La Luna di Fiele: Torride Memorie

Scritto da , il 2019-04-11, genere tradimenti

Viaggiare in moto mi ha sempre dato un’eccitazione diversa, multiforme, avvincente. Specialmente quando guido in montagna, ad alta velocità...
Innanzitutto, c’è il brivido della velocità. Poi l’adrenalina: ne sono drogata, e sentirmela fluire nel sangue mentre corro oltre i limiti di velocità mi fa sballare. Infine, ci sono il calore e la vibrazione del motore sotto di me: li sento fra le gambe, e mi mandano la fica in ebollizione.
Quando smonto dalla moto ho sempre una voglia di scopare pazzesca.
Questa volta poi, oltre a tutto il resto, ho anche la Giulia attaccata alle mie spalle, che mi tiene le tette schiacciate sulla schiena...
Insomma, lo avete capito: sono in fregola.
Che novità, direte voi, la Pat è sempre in fregola! Vero: ma stavolta lo sono di brutto.
È anche colpa della nostra destinazione, e del motivo per cui siamo dirette là.

Eva ha deciso di accompagnare Karin in Olanda: così, oltre a darle una mano per trovare casa vicino a L’Aja, avrà l’opportunità di rivedere zia Astrid (e soprattutto di far incontrare fra loro le mie quasi coetanee). A quel punto, visto che sarei rimasta da sola a bordo (a parte la schiava, ma io parlavo di persone), la Giulia ha pensato bene di anticiparmi un suo desiderio per il suo prossimo compleanno, e visto che si tratta del suo diciottesimo, mi sembra sacrosanto prenderlo seriamente.
Ormai sono alcuni anni che le ho raccontato di come lei sia stata concepita durante il viaggio di nozze mio e del Mauri sulle Dolomiti, solo che non sono sicura di chi possa essere suo padre visto che (a parte il Mauri che sicuramente non è stato), di maschi validi me ne facevo due diversi quasi tutti i giorni.
Bene: Giulia vuole scoprire chi sia suo padre.
Un tantino imbarazzante per me, ma comprensibilissimo. Devo anche dire che tutto sommato sono curiosa anch’io di rivedere i posti, e magari anche i maschioni, di cui in effetti ho un ricordo abbastanza lusinghiero.

