E aspetto

Scritto da , il 2019-09-07, genere masturbazione


La poltrona rossa. Sempre quella. Quando la vidi esposta nel negozio di oggettistica e arredamenti, ricordo di aver immaginato proprio una scena simile a questa. Simile a questa e a tante altre passate e future. Perciò la comprai. E anche adesso, che ci sono seduta sopra, la guardo con soddisfazione, riapprovando per l'ennesima volta la scelta fatta. In realtà tutto quello che vedo intorno mi piace.
Le luci soffuse e tenui nella stanza in cui non ho fatto entrare ancora il sole. L’atmosfera intima e calda che mi riporta al sesso sporco che vorrei fare adesso. Le imposte chiuse e la finestra aperta da cui arrivano gli schiamazzi della strada. Schiamazzi di un inizio settembre che ha spazzato via il silenzioso agosto. La tenda di organza dai toni caldi che, tanto mi piacciono, si muove leggera alle mie spalle. La sento quasi danzare. Impercettibilmente ondeggia grazie all'alito di vento che regala finalmente un pò di tregua dal caldo estenuante di questi giorni. Sono seduta qui da un bel pò ormai. I sandali neri dal tacco 12 e le gambe perfettamente lisce e depilate. Le sposto sul lato, le accavallo. Le rimetto giù poi le accavallo di nuovo. Le guardo e le apro alzando il vestito attillato fin sopra le cosce. Mi sposto in avanti sul bordo della seduta larga ma poi mi ricompongo riabbassandolo e tornando alla posizione di prima. Che smania, cazzo! Mi sento a tratti patetica. E sciocca pure! Perché ti aspetto. E ti aspetto non perché sono un illusa. Non perché ti concedo tutta me stessa ogni volta nella speranza di avere qualcosa in cambio. Ti aspetto per il piacere di vederti arrivare. Per il brivido che sento lungo la schiena ogni volta che mi parli, che mi scrivi, che mi guardi.
Potrei approfittare della libertà di oggi! Mi è concesso tutto sai. Fare ciò che mi pare, come sempre e più di sempre. O quantomeno potrei sfruttare il tempo che sto passando qui, senza fare nulla che non sia toccarmi, per mettere in ordine le idee. Oggi, che non riesco a godere senza mettere a tacere i maledetti pensieri. Oggi che mi sta stretto tutto e mi sento me stessa solo vestita da puttana. Perché è oggi che devo ricordare chi sono. Cosa mi piace e chi mi piace.
Ma non sono stata mai brava. Ne a parole, ne a fatti. E non so da dove cominciare. È che non trovo mai la giusta espressione ne la frase adatta. Nessun modo di dire che colga nel segno e neanche un appropriata definizione. Sempre fuori tempo, sempre esagerata. Mansueta poche volte e tutte le fottute volte quando non è stato affatto necessario! Come se riuscissi ad esprimere un concetto sensato solo attraverso le parole di una canzone. Perché qualcuno, da sempre, da quando io mi ricordi, è stato più bravo di me a parlare di amore. Come se riuscissi a dirti quello che ti voglio dire solo infilandoti la lingua in bocca e scopandotela con foga. Con la mia spietata pratica che conta più di mille teorie! Come se fossi capace di esprimermi al meglio solo succhiandoti il cazzo in un pompino fatto a mestiere. Con la decisione e la devozione di sempre e con tutta la voglia accumulata. Intanto aspetto.
Ho sentito Antonio prima. Lui scriveva, io scrivevo. Domandava, rispondevo. Domandavo, rispondeva.
E così ieri sera. Quando mi ha chiesto cosa facevo proprio mentre leccavo le dita sporche dell’ultimo orgasmo. Quando mi ha chiesto se ero sola proprio mentre mi sentivo sola. Nuda, sul letto, a giocare, come sempre, con ardore e senza un briciolo di pudore. Con il ticchettio della sveglia nelle orecchie e il vuoto assordante tutto intorno.
