Un vero amore cuck 6 - Il primo "vero"cazzo ed una sconvolgente scoperta.

Scritto da , il 2020-05-30, genere tradimenti

Giunti a casa,dopo una rapida visita alla cameretta della bambina e le rassicurazioni di rito da parte della baby sitter che se ne prendeva cura,erano andati nella loro camera con lui che fremeva dalla voglia di andare a letto.

Quella sera,le sue prestazioni erano state particolarmente focose al punto che era persino riuscito a fare un bis cosa assolutamente inedita per lui che abitualmente,dopo essere venuto,si addormentava abbracciato alla moglie.

Anche lei aveva goduto molto ed approfittando della particolare disponibilità del marito, si era fatta leccare raggiungendo l'orgasmo per due volte prima e....due volte ancora nel secondo "assalto".

Come oramai accadeva sempre,lei riusciva a venire solo con la sua lingua mentre,a causa della fica allargata dai suoi giochini solitari,non riusciva più neanche a sentirselo dentro.

Aveva così imparato a simulare un piacere che in realtà non provava e,quando anche lui ansimando le godeva dentro ripetendole "Ti amo"- "Anch'io ti amo" rispondeva gemendo come se stesse godendo anche lei insieme a lui.

"Che troia che sono diventata!" aveva pensato (mentre il marito scioglieva in lei le sue goccioline di sperma)ricordando l'incredibile quantità di sborra che quello sconosciuto
dal cazzo enorme,le aveva riversato in bocca qualche ora prima.

Tutta la settimana era trascorsa come quella sera.

Non appena l'uomo rientrava a casa dal lavoro,cominciava a smaniare nell'attesa del momento di andare a letto e fare l'amore.

Persino durante il giorno,le faceva delle telefonate "piccanti" che secondo le sue intenzioni dovevano prepararare la moglie per la notte d'amore che l'attendeva e per rendere più eccitanti quegli incontri,aveva cominciato anche a regalarle indumenti intimi molto sexi in sostituzione dei reggiseni e delle mutande che indossava abitualmente.

Quella novità eccitava anche lei che immaginava già di esibirsi con quei provocanti capi ai potenziali amanti che oramai abitavano i suoi sogni.

"Che troia che sono con questo perizoma e questo reggiseno a balconcino" si ripeteva quando si esibiva davanti allo specchio con indosso quei meravigliosi e sconci indumenti.

Quei perizoma cosi striminziti l'avevano costretta a sistemarsi il pelo che sino a quel momento aveva solo ritoccato mantenendolo quasi incolto.

Con l'aiuto di una delle sue governanti che pareva alquanto esperta in fatto di cura della propria intimità,si era fatta rasare lasciando solo un sottile filo di peli neri che in trasparenza,apparivano come una decorazione del tessutino di seta.

-Chissà suo marito quando scoprirà questa novità!-

Le aveva detto la ragazza mostrandosi fiera del lavoro fatto.

Ed in effetti quella sera il marito aveva risposto molto bene a quella "provocazione" al punto che ne aveva fatte due e,cosa mai successo,aveva voluto fare l'amore anche al mattino prima di andare al lavoro.

Quella stassa mattina,dopo aver goduto con la velocità di un coniglio,aveva detto alla moglie:

-Amore,stasera avremmo un invito a casa dei mie genitori ma io,preferirei uscire solo con te.

In fondo stiamo così poco insieme da quando ci siamo sposati che almeno dei momenti tutti per noi ce li dobbiamo riservare.-

-Hai ragione tesoro...dei momenti tutti per noi...-

Gli aveva risposto come in una preghiera.

-Tu dove vorresti andare?-

-Tesoro,sei tu il mio cavaliere e devi scegliere tu dove credi che io possa essere più soddisfatta e felice.-

Aveva ribattuto lei aspettandosi da lui una sola risposta.

-Amore,mi sembra che quel localino dove siamo stati sabato scorso ti sia piaciuto....vuoi che provi a telefonare per vedere se hanno un tavolo libero?-

Quella era la risposta che,col cuore in gola,lei stava aspettando.

-Non era male quel posto.

Le vivande erano gustose ed anche il bere era abbondante e saporito...perché no...andiamo li se hanno ancora disponibilità!-

Nei pochi secondi seguiti dalla domanda del marito alla risposta affermativa della moglie e quella della trattoria,lei aveva fatto in tempo a bagnare il perizoma di gocce di umori.

Quando il marito era uscito,lei era corsa in camera e recuperando il vibratore nero,se lo era infilato nella fica e si era procurata due orgasmi l'uno dietro l'altro.

