Limbo

Scritto da , il 2020-02-24, genere pulp

" Mi lecchi la figa ? "

Uffa, non faccio nemmeno tempo a mettere tutti e due i piedi nella nostra cameretta che già me lo sta chiedendo.
Non che mi dispiaccia, però anche essere accolto con un pensiero, un come stai, hai fatto qualcosa di nuovo oggi, mi garberebbe.
Invece no, Euforbia va subito a quel che le interessa, stesa sul letto con le gambe già aperte e lo sguardo alle travi, e chissenefrega di quel che potrebbe essermi successo la fuori.
Non che succedano tante cose nuove dove stiamo noi.

Ma alla fine lei è così e io non ci faccio più caso.
Cosa dovevo aspettarmi da una che sceglie di chiamarsi Euforbia.

Mi piace, ma voglio farla aspettare, mi rifugio nei particolari del nostro nido, il cotto, le travi scoperte, l'azzurro pastello del lenzuolo che la incornicia.
Tutto ha sfumature pastello, anche il panorama dalla finestra, il sole che brilla nello stesso azzurro, la spiaggia di sassolini bianchi con gli ombrelloni.
Noia ? E' un sentimento diffuso dalle mie parti, ma io non la provo, non quando sono con lei, che non si muove e non dice altro, lo sa che cederò.

Mi lascio cadere sul letto, faccia in giù tra le sue gambe, non a tuffo, è una caduta a corpo morto che mi fa sentire il contraccolpo nella schiena.
Faccio tutto quel che so, lecco, succhio, le mie labbra su quelle del suo sesso, le mani sui suoi fianchi e le dita medie che si toccano sul suo ombelico.
Mi tira i capelli, scavalca la mia testa con una gamba e si ranicchia in una posizione fetale, mentre io continuo a torturarla. Piange.
E' così ogni volta, vuole farlo per liberarsi dai suoi brutti pensieri, ma riesce solo a procurarsene di più, e io che sono il suo consolatore mi libero dalla sua stretta, per andare ad asciugare le lacrime.
Mi guarda e concede un sorriso, entro in lei e sorride di più, affoga le sue pene nella mia bocca, affogo nella sua.

Dopo, come sempre, si finisce a parlare stesi su quel lenzuolo.
" Sai che a volte mi sembra di sentirlo davvero ? " - mi dice - " Non so definire la sensazione, come un solletico dentro la pelle. "
Già, non possiamo sapere cosa si prova veramente, siamo morti prima di nascere, come tanti altri abbiamo aperto gli occhi qui nel Limbo senza nemmeno averli chiusi nella vita corporale, senza un ricordo.
Ma se soltanto i mai vissuti vivessero qui, non sapremmo neppure di esserci persi qualcosa. Invece ci sono altri, che hanno visto davvero il mondo corporale, hanno vissuto in maniera onesta, ma sono morti senza battesimo. Allora ci raggiungono qui, e raccontano.
Per causa loro, Euforbia si è innamorata di quel che non ha potuto avere, ha voluto un nome, ha voluto che disegnassimo quest'angolo solo per noi, per fare tutte quelle cose che due dovrebbero fare quando si amano, a quanto pare.
I nostri corpi d'etere però hanno poca sensibilità, ripetiamo quei movimenti che ci hanno spiegato, non cambia tanto dal tenersi solo per mano come adesso.

" Io te l'ho detto tante volte. Tu ti procuri queste sofferenze con l'impazienza. Ci hanno spiegato che non staremo sempre qua, verrà la resurrezione della carne, avremo tutti corpi nuovi anche meglio di quelli di prima, e potremo provare tutto. Ti farò provare tutto, giuro, se non ti stancherai di me. "

" Dicono che quel giorno saremo tutti riuniti, anche quelli di la, ci saranno i miei genitori e dovranno sentirmi. Vedrai quante gliene dirò ! "

" Proprio non vuoi smettere di pensare al passato ? "

" Mi hanno ucciso. "

" Si, anche io, e allora ? Ricordo una botta, come se fossi andato a sbattere, poi mi sono trovato qui, l'unica realtà che io conosca è qui. Che ci sia un altro mondo con delle persone chiamate genitori è un concetto astratto, troppo astratto, non riesco a preoccuparmene. E neanche capisco tu come faccia a prenderlo così sul serio. "

" Mi hanno ucciso. "

Dicevo, lei è così, parlo per farle compagnia, ma lo so che non cambierà idea.
Mi affascina la sua incapacità di arrendersi, anche davanti all'evidenza.

" Forse non servirà aspettare tanto " - continua lei - " Qualcuno dice che potremmo avere una seconda possibilità, potrebbero mandarci ancora dall'altra parte, la chiamano reincarnazione. "

" Ho sentito. Ci crederò quando mi succederà. "

" Sai la differenza tra noi ? Tu ragioni, io invece sento. Non ho bisogno di prove, so che succederà, dicono che si dimentica tutto, eppure so che verrò a cercarti. Ma tu ? Mi aspetterai ? "

La maniera in cui la luce dalla finestra si riflette nei suoi occhi e sembra cambiargli il colore. Succede davvero così nel corporale ? O è solo come noi vorremmo che fosse ?

" E se non ci rimandano assieme ? Potrebbe uscire troppa differenza di età. Oppure se nascessimo dalla stessa madre, fratello e sorella, pensa che fregatura. Preferirei rimanere qui, che siamo al sicuro, io neanche mi annoio, perchè posso stare con te. Ci saremmo incontrati se non fossimo finiti tutti e due qui nel Limbo ? "

" Va bene, lo so che poteva andare peggio. "

" Va bene, ti aspetterò. "

Si fa seria, mi guarda con quell'espressione intenta, come se studiasse una cosa che non aveva mai notato prima.
Lo so dove va a finire adesso...

" Mi lecchi la figa ? "

Questo racconto di è stato letto 1 6 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.