Incontro inaspettato

Scritto da , il 2020-06-07, genere etero

Era una giornata infernale, caldo opprimente e non mi andava di uscire con i soliti amici ma Luca mi disse su dai vieni andiamo a bere qualcosa sul mare ci saranno nuove amiche lo sai c'è anche la biondina che mi piace tanto dai non darmi buca... .... Così accettai e per le 9 ero pronto, indossi una semplice camicia di lino leggera, un jeans e scarpe da ginnastica.
Ci incontrammo lì ci accomodammo e dopo un po arrivo anche lei la notai subito mentre entrava insieme alle amiche, i nostri sguardi si incrocia Romo e subito sentii un Brivio lungo il corpo.
Era bellissima con i sui capelli neri la camicetta di seta e quel pantaloncini si fece largo e dopo le veloci presentazioni di sedette di fronte a me.

Dopo un attimo di smarrimento la salutai iniziamo a parlare ed intorno a noi la serata scorreva velocemente, l'alcool rendeva la Co versaxione più briosa e i suoi sorrisi aumentavano.
Non riuscivo a distogliere lo sguardo dal suo viso, i suoi delicati lineamenti orientali mi avevano rapito anche lei mi guardava sempre con più insistenza per effetto della birra che scorreva , ad un certo punto mentre gli altri erano fuori per fumare la mia mano sfioro involontariamente la sua i brividi aumentarono ed il desiderio di scappare via con lei. Notai nel suo sguardo lo stesso desiderio mi feci coraggio e le proposi di uscire ed andare a fare un giro, lei accetto ed andammo via.
Entrammo in auto e partimmo lei prese la mia mano e la porto sulle sue gambe e la strinse.
Era bellissima le sue lunghe ed affusolate gambe rapirono la mia attenzione, per non parlare dei suoi seni che facevano capolinea dalla sua camicetta. La mia mano carezza a le sue gambe, la sensazione era unica mi sembrava di accarezzare la seta.
Inizia a sentire un forte calore e piano piano raggiungi la fonte di tale calore lei aveva chiuso gli occhi mentre le mie dita sfiorava il cavallo del pantaloncino provocando brividi di piacere..
Arrivammo a casa in un attimo eravamo dentro, chiusa la porta alle nostre spalle e la baciami, la mia lingua entrava e cercava la sua si intrecciavano come 2 serpenti in amore mentre le mie mani stringevano il suo sedere. Ci stacco un secondo e la guardai era semplicemente meravigliosa con quei suoi occhi scuri orientali, la sua bocca carnosa, il ventre piatto e per non parlare dei suoi seni dagli scuri capezzoli che bucavano la camicetta. Le presi la mano e andammo in camera da letto dove ci spogliammo, per la prima volta vidi il suo monte di venere con una volta peluria scura la accarezzi e lei piego il capo all'indietro, la stesi sul letto ed iniziai ad affondare la mia bocca lì.. La sua vulva al contatto della mia lingua di disciuse e inizio ad uscire un filamento di muco che prontamente lo assaggiai, lei portò la mano sulla mia testa spingendolo sempre più verso la sua vulva eccitata.
Sotto i colpi della mia lingua si bagna va srmpre di più ma ad un ceto punto mi fermai la guardai negli occhi ed un istante dopo il mio pene entrava lentamente sembrava sicucchiato da quella calda e bagnata tana.... I suoi occhi la sua bocca trasmetteva il piacere che le davo...
Quando ormai il mio pene era dentro di lei per metà con colpo secco lo misi tutto dentro, le salto mi guardo e si strinse a me.... Strinse le coscie dietro al mio corpo inizio la nostra danza, la mia bocca cercava la sua ci baciacamo con brama come fosse l'ultimo bacio... Il mio pene era in un lago e scivolava sempre più dentro il nostro orgasmo stava per arrivare e finalmente arrivo e le riempio tutto l'utero del mio caldo sperma ed anche lei venne e ci baciamo morfeo ci rapi e dormimmo così con i nostri corpi avvinghiati...

Questo racconto di è stato letto 2 8 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.