Scemo

Scritto da , il 2019-09-26, genere masturbazione

Notte, caldo, sono nudo sdraiato sul fianco.
Solo.
La friendzone deve preparare il lavoro di domani, ha una prima classe da gestire, impegno pesante che non le lascia tempo per me.

Ho un foruncolo all'inizio del solco delle chiappe, tasto, doloroso, già che ci sono scendo al buco, lo stropiccio con due dita.
Sarebbe più facile essere passivi, c'è uno che fa tutto, che si assume le responsabilità, si sta a occhi in giù, neppure la necessità di girarsi e vedere la faccia da deficiente.
No, veramente, che i ghei trovino belli i maschi è una cosa incomprensibile, e non essere io quello che fa, non lo reggo.

Meglio passare davanti, l'uccellino dorme in un nido di pelo, tra l'anulare e il medio lo scuoto, chissà che non si svegli.
A leggere le storie sembra che venti centimetri sia il minimo per essere considerati normali, a venticinque si viene promossi a dotati, i proiettili dei cannoncini automatici sono più piccoli, ed è roba che si usa contro i blindati.
Non li ho venti, anche da sveglio e duro esce appena dalla mano, riesco infatti a toccare assieme i due punti, quello sotto il prepuzio e quello nella radice. Ci mette poco a bagnarsi.

Adesso dovrei pensare a qualcosa di bello, una giovane, con le forme da sogno, che per motivi incomprensibili al mondo vuole proprio me.
Non sono mai stato capace di crederci, neanche quando ne avevo davvero attorno, e non solo femmine. Perchè a vent'anni si è stupidi davvero, lo dice Guccini.
Io anche a diciannove, anche adesso veramente, ma al tempo raggiungevo picchi altissimi.
Il non plus ultra è : " Le voglio bene, quindi la lascio perchè così troverà uno meglio di me, come quelli delle storie, e sarà più felice. "
E' un ragionamento talmente sfigato che se lo fa uno oltre i ventidue anni rischia di causare l'implosione dell'universo, non fatelo.
E' talmente sfigato che anche la realtà si incazzerà a bestia e farà di tutto per dimostrare il contrario, è come uscire sotto il temporale con un parafulmine infilato nelle mutande.

Oggi, prima di trovarmi qui a letto col cazzo in mano, era una domenica luminosa, calda, chiedetemi dove mi trovavo.
Ero a tavola con i compagni di classe, di tanto tempo fa. C'era anche lei.
Perchè il ragionamento che fa implodere l'universo non mi sono limitato a pensarlo, l'avevo anche messo in pratica.
Cosa è risultato dunque ? Sposata, divorziata, messa in cinta da un altro, tira su il bambino da sola... tanta felicità proprio..

S'è smollato di nuovo, non dovevo pensarci a queste cose. Non dovrei pensare proprio anzi.
Le tue labbra sono pennellate rosse sugli oceani bianchi, nella memoria per sempre come i rimpianti.

Quella che avevo conosciuto all'università poi ? Era molto alta e spigolosa, ma bella, capelli biondi lunghi e mossi, oltre a studiare aveva un contratto temporaneo per lavorare i pomeriggi nella segreteria dell'istituto, che era poco più di uno sgabuzzino. E io li ogni giorno dopo le lezioni a farle compagnia.
Una volta, iniziava l'estate, istituto vuoto e noi due dovevamo accordarci a nome degli altri studenti con una prof, per un'ultima sessione prima di chiudere tutto.
Io e questa seduti di fianco, la prof davanti, lo so come finirebbe qui in ER, ma nella realtà non ci passava per la mente proprio. E' solo che col caldo mi trovai a un certo punto immerso nell'odore del suo sudore, una nuvola proprio, e non mi aveva schifato, piuttosto era subito salito dal naso alla testa come una droga, non voglio sapere cosa ci sia nel sudore femminile, ma mi aveva causato un attimo di buio, non capivo più nulla, non le sono saltato addosso solo per la presenza dell'insegnante. Poi però abbiamo recuperato nella segreteria.

