Passione carnale VI

Scritto da , il 2020-04-28, genere incesti

Passarono un paio di giorni e fui di nuovo a casa di mamma per aiutare il suo compagno. Quando entrai in casa vidi mia madre con una strana espressione sul viso che non lasciava presagire niente di buono; mi avvicinai a lei e con fare naturale di un figlio la salutai. A malapena mi rispose e si allontanò. Mi recai in garage dove trovai Michele che armeggiava con del nastro da pacchi e scatoloni vari. Il lavoro altro non era che il caricare le sue cose sul furgone per trasferirsi altrove. Non avevano proprio litigato era solo che lui aveva ricevuto un'offerta di lavoro irrinunciabile e alla richiesta di essere seguito da mia madre lei non se la sentiva; lui andava in un'altra nazione, in Francia, e lei non voleva lasciare tutto quello che aveva qui, i suoi figli, la sua casa, il vigneto e quant'altro. La loro storia finiva lì, quel giorno stesso. Io non ero molto dispiaciuto ma non lo mostrai. Un po' il tutto ci faceva gioco a Mara e me: ci permetteva di avere maggiori margini di manovra nel rapporto incestuoso con la nostra mamma porcella. Per i seguenti due giorni mamma non si vide né sentí ed al ritorno del mio amore l'aggiornai sulle novità. Mezz'ora dopo che era entrata nella nostra casa eravamo già in auto alla volta della casa materna.
Nostra madre ci accolse con il sorriso della rassegnazione per quanto occorsole ma, fatte spallucce, ringraziò di avere due figli speciali che la amavano davvero tantissimo. Abbracci, baci e sguardi ci portarono in salotto dove prendemmo un buon caffè e parlammo del accaduto; alla fine era chiaro che mamma non ne soffriva più di tanto. Ora per proseguire il nostro rapporto scabroso dovevamo adottare ulteriori attenzioni.
Mamma decise che avremmo mangiato lì con lei e si mise subito ai fornelli; Mara le diede una mano nel frattempo io guardavo un po' di tv; ad un certo punto mi resi conto di non sentire più alcun rumore dalla cucina e preso dalla curiosità mi affaccia per capire e quello che vidi era spettacolare: le due donne si stavano baciando con passione passandosi le mani sui corpi, ormai, quasi nudi. Mara aveva in dosso solo la camicetta bianca ed il perizzoma color panna, mamma aveva la sua leggera veste completamente sbottonata e appesa alle braccia, una tetta fuori dal reggiseno e gli slip quasi a metà delle cosce. Mi eccitai istantaneamente ma rimasi sulla porta ad osservare con il cazzo talmente duro da farmi male nei jeans; restai li a guardare anche quando vidi mia sorella inginocchiarsi per baciare il pube della madre e proseguire nella ricerca del suo clitoride. Le passò le mani dietro a massaggiarle le natiche per tenersi in equilibrio oltre che per poter affondare meglio la bocca sulla fica materna. Non mi mossi neanche quando la mia mamma fece alzare Mara per farla sedere sul piano di lavoro; le sollevò le gambe per aria, le spostò il perizzoma e si avventò sulla fichetta sbrodolante di sua figlia per leccarla a piena bocca; le tittillava il clitoride con la punta della lingua, poi premeva la bocca a ventosa su tutto il frutto maturo, le infilava la lingua più profondamente possibile per tornare subito a leccare tutto con la lingua a spatola. Mia sorella raggiunse l'orgasmo con gemiti profondi e con le dita intrecciate ai capelli della mamma pressandone il viso perché aderisse ancora di più. Nemmeno quando invertirono i ruoli e posizione mi spostai dallo stipite ed osservai l'arte con cui Mara faceva godere nostra madre; con tre dita piantate dentro la fica della mamma succhiava con ardore il suo bottoncino e poi lo leccava, lo mordicchiava, ci frullava sopra due dita dell'altra mano e le stesse due dita le passava con insistenza sul ano. Mamma venne sbrodolando copiosamente e urlando il suo orgasmo tremando. Si rimisero in piedi una davanti all'altra scambiandosi ancora un bacio profondo e accarezzandosi il viso vicendevolmente. Si dissero quanto appassionato era l'amore che le legava, anche carnale, e poi si voltarono nella mia direzione; mamma mi strizzo l'occhio mentre Mare mi fece la linguaccia, si strinsero tra loro e poi si rimisero a cucinare.
Mi avvicinai alle loro spalle con lentezza per ammirare ancora quei due culetti così belli ed eccitanti. Quando le raggiunsi vantati il diritto di avere doppia razione di fica da entrambe le mie donne e posi le mani sulle chiappe di ogniuna; ancora mezze nude mi assicurarono che mi avrebbero ben volentieri accontentato ma solo se fossi stato capace di farle venire entrambe più e più volte.
Accettai la sfida forte delle mie capacità.
Ci impiegammo una manciata di minuti a consumare la cena frugale per poterci cimentare in ciò che più amavamo: scoparci con amore e passione. Stavolta ci accolse il matrimoniale in camera della mamma dove ci adagiammo pronti a scatenarci fino alla spossatezza. E così fu. Presi le mie cagnette in una perfetta alternanza; la mamma si fece montare prevalentemente a pecorina poiché era la posizione che più le piaceva ma non mancarono, con lei, un furibondo sessantanove, lei che mi cavalca spingendomi le tette sulla bocca e portandomi al orgasmo che le schizzai a riempirla. Certo, lei venne solo tre volte ma se le godette moltissimo mentre sua figlia ci guardava masturbandosi; l'accordo era di giocare uno contro uno ed ottenere il massimo in quella situazione. Quando misi sotto la mia gemella fui costretto ad accontentarla in un numero incredibile di posizioni: pecorina d'obbligo, un po' alla missionaria, io in ginocchio davanti a lei sdraiata con le gambe sulla mia spalla, di fianco mentre le torturo i capezzoli, smorzacandela mozzafiato per finire ancora alla pecorina e riempirla della mia seconda sborrata. Purtroppo non riuscii a portare Mare a più di un paio di orgasmi ma quei due valsero per otto. Alle due di quella notte ci lasciammo cadere appagati sul materasso per addormentarci soddisfatti.
Fui il primo ad alzarmi alle due del pomeriggio dopo; cercando di non svegliarle le baciami sulle labbra con tenerezza e mi diressi in cucina per mettere su un necessario caffè che mi destasse a pieno. Le donne mi raggiunsero poco dopo che uscì il caffè e come due gattine mi si strinsero addosso ancora un po' assonnate; porsi loro le tazzine e andai a docciarmi. Al mio rientro in salotto le trovai stravaccate sui cuscini del divano, le aiutaci ad alzarsi, schiaffeggiai con dolcezza i loro bei culetti e le spinsi verso la sala da bagno per la doccia.
Noi gemellini peccaminosi tornammo a casa nostra per delle cose da fare che avevamo rimandato dal giorno prima. Giungemmo a casa, disbrigammo ogni cosa e restammo seduti uno di fronte all'altra in un complice silenzio. Fu poco dopo che mi venne in mente un'ideuzza che mi solleticava: Elisa, Mara e Max con la mascherina in un privé.


... Continua

Questo racconto di è stato letto 6 8 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.