Quel porco di mio marito

Scritto da , il 2019-03-05, genere orge

Sono nella mia stanza sfinita dalla serata, ho fatto da poco la doccia e sono seduta sul bordo del materasso con addosso ancora l’accappatoio, con lo sguardo fisso verso la parete.
Sento i passi di mio marito muoversi nella stanza, lo sento avvicinarsi a me, si siede silenzioso accanto e dopo qualche istante mi stringe forte e percepisco dal suo gesto il suo caloroso affetto.
Poggio la mia testa sulla sua spalla sinistra, senza distogliere lo sguardo davanti a me, ora siamo perfettamente allineati allo specchio di fronte e i nostri sguardi si incrociano nel riflesso.
Sento la sua mano scivolare sul letto alla ricerca della mia adagiata dietro di me, l’accarezza dolcemente.
Mi volto verso di lui e lo guardo negli occhi. Sono ancora un po’ scossa e non ho idea quale effetto avrà su di noi quanto successo stasera, ma ora ho bisogno di risposte e provo a cercarle in silenzio fissandolo.
I miei occhi sono gonfi di paure e incertezza e sicuramente esprimono dei dubbi invece nei suoi non scorgo nulla di tutto ciò, anzi lo scintillio che emanano sembra sottolineare la sua pura soddisfazione; non gli dico nulla, per ora non ho niente da dirgli, ho bisogno di capire per bene le mie emozioni.
Passiamo qualche secondo fissandoci nel silenzio più assoluto, poi lui mi bacia con passione e appena stacca le sue labbra dalle mie, mi sussurra dolcemente ti amo!
Mi sembra tutto così strano, sono confusa ma sicura delle sue parole e penso che alla fine ciò che è avvenuto non mi sia poi dispiaciuto, tuttavia non so ancora come giudicare e cosa pensare del suo atteggiamento troppo pago e soddisfatto.
Mentre lo guardo sono aperta a mille dubbi e i dolori delle mie carni non aiutano di certo a dimenticare e ad allontanare questi pensieri, ma prima di lasciare spazio totalmente alla notte e al tormento personale è meglio che vi racconti tutto sin dall'inizio.

Sono Laura ho 38 anni impiegata nella biblioteca comunale della mia città e sono la moglie di Marco 42 anni, attualmente tecnico informatico di un’azienda locale.
Fino a poco tempo fa lavorava per un’impresa più piccola finché a causa di una riduzione del personale, circa un anno fa, è stato messo alla porta assieme ad altri lavoratori.
In seguito a ciò ovviamente la nostra vita ha subito importanti contraccolpi.
Nei primi mesi dall'evento, lui sembrò reagire energicamente a quanto successo e infatti non fece gravi drammi sul suo licenziamento, anzi si mise subito alla ricerca di un altro impiego, ma con il passare dei mesi le cose non migliorarono e quindi cadde in una specie di stato depressivo.
Faticai non poco per evitare che le sue degenerazioni arrivassero a creare problemi tra noi, ma con tutta le mie energie e l’amore che provo per lui siamo riusciti a rialzarci da questo brutto periodo, e a coronare i nostri sforzi è arrivata una chiamata da un’importante azienda con cui lui aveva svolto un colloquio cinque mesi dopo il suo allontanamento.
Fu chiamato a presentarsi in azienda dopo quasi altrettanti mesi e pochi giorni dopo, in piena primavera, fu assunto con un contratto determinato per un anno come garanzia di prova, ma con la garanzia che alla scadenza dei dodici mesi avrebbe ottenuto, se superato il periodo di prova, il contratto indeterminato.
La sua lunga esperienza nel settore parla per lui, ed entrambi sappiamo che questa prova è solo una formalità.
Fortunatamente non ci ha messo molto ad ambientarsi nel nuovo ambiente e ciò ha favorito il ritorno tra noi dell’equilibrio e della serenità. Dopo poche settimane dall'inizio del nuovo lavoro mi raccontava già quanto si sentisse fortunato ad aver trovato un ambiente stimolante e dei bravi colleghi che lo stimavano per il suo valore. Ovviamente non potevo che essere contenta per lui e sapere che i suoi colleghi oltre a stimarlo gli vogliano bene, mi fa sentire tranquilla.
Durante questa settimana ha deciso di presentarmi questi suoi amichevoli colleghi e assieme abbiamo concordato di organizzare una cena da noi per il sabato. Ovviamente ho accettato di buon grado e mi sono offerta volentieri come cuoca, inoltre il sabato la biblioteca è chiusa e quindi avrei potuto approfittare della giornata per preparare una buona cenetta.
