Halloween a luci rosse - Il piacere raccontato da Adrian

Scritto da , il 2019-11-02, genere bisex

È autunno ormai inoltrato quando io e Julian, assieme a Claude e Steph decidiamo di passare un venerdì pomeriggio nel centro cittadino.

I risultati della squadra sono confortanti ma anche pieni di adrenalina e soprattutto Julian ha una voglia di svagarsi per una nottata di Halloween. Il mio amico saltella come un matto, attorniato dai due gemelli che non fanno che palparlo qui e lì, tentando forse di ingelosirmi.

Ma io non ci faccio caso.

Ho il desiderio sincero che Julian faccia tutte le esperienze che ritiene in questa vita e tanto meglio se decide d’includermi nelle sue avventure.

- Sarebbe bello mangiare fuori! E fare un sacco di casino per tutta la notte, mi dice, con gli occhi che gli brillano, assieme ad i riccioli d’oro che si ritrova.

I gemelli mi ridono in faccia e mi palpano il culo, osservando la mia faccia stanca. Il vialone del centro è pieno di famiglie e di adolescenti in là con gli anni come noi che si lasciano andare ai vari stand del cibo e del bere gratis.

L’odore di punch all’arancia ci pervade le narici e i gemelli si fiondano nelle file per prendere i bicchieri. Julian li segue, prendendomi per mano.

C’è un circolo di teatro viaggiante che recita una baruffa chiozzotta e la gente si assiepa per vederla, mentre i bambini ridono e si accalcano per prendere i primi posti.

I gemelli mi tirano dall’altra parte della via: c’è Vanessa che ci saluta allo stand dopo ed i suoi occhi si illuminano a vedermi.

- Però, hai fatto colpo, mi dice Claude, prima che lei mi salti addosso, vestita di un costume tirolese che le lascia i piccoli seni in bella mostra.

- Ciao! Sapevate che ero qui? ci chiede, fissando per bene Julian, che non ha ancora avuto il piacere di conoscere.

Ho ancora in mente di lei posseduta da Mauro e da tutti gli altri calciatori, mentre lei torna alla sua postazione e ci serve il punch caldo.

- Allora, come ve la passate, voi bei maschietti?, ci chiede, un certo sorriso stampato sulla bocca. Il suo vestito è attillato e anche se conosco bene le forme del suo corpo non posso non fermarmi a vedere le punte dei suoi seni contenuti, che quando ho toccato mi sono sembrati di seta e acciaio.

- Bene, dai, siamo in centro per fare un giro, risponde Julian.

Vanessa mi scorcia con gli angoli degli occhi un po' orientali che si ritrova. Anche Julian capisce che c’è una qualche attrazione tra noi tre, e io sento un certo caldo invadermi i muscoli.

I gemelli se ne sono andati un po' per i fatti loro. E visto che la ressa sembra essersi calmata, Vanessa chiede ad una collega se c’è necessità di prendere altro beveraggio dalla cantina comune a tutti i banchetti.

Poi ci guarda.

- Magari voi altri due potete aiutarmi a portare su le casse più pesanti, ci dice, così noncurante.

Non ho una gran voglia di sfacchinare per lei, ma Julian dice sempre di sì a tutte le ragazze e quindi mi trascina per un centinaio di metri verso un palazzo grande e grigio, preceduto da una Vanessa che ci sculetta davanti e non mostra nessun tipo di remora nel fermarsi a guardarci.

- Sapete, quello è un lavoro di merda. Mi ero stancata di stare lì e ho pensato che voi due potevate essere di compagnia, ci dice.

Conosco il suo fare da scolaretta e so che demone possa essere se scatenata, ma Julian no e quello mi sorride credendo che una chiavata facile e senza fronzoli sia lì lì per essere fatta. Il problema è che io so che la Manù è in giro e non vorrei mai che ci beccasse a fare sesso con questa tipa, che del resto ci sfiancherebbe con i suoi appetiti.

- Siamo qui solo per aiutarti a portare qualche cassa di alcolici, niente di più, rispondo io con fare contratto.

Lei mi sorride.

