faccio qui di sotto, poi ci troviamo in camera tua che debbo parlarti. Ritrovatesi in camera" dai tata, togli l'accappatoio che ci proviamo queste robine" tenendo in mano completini intimi molto sexy. "ma mamma, che bisogno c'era di fare questi acquisti? Intimo e vestiti ne ho un armadio pieno" "lo so amore, li ho visti ma sono tutta roba da suorina; slip in cotone stile educanda, reggipetto sportivi privi di fascino, vestiti da ragazzina anni novanta; ormai sei una donna e devi 'apparechiarti' per ingolosire, per far sì che al solo guardarti ti si voglia 'mangiare'."" ma... Mamma che cavolo dici? " " dai, dai, poche storie e proviamo queste 'leccornie' ; ne ho prese un paio anche per me".
Di primo acchito Debora si imbarazza a un po' a spogliarsi e poi mostrarsi con l'intimo nuovo ma man mano che si susseguivano i cambi cominciava a sentirsi a suo agio e risate, battutine, scherzi e sfioramenti contibuirono a stringere ancora di più il legame fra le due donne.
"adesso voglio farti un paio di domande ma devi essere sincera nel rispondermi". "ok mamma, dimmi"
"se io facessi un paio di pazzie tu ti fideresti di me seguendomi e stando al mio gioco?" "si... Mamma io mi sono sempre fidata di te; cosa intendi per pazzie?" "ti fidi della mamma?" "... Si... Te l'ho già detto" "ok..." si guardarono per alcuni secondi negli occhi e poi, dopo un sorriso, sistemarono la camera e scesero a preparare cena. Ugo tornò alla solita ora, in tavola era già servito il pasto e quando finirono di cenare e sistemare Holga prese Deby per mano e la portò in camera della ragazza; le fece indossare l'intimo più sensuale, rosso, fra quelli acquistati al mattino, autoreggenti nere, un vestito cachemire intero lungo. La mamma vestí molto simile con la sola differenza delle calze, le sue erano più chiare. Deby era confusa; non capiva le manovre della madre e quando entrambe si presentarono ad Ugo tenendosi per mano la sua confusione crebbe ancora di più.
"Ugo, amore, guarda che due gnocche spaziali sono le tue donne". Nel voltarsi a guardare le due donne ad Ugo, quasi, prese un 'colpo' ; degluttí sonoramente strabuzzando gli occhi, incapace di spiccicare una sillaba per un lungo momento nel quale rimbalzava gli occhi da una donna all'altra.
"caspita mie belle signore, quale spettacolare visione!" "e non hai visto ancora niente amore". L'espressione interrogativa sul viso del marito si tramutò divenendo sguardo eccitato quando la moglie in un movimento unico sollevò contemporaneamente tutt'e due le gonne portando alla luce i due perizzoma e calze autoreggenti.
Deby tentò timidamente di ricoprirsi ma Holga le diede un leggero strattone "fidati della mamma..."
Incredulo ed eccitato Ugo restava seduto ammirando tutto quello splendore e, nel mentre, la moglie finì di sfilare il vestito alla figlia ed il suo. Con passo incerto Debora si lasciò portare da sua madre verso quel uomo che da dieci minuti le osservava ancora incredulo. "guarda Ugo, guarda che figurino la nostra bambina; senti che morbidi questi 'indumenti'. Holga prese le due mani del marito portandole a toccare i due corpi che aveva davanti. Accarezzava morbidamente le gambe di ognuna, salendo alla pelle nuda delle cosce; arrivato al addome la carezza era un po' incerta ma, preso ormai dalla situazione, ridiscese fino ad arrivare con le dita appena sotto l'elastico dei perizzoma; gurdò la moglie che gli sorrise, poi guardò la figlia che aveva ancora un po' lo sguardo interrogativo al che Holga "dai amore, senti come siamo morbide anche noi". Ugo si lasciò trascinare nel gioco della moglie e portò i sui palmi a toccare i sessi delle sue donne. Deby avrebbe voluto scappare per la sua timidezza ma Holga la strinse a sé. Ugo arrivò con le dita a sfiorare le labbra intime delle sue donne sentendone l'inumidirsi di entrambe. Certo, Debora aveva già avuto prima la figa umida dal principio di giochi con i suoi ex ma sentire le dita di suo padre che le accarezzava il clitoride le diede una nuova, incredibile, scossa mai provata di tale intensità. Per Holga fu, sulla sua intimità, una riprova della capacità di suo marito ad innescarle la lussuria che provava ogni volta.
