Cornuta e felice

Scritto da , il 2019-11-17, genere incesti

Era inutile, mia moglie non ne poteva più, mi aveva sposato per mettere a tacere le malelingue che la definivano sin troppo facile, una troia per intenderci, e lo è, eccome, ha iniziato prestissimo, a quattordici anni era la migliore pompinara della scuola, non c'era scolaro o bidello che non aveva scaricato nella sua bocca dopo un giusto piccolo compenso, e crescendo immaginatevi.
A sedici anni, mio suocero, la trovò in cantina, intenta a gustarsi nel culo 30 centimetri di cazzo di un vicino, e lì, un casino, immaginatevi, che rimasta nuda, il vicino si era dileguato, si mise a masturbarsi guardando mio suocero, e da quel giorno, non ci fù più limite.
Credo, che non c'era maschio nel vicinato che non se la sia fatta, e poi verso i 24 anni, decise che era ora di prendere marito, ma chi?, la scelta fui io, naturalmente.
Amici di famiglia da sempre, i miei con i suoi, e a conoscenza, della mia natura, omosessuale, si io sono gay sin da piccolo, e più interessato ai vestiti femminili, che ad altro.
Mi ero trasferita a Milano per studiare, ma in realtà, lo avevano fatto i miei per allontanarmi dal paese, e poter così essere libera di trasformarmi in Paola.
Passai gli anni dell'università da donna e come tale, ebbi parecchi uomini, uno in particolare, un professore sposato, che una volta conosciutami intimamente, divenne mio marito, si mi sposò in spagna di nascosto, e fino al mio matrimonio vivemmo insieme.
Ma ora, ero sposata con Anna, stupenda donna, calda, e chiaramente con mè nulla aveva a che fare, e così un bel giorno, mi disse, senti io voglio un figlio, non certo tuo, anche perché, io ero impotente da anni, e così decise che sarebbe stato il suo nuovo capo, gli piaceva, e così, ci mise poco a circuirlo, e a portarselo a letto, ma decise, che sarebbe avvenuto a casa nostra in mia presenza.
Così, una sera, mi ritrovai a cena Angelo, il suo capo, una volta giunto a casa mi presentò, ecco mio marito, Paola, una trav frocio impotente, un culattone insomma, poi lo baciò, e ci mettemmo a tavola, io servii la cena da buona cameriera, e sentivo i commenti di lui, ma d'avvero questa checca è tuo marito?, e lei certo, impotente e sposato con un altro frocio, che se lo incula tutti i giorni, e così via, ogni volta che passavo vicino lui mi toccava, poi ad un certo punto mi disse, fatti vedere nuda frocetta, e così, rimasi in reggiseno slip e reggicalze, mi toccò il cazzetto e rise, ma dai è un microbo, ad un tratto si alzò, si abbassò i pantaloni e mi mostrò un cazzo pazzesco, un palo, turgido, vedi checca, questa sera tua moglie lo assaggerà, tutto fino in fondo e tu assisterai frocio.
Una mezz'ora dopo mia moglie era intenta a succhiare il suo cazzo, sembrava ancora più grosso, poi si stese alzò le gambe, e mi disse, aiutalo a infilarmelo forza, lo feci, lo afferrai e lo diressi tra le sue coscie e lo vi scopamarire dentro la sua figa, lei chiuse gli occhi e iniziò a godere.
Ad ogni colpo lei sollevava i fianchi, per meglio accogliere il suo possente cazzo, la montò furiosamente, e poi quando stava per venire, avvertì Anna, vengo troia, vengo, e lei si sborrami nella figa riempimi e ingravidami, il cornuto merita dei figli di troia, sii, e lui la riempì.
Pasarono molti altri giorni, di scopate e inculate, e poi un bel giorno, Anna rimase gravida, ci fù una festa, dove invitarono alcuni amici di lui, e si sbatterono Anna per tutta la sera, mentre io servivo da bere, e poi ad un tratto, Angelo, mi prese per mano, mi fece mettere a fianco di Anna, e disse, non possiamo lasciare questa troia senza cazzo no? e cos', mi ritrovai ad essere scopata insieme a mia moglie, e prendermi il cazzo di Angelo, sublime, nulla a vedere con quello di mio marito, e così, iniziai a frequentare Angelo, prima di nascosto e poi, mentre il pancione di Anna cresceva, anche in sua presenza.
Sono passati dieci anni, e quattro figli, e ancora oggi, mi gusto il cazzo di Angelo, lo aspettiamo tutte le sere, e lo accudiamo sessualmente, io mi sono separata, e sono la seconda moglie di Angelo, suo eterno giocattolo.

Questo racconto di è stato letto 1 1 3 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.