Infatti stamane ho passata l’intera mattinata in cucina per dedicarmi alla preparazione di una cena sfiziosa, preparativi che si sono protratti fino al primo pomeriggio e al ritorno di mio marito dal lavoro ero praticamente sfinita, ma vederlo sereno e contento mi paga ogni volta di tutti gli sforzi ed effettivamente al suo rientro il suo sorriso e i suoi ringraziamenti fecero già pesare meno il tutto.
Da quando ha ripreso a lavorare tra noi tutto è perfetto e anche la nostra intesa sessuale si è rinforzata, infatti, al suo ritorno dopo avermi dimostrato la sua gratitudine, non mi ha nascosto il solito appetito sessuale prendendomi in cucina praticamente sul tavolo. Insomma tra me e lui va tutto alla grande.
Dopo la sveltina mi ha baciato appassionatamente e prima di andare a fare una doccia, mi ha confermato che i nostri ospiti sarebbero stati quattro: Massimo, Nicola, Andrea e Giorgio.
L’idea di cenare con soli uomini un po’ mi scocciava, avrei gradito la presenza femminile di qualche collega, ma si trattava solo di un paio d’ore e quindi non ci feci caso più di tanto.
Alle otto puntuali arrivarono i nostri ospiti e dopo i convenevoli e le presentazioni ci spostammo in cucina per la cena, Marco mi aveva aiutata con le portate per tutta la sera e il suo umore era davvero sereno e festoso, inoltre i suoi ospiti si erano dimostrati gentili e anche delle ottime forchette.
Avevo infatti ricevuto i complimenti da tutti e quattro i commensali per gli ottimi piatti e questo mi aveva sollevata e gratificata dalle ore spese in cucina.
A fine cena mio marito aveva pensato di continuare la serata spostandoci in salotto dove qui ebbe inizio un dopo cena alcolico, forse un po’ troppo per i miei gusti visto che durante la cena il vino non era certo mancato, ma era la sua serata perciò non obbiettai.
Preso posto in soggiorno ebbe inizio una vera e propria abbuffata alcolica iniziata nel classico modo e cioè con una carrellata di bicchierini di amaro, al secondo giro di bicchieri Giorgio il più anziano dei colleghi si assentò per qualche istante e raggiunse l’ingresso per rientrare dopo poco con in mano un paio di scatole:una piccola e l’altra più grande.
Era appena rientrato dagli U.S.A dove aveva siglato un importante contratto con un’azienda americana e per festeggiare degnamente con i colleghi aveva portato con se – a dir suo- dell’ottimo whisky e dei sigari cubani.
Stappata la bottiglia propose per primo un brindisi al suo affare che a quanto pare gli aveva fruttato un buon riconoscimento in termini economici da parte dei suoi capi.
Marco era all’oscuro dell’affare e contento della sorpresa prese in mano la bottiglia che cortesemente Giorgio gli offrì, poi gli si avvicinò e l’abbracciò dicendogli amichevolmente che a sancire l’atto di una durevole e allegra amicizia doveva essere proprio lui e che quindi spettava a lui riempire i bicchieri.
Fiero delle parole del suo amico, Marco, riempì i bicchieri vuoti dei colleghi evitando- conoscendo i miei gusti- di riempire il mio bicchiere. La scena non sfuggì a Massimo che subito riprese la bottiglia poggiata da Marco sul tavolo e riempì anche il mio bicchierino.
Provai a declinare l’invito adducendo che il sapore del whisky non era di mio gradimento, ma lui insisté gentilmente dicendo che dovevamo festeggiare questa importante amicizia e affare e che nessuno dei presenti poteva sottrarsi a questa lieta iniziativa. Non molto convinta presi in mano il bicchiere e lo sollevai in aria assieme agli altri, in segno di brindisi, provai a mandare giù il liquido all'interno del bicchiere e al primo sorso subito una sensazione sgradevole e poi di bruciore mi pervade e una smorfia si formò sul mio viso; gli altri avevano già tracannato di colpo il bicchiere e ora Giorgio stava già riempiendo i bicchieri per il secondo giro.
Mentre i cinque riprendevano a sproloquiare tra loro di lavoro presi posto sul divano e continuai a sorseggiare forzatamente quell’intruglio, avevo solo voglia di finire al più presto e di togliere il disturbo, la mia presenza ormai era inutile lì, quindi dopo il drink mi sarei ritirata nella mia stanza lasciando i maschietti tra loro.