- Come desiderate, io ho soltanto chiesto, mi dice alzando le spalle, mentre Julian mi guarda storto per quella che sembra una chiavata bella persa lì lì sul momento.

La seguiamo per varie scale, fino ad arrivare ad un ricettacolo di casse abbandonate e di sporcizia. È un semi interrato di infimo livello, e a me viene quasi da starnutire per via della polvere che c’è in giro.

Julian si guarda attorno, mentre Vanessa aspetta impaziente vicino a due casse di prosecco che attendono soltanto di essere tirate su da due bambocci grandi e grossi come noi. Dal momento in cui le guardo capisco che mi spezzerò la schiena.

Julian mi viene vicino.

- Adrian, volevo solo dirti che lei è proprio una bella tipa, mi dice, come se non capissi che ha già il cazzo che sta pensando di trapanarla senza remore.

- Se te la vuoi fare, fai pure, io torno su e poi vado con i gemelli, gli rispondo io, e mentre mi dirigo a prendere la cassa, lui mi trattiene.

- Voglio che ci sia anche te, mi chiede.



Non so cosa dire.

Vanessa ha stampato in faccia un bel sorrisetto che la sa lunga e aspetta la mia mossa. Io mi rimetto a fissare Julian e lui ne approfitta per venirmi addosso e stamparmi un bacio in bocca con violenza.

Sono scioccato. Di rado l’avevo visto tanto infuocato e con la coda dell’occhio vedo la Vanessa mettersi comoda, seduta su una cassa, a braccia incrociate, fissandoci con divertimento.

- Allora è vero quello che si dice sulla scuola di calcio, ci dice divertita.

Facendolo si scosta via la divisa, facendo intravedere i piccoli seni e mettendosi languida una mano sul collo, quasi a volerli sfiorare. Dalla trasferta ha tagliato un po' i capelli, che adesso porta a caschetto. Risaltano gli occhi, che indagano sui nostri corpi come scanner.

Mentre Julian mi abbraccia forte, non posso non notare il corpo di lei: è una ragazza affusolata, non una modella vera e propria, ma una ragazza che ha una concezione molto aperta del piacere e della condivisione dei proprio corpo.

- Che cosa sai di preciso, riesce a dire Julian, quando smette di ficcarmi la lingua in bocca.

- So che scopate tra di voi, che avete un circolo di orgie. Tutti ne parlano a scuola, anche professori e genitori.

- E questo dovrebbe preoccuparci?, chiedo questa volta io.

Lei sorride, si tocca il seno sfiorandoselo, come a voler dire un’ovvietà.

- Ormai siamo tutti adulti. Voglio avere una prova di quello che sapete fare. Voglio solo scoparvi una volta. Godere di voi è così difficile?, ci chiede, mentre allunga le gambe.

Non sono lunghe come quelle della Manù e della Elena, ma tornite, ben piantate, sode. Mi viene un’intensa voglia di toccarle. Non mi pare di averlo fatto in gita.

- No, non è così difficile, risponde Julian, mentre mi sfiora il culo e me lo prende dolcemente. Il suo corpo è così caldo e profumato da rendermi inebriato.

- Quello da convincere è lui, continua fissandomi.

Lei non si scompone. Cambia posizione delle gambe, alla maniera di Basic Istinct, e ci fa vedere che non porta intimo. Julian rimane tarantolato per vari istanti.

- E allora, come volete procedere?, ci chiede.

Julian sa essere un vero demonio quando si mette. Non posso dire nulla quando comincia a togliermi la giacca e poi il maglione, lasciandomi in maglietta. Mi bacia i capezzoli dal tessuto, prendendomeli dolcemente con i denti, mentre continua a fissare per tutto il tempo Vanessa.

- Voi avete già scopato insieme, no? Tu già conosci il suo corpo, no?

- Sì, mi ha già visto scopare, ma non mi sono ancora infilata dentro il suo cazzo.

- Allora te lo mostro, risponde lui.

In questa sottospecie di seminterrato fa un caldo che mi fa quasi male per via delle vicine caldaie dell’Università. Non ho nessun brivido quando Julian mi sfila anche la maglietta. Il mio torace attira subito lo sguardo attento di Vanessa.

