Vestita di te

Scritto da , il 2019-05-05, genere masturbazione

Mi sento vuota. Seduta sul letto e vestita ancora di questa stoffa fredda e luccicante, guardo un punto indefinito e mi perdo. E mi perdo perché perdermi sembra essere l’unica cosa che sono brava a fare. La cosa che mi riesce meglio. O, forse, l’unica, maledetta cosa che mi viene di fare. Appena l’ho visto, nella vetrina di un negozio anonimo del centro, ho pensato subito che fosse perfetto. Corto, volgare. Da mignotta. Ho mandato a puttane l’aperitivo al mare solo per correre a casa ed indossarlo. Per guardarmi allo specchio e scoprire il mio corpo nudo attraverso la trasparenza di un vestito che di vestito non ha nulla. E lo metto da giorni sai. Senza reggiseno, senza mutande. Nessun filo nel culo, nessun pizzo nero. Lo metto e lo tolgo. Mi vesto e mi spoglio. Ed è quando sono nuda, sui tacchi alti delle scarpe che tanto ti piacciono, che vedo i segni sulla pelle. È stata la catenina sottile che lo tiene su, che mi ha graffiato la carne. E ora eccomi qua. Mi lecco le ferite aperte, segno indelebile di tutti i miei orgasmi.
E mi tocca godere sola ancora una volta e chissà quante altre!
Tanto potrei comprare mille cose ora, non faresti una piega. E poco importa se avevo una fottuta voglia di fartelo vedere, ora. Fartelo vedere ora e poi toglierlo mostrandoti il mio corpo nudo senza vergogna. Ma non decido io, figlio di puttana. E non decido io perché ora, tu, hai deciso che posso rimanere qui, così! A fottermi da sola e a sfogare la mia sporca voglia senza di te.
Quel fottuto vestito rosso, cazzo! Perché non l’ho tolto? Perché non mi sono spogliata lentamente e sinuosamente, così, come mi avevi chiesto? Perché non mi sono offerta a te, completamente nuda e malata, così, come mi volevi? Sul letto, di fronte a te, a dirti di no e a godere alle mie condizioni.
È che a volte il desiderio di te fa troppo male. È che a volte non mi bastano queste mani addosso anche se sono audaci. E certo. Avrei potuto obbedire. Darti quello che volevi e quando lo volevi, avvicinarti le tette alla bocca e implorarti di succhiare. Di farmi sentire i denti spietati su questi capezzoli già provati.
Eppure ho detto no. E ho detto no perché non sono queste mani che devono spogliarmi. Ho detto no perché non sono queste dita che devono toccarmi! Devi farlo tu. Devi abbassarmi le spalline lentamente e leccarmi ogni centimetro di carne. Mettermi una mano fra le cosce e raccogliere ogni goccia della mia eccitazione. Succhiarti le dita e poi mettermele in bocca. E poi di nuovo nella fica e ancora poi nella tua bocca. Sfilarmi piano il vestito non distogliendo gli occhi dai miei. Fermarlo sui fianchi per toccarmi il culo e spingermi a te con prepotenza per farmi sentire addosso il tuo cazzo duro. È per questo che non l’ho tolto. Per costringerti a venire qui. Per obbligarti a prendermi con forza e a strapparmi a morsi la stoffa leggera del vestito rosso. Come se fosse possibile farti cedere!
E cosa volevo fare oggi? Oggi come ieri. E ieri come sempre. Ripropormi a te e riproporti il mio orgasmo, vestita di questo abito laminato che ho sporcato dei miei umori? Cosa mi aspettavo oggi? Che sarebbe bastato un cambio di scena e di costume per riprendere da dove abbiamo lasciato e goderti ancora in faccia urlando il mio piacere? Ho fatto i conti da sola però. Ho aspettato inutilmente e ancora aspetto. Ho fatto e disfatto toccandomi senza tregua e ancora mi tocco. E mi sento vuota. Seduta sul letto e vestita ancora di questa stoffa fredda e luccicante, guardo il vestito nuovo che mi sono strappata da sola. Davanti allo specchio come davanti allo schermo, ho aperto le cosce e ho soddisfatto la voglia.
Ma lo sai e te lo ripeto ancora. Non posso essere sazia e non posso bastarmi.
Quello nero lo hai visto? È stretto. Molto stretto. Da puttana, come piace a te. O dovrei dire zoccola? Molto scollato per avere le tette bene in mostra e molto audace come molto audace mi sento.
Voglio fartelo vedere. Ma più di tutto voglio vederti. Toccarti, baciarti. Venire nella tua bocca e farti venire in ogni mio buco. Guardarti e parlarti ma solo di oscenità.
Lecco il frustino nero che ho preparato. Lo lecco e lo succhio come se avessi il tuo cazzo in bocca. Lo struscio fra le tette e poi lo sbatto sui capezzoli duri fino a farmi male. Ti dò le spalle e mi piego in avanti. Mi tocco il culo, poi lo apro con le mani. Mi vuoi ancora nuda?
Vuoi ancora che mi spogli, lentamente e sinuosamente? Allora vieni qui. Bloccami sul letto e prenditi ciò che vuoi. Facciamo a pezzi ogni vestito e sarò nuda come vuoi. Mettimi la lingua in bocca e le tue fottute mani addosso.
E quando sarò nuda come vuoi, libera da ogni indumento, toglimi le scarpe e scopami il culo con questo tacco 12.
Sputami addosso e mettimi il cazzo dentro. Rimani fisso su di me. Non distogliere lo sguardo dal mio sguardo che non distolgo mai dal tuo sguardo.
Sul letto e bagnata fradicia mi muovo smaniosa in attesa di godere. Voglio il tuo profumo. E non una fottuta essenza comprata chissà dove. Voglio sniffare l’odore della tua pelle e poi quello della tua carne viva.
È per questo che non li tolgo. Il vestito rosso della volta scorsa, quello laminato che ho strappato da sola. Quello nero che ho appena messo e quelli che sicuramente comprerò ancora.
Non li ho tolti e non li toglierò perché se ti dò tutto non avrai nulla da venire a prendere.
E anche se non è una sfida, io, voglio vincerla comunque.
Ti conviene venire qui e farmela pagare. Oh si, ti conviene.
E se dovessi venire, anche io ti voglio nudo. Nudo e bellissimo fra queste cosce aperte.
Io, se fossi in te, verrei qui a farmela pagare.
E quando poi me l’avrai fatta pagare lasciami qui, come sono ora, nuda e vestita di te.
Pensaci.
Io aspetto e intanto vengo.


Questo racconto di è stato letto 3 7 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.