Chi è che comanda

Scritto da , il 2019-08-07, genere feticismo

- Come sarebbe a dire non sei mio schiavo ?

- Sono quattro parole. Qual'è che non hai capito ?

- Riassumiamo: prima ero tranquilla a fare la pipì. Sei entrato in bagno, mi hai messo la mano tra le gambe e l'hai bevuta. Poi non contento hai anche leccato le gocce sull'asse.

- Molto buona, aveva un retrogusto di scorza di limone, mi ha ricordato il Margarita col sale.

- .. E mentre eri piegato ti ho messo un dito nel culo. E tu ? Mi hai chiesto di metterne di più!

- Già..

- Poi mi è partita l'ispirazione e ti ho detto di andarmi a prendere lo strap-on dal cassetto e prepararti sul letto. Tu hai eseguito.. e ti ho montato a bestia.

- Bestia è proprio il termine giusto, sai ? Tu non hai cognizione quando fai l'attiva. Poi vatti a chiedere perché Rita non s'è fatta più vedere dopo quella volta..

- Ci sbavi ancora al pensiero di Rita eh brutto traditore ? Ma comunque! Dopo tutto questo tu fingi ancora di non essere il mio schiavo ?

- Cara, abbiamo fatto solo cose che mi piacciono. Lo slave per definizione è uno che gode nell'essere costretto a fare cose che non vorrebbe.

- E se io ti prendo così tu che fai ? ..

- Io ? Faccio così...

- AAAA Mi fai male coglione !

- Cara non dire stupidate. È una leva completamente indolore, che però ti blocca nella posizione che voglio io.
Adesso tira giù la mutandina con l'altra mano.

- Ah ma lo metti li ? E il gel ?

- Scusa, ma col gel che punizione sarebbe ? Te lo prendi a secco e guai se ti muovi.

-Ahiaaa! Punizione per cosaaaa!

- Per esserti immaginata che fossi io lo schiavo. Che poi non ho capito : Ti vengono spontanee queste pensate o le studi di notte per riuscire a farti punire ?

- Non lo saprai mai...

Questo racconto di è stato letto 3 5 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.