Mio marito era veramente felice per la serata, complice anche un po’ l’alcool, si stava davvero divertendo molto ed io non potevo che osservarlo soddisfatta ed essere contenta per noi, finalmente in questa azienda aveva trovato nuovamente la serenità, ma soprattutto come spesso lui mi ripeteva delle brave persone che lo stimavano e gli volevano bene.
Pensavo proprio a questo mentre me ne stavo lì seduta sul divano con le gambe accavallate, pensando alla fortuna che aveva avuto e alla caparbietà di rimettersi in gioco all'età di 42 anni, questo pensiero mi dava soddisfazione, rivedere il sorriso sul suo volto poi era la cosa più bella del mondo.
Intanto l’alcool continuava a scorrere nei bicchieri e nelle ugole causando i primi effetti, soprattutto su Massimo e Nicola che ora iniziavano a dare lievi cenni di cedimento, ma nonostante ciò l’atmosfera si manteneva festosa.
Non ho un seno abbondate e non sono molto alta, ma ho un bel visino con occhi marroni e capelli castano chiaro e a giudicare, in generale, dagli sguardi di molti maschietti anche un bel culetto.
Per la serata avevo deciso di indossare un abito unico di colore nero leggermente smanicato e con una lieve scollatura che arrivava a coprire le ginocchia; insomma un abito normalissimo che non lasciava intravedere chissà quali virtù. Come già scritto non sono molto alta e spesso per ovviare alla mia media statura indosso scarpe con tacco e anche in quella sera avevo optato per dei sandali neri eleganti, a punta aperta e con tacco largo, fasciati da cinturini.
Spesso le impressioni che un uomo ubriaco si fa su di una bella donna possono essere inversamente proporzionali alla realtà, così ben presto mi resi conto che Nicola, il più alticcio dei due, ma anche il più timido - durante la serata non mi aveva rivolto tante parole - iniziò a sbloccarsi e le sue occhiate si fecero sempre più insistenti nei miei confronti.
Decisi di non dare tanto peso alla cosa, così mi alzai dal divano, e mi avvicinai alla finestra vicino al balcone, accanto a mio marito che mi abbracciò distrattamente mentre continuava a conversare con i suoi ospiti.
Stretta a lui osservai Giorgio aprire la scatola più piccola che precedentemente aveva portato in stanza e offrire dei sigari ai fumatori e quindi anche a Marco, offrì un sigaro anche a me ma rifiutai sorridendo replicando che non avevo mai fumato nella mia vita. In risposta avvicinò il suo bicchiere al mio e strizzandomi l’occhio fece tintinnare il mio e il suo bicchiere a mo’ di cin-cin.
Poi offrì l’altro sigaro ad Andrea.
Marco fece strada ai due altri fumatori, che lo seguirono sul balcone, mentre io rimanevo in salotto con Nicola e Massimo.
Rimasta sola con i due, Massimo iniziò ad ironizzare sullo stato fisico di Nicola e poi galantemente voltandosi verso di me mi chiese di scusarlo, scatenando uno sguardo di disapprovazione da parte del suo amico, che ora imbarazzato si stava sforzando di darsi un contegno.
Finsi un sorriso di circostanza e ricordai loro che oggi è un giorno di festa e che perciò era giusto divertirsi.
Ma non finì di pronunciare la frase che già me ne pentii, infatti vidi nuovamente gli occhi di Nicola accendersi di una strana luce e il suo sguardo si andò a posare nuovamente sulle mie cosce.
Con imbarazzo mi voltai dall'altra parte, poggiai il bicchiere sul tavolo e con la scusa di dover prendere gli occhiali da vista lasciai momentaneamente i due ospiti in salotto da soli.
Quel tipo mi inquietava e di certo le quantità di alcol che aveva ingerito non lo rendevano simpatico, recuperai intanto i miei occhiali in camera da letto e mentre tornavo in salotto decisi che era arrivato davvero il momento di congedarmi definitivamente, lo avrei fatto appena mio marito e gli altri due sarebbero rientrati dalla loro pausa sigaro.
Intanto rientrata in sala i due stavano ancora parlando e scherzando, così sfoggiai un sorriso e gli passai affianco avvicinandomi al tavolo dove avevo lasciato il mio bicchiere.
Lanciai uno sguardo fuori sul balcone per vedere a che punto fossero i tre fumatori, ma vidi nel riflesso del vetro i due intenti a squadrarmi il sedere.
Mi voltai con delicatezza per non dare nell'occhio, anche se in realtà iniziavo a provare parecchio fastidio, e aprì un’improbabile conversazione sul loro lavoro, i due poco propensi a parlare dell’argomento risposero gentilmente, ma un po’ svogliati alle domande.
