Quel sapore di ventenne olandese (parte 2)

Scritto da , il 2020-01-03, genere orge

Ancora stordito dal pompino di mia moglie, vago in aeroporto con in mano il cartello “Famke”. Il terminal degli arrivi a Fiumicino è pieno di gente ansiosa, straniere con culi fantastici e la testa già al veglione, i botti e tutto il resto. Premono alle transenne a pochi metri da due poliziotti indifferenti. Tra il fiume di passeggeri che vengono incontro, scorgo la probabile sorella di Rianne, la supermodella olandese che ci ha chiesto il favore di badare per Capodanno alla piccola Famke.

Piccola un cazzo.

Sarà alta non meno di un metro e ottanta, capelli mori raccolti in una coda, un cardigan marroncino un po’ leggero per la tramontana romana di fine dicembre. Anche lei esibisce al mondo due occhi azzurro intenso, con un sorriso un po’ inibito anche se malizioso. Non dà l’idea di aspettarsi che qualcuno sia venuto a prenderla. Chiacchiera con un ragazzo che sospinge due grossi trolley, mentre lei trascina con leggerezza una valigia in pelle Prada, dall’appariscente color giallo banana. Un bagaglio che a mia moglie basterebbe per una trasferta di mezza giornata a Milano.

Mentre bacia sulle guance il misterioso accompagnatore, con la coda dell’occhio scorge con stupore il suo nome impresso su un cartoncino bianco. Si avvicina lentamente, strizzando leggermente gli iridi color del mare. Solo dopo essersi accertata che quelle lettere sono dirette a lei, decide di rivolgere la sua curiosità all’uomo che regge il cartoncino. Cioè a me.

– Ciao! – dice oltrepassando la transenna e fermandosi con il rettangolo giallo banana davanti ai piedi, come per mettere una barriera col suo interlocutore. Cioè io.
– Ciao – rispondo io, finto disinvolto – devi essere Famke.
– Credo proprio di sì – replica lei, sistemandosi l’elastico della coda mentre il cellulare le vibra in bilico sul trolley.
– Hey Mark, see you later on FaceTime, now I'm in Rome… Scusami… Tu sei il marito dell’amica di mia sorella, giusto? – dice in un italiano quasi perfetto.
– Sì sono io, il mio soprannome è Piff, puoi chiamarmi così.

In macchina non dialoga molto. Mi chiede educatamente se può ascoltare dei messaggi vocali. Li riceve in lingue diverse: oltre all’inglese, percepisco una sorta di olandese, ma anche un paio di auguri in francese.
– Com’è che sai così bene l’italiano?
– Oh beh… Con mia sorella abbiamo studiato diverse lingue, poi avevo un ragazzo di… Messina o giù di lì.
– Tua sorella è molto bella – dico io, per saggiare un po’ il terreno – è anche tu lo sei.
– Sì grazie, è vero – replica con pragmatismo nordico, lasciandomi spiazzato.

Si muove molto sul sedile, nonostante la cintura di sicurezza. Aprendosi il cardigan, lascia intravedere due belle gambe che escono da una minigonna in lana. Le calze marroncine, anch’esse in lana, sfrigolano di elettricità ogni volta che lei cambia posizione. Le mani sono curate, lo smalto è tenue, il rossetto appena accennato. Si vede che la sorella le ha elargito consigli di femminilità.

Sotto l’hotel a Trinità dei Monti mi prende in contropiede.
– Perché non sali un attimo? Oppure c’è tua moglie che ti aspetta a casa? Volevo fare due passi qui per piazza di Spagna e il centro…
– Sssì… Come no… Devo portare la macchina al parcheggio sotterraneo e arrivo – dico con tono scodinzolante.