E chissà se lo sa. Chissà se sa che mi sono addormentata così, con la voglia di fare l’amore con te, ancora e ancora. Con quella voglia incessante e malata di sentirti dietro, nel culo. Nudo e caldo. Vivo e pulsante. Duro. Chissà se sa che sono rimasta così, con le mutande a metà coscia e la canotta abbassata fino alla pancia e che lasciava scoperte le tette. Con la pelle sporca di eccitazione e l’odore di sesso impregnato nella carne. Chissà se lo sa. Che ti ho aspettato a mezzanotte cosi come ti aspetto oggi e come ti aspetterò stasera. Chissà se lo sa! Che oggi, mi sono svegliata così, come mi sono addormentata, col telefono in mano e una fottuta voglia di festeggiare a modo mio. In abito nero, stretto, di stretch. Non è nuovo, lo conosci bene. In onore di tutte le volte che me lo hai visto addosso e poi è volato a terra. L’abitino nero a rete grande sulle tette. Ricordi? La stessa rete delle calze. La rete dai buchi larghi. I buchi larghi in cui ci puoi infilare il cazzo dentro fino a stracciarli e scoparmi la fica senza sfilarle.
E puoi entrare anche qui, nel vestito. Come vuoi e quando vuoi. Con la lingua, per leccare i capezzoli turgidi e duri. Con il dito, per accarezzare piano il solco fra i seni e poi strapparmi ogni stoffa e strusciarci in mezzo il cazzo con forza. Su e giù, giù e su e poi di nuovo su fino alla bocca aperta e pronta ad ingoiarti.
Il perizoma nero di pizzo. Che puoi spostare a tuo piacimento per prenderti il culo ogni volta che vuoi e farne ciò che ti pare.
E aspetto, anche solo una fottuta parola. Un messaggio, un cenno, una chiamata.
E per istinto, ora, mi viene la fottuta voglia di toccarmi ancora. Le dita picchiettano nervose sui braccioli di pelle della poltrona rossa. Sempre quella. E sono qui, seduta ancora. A fare i conti con la tua indifferenza e con il pensiero di me che non hai. Con i miei capelli puliti e profumati e il rossetto rosso pronto a sbavare. Mi rifaccio avanti più irrequieta di prima. La mano scivola giù fra le cosce, sposto il perizoma e sfioro le labbra gonfie e pulsanti. Sono fradicia e molle. Non posso credere che tu non sappia che effetto mi fa il tuo dannato silenzio! Non posso credere che tu non sappia che non riesco a godere di un solo fottuto istante di questo giorno, se tu non ti fai vivo. Mi infilo un dito nella fica, poi alzo le gambe al petto per cercare il buco del culo e scopare anche quello. La saliva cola giù dalla bocca e scorrendo attraverso la rete, imbratta la pelle del petto e la mia mise da mignotta. Non mi aspettavo chissà cosa. Lo sai. Lo so. Sono la donna più esigente del mondo ma quando si tratta di te e del tuo dannato sorriso mi faccio bastare anche il niente. L’indifferenza no, però. Questa proprio no.
Sfilo le maniche del vestito. Lo abbasso per scoprire le tette. Le stringo forte pizzicando i capezzoli anche se questo sottile dolore non può distrarmi dall’altro. Mi alzo in piedi per togliere tutto. Nuda, rimango sui tacchi. Le mani sul corpo scorrono veloci per regalarmi il piacere che voglio e che non può più aspettare. Mi giro di spalle e alzo il piede sulla poltrona rossa. Sempre quella. Mi abbasso in avanti poggiando una mano sullo schienale. Mi metto un dito nel culo e spingo più forte che posso. Le tette sbattono ad ogni affondo così come la mano ogni volta che entro con foga. Forse è per questo che fai finta che non esisto. Perché a me si può fare tutto, anche male. E anche oggi.
E vorrei aver pagato Valerio ora, per entrare nel mio letto e nel mio culo. Per non pensare. Per avere un cazzo in bocca da succhiare e leccare senza amore. Per illudermi che 300 euro possono bastare a placare le voglie di una donna come me e a farla felice qualche ora. Vorrei aver pagato Valerio. Per il gusto di farmi un regalo e per festeggiare come merito di essere festeggiata. Anche se vorrei una cosa sola adesso! Una sola, bastardo figlio di puttana! Vorrei aver pagato Valerio per sentirmi più sporca di quanto io già mi senta. Vorrei averlo pagato per non sentirmi così, cazzo! Per non sentirmi così.

Questo racconto di è stato letto 3 7 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.