Finalmente i fumatori rientrarono in casa e io mi sentì più a mio agio con Marco nella stanza che intanto prese posto sul divano, subito lo raggiunsi accomodandomi accanto a lui sul lato destro, mentre Giorgio prendeva posto vicino Marco sul lato sinistro.
Dopo pochi secondi rientrò anche Andrea, che si sistemò sull'altro divano difronte, accanto a Nicola e a Massimo.
Ero davvero stanca, preparare la cena mi aveva sfinita e l’ansia e lo stress per la riuscita della serata aveva fatto il resto snervandomi e ora avevo solo voglia di andare a dormire.
Infatti da lì a poco lo avrei fatto, ma Giorgio interruppe i miei pensieri e con garbo rivolse degli apprezzamenti alle mie doti culinarie e mio marito lo assecondò tessendo le mie lodi da cuoca, ma soprattutto da brava moglie, cosa che mi face sentire ancora più apprezzata.
Nonostante tutto, Nicola continuava a guardarmi e ora non smetteva di distogliere lo sguardo dalle mie gambe, evitando di perdersi qualsiasi mio movimento.
Cercai di ignorarlo e di non degnarlo di uno sguardo, per evitare in tal modo fraintendimenti.
Intanto a fatica stavo riuscendo a terminare quel maledetto whisky e finalmente tra poco mi sarei potuta congedare. La mia sopportazione però fu messa improvvisamente alla prova da mio marito che ad un tratto scusandosi si alzò dal divano e si diresse verso il bagno, lasciandomi da sola con i quattro.
In un primo momento ci fu un po’ di imbarazzo, ma poi Giorgio interruppe quel vuoto di silenzio con una delle sue solite battute che mi fece sorridere.
Era un uomo di mezza età dai comportamenti galanti e con un grande senso dell’umorismo, gli altri provavano grande rispetto per lui, Marco compreso.
Aveva girato per affari mezzo mondo e spesso quando ne aveva l’occasione raccontava degli aneddoti interessanti, e questa sera si era avventurato nel racconto di un suo viaggio in Giappone.
Subito dopo l’inizio del racconto scivolò rapido e con naturalezza accanto a me accendendo l’attenzione del solito Nicola che ora, con Marco fuori dalla stanza, mi fissava più spudoratamente.
Buttai giù l’ultimo sorso e tenni in mano il bicchiere vuoto per evitare dei movimenti che potessero scoprire le mie gambe, anche perché ora avevo l’impressione che ormai non fosse più solo Nicola a osservarmi, infatti anche Massimo sembrava di colpo abbastanza disinteressato alle parole del loro amico.
Sentivo i loro occhi su di me mentre il mio malessere cresceva a dismisura e con esso anche la rabbia per questo comportamento inappropriato. Ero infastidita, ma allo stesso tempo non trovavo la forza per trarmi da quella situazione, mi sentivo umiliata e percepivo una sensazione di vergogna come se fossi stata io a provocare il loro interesse. Il fatto che non rispettassero me e di conseguenza mio marito mi faceva perdere le staffe, ma in quel momento non potevo nulla così cercai di non agitarmi e mi concentrai sul racconto, pregando - tra me e me- che mio marito tornasse il prima possibile.
Intanto Giorgio continuava impassibile a raccontare di quanto fosse rimasto sorpreso dalla società giapponese dai suoi costumi per noi forse bizzarri, con compostezza e sobrietà, mi raccontò delle pratiche tradizionali che i giapponesi sentono come vere forme d’arte come la cerimonia del thè o l’arte di disporre i fiori recisi secondo particolari regole che chiamano Ikebana.
I suoi racconti mi aiutarono a instaurare un dialogo con lui e a emanciparmi, almeno momentaneamente, da quei sudici e insistenti sguardi. Passarono diversi minuti e Marco non era ancora ritornato, ma Giorgio non sembrava affatto a corto di parole da spendere, mentre continuava a parlare allungò la mano verso il tavolo basso di fronte a noi e riempì per l’ennesima volta il suo bicchiere e quello dei sui compari di quel maledetto liquore americano che solo l’odore ora mi nauseava.
Poi poggiò la bottiglia sul tavolo e prese quella di amaro l’avvicinò al bicchiere che avevo tra le mani e con galanteria mi riempì il bicchiere. Avanzai un timido diniego, ma il suo savoir-faire ebbe la meglio e così mi ritrovai nuovamente con il bicchiere pieno. Innalzammo in alto i bicchieri e Massimo fece uno strano brindisi esclamando: alla nostra amicizia!