Avevo ventiquattro anni. Ero una giovane selvaggia che mordeva il freno cercando di adattarsi alla nuova condizione di borghese sposata, ma non avevo le idee chiare su cosa volessi fare della mia vita. Avevo raggiunto tutti i miei obiettivi minimi: un lavoro sicuro, una bella casa in città, un marito benestante e una salute di ferro.
Priva di modelli validi, dovevo per forza affidarmi ai cliché sociali del momento, e questi mi portavano a considerare di mettere al mondo un figlio prima di raggiungere la trentina, in modo da togliermi il pensiero, evitare problemi di linea eccessivi e poter poi pensare ad altro... Naturalmente di una cosa ero ben sicura: il bambino non volevo certo concepirlo contaminando il mio DNA con quello del Mauri. Non per razzismo, anche se io sono veneta purosangue mentre lui è un miscuglio improbabile pan-italico, ma perché lui era già pelato a vent’anni e a trenta mostrava un adipe in crescita e una muscolatura carente e peraltro in rapido deperimento; per non parlare della carnagione smunta e dell’umorismo da cammello. Per mio figlio intendevo trovare di meglio, sia in termini di fisico che di testa.
Il Mauri era un brav’uomo, poveraccio: semplicemente, non eravamo fatti uno per l’altra. Per ridurre al minimo i rapporti fisici gli avevo messo bene in chiaro che preferivo le donne, ma lui era così preso che la cosa gli andava bene: del resto, le sue esigenze sessuali erano abbastanza modeste e accontentarlo non era poi un gran fardello.
Quello che non gli avevo detto – peraltro un dettaglio di scarsa importanza – era che le mie, di esigenze sessuali, erano piuttosto consistenti e che le soddisfacevo non solo con le donne ma anche con tutti i maschi che - a differenza di lui – stimolavano maggiormente i miei desideri.
Insomma: appena arrivati sulle Dolomiti per il viaggio di nozze, avevo cominciato subito a guardarmi intorno da perfetta predatrice...
Il nostro “nido d’amore” era vicino alla Perla delle Dolomiti: il lago di Braies.
Mai stati? Uno dei posti più belli del mondo... Con le cime rocciose che si specchiano a picco nell’acqua più blu delle Alpi. E foreste di conifere profumate e verdissime che si stendevano a perdita d’occhio intorno alle pendici dei giganti di granito.
Era estate, e c’era da camminare per ore e ore... Peccato che al Mauri camminare non piacesse troppo. In compenso vicino all’albergo c’erano diverse attività possibili: pesca, equitazione, roccia, tennis...
Al Mauri piaceva la pesca.
Io non so star ferma più di dieci minuti, quindi mentre lui era a pesca, io andavo a caccia.
Potete biasimarmi?
L’insegnante di tennis era un magnifico esemplare di crucco di casa nostra: un altoatesino biondo e abbronzato, con due occhi azzurri da sogno e muscoli da atleta.
Mi sono fatta scopare da lui già il secondo giorno, al termine della prima lezione di tennis, e da allora praticamente non ho più preso in mano una racchetta occupata com’ero a maneggiare ben altro manico...
Il maestro di roccia invece era un tipo di Bassano in trasferta a nord delle Dolomiti: moro con gli occhi verdi, altrettanto muscoloso e ancora più abbronzato del collega altoatesino. Con lui è stato meno semplice, visto che le sue lezioni non erano singole, ma dopo la seconda arrampicata ho fatto finta di essermi storta una caviglia e gli ho strappato un massaggio a fine lezione... È andata a finire che mi ha chiavata in piedi contro un albero quando gli altri se n’erano andati e lui si era reso conto che la mia caviglia stava benissimo ma era la mia passera ad avere bisogno di manutenzione urgente.
Erano entrambi poco più grandi di me, ma sicuramente non superiori alla trentina. Hans e Fulvio si conoscevano benissimo, e dopo un altro paio di giorni mi avevano sgamata completamente: sapevano perfettamente che la davo a tutti e due alle spalle di mio marito, e si scambiavano informazioni senza nessuna gelosia.
Quando mi sono resa conto che sapevano uno dell’altro e del fatto che mi scopavano part-time, gli ho proposto di vederci direttamente tutti e tre insieme mentre il cornuto si dedicava alla pesca delle trote: ne è venuto fuori uno dei più riusciti ménage au trois della mia vita, e ci abbiamo dato dentro con tanta sfacciataggine che ancora oggi mi chiedo come abbia fatto il Mauri a non rendersene conto. Perfino la direzione dell’albergo ne era a conoscenza, al punto che mi hanno anche invitata ad un minimo di discrezione, ventilandomi il rischio di conseguenze per il rapporto di lavoro con i ragazzi... Loro però non erano dipendenti dell’albergo e non erano troppo preoccupati, o almeno così dicevano; fatto sta che siamo stati più attenti, ma la seconda settimana praticamente mi hanno avuta tutti i giorni, anche più di una volta ciascuno.

