L'insegnante d'inglese

Scritto da , il 2011-09-11, genere prime esperienze

Ero stato rimandato in inglese, per tutta l'estate presi ripetizioni da una professoressa di 50 anni, vedova molto prosperosa. Spesso spiavo nella sua scollatura e nel vedere quelle poppe turgide mi si alzava il cazzo indurendosi. Superati gli esami di riparazione telefonai alla professoressa dicendole che ero stato promosso e che sarei passato a ringraziarla. MI disse di andare il pomeriggio successivo, per farle un omaggio lungo la strada comprai delle magnifiche rose rosse.Bussai alla sua porta mi aprì indossando una vestaglia leggera e svolazzante, quando vide le rose spaslancò gli occhi e sospirando mi chiese se fossero per lei. MI abbracciò e mi portò su un divano, dove sedemmo vicini. Guardava estasiata le rose si sperticava nei complimenti per la mia gentilezza non cessava di ringraziarmi. Sapessi quanto le adoro e da quanto tempo non ne ricevo.Voglio farti un regalo anche io, hai tanto sbirciato le mie tette che voglio fartele vedere da vicino. Così dicendo mi prese la testa a due mani e la ficcò trà le tette, profumavano ed il profumo accentuò la mia erezione che già era evidente. Allargò la scollatura e slscciandosi il reggiseno mi disse sono tue. Quanta grazia erano enormi con i capezzoli neri e duri li aggancia con la bocca e cominciai a suggerli alternandoli, lei mugolava di piacere e si dimenava, mi prese una mano e se la mise sulla fica, sentii che era tutta bagnata. Mi stacccai dai capezzoli per mettere la testa trà le sue gambe, le apri' tutte dicendomi di baciarla. Non ci fu bisogno di altri incoraggiamenti la palpeggia e baciai sulla clitoride che sentivo gonfia tanto che mi inondo la faccia dei suoi umori. Si ripulì e puli anche me che avevo fatto una bella schizzata, si sdraiò sul divano e mi tirò su di se. Affondavo il cazzo nella fica larga ma piena di umori, il cui profumo mi faceva impazzire. Godevo tanto, cercavo di trattenermi per prolungare il piacere, ma alla fine asplosi, anche lei ebbe una forte esplosione. Mi venne sopra impalandosi, si contorceva tutta e mugolava,in quella posizione vedevo il cazzo entrare e uscire dalla fica, ci mise molto ardore e quando le sfuggiva rapidamente lo rimetteva dentro.Dopo diverso tempo giacemmo sfiniti sul divano, abbracciati strettamente mi disse che da tanto tempo non lo faceva e mi raccconto la storia della differenza trà lo scarafaggio e la vedova. Lo scarafaggio con una scopata l'ammazzi la vedova con una scopata la rimetti al mondo. Proprio come hai fatto tu.
Grazie professoressa.

Questo racconto di è stato letto 1 5 1 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.