Non sono giochi

Scritto da , il 2020-06-22, genere incesti

Amo leccare la figa; come in un frutto maturo affondare la lingua per gustare il piacevole sapore del succo. Passarci sopra le labbra, su quella carne morbida e calda, umida di piacere e saliva; leccarla passionalmente dal basso, vicino all'entrata del paradiso, verso l'alto fino al clitoride dove insistere a picchiettare con la punta della lingua ed aspirare, poi, quasi con violenza; allontanarsi lentamente per raggiungere il perineo ed alitarci sopra ; di lì ad arrivare all'ano è un attimo ed una ulteriore passione appoggiare piatta la lingua sul tondeggiante pertugio. Inseguire in punta di lingua il circolare buchino ed entravici dentro umettando il percorso.
Fare avanti e indietro leccando e succhiando per bere, letteralmente, ogni goccia di umore vaginale che vi scivola sopra dal alto.
È questa mia passione, unica e grande passione, che mi ha portato a diventare quasi un giocattolo per mia figlia. Sono divorziato da sua madre da un anno circa e dalla separazione ad oggi ne sono passati tre.
In questi tre anni non ho avuto altre relazioni se non un paio di 'avventure' di una o due notti e non di più.
Mi accontentavo di un po' di auto erotismo saltuario giusto per sfogare un po' le palle.
Un paio di mesi fa mi viene a trovare nel mio appartamentino mia figlia; mi dice che l'hanno assunta con contratto di tre mesi in un negozietto del paese vicino; mi chiede se posso aiutarla a cercare un alloggio nelle vicinanze. Le chiedo quando avrebbe dovuto cominciare a lavorare e mi dice che attacca il Lunedì che arrivava. Io, da buon padre, le faccio due calcoli a spanne e risulta che fra affitto, utenze, contratto e 'vizzi' avrebbe speso più di quanto guadagnasse e perciò le propongo di occupare la stanza libera che c'è lì a casa mia. Lei non vorrebbe disturbare, non vorrebbe che la sua presenza possa provocarmi problemi con la mia donna...
Ho messo tutto in ordine con una risata ed uno sculaccione sul bellissimo culetto di mia figlia.
Il 'fattaccio' di cui ho detto al inizio scaturisce dal essere beccato a leggere alcuni brani di scritti erotici;
Già i titoli erano eloquenti ma quando, in un attimo di mia assenza, Giulia ha letto un po' di contenuti si è fatta una idea quasi precisa di cosa leggessi. La sera stessa arrivò a casa e la trovo a sfaccendare ai fornelli in una tenuta a lei desueta; un grembiulino con pettorina la copriva davanti lasciando scoperto il dietro; dietro il suo corpo si presentava in due sodi glutei divisi da una striscia di tessuto del perizzoma e mancava completamente il retro di un reggiseno. Li, alla vista di cotanto spettacolo ho avuto una vergognosa erezione; avevo male al cazzo da quanto spingeva nei jeans. Lei mi sente arrivare sulla porta della cucina, si gira dopo alcuni lunghi secondi, mi guarda con finta innocenza negl'occhi e mi fa un sorriso molto birichino che porta il mio dolore alle stelle. Mi raggiunge mettendomi le braccia al collo e pressando la sua quarta di seno contro il mio petto; io mi piego un po' in avanti per evitare che senta il pacco e credo di essere riuscito a non fare danni. E invece non ero salvo per nulla. Apparecchiata la tavola Giulia seve la cena restando col grembiulino, si siede accanto a me invece che di fronte e continua a sorridere. Non ho ancora finito la prima portata che mia figlia si alza in piedi, mi punta l'indice a mo' di ramanzina, mi apostrofo con voce birichina e scherzando mi da del porcellino. Oh diamine, cosa stava dicendo? Prende il PC portatile dove leggo certi brani e me lo mostra con sullo schermo la cronologia di ricerca e vi si leggono titoli inequivocabili. A momenti mi strozzo.
E dinuovo mi succede quando mi chiede se io certe cose le so fare veramente o se solo le leggo.
