Passione carnale II

Scritto da , il 2020-04-10, genere incesti

Il sorriso non scomparve neanche quando giunti al cascinale ci corsero incontro mamma e zia; ci investirono di domande, preoccupate nel vederci arrivare, io a torso nudo e vistosamente claudicante sorretto da mia sorella che accompagnava con mille attenzioni i miei passi incerti e dolorosi. Raccontiamo l'accaduto tra i filari del vigneto, mentimmo dicendo che la maglietta di Mara si era agganciata a dei rami secchi, lungo il ritorno, mentre tentava di non farmi cadere e demmo il merito dei nostri sorrisi all'allegria scaturita da tutta la situazione. Niente di strano, dunque.
La zia disse a mia sorella di accompagnarmi nella cameretta dove dormivo che lei ci avrebbe raggiunti col sacchetto del ghiaccio.
Ero steso sul letto con Mara seduta difronte a me; io le stringevo la mano fissando quei suoi occhi stupendi, lei fissava i miei tenendo l'altra mano sul pacco sopra i jeans; quando giunsero la mamma e la zia io voltai il viso verso la finestra fingendo una smorfia di lieve dolore, Mara ritrasse discretamente la mano da sopra i miei pantaloni ma continuavano a restare mano nella mano.
Una bella e stretta fasciatura, ghiaccio e via, riposo. Mi addormentati con la mia sorellina affianco che continuava ad accarezzarti il viso amorevolmente. Il mattino dopo fui svegliato da mia madre che mi disse che papà, lo zio, la zia e lei sarebbero andati ad una specie di congresso per viticoltori a duecento km di distanza ma che si sarebbero trattenuti in loco per tre giorni nei quali avrebbero svolto alcune faccende per la loro azienda vinicola essendo i quattro soci. Mara ed io, soli per quattro giorni, il cascinale tutto per noi.
Partiti i parenti vidi arrivare mia sorella con due tazze contenenti due cappuccini caldi, mi porse il mio è col sorriso più brillante che potesse esistere si sedette al mio fianco. Restammo per qualche minuto in silenzio a gustare la bevanda calda, poi Mara mi fece La domanda. Se quello che era successo il giorno prima mi fosse piaciuto tanto da rifarlo. Caspita, m'è piaciuto enormemente, più di qualsiasi porcata lussuriosa che avessi mai fatto con qualsiasi ragazza che mi sono messa sotto. Non sono arrivato al orgasmo ma mi è strapiaciuto e speravo di poter averne ancora e di più. Mi strappò, quasi, la tazza dalle mani, posò la sua e la mia sul comodino ed iniziò a baciarmi come il giorno prima con ancora più passione. In un attimo fummo completamente nudi e, prima di donarci a vicenda, lei mi dice che anche se è sbagliato e non sa da dove le viene questo ardore non vuole che essere scopata da me; aveva involontariamente sentito storie su di me e quando poté approfondire in qualche modo il discorso si era ripromessa che doveva provare di persona le meraviglie raccontatele. In breve tempo su quel letto ci trovammo allacciati in un sessantanove indemoniato nel quale leccai, succhiai e morsi la mia bambolina tra le cosce. Lei mi pompava con la bravura e l'arte della più esperta puttana portandomi più volte sul orlo del orgasmo; si fermava giusto un attimo prima che esplodessi per ricominciare dopo poco con la stessa enfasi. Io, invece, non mi fermavo un secondo e più volte mi ritrovai a bere il suo orgasmo che esplodeva nella mia bocca accompagnato da gemiti gutturali, urletti, graffi alle mie cosce e veri e propri ruggiti. Dopo molti minuti di queste paradisiache sensazioni non si fermò in tempo e quando le dissi che stavo venendo si impegnò ancora di più fino a ingoiare la sborrata oceanica che le riversati in bocca in diversi schizzi.
Da sotto il suo corpo le accarezzavo la schiena e il culo e ad ogni passaggio la sentivo rabbrividire ancora per l'effetto del più recente orgasmo. Non ci misi molto a tornare in erezione edopo pochi minuti cambiammo posizione e volle cavalcarmi per dare lei il ritmo della scopata e per lasciarsi leccare e ciucciare i capezzoli irti e duri come sassi. Ad ogni suo movimento corrispondevano scariche di emozioni e il nostro amore in quel momento si esprimeva con selvaggia rudezza. I suoi continui orgasmi non si contavano più ma trovò l'istante giusto per dirmi che potevo venirle dentro poiché era protetta e di lì a pochi altri affondi ancora venni. Venni copiosamente e fui pervaso di tremori e brividi mai provati prima per intensità. Esausti ricademmo abbracciati sul materasso e con i nostri nasi a contatto, uno difronte all'altra ci asopimmo soddisfatti.


... Continua

Questo racconto di è stato letto 1 1 7 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.