Perchè non vissero felici e contenti allora ? Perchè lui non aveva il senso del tempo e lasciava scappare i giorni ? Perchè c'erano in mezzo le vacanze, che per una storia nascente sono qualcosa di letale ? Perchè c'erano conflitti in famiglia che si mangiavano tutta l'attenzione ? Si può fare una lunga lista di motivi e alcuni suonano anche ragionevoli, fatto sta che pensai la solita cosa, troverà di meglio.
L'ho incontrata di sfuggita un paio di anni dopo, sola e inciccionita, la realtà non lo perdona proprio quel ragionamento.

Figurarsi, per un momento ero riuscito a perdermi nei momenti belli, ma stanotte il ricordo della mia scemità mi perseguita e l'uccello si spaventa.
Pensare all'altra è anche peggio.

Era il contrario della prima; piccoletta, castana, anonima, però dotata di spirito. Aveva trentacinque anni, dieci più di me, seguiva le lezioni di biblioteconomia per aggiornarsi, e mi aveva subito chiesto gli appunti, ma si vedeva dal primo istante che in realtà era un arrembaggio. Pochi minuti ed eravamo nel bar della facoltà, poi per strada sempre parlando, fino al ci vediamo domani a lezione e così via nei giorni seguenti.
Andava tutto come doveva andare, la sola minuscola nota stonata era la sua ansia di conformarsi. Frequentavo una associazione studentesca ? Anche lei diceva di averlo fatto. Avevo cenato con le uova al tegamino ? Anche lei casualmente. Mi sentivo della sinusite ? Anche il suo fidanzato l'aveva sempre.
Ecco, il fidanzato, non ho mai capito se esistesse davvero o lo dicesse solo per non figurare come una zitella affamata.
Se avessi saputo le parole per scavare nella questione senza essere invadente, ma non ero capace, mi sono tenuto il dubbio e nel dubbio mi sono sfilato.
Si, non ci ho fatto niente, nulla da dichiarare in un racconto erotico, nessun ricordo che possa portarmi alla fine di questa sega.
E non saprò mai se ho fatto bene o male.

Sei l'angolo buio ai margini della coscienza, e tanto vale incrociare le braccia sulle spalle e chiudere gli occhi.
Dormire, forse sognare.

Ero anche in un partito a quel tempo.
All'inizio era un partito che stava comodo all'opposizione e poteva dedicarsi a immaginare la società perfetta.
Tra un'immaginazione e l'altra si manifestava, non c'era un fine settimana che non si dovesse andare da qualche parte e tanto i treni costavano poco.
Spesso andavo con la figlia del consigliere regionale, sacchi a pelo, treno, dormivamo nele sedi di partito, in stanze di monasteri, nelle stazioni, comunque sempre per terra, ammucchiati con altra gente, ci si conosceva tutti.
E poteva capitare che nel buio si aprissero le cerniere dei sacchi a pelo per metterli assieme, poi anche le mani si univano, le bocche. Tutto in silenzio per non disturbare gli altri attorno, si sa mai che davvero dormissero. Quanto ? Un paio di anni ? Tempo che il primo regime cadesse e ci trovassimo a essere un partito di governo, così, dal giorno alla notte senza preparazione.
Fu subito chiaro che i nostri erano ancora peggio di quelli di prima, gente che si credeva di conoscere cambiava comportamento in un attimo, sembrava l'invasione degli ultracorpi.
Rimanere nel partito significava perdere l'anima, uscire dal partito significava perdere lei. Come la mettiamo adesso ? Dove stanno il bene e il male ?

Ho risolto alla maniera solita, dicendomi che avrebbe trovato uno migliore, non sapevo ancora che porta sfiga pensarlo, giuro.
Quel che ha trovato è uno che si è fatto procurare da suo padre il posto fisso in un qualche ufficio, e poi ha chiamato su dal paesello la fidanzata vera.
Per quel che ci ho fatto, con l'anima, sarebbe stato meglio salvare lei, ma ci sarei riuscito davvero? Non si può sapere come sarebbe andata tra noi.
Ne potevo salvare una ?

Senza voglie
Pace dei sensi ora
Non dell'anima

Questo racconto di è stato letto 1 5 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.