Senza dire una parola riparo in camera mia chiudendo i la porta alle spalle. Non passano dieci minuti che, senza bussare, Giulia entra in camera, spogliata del grembiule, con solo il perizzoma e a piedi scalzi, si avvicina al matrimoniale sul quale dormo e mi fissa muta. Anch'io la guardo ma la fisso negl'occhi e quando mi si inginocchia davanti, fra le mie ginocchia, e mi confessa di sentirsi attratta fisicamente da me rompo gli indugi; mi alzo in piedi sempre fissandola negli occhi, lentamente mi spoglio senza distogliere lo sguardo dal suo, la prendo per le spalle la avvicinò a me e l'abbraccio stretta; cominciò a baciarla in bocca con le nostre lingue a duellare e appena mi distacco da quel focoso bacio la butto sul mio letto e le tolgo il perizzoma ormai fradicio d'umori. In men che non si dica le sto leccando la fica che mi gocciola sulla lingua. Le tengo le gambe divaricate al massimo e tirate un po' verso l'alto. In quella posizione, io inginocchiato a terra, lei stesa di traverso sul letto, posso arrivarle in ogni più recondito angolo della sua intimità; le succhio forte il clitoride, poi scendo verso il basso massaggiando con le labbra e la lingua insieme le piccole labbra vaginali; con la lingua la penetro più profondamente che posso e quando la ritiro aspiro tutto ciò che impregna la carne; scendo sul buco del meraviglioso culo ed anche lì mi soffermo a tittillare le rughette tutt'intorno; picchietto con la lingua al centro e poi aspiro, ricomincio a picchiettare ed aspirare; nel frattempo lei si contorce e smania ed io le massaggio il clito con due dita, la penetro col pollice; tutte queste cose contemporaneamente. Dal clitoride all'ano, andata e ritorno, andata e ritorno per un tempo lunghissimo nel quale Giulia raggiunge un elevato numero di orgasmi.
Ad un certo punto sembra che mia figlia fosse svenuta; giaceva sul letto immobile, occhi chiusi, sorriso stampato e respirazione accelerata; se per quasi due ore non l'ho trattata quale mia figlia, in quel momento, senza rimorso, la riconoscevo tale e con amore l'ho coperta col copriletto morbido e mi sono diretto in bagno.
Erano tre ore che ero tornato a casa; erano tre ore che avevo il cazzo duro a mattone ma per qualche strano motivo non ho voluto segarmi.
Per stemperare la mia situazione mi butto sotto la doccia quasi gelata e sembra, quasi, che il cazzo capisca di doversi rimettere in pace; in quei lunghi minuti, con i pugni al muro per tenermi fermo ad occhi chiusi, continuo a vedere il fiore della passione al quale ho dato lunghi tocchi con la lingua; sentivo ancora il sapore dei suoi orgasmi che mi hanno riempito la bocca. Ogni più piccolo particolare delle due ore precedenti era registrato nella mia mente ed il solo ripensarci riportava la mia erezione ad indurirmi il cazzo ancora alla soglia del dolore.
Si apre il box dietro di me e silenziosamente Giulia mi raggiunge sotto il gettò, allunga una mano regolando l'acqua ad una temperatura tiepida e quando ritira la mano la mette sul mio addome; si stringe a me stretta stretta baciandomi il collo e le spalle. Più o meno siamo alti uguali e quando mi giro verso di lei il mio cazzo si punta contro il suo pube liscio senza un pelo; mette la mano tra noi e impugna il cazzo duro del suo papà e il tutto continuando a fissarci negli occhi. Le prendo i sensi tra le mani, mi chino a baciarne i capezzoli eretti e riporto la mia bocca verso la sua leccando tutta la morbida pelle del petto poi il collo ed il mento per baciarla con passione. Un lungo bacio che termina, momentaneamente, quando mia figlia si volta al muro appoggiando le mani contro il muro, si china un po' ed afferrato il mio cazzo mi attira a se facendomi entrare in quella fica magnifica. Le poso le mani sui fianchi e incomincio a fare avanti e in dietro con brividi pazzeschi che mi piegano le gambe. È il momento più bello, eccitante e appassionato che abbia mai vissuto. Aumento la velocità con cui la sto pompa do e in pochi minuti Giulia grida il suo ennesimo orgasmo e quando faccio per uscire dovendo sborrare lei mi chiede di non uscire, di farle sentire il mio amore dritto sul utero, dentro fino in fondo.
Non ho mai goduto con più piacere di quello. La mia bambina mi teneva dentro la sua fica, si volta per baciarmi, mi sorride con amore e...

Segue

Questo racconto di è stato letto 1 0 0 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.