Hmmm... Ricordo in particolare quel sandwich glorioso sul campo da tennis: mi ero impalata sull’erezione di Hans e succhiavo avidamente il nerbo di Fulvio, che era duro come la pietra e tutto vergato da vasi sanguigni particolarmente gonfi. Il biondo mi tirava i capezzoli e mi serrava le chiappe mentre io gli scapicollavo sul cazzo, e intanto il moro mi chiavava in gola tenendomi per le orecchie... Poi Fulvio mi aveva strappato il cazzo dal gargarozzo e mi era venuto dietro, dicendo al compare di tenermi ferma un momento.
Avevo capito benissimo cosa intendesse farmi, e siccome era la prima volta che lo facevo con due maschi entrambi ben forniti, la raccomandazione era più che giustificata: tentai di divincolarmi, ma Hans era robusto, e Fulvio si dimostrò piuttosto veloce e smaliziato.
Sentii la larga cappella durissima del bassanese spingere con forza contro lo sfintere; strinsi i denti ripetendomi che non era certo la prima volta che lo prendevo nel culo, poi avvertii un dolore lacerante quando il foro anale cedette e il grosso cazzo di Fulvio mi sprofondò nel retto fino alle palle.
Ricordo che cacciai un urlo di dolore sentendomi straziare le carni, e Hans mi tappò la bocca per non farmi sentire fino a Cortina: erano solo le otto del mattino e in giro non c’era quasi nessuno, ma sarebbe stato imbarazzante essere sorpresi dal personale delle pulizie, o ancora peggio dal Mauri che andava a pesca di trote...
Quella è stata la mia prima doppia penetrazione: in precedenza ne avevo già fatte di tutti i colori, ma non ero abituata ad andare da sola con due uomini e quindi non mi era mai capitato di prendere due cazzi alla volta. Cioè, sì, ma non in pancia (una compagna di università si era tirata indietro all’ultimo momento durante un’uscita a quattro al buio, e io mi ero trovata a soddisfare da sola tutti e due i ragazzi, ma erano giovani e di normale dotazione: me l’ero cavata scopandoli uno alla volta mentre tenevo in caldo l’altro con la bocca, ma questa è un’altra storia).
Mi è piaciuto da pazzi: dopo il dolore iniziale il senso di riempimento è diventato un sollazzo divino e avrei voluto che non finisse mai. Fulvio da dietro imprimeva il ritmo mentre Hans mi insultava da sotto senza smettere mai di torcermi i capezzoli...
Ricordo di aver goduto da pazzi: almeno due orgasmi di fila, prima che prima Hans e poi Fulvio mi sborrassero dentro senza nessuna protezione... Poi il maestro di roccia me lo aveva tirato fuori dal culo e me lo aveva fatto pulire con la lingua, lo stronzo.
Naturalmente dopo si erano rifiutati di baciarmi in bocca... Però ci eravamo dati appuntamento per il dopocena, quando il Mauri si vedeva con gli altri appassionati di scopa (quella che si gioca con le carte napoletane, non l’altra).
Io mi ero rassettata il completino da tennis nuovo di zecca e ero andata dritta al lago a trovare il mio sposino; lui era stato contentissimo di vedermi quando gli ho detto che avevo appena finito la lezione di tennis e che avevo bisogno di rilassarmi in riva al lago... Mi ha accarezzato una coscia nuda e io mi sono preoccupata perché ero senza mutande e la sborra cominciava a venire giù dai buchi ancora allentati. Così d’impulso l’ho abbracciato: ci siamo baciati, e io gli ho messo in bocca la lingua sporca... Il cornuto non ha fatto una piega, ma dopo mi ha avvertita che avevo un alito cattivo e che forse avrei dovuto spazzolarmi di nuovo i denti. Ottima idea...

Un’altra volta ci siamo visti a tarda sera nel giardino dietro l’albergo, mentre il Mauri giocava a carte: c’era la luna piena e il cielo era pieno di stelle che si riflettevano meravigliosamente nel lago. Io indossavo una camicetta e una gonnellina corta senza biancheria intima e con i sandali bassi da camera. I due mi avevano già avuta entrambi separatamente durante il giorno, ciascuno durante la sua (costosissima) lezione, ma io avevo ancora una gran voglia: li ho spompinati insieme, inginocchiata nell’erbetta profumata del sottobosco, poi mi sono fatta sbattere a turno prima da uno e poi dall’altro contro un albero. Dopo avermi fatta godere, Hans ha voluto venirmi in bocca; ero senza fiato, e la sborra mi è colata tutta sulle tette senza che mi riuscisse di mandarla giù. Ero un disastro, tutta inzaccherata di sborra e intontita dal piacere; Fulvio mi ha detto che gli facevo schifo, tutta sporca di Hans, e mi ha fatta girare con la faccia contro il tronco.
Mi ha presa rabbiosamente, nuda dalla vita in giù, tenendomi per i fianchi mentre mi fotteva con forza schiacciandomi addosso all’albero... Ricordo di aver goduto di nuovo, sentendomi la faccia illuminata dalla luna piena, mentre Fulvio mi sborrava dentro la fica ragliando come un somaro...
Ero tornata in camera barcollando e devo essermi addormentata subito perché mi sono svegliata molte ore più tardi, ancora vestita e con la faccia contro il cuscino, con il Mauri che mi russava beatamente accanto: per fortuna ero a pancia sotto, così lui non si è accorto che ero inzuppata di sborra fresca... Sentivo la venuta di Fulvio che cominciava a scapparmi dalla fica, e sono corsa a fare una doccia prima che fosse troppo tardi.