La sera prestabilita,lei aveva indossato l'intimo nero che le aveva regalato il marito;Uno striminzito perizoma con ricamate le sue iniziali e quelle del marito ed un reggiseno a balconcino che in realtà non reggeva quasi nulla lasciando completamente scoperte le bocce ed i capezzoli.

Fortunatamente anche la minigonna e la camicetta in seta erano ugualmente neri in modo da evitare le trasparenze senza tuttavia,poter nascondere i capezzoli che,già eccitati, spingevano contro la seta leggera.

Anche i sandali in raso nero coordinati,contribuivano a rendere più sexi la sua elegante figura coi vertiginosi tacchi 12.

Il loro tavolo era quello della settimana precedente ed anche i loro vicini erano gli stessi.

Dopo un discreto saluto seguito da un sorriso,avevano chiesto al cameriere di unire i tavoli.

Ne era seguita una conversazione piacevole ma discreta in cui nessun dato riferibile alle loro persone,le famiglie ed i ceti sociali di appartenenza erano emersi.

Storie diverse che si incrociavano casualmente in quel discreto locale.

Avevano già consumato la frutta ed aspettavano il dessert quando la ragazza rivolgendosi a Clara le aveva chiesto:

-Cara...io vado in bagno...mi accompagni?-

Superata la porta d'ingresso verso i servizi,ed accedendo nel piccolo disimpegno la ragazza,tenendo Clara per mano,anziché andare verso i cessi dell'ultima volta,aveva aperto una porta con su scritto "riservato" e dopo un piccolo corridoio,avevano imboccato una scala che portava verso il piano superiore.

L'ambiente nel quale si erano ritrovati,era un piccolo appartamento elegantemente arredato in cui,dietro una porta vi era una camera matrimoniale col letto completamente rifatto.

-Vieni quì amore...lascia che ti tocchi...è tutta la settimana che aspetto questo momento.-

Aveva detto la ragazza abbracciando Clara e porgedole le sue carnosa labbra da baciare.

Ad un primo confuso momento causato dall'inattesa situazione,Clara aveva reagito aprendo le labbra e lasciando che la ragazza si prendesse cura della sua bocca con la sua umida e sinuosa lingua.

Ne era seguito un lunghissimo bacio appassionato in cui,oltre le lingue intrecciate in una turbinosa danza,anche le mani scorrevano ad esplorare i rispettivi corpi.

Erano già distese seminude sul letto che limonavano come due fidanzatini quando sull'uscio,era apparsa la figura dell'uomo che era rimasto a conversare col marito di Clara.

L'evoluzione di quella situazione,era stata del tutto naturale come se fosse già scritta in un accordo tra loro tre di cui nessuno aveva mai parlato.

Tutto era avvenuto come nei sogni che oramai da mesi erano entrati in una vita virtuale che Clara vedeva realizzarsi.

L'unica variabile sopravvenuto era stata la fitta di dolore dovuta alla penetrazione di quella verga infinitamente più grande di quella del marito ed anche dell'ortaggio più grosso che si era infilata nei momenti delle sue trasgressioni solitarie.

Benché fosse stata leccata prima dal maschio e poi dalla fanciulla e nonostante che l'avessero aperta con le dita e l'avessero lubrificata con un olio emolliente,la prima penetrazione era stata dolorosa e lacerante come se la stessero squartando.

"Finalmente vergine!" Aveva pensato dopo che il dolore si era calmato lasciando spazio all'intenso godimento che quel corpo duro,gonfio,caldo e pulsante stava regalando alla sua fica ed al suo cervello finalmente liberi di esplorare un nuovo mondo fatto di piacere e libera da sensi di colpa!

Fatto di cazzo vero e godimento senza ritegno e senza ipocriti freni morali!

-Cosi...cosiiii...chiavami...spingi...spingi....chiavamiiii...fammi godere....fammi godere....-

Biascicava con la bocca impastata ed il cervello perduto chissà dove mentre il maschio(Che maschio!)le pistonava senza tregue la fica trascinandola in un mondo orgiastico fatto di orgasmi senza fine e senza limiti.

Mentre lui la chiavava cambiando di continuo postura,non si rendeva conto che,insieme alla verga che la scavava come fosse un trapano,vi era la lingua della ragazza che si spostava dalla sua bocca sui suoi seni,dalla sua clitoride al buco del culo e sulla verga che entrava ed usciva dal suo corpo troppo a lungo mortificato da una assurda e bigotta astinenza.