- Hai messo su muscoli, questo è indubbio, mi dice, mentre mi mangia con gli occhi.

- Sì, ma senza diventare uno di quei palestrati tutta carne e niente cervello, risponde Julian, mentre mi bacia all'altezza del cuore e fa pressione sui jeans per abbassarmeli.
Lei si scuote, sa che siamo arrivati ad un punto di non ritorno. Che è adesso che deve giocarsi bene le sue carte.

- Mostrami come soddisfi il suo sesso, lo voglio vedere con i miei occhi, risponde lei, attendista, dopo avermi fissato per bene negli occhi.

I palpiti del mio cuore si stanno sommando a quelli del mio cazzo e io ho l’occasione di fare in modo di portarmi di nuovo la bocca di Julian alla mia, facendo attorcigliare le nostre lingue in un simposio di strette. Lontana dal centro del nostro piacere, Vanessa sembra avvampare d’invidia.

- Prendigli il cazzo in bocca, voglio vedere il suo seme sulla tua faccia, ordina a Julian, che si stacca da me e mi sorride.

- Agli ordini, Padrona, risponde sarcastico lui.

Non so dove le abbia trovate, ma senza dire nulla a nessuno porta davanti a me una serie di coperte ancora incelofanate e le distende, come a fare un materasso di fortuna.

- Staremo più comodi, dice,mentre ritorna da me e con uno strattone mi libera insieme dei jeans e dell’intimo.

Il calore soffocante della stanza impatta sulla mia pelle senza che io possa impedirlo. Sembra quasi già ricoprirla di una leggera patina che sa di gioventù e calore.
A qualche metro di noi, Vanessa è basita e ha lo sguardo fisso sul mio pene. Dopo vari istanti sembra riprendere conoscenza e mi fissa impietrita.

- Io non pensavo che tu… cioè ti avevo visto, ma… vederlo così, forse è questa luce, cerca di di dire, mentre Julian mi abbraccia ancora.

- No, non è la luce, risponde sarcastico lui, mentre si toglie la maglietta e mi fissa.

- Te lo voglio prendere in bocca, mi dice, e io con dolcezza lo faccio mettere in ginocchio, con lui che struscia la sua testa sula mia anca sinistra.

Qualche volta Julian ha le mani fredde.

È l’unico difetto che gli riconosco, e da qualche tempo prima di toccarmi bada bene di scaldarsele. E infatti sono calde quando mi prende i testicoli e mi alza il pene fino alle labbra, ma senza accoglierlo dentro di esse.

- Adesso lo faccio diventare duro come l’acciaio, ma tu non perdere tempo. Toccati, ma senza svestirti del tutto, le dice, mentre subito dopo mi prende in bocca la cappella e comincia un dolce lavoro di lingua sulla parte inferiore del mio glande.

Movimento rotatorio che conosco bene e che mi fa sospirare. Mentre Julian continua la sua avanzata fino alla radice del mio sesso, Vanessa cerca di riprendere il controllo ed espone la sua mercanzia.

Quando apre per bene le sue gambe, la sua fica è lucida e rossa, quasi come i suoi capelli. I ragazzi dell’orgia mi hanno riferito che più viene posseduta, più si stringe e si riscalda. I miei pensieri vagano per tutte le chiacchiere che mi sono arrivate su di lei, su quello che si dice sia in grado di fare ad ogni tipo di uomo attraverso la sua voglia di godere, all'energia che sprigiona quando la sua matrice si salda ad un punzone adeguato.

Capisco che Vanessa è fuoco puro, e che Julian lo ha capito appena le ha stretto la mano. Lui la fissa ipnotizzato mentre continua a leccarmi l’asta, ora ingrossata nella sua mano e che lui lubrifica con la solita perizia, mentre il pene mi va a fuoco per via della saliva calda e della lingua che batte sui punti sensibili della mia carne.

- Julian, cerco di dire, ma il mio è un sussurro che si perde quando mi infila due dita in bocca e me le fa succhiare, come fossero la sua stessa verga.