Oltre a farmi sbattere giorno e notte da Hans e Fulvio e a tirare un paio di seghe svogliate al povero Mauri, avevo anche fatto amicizia con la giovanissima cameriera dell’albergo: si chiamava Greta, aveva all’incirca l’età di Giulia adesso ed era la classica biondina slavata e paffutella che ti aspetti di trovare in montagna, con una bella latteria e due gambe lunghe e solide. Non aveva mai fatto l’amore con una donna, ma aveva appena litigato con il suo ragazzo e così era abbastanza irritata nei confronti degli uomini in generale da accettare, dopo un po’ di moine e di discorsi profondi da donne, che le leccassi la fica.
Il suo ganzo doveva essere davvero un impiastro con la lingua, perché Greta mi esplose in faccia dopo poche slappate al clito, latrando come una cagnetta in calore... In seguito, le ho insegnato a rendermi il favore, così fino alla fine delle vacanze ho approfittato dei suoi servizi in camera con la piena connivenza del Mauri, che non solo non era geloso ma si eccitava all’idea di avere una moglie lesbica (contento lui!). Fra l’altro, così lo riconfermavo nella sua convinzione che a me interessassero solo le donne e che non mi sognassi neppure di cornificarlo con dei maschi... In questo modo ho continuato a farmi sbattere da Hans e Fulvio fino all’ultimo giorno di luna di miele, quando Hans mi ha dato l’ultima ripassata mentre il Mauri pagava alla reception e lui mi aiutava con i bagagli: mi ha scopata sul cofano dalla macchia di mio marito, con il motore acceso e i compari di pesca del Mauri che rischiavano di sorprenderci andando al lago con le canne in mano (le canne da pesca, cosa avete capito!) ...
Il biondo mi è venuto dentro un’altra volta, così ha dovuto tenere le gambe strette per tutto il viaggio fino a Milano. La sborra mi è colata lungo le gambe nude mentre abbracciavo mia suocera che ci aspettava a casa con la cena pronta, ma per fortuna non c’era molta luce e l’ho fatta franca un’altra volta.

Quanti ricordi mi passano davanti agli occhi mentre sfreccio su per i tornanti del Passo del Falzarego con la Giulia attaccata alla schiena...
Certo che se ci ripenso, ero davvero una gran puttana. Povero Mauri, non se lo meritava davvero. Non era colpa sua se ce l’aveva un po’ scarso e non lo sapeva nemmeno usare molto bene. La madre terrona e l’educazione rigidamente cattolica l’avevano un po’ castrato emotivamente, e non osava avere alcuna fantasia erotica, per non parlare della sua intraprendenza, che era del tutto nulla.
Non era affatto stupido, e in fondo un po’ di bene glie ne volevo anche, non fosse altro per l’impegno che ci metteva nel cercare di fare di me una signora perbene... Però mi è sembrato davvero strano quando gli ho detto che ero incinta e lui non ha avuto il minimo dubbio. Credeva davvero di essere lui il padre, poverino... Pensare che da quando ci conoscevamo era riuscito a venirmi dentro solo due o tre volte, e nessuna durante la luna di miele!
Secondo me, le corna gli spettavano per diritto naturale.