Quando il maschio,dopo averle procurato infiniti orgasmi,si era sciolto dentro di lei accompagnando i suoi fiotti di sperma con ansimi ed un grugnito bestiale,si era staccato,la ragazza che sino ad allora aveva svolto una funzione secondaria,era diventata protagonista ed infilandole la testa tra le cosce e stringendole le grandi labbra della fica per evitare fuoruscite di sperma,aveva cominciato a succhiarle la clitoride e le grandi labbra mentre le ravanava un dito nel culo per procurarle nuove sensazioni culminate nell'ennesimo orgasmo.

Distese sul letto una tra le braccia dell'altra,le ragazze si stringevano languidamente,si accarezzavano e si leccavano scambiandosi il sapore degli umori di fica che la ragazza aveva conservato nella sua bocca.

Quando l'uomo era arrivato ad offrir loro le bibite,erano balzate sul letto completamente madide di umori e sudore per ritemprarsi con la frescura di quelle bevande.

Dopo un po,si erano ritrovati tutti seduti sul materasso con le gambe incrociate quando l'uomo aveva cominciato a parlare:

- Clara...promettimi che ciò che sto per dirti,rimarrà un segreto tra noi.

Tu mi sembri una ragazza per bene.

Hai l'aria pulita...onesta....ingenua.... ed è giusto che tu sappia ciò che ti sta accadendo.-

Sandra che l'ascoltava in silenzio,si era subito allarmata dalla solennità di quelle parole.

-Non temere Sandra,se davvero saprai conservare questi segreti,non potrai che averne benefici per la tua vita,quella di tuo marito e dei tuoi figli.-

Ne era seguito un lungo silenzio rotto solo dai baci che la ragazza schioccava sul collo di Clara.

-Innanzitutto,volendo giocare a carte scoperte per acquisire la tua fiducia devo dirti subito che questo ristorante è mio e che Lisa,questa ragazza che mi accompagna è.....mia figlia!-

A quelle rivelazioni Clara aveva avuto una specie di mancamento subito superato grazie alle attenzioni dell'uomo e di sua figlia.

-Clara...devi sapere che tuo marito è un habitué di questo locale e che,prima di te ci aveva portato molte altre ragazze che lui avrebbe voluto sposare.

Tuo marito,cosciente del fatto che non potrà mai far godere sino in fondo una donna,si è rassegnato ad avere un ruolo subalterno nella coppia ed è dunque,un cornuto predestinato e cosciente!

Tutte le ragazze che lo accompagnavano quì erano troie più o meno professioniste,tutte interessate al suo denaro piuttosto che assecondarlo sinceramentenei suoi perversi desideri.

Io conosco il suo segreto ed il motivo di quella sua scelta che a tutti può apparire inspiegabile e perversa.

Per questi motivi e desiderando la felicità della sua donna,lui è disponibile a lasciarla libera di cercare soddisfazione sessuale al di fuori del suo matrimonio.

Tu sei la prima che,grazie alla tua cultura,la tua fede ed i tuoi valori morali,non l'hai frequentato e poi sposato per i suoi soldi e per questo lui ti ha scelta.

Non sei però la libertina che lui vorrebbe come moglie per sentirsi appagato dal suo essere cornuto.

Questo è il suo dilemma:Ti vorrebbe troia ma è innamorato del tuo candore fisico e morale.

Tu sei quì per questo,per essere corrotta da un padre ed una figlia incestuosi che,secondo la sua morale,sono al vertice nella scala delle perversioni e dunque,lui si sente sollevato dal suo peso morale per quella sua deviazione di cui,sono al corrente anche i suoi genitori.-

Lisa che sino a quel momento aveva ascoltato in silenzio,l'aveva stretta a se e le aveva detto:

-Clara,adesso vai da tuo marito e non raccontargli nulla di quello che sai.

Più tardi,quando andrete a letto,senza dirgli niente,allarga le tue cosce ed appoggia la tua fica ancora gocciolante del seme di mio padre sulla sua bocca...lui capirà!-

Quanto a me e mio padre,la storia è lunga e complessa e se ci sarà la possibilità,col tempo ti racconteremo tutto.

Sappi comunque che nessuno sa,neanche in questo locale del rapporto che ci lega e questo perché,sino al compimento del mio diciottesimo compleanno sono stata con mia madre ed il suo uomo che più d'una volta aveva cercato di violentarmi.

Fortunatamente loro vivono in Argentina ed a causa di certi problemi con la giustizia,non potranno mai più tornare in Italia.

Sappi solo Clara,che io e mio padre ci amiamo.

Lui mi ha reso donna e con lui vivo una vita meravigliosa di amore e di sesso libero e trasgressivo.

Tu ci piaci!

Piaci molto a lui ed a me e quando vorrai,preferiremmo averti ospite a casa nostra nella nostra alcova.

Fattici accompagnare quando vuoi da tuo marito!

segue



Questo racconto di è stato letto 3 3 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.