Il suo lavoro di bocca è lento,preciso, mi conosce quasi come fossi un’estensione di lui, ma ha un’accelerazione quando capisce che i miei lobi hanno cominciato a tremare e che dalle mie palle il seme comincia a muoversi, mesciarsi, veicolare piacere che presto troverà un’uscita ricolma di estasi.

S’interrompe, la saliva che gli bagna il torace, fissa me leccandomi la cappella con piccoli colpetti sotto la testa grossa e rossa del mio cazzo, con piacere manifesto. Poi si volta verso la Vanessa che adesso si sta visibilmente trattenendo dal masturbarsi e si agita nervosa, consapevole che il gioco la vede esclusa.

Proprio lei che l’ha provocato.

- Allora, ti piace vedere un ragazzo così bello eccitato?, le chiede, mentre si alza, e mi bacia sulla bocca, fissandomi.

- Spogliami tu adesso, mi chiede, e io lo faccio, alla nostra maniera. Ogni parte del suo culo e delle sue gambe risplende alla luce soffusa.

Quando ho finalmente liberato questo angelo, la faccia di Vanessa sta schiumando, ed è Julian stesso ad andare a prenderla, facendola scendere dalla scatola e portandomela vicino, lei improvvisamente diventata taciturna e timida.

Cerca di coprirsi, ma io le prendo la bocca e me la scopo con la lingua, per un tempo che sa di eternità e la lascio soltanto quando so che le mani di Julian stanno misurando ogni oncia del suo corpo, ogni misura.

- Cosa, cosa mi state facendo, cerca di dire lei, prima che la mia lingua le violenti ancora la bocca, mozzandole il respiro, lei da sola in mezzo a due uomini con le virilità già piene e pronte a farla felice.

- Il mio cazzo sente il profumo della tua fica, lo senti mentre cerca di baciarla?, le sussurra Julian, mentre le scopre una spalla e la bacia sul collo.

Io sento il suo pene barzotto che sta andando su e giù per la fessura di lei, ma è semplice eccitazione, che però la fa scremare.

- Scopatemi, vi prego, ci sussurra, mentre è inglobata e ci guarda come se ci vedesse per la prima volta.

Siamo due macchine da sesso, fatte di carne, ossa e desideri, e adesso lei, che voleva semplicemente giocare con noi, se n’è resa conto e sa di non poter più scampare al nostro abbraccio di piacere.

È il turno di Julian di scoparsela in bocca e lo fa con tutta la foga che gli riconosco, mentre lei mugola di estasi ed i suoi capelli rossi e lisci, prima così perfetti cominciano ad attaccarsi al suo viso. Io ne approfitto per liberarla anche del’altra spallina, fino a rivelare nel’interezza le sue piccole mammelle, così appuntite e sode che mi fiondo a succhiarle e leccarle a turno lenti di trenta secondi.

- Cazzo, cerca di dire lei, ma i nostri corpi stanno ormai danzando sulla stessa sala da ballo, allo stesso ritmo scandito del piacere comune, che cresce senza sosta permeando i nostri corpi.

Julian smette di vezzeggiarla e con forza, mutando espressione la fa scendere in ginocchio, difronte alla mia verga, ancora brillante della sua saliva.

- Adesso fallo godere, gli ordina, e lei non sembra capirci molto ma con foga comincia a succhiarmi il pene come indemoniata, stringendo le labbra come una morsa per tutta la mia carne.

So che non mi tratterrò a lungo e imploro Julian.

- È troppo… presto… cerco di dire.

Lui mi sorride.

- No, non lo è, mi risponde, mentre mi stacca di dosso la bocca di Vanessa e le si mette di lato cominciando a segarmi a più non posso.

- Vieni amore mio, mi dice, e io non capisco.

Ma mi lascio andare al piacere.

- Cazzo, che piacereeeeeeeeeee,sussurro, scaricando spuma di mare su tutta la faccia di lei, vere e proprie ondate, non conto nemmeno le versate, che mi guarda esterrefatta con la bocca piena del mio sperma.

Che non riesce a trattenere.

Questo racconto di è stato letto 2 8 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.