Non dovrei intrattenermi con questi pensieri mentre guido la moto: fra le tette di Giulia contro la schiena, le sue mani che mi stringono i fianchi e il calore vibrante del motore contro la fica, sono già arrazzata di brutto, e certi ricordi esasperano ulteriormente la mia voglia.
Forse dovrei fermare la moto e trascinare la Giulia nel bosco per farci una bella sveltina...
No, è troppo scomodo, con le tute da motociclista addosso. Sono negli “anta”, e mi piacciono le comodità, soprattutto se sono con una ragazza cui voglio bene...
Meno male che abbiamo le tute, fra l’altro: se fossimo in jeans e felpe, sai che effetto dirompente avrebbero le mani e le tette della Giulia da una parte e il motore della moto dall’altro?
Eva ha prestato la sua tuta nuova alla sua amica: Giulia è più piccola, ma non troppo, e la combinazione bianca e nera le sta benissimo: le sarei saltata addosso il momento che l’ho vista mettersi il casco... Incredibile quanto può essere sexy una tuta da motociclista su una bella ragazza!
Basta, devo pensare ad altro...

Il tempo fa abbastanza schifo: il cielo è coperto, ma non minaccia precipitazioni. Poca neve da questa parte delle Alpi, quest’anno: le montagne sono bianche quanto basta, ma la strada è pulita. Fa freddo, ma le tute sono belle calde.
Peccato, con un panorama così, se il cielo fosse sereno sarebbe perfetto...
Come quel giorno in cui ho convinto Greta a mettere le corna a quel coglione del suo ragazzo: siamo andate insieme a cercare Hans e lo abbiamo fatto in tre nello spogliatoio delle donne accanto al campetto da tennis... Il biondo non ci poteva credere: erano mesi che ci provava con lei, ma non c’era stato verso; la camerierina era fedele al suo ganzo.
...Finché non ero arrivata io, la falciatrice di margherite.
Greta si era divertita un mondo, con Hans che la scopava da dietro mentre lei mi sleccazzava la fica sulla panca dello spogliatoio... La piccola era diventata davvero brava con la lingua, dopo appena una settimana di lezioni assidue.
Si era divertita così tanto che quella sera ci siamo visti in quattro durante la partita a carte del Mauri: così mentre io mi godevo Hans, lei aveva assaggiato anche la belva di Fulvio.
Peccato che poi il giorno dopo il suo ragazzo fosse venuto a chiederle scusa con un mazzo di fiori esagerato: Greta c’è cascata un’altra volta e non ha più voluto giocare con noi, peccato.

Comincia a fare buio. D’inverno, in montagna è ancora peggio che in laguna: la notte cala di colpo.
A giudicare dalle nuvole, in Pusteria sta piovendo...
Sento il tepore del corpo di Giulia contro il mio, e non vedo l’ora di sbucciarle di dosso la tuta.
Ho anche fame. E sete.
Anche la moto ha sete: ci fermiamo a fare il pieno e ne approfittiamo per un caffè caldo al bar. Gli avventori ci guardano quando entriamo con i caschi sottobraccio: la tuta da motociclista è sexy anche su una tardona come me, ma su una con il fisico di Giulia è devastante.
La mia cucciola è cresciuta davvero bene: il suo corredo genetico era buono in partenza, ma il collegio le sta facendo fare una dieta sana e soprattutto un allenamento sportivo di prima classe. Non sarà mai alta come me (per fortuna!), ma ha già una muscolatura simile alla mia che fa crepare Eva d’invidia (lei ha una corporatura più da ballerina che non da atleta). Porta i capelli corti come me, ma più alla maschietta: sembra Rita Pavone quando faceva Gianburrasca; e i suoi occhi verdi un po’ a mandorla sono devastanti...
I due avventori con l’aria da camionisti dell’Est ci scrutano con avidità. Ed è piacevole vedere che non guatano solo lei... Peccato che abbiano l’aria piuttosto rancida, altrimenti potrei anche prenderli in considerazione per una botta e via nel cesso del bar.
La Giulia li guarda un po’ schifata e io mi riprendo: non voglio passare per l’affamata che si accatta il primo cazzo che passa. Già, lei ormai è nella posizione di fare la schizzinosa, beata gioventù!
Le ho passato in eredità integrale il mio fondoschiena: la mia cucciola ha un culo da infarto, che si nota perfettamente anche nella tuta da motociclista di una taglia troppo grande... Spero che anche il mio sia altrettanto visibile: è sempre stato il mio articolo più richiesto.
Ha anche il mio stesso nasino all’insù, ma per fortuna ha un mento meno pronunciato: magari con meno carattere, ma molto più fine e aggraziato; si coordina anche meglio con le guance un po’ scavate e il collo lungo. Già, il collo: io cerco di nasconderlo per via delle grinze, mentre lei lo esalta perché alla sua età è perfetto. Infatti, lei si è subito abbassata la zip della tuta, e oltre al collo esibisce anche un décolleté da infarto grazie alla sua terza piena. Un motivo di più per me di tenere la zip alzata.