"uuhuuuuu, mamma, ma che mi succede? Ho i brividi. Non avevo ancora provato una sensazione simile." "aspetta che papà ingrani la 'marcia'. Dai Ugo, amore, facciamo ballare la nostra bambina come sappiamo fare io e te...!"
Il divano in pelle era alle spalle delle due femmine eccitate ed eccitanti e quando il padre si alzò deciso le spinse entrambe a sedervici su; Holga non batté ciglio mentre la figlia sembrava un tantino agitata.
" tranquilla Deby, sono vicina a te non devi temere nulla in assoluto. Dai porcello fai del tuo meglio". Ugo si inginocchiò dinnanzi alla figlia, lentamente protese le braccia fino a prenderla per i fianchi ed avvicinarsela; accostò le sue labbra a quelle della ragazza baciandola dolcemente ma la figlia non rispondeva, ancora, al bacio; il padre senza forzare la mano insistette un po' e ne uscì un dolce e lungo bacio dove le lingue si cercavano e si intrecciavano con gusto.
Minuti preziosi per cominciare a prendere confidenza con quello che stava nascendo di nuovo fra padre e figlia. Nel mentre Holga si carezzava l'inguine e cominciava a bagnarsi copiosamente; ogni volta che il suo indice sfiorava il clitoride ne riceveva brividi elettrizzanti. Ugo lentamente abbassò il reggiseno della figlia lasciandole quelle due stupende tette libere di mostrare i capezzoli duri all'inverosimile ed ogni volta che ne sfiorava uno la ragazza gemeva languidamente; anche quel gioco sul seno di Deby durò interminabili minuti per la soddisfazione di tutti e due. Ad un tratto il padre guardò sua figlia negli occhi, senza una parola sembrava chiedere il permesso di andare avanti nel esplorarle il corpo; non c'era nessun dubbio che a quel punto, con quel grado di eccitazione Debora avrebbe permesso qualsiasi cosa. La tirò ancora un po' verso se, le fece appoggiare la schiena e dolcemente le sfilò il perizzoma; ricominciò a tittillarle le grandi e piccole labbra, si chinò fino a posare la bocca su quel bocciolo che stava diventando una fica fradicia di umori. Un primo tocco con la lingua del padre su quel clitoride così esposto scaturí un urletto dalla bocca socchiusa della ragazza in estasi; un secondo prolungato tocco fece vibrare il corpo sempre più offerto. L'uomo, allora, posò le labbra a pieno e totale contatto con la madida carne della figlia cominciando a leccarla con passione, dedizione ed impegno. "Tata, ti piace quello che ti sta facendo provare il tuo papà?" "si... Si... Mamma... È.... Stu... Pendo... Mmm... Non me lo... Aveva.... No mai... Fatto..." Debora perse il fiato e dondolandosi avanti e in dietro sulla seduta del divano raggiunse il suo primo potentissimo orgasmo gridando, piangendo, ringhiando e tirando per i capelli la testa del padre per premerlo il più possibile a contatto della propria fica. Anche Holga raggiunse l'orgasmo guardando l'arte del marito nel portarla al orgasmo, il primo orgasmo, della figlia; adesso la donna voleva la sua parte "Maritino mio, porcello, bevi anche un po' del mio di nettare?". Come poter dire di no; la moglie lo tolse da sé il perizzoma e posizionata con un piede sul divano e l'altro a terra si tirò il viso del marito contro quel fuoco che era la sua fica; niente bacini, niente coccole solo una coinvolgente leccata di fica come Venere comanda; i guizzi delle leccate sul clitoride della moglie producevano un sottofondo sensuale; la donna girava a scatti il volto a destra e sinistra finché non trovò davanti agli occhi il viso di sua figli che le si era avvicinata scrollandosi da dosso la timidezza ed ogni inutile inibizione; si limonarono, si toccavano i sensi vicendevolmente sempre guardandosi con amore negli occhi. "questo é godere, questo vuol dire un orgasmo?" furono le parole che la ragazza sussurrò, tra un bacio e l'altro, alla madre. "vedrai dopo, amore, questo è solo il riscaldamento; tuo padre è un diesel, parte lento ma poi non lo fermi più finché non è esausto del tutto".