Mentre pago alla cassa automatica, penso a quel genio di mia moglie che ha già spianato la strada per un Capodanno indimenticabile. Lei con il suo istruttore di merengue, premio Santo Domingo per il cazzo ad asta telescopica. Io con la ventenne ninfomane uscita da un quadro di Rubens. A distanza il pensiero consapevole della sorella supermodella, impegnata in quel di Stromboli a trastullare gli amici della “haute couture”. Un mundialito di sesso per celebrare un decennio che finisce.

Quando busso alla porta, Famke viene ad aprirmi avvolta da un accappatoio bianco. Si sfrega i capelli con un asciugamano, mentre mi chiede di cercarle il phon in dotazione. Dal suo trolley sono usciti - modello Mary Poppins - maglioni, stivali e pantaloni in velluto pesante. Sul letto, una piccola collezione di biancheria esposta.
– Ero incerta su quale mutandine mettermi – mi guarda con il fuoco agli occhi.
– Credo che queste rosse andranno bene poi stasera – rispondo io deglutendo più volte.
– Ok capo! Allora quelle blu scuro sono perfette per la passeggiata.

Resto a bocca semi-aperta in attesa degli eventi. Lei nota i miei pantaloni gonfi sul davanti.
– Oh che stupida… Mia sorella mi aveva detto che la sua amica aveva un marito molto… come si dice da voi… fichio… fito…
– Immagino “figo” – le sorrido, cercando di riprendere il controllo e un po’ di amor proprio.
– Ecco, Figo! Scusa il mio italian language…

Continua a fissare il mio pacco, come imbarazzata.
– Immagino che non potrai andare in giro con una ragazza straniera e quel… gonfio lì così..!!
– Eh in effetti…

Ora sorride, è la prima volta che si lascia andare. Prende un campioncino di crema per le mani e se ne spalma un po’ sul palmo, strofinandole tra loro fino a spandere morbidezza nell’intera stanza a quattro stelle. Le sue mani ora sono cremose e calde, come il latte appena uscito da una fattoria olandese. Si avvicina, abbassa la cerniera dei miei pantaloni e lo afferra con delicatezza, come un oggetto che potrebbe frantumarsi da un momento all’altro. Poi avvicina il cazzo alla bocca e lo lecca per interminabili minuti. Prima piccoli colpi trasversali di lingua. Poi movimenti insalivati da insospettabile professionista. Ogni tanto alza lo sguardo e mi fissa, socchiude gli occhi e mi fa una faccia buffa, come se stesse rubando della marmellata. Sento un ronzio da orbita spaziale, l’hotel roteare intorno a me con tutte le stelle.

– Fuck! I forgot Marco..!!

Non ci posso credere. Famke si stacca dal mio cazzo di quercia per guardare il cellulare…

– Oh my God, quello tra due minuti chiama, è un cazzo di puntuale! Vieni qui, facciamo in fretta sennò non riusciamo a uscire!

Ora è proprio divertita. Lo lecca e lo succhia con una voracità crescente, mi accarezza le palle con morbidezza cremosa. Poi, pensando a Mark e alla sua cazzo di videochiamata, mi sottraggo all’improvviso e le vengo in faccia con tre o quattro schizzi che non producevo dai tempi del liceo.

– Ooh Fuck!! – continua a ripetere tra il divertito e il preoccupato. Con l’accappatoio si strofina velocemente il viso, cercando di asciugare quel fiume cremoso che le cola a rivoli lungo il collo, le spalle e i seni anch’essi turgidi. Poi si avvolge i capelli in un altro asciugamani, proprio giusto in tempo per la vibrazione digitale di Mark…
– Io vado – le sussurro con un gesto, mentre mi asciugo con un kleenex e mi avvicino alla porta.
– Hello Mark! – cinguetta lei, girando per un attimo il telefono. A telecamera nascosta sbatte le ciglia guardandomi, in segno di approvazione – Aspettami sotto – dice sottovoce – Vengo subito…

Non venire subito (parlo da solo in ascensore). Non c’è fretta. Abbiamo tutta la notte, my little princess.


[CONTINUA / 2]

Questo racconto di è stato letto 4 7 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.