Uno dei due camionisti si avvicina mentre sorseggiamo il nostro espresso e fa un commento sulla nostra moto per attaccare bottone con Giulia.
Niente Est, questo è calabrese.
Niente contro i calabresi in generale, ma questo appartiene alla locale minoranza etnica degli stronzi, che purtroppo per gli altri è ben radicata.
La Giulia non è interessata per niente. Cerca di scrollarselo di dosso rispondendogli in inglese, ma quello ha studiato e passa ad uno slang stile Bruclin-de-noantri...
Mi piacerebbe restare a guardare come se la cava la mia bambina: immagino se la sappia cavare da sola, ma rischiamo di perdere troppo tempo, così mi intrometto e lo sfanculo direttamente.
Quello mi guarda, fra il sorpreso e l’oltraggiato: - Non stavo parlando con te.
- Infatti: stai parlando con la mia ragazza – rispondo piatta – E a me dà fastidio.
Sono alta uno e ottanta, in tuta da motociclista, sfatta dalla fatica, con i capelli corti tutti arruffati, la faccia un po’ segnata e ho la voce roca. Suppongo che per un momento gli venga il dubbio che possa essere un uomo.
Mi squadra dall’alto in basso con aria dubbiosa, poi decide che non sono un uomo e mi scarta in malo modo: - Ma va’ a cagare, stronza!
- Va’ a cagare tu, stronzone!
Questa non sono io: è la Giulia.
- Ehi, ragazzina...
Il camionista ha commesso un errore: le ha afferrato un braccio.
La Giulia allunga l’altra mano e gli tira violentemente una basetta verso l’alto.
Vi hanno mai strappato i capelli vicino all’orecchio? Fa un male accecante, che ti fa interrompere qualunque cosa tu stia facendo.
Infatti, il tipo rancido molla il braccio di Giulia e caccia un urlo in falsetto.
Il suo collega si fa sotto, ma io mi metto in mezzo: - Fatti i cazzi tuoi, se non vuoi che ti prenda a calci in culo.
Ho il casco in mano, e nessuno vuole prendersi in faccia un casco da motociclista.
Giulia molla la presa e il camionista barcolla all’indietro verso il collega bestemmiando nel suo dialetto incomprensibile.
- Credo abbia detto che per scusarsi ci offre lui il caffè.
La Giulia è una diplomatica: in questo non ha preso certo da me...
Lo guardo storcendo il naso: - È così?
Quello esita un momento, ma in effetti è un ottimo modo per cavarsela con stile: - Sì, certo...
- Bene. In questo caso noi abbiamo finito: grazie del caffè. Andiamo, Giulia?
- Sì, Pat.
La Giulia ammicca e si volta con classe, ancheggiando sugli stivali verso l’uscita...
Ammiro il suo splendido culo e non posso trattenermi dal dargli una bella palpata mentre apre la porta, strappandole una risatina.
Da dietro le spalle sento il commento di uno dei due: - Cazz... Erano due lesbiche!
È sempre una soddisfazione essere riconosciuta per ciò che sei.

Questo racconto di è stato letto 3 2 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.