Passione carnale III

Scritto da , il 2020-04-15, genere incesti

... Ci risvegliammo a pomeriggio inoltrato ancora abbracciati. Continuammo ad accarezzarci per qualche minuto dopodiché Mara saltò giù dal letto tenendosi una mano sulla fichetta per evitare perdite e non sporcare ovunque. Mi sorrise e mi informò che dopo la doccia si sarebbe messa ai fornelli per preparare la cena. Il dolore alla caviglia andava scemando e, toltomi la fasciatura, dopo una mezz'oretta andai a docciarmi e vestirmi. Quella sera cenai da pascià ed ogni vivanda era accompagnata da qualche sorso di rosso della cantina privata dell'azienda. Chiacchiere, battute, doppi sensi, ammiccamenti e risa furono una cornice fantastica. La notte, poi, ci vide nuovamente impegnati a dare sfogo alla passione sempre più sfrenata e bollente. Dalle ventidue, che decidemmo di andare a letto, fino alle quattro, che stramazzammo esausti ci siamo amati e scopati con la frenesia di dare ed avere il più torrido piacere. Mara veniva rumorosamente eccitando i miei sensi sempre di più ; io riuscii ad avere ben tre orgasmi che le riversai sia in bocca che dentro al pancino.
I giorni di "libertà" finirono col ritorno dei parenti ma fino ad allora godemmo l'uno dell'altra a più non posso.
Fino alla fine di quella 'vacanza' avemmo poche occasioni per donarci e quando tornammo a casa ci giurammo eterno amore anche se non esclusivo. Entrambi avevamo le nostre storielle ma ci capitava abbastanza sovente di ritrovarci, fra le lenzuola, amanti. La vita proseguì così fino al maledetto giorno in cui nostro padre ebbe un mortale incidente; quel giorno, il giorno dopo il suo quarantaquattresimo compleanno. Un freddo giorno di Febbraio.
Lo sconforto e la tristezza ci trovarono impreparati ma dovetti farmi forza per tener su mia madre ed anche Mara. La vita tornò ad essere meno pesante quando mamma ci chiese se avessimo obiezioni al fatto che aveva incontrato un vecchio spasimante dei tempi della scuola ed avrebbe avuto piacere a frequentarlo; amava nostro padre davvero e temeva che noi vivessimo male il suo voler andare avanti. Al contrario noi ne fummo felici perché la vedevamo più serena.
Il rapporto incestuoso con mia sorella vide un breve periodo di stop durante i primi mesi dalla scomparsa di papa ma tutto riprese con ancora più passione e perversione. Conducevamo vite separate in quasi tutto il giorno e per diversi giorni per ritrovarci allacciati in focosi giochi spregiudicati quando non potevamo più farne a meno. Il giorno in cui ho conseguito la laurea, Mara ed io, decidemmo di festeggiare in modo diverso da come festeggiamo la sua laurea il mese prima; per lei ci recammo in un locale con tutti i suoi amici e colleghi di studi, qualcuno dei miei amici e colleghi e ci divertimmo a ballare, bere e cantare sino all'alba. Arrivammo a casa che il sole era già alto e non avemmo occasione di amarci per vari motivi che si accavallavano tenendoci distanti. Per festeggiare me, invece, programmo tutto lei; io mi aspettavo una ridda di amici e colleghi con alcool, musica ecc. ecc.
Niente di tutto ciò; invece una cena sontuosa in un ristorante stellato, una capatina in un club dove applaudire alcuni comici stendup e poi... ai miei desideri.
Ci preparammo indossando eleganti abiti da gran sera, prendemmo la sua auto che era nuova ed elegantissima e partimmo alla volta del ristorante. Tutta la serata è stata fantastica; un solo bacio sulla guancia e risate, risate e sorrisi. Dopo il club i miei desideri ci portarono, egoisticamente, nella stanza di un hotel; il consierge era un amico e riuscii a prendere la camera senza che qualcuno potesse o dovesse vedere Mara. Fu una notte fantastica.


... Continua

Questo racconto di è stato letto 8 6 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.