Ed infatti Ugo, col viso madido degli umori vaginali della moglie, si spostò nuovamente verso sua figlia; la fece alzare dal divano e stringendola forte a sé cominciò a limonarla. L'erezione del uomo era granitica, puntava sul pube della ragazza con arroganza e con lievi movimenti del baccino arrivò con la cappella a sfiorare la fichetta, ormai affamata, stusciandosi sul clitoride duro e sporgente; Ugo, ansante, si spostò di lato per andarsi a sedere al centro del divano e con mano ferma, quasi autoritari, si tirò la figlia a sedersi sulle gambe; anche lui nudo ed eretto entrò lentamente nella figa abbondantemente bagnata della ragazza arrivandole in profondità e dopo alcuni secondi di stasi cominciarono entrambi a muoversi; l'entra ed esci del cazzo paterno nel ventre di Deby sconvolse da subito la ragazza che, ora, si ritrovava a 'cavalcare' con la sicurezza di una valchiria; gemiti, rantoli e ruggiti di padre e figlia legati in quel meraviglioso momento di incesto. Debora, prima di 'deporre le armi' ebbe ancora deversi orgasmi sino a squirtare all'ultimo che la vide, poi, cadere spossata al fianco del genitore rannicchiandosi tremante ma pienamente soddisfatta. Holga imperiosa prese il marito per i capelli "ehi, vecchio porco, ti ricordi di me? Adesso devi soddisfarmi e devi impegnarti se no ti metto in castigo, hai capito? “ " vieni baldracchetta mia, vieni che ti sistemo e ti riempio, te l'annego di sborra; questa puledrina mi ha fatto arrivare al limite ma non ti preoccupare, ti faccio divertire ancora per un po', vacca". Era il turpiloquio con cui marito e moglie si divertivano a stuzzicarsi per l'eccitazione verbale. La donna si mise in ginocchio a quattro zampe e Ugo le impose il cazzo umido degli umori della 'ragazzina' davanti alle labbra; fu in un lampo che Holga fece sparire l'intero cazzo del marito nella sua bocca. Un pompino magistrale stava facendo tremare il corpo del maschio che, con un impeto a lei noto, le tolse il membro dalla bocca per portarsi alle spalle della femmina in calore e infilarla veemente; aggrappato ai di lei fianchi la stantuffava nalla fica sbrodolosa con colpi sempre più decisi e ad un ritmo sempre più serrato, il tutto fissandosi negli occhi con sua figlia sorridente. "amore fra poco ti riempio... Ci sono quasiiii." "si, porco, dai annaffiami l'utero, riempimi, dai sborra." La donna era già venuta tre o quattro volte ed al orgasmo del marito venne ancora insieme a lui gridando col suo uomo. Finirono distesi sul tappeto ai piedi di Debora che, seduta ancora sul divano, li ringraziò di averla amata anche sessualmente.

Passarono alcuni giorni da quella magica sera e Debora si trovo, il sabato sera, ad affrontare una nuova 'prova', un secondo stepp.


Segue...

Questo racconto di è stato letto 3 7 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.