In diversi momenti della cena avevo sentito pronunciare quella frase, ma non ci avevo dato molto peso perché nel momento in cui questa veniva pronunciata era sempre presente mio marito, ma sentirla nel frangente in cui lui non era presente, mi fece uno strano effetto: in fin dei conti io cosa centravo con queste persone, che non avevo mai visto e conosciuto prima di quella sera?
Tuttavia alzai timidamente il bicchiere in aria e feci l’ennesimo sorriso di circostanza evitando di guardare i due davanti a me, poi iniziai a sorseggiare la mia bevanda.
Giorgio intanto riprese il suo discorso e tornò a parlare di un altro aspetto della cultura giapponese: il Bihaku, la pratica di ricoprire il corpo con prodotti in grado di sbiancare la pelle.
Espressi ingenua curiosità a questo suo riferimento e lui voltandosi verso di me, continuò a spiegare che da sempre, il candore della pelle è associato nelle donne giapponesi ai concetti di purezza e di nobiltà.
Un ideale di bellezza che ha origini antiche e che ha sempre costituito un elemento di seduzione.
Poi con aria affabile poggiò la mano sinistra sul mio ginocchio scoperto e con un ghigno sul volto aggiunse che se io fossi nata in Giappone avrei sicuramente incarnato questo ideale di bellezza.
Infastidita per il contatto fisico e per il complimento un po’ ardito, chinai la testa e sibilai un timido grazie.
Con quel gesto i suoi tratti da galantuomo sembrarono scomparire lasciando il posto ad uno sfacciato marpione che stava godendo palesemente del mio impaccio; e per aumentare questo suo piacere, continuò a mantenere la grossa mano sul mio ginocchio scoperto, mentre i suoi occhi fissavano il mio viso.
Provai a ritrarmi con garbo e a spostare con attenzione le gambe, in risposta al mio movimento, lui ritrasse la sua mano continuando a parlare come se niente fosse accaduto.
La soglia della mia sopportazione era davvero arrivata al termine, si stavano superando limiti ben definiti, buttai giù il mio bicchiere di amaro per calmarmi, ma dall’altra parte del divano Andrea incalzò la dose al mio nervosismo esprimendo apprezzamenti sull’aspetto sexy che gli occhiali da vista mi donavano.
Sentì salire dentro di me una scarica di rabbia e stavo per urlare a tutti e quattro in faccia il mio disappunto, ma la voce di Marco di ritorno dal bagno mi diede una sensazione di sicurezza e mi trattenne dallo sbraitare.
Rientrato in salotto, prese posto accanto a me, ed io gli misi la mano attorno al braccio, mentre lui mi baciò dolcemente la fronte. Mi sentì protetta nuovamente e ora nulla poteva più scalfirmi, tanto c’era lui a proteggermi dagli sguardi libidinosi di quei quattro maiali.
Ripresero a conversare tra loro e ora anche Nicola e Massimo partecipavano alla conversazione, ma i loro occhi continuavano a poggiarsi su di me ed ora anche lo sguardo di Andrea si fece più deciso e meno fuggevole.
L’alcool iniziò ad avere qualche effetto anche su di me, iniziai a percepire fortemente la stanchezza della giornata e soprattutto della situazione, ero posata sul braccio del mio uomo con gli occhi quasi semichiusi e stavo per manifestare la mia voglia di andare a letto, ma nuovamente qualcuno mi rubò la scena e la parola, infatti Massimo rivolgendosi a mio marito fece notare a tutti la mia sonnolenza e tutti risero allegramente.
Marco mi abbracciò e mi disse con un tono strano di rimanere ancora un po’ con noi prima di andare a letto, che non era carino davanti ad i suoi amici andare via.
Le sue parole mi sconcertarono quelli che lui stava definendo amici in realtà erano dei maiali che non avevano fatto altro che guardarmi in ogni maniera per buona parte della serata sotto o attraverso la gonna e nel periodo in cui si era assentato mi avevano anche fatto delle avance.
Avrei voluto sussurrarglielo nell'orecchio ma non potevo farlo, così leggermente risentita dissi che sarei rimasta qualche altro minuto, ma avevo bisogno di sbollentare e proposi a tutti un caffè, andai in cucina dove finalmente da sola potei esprimere il mio disagio con me stessa.
Preparai quel caffè con rabbia mentre pensavo a quanto fosse coglione Marco a non accorgersi del mio fastidio, ma cercai di calmarmi e appena pronto il caffè tornai in salotto con un vassoio con su quattro tazzine fumanti e una tazza di camomilla per me.
Marco questa volta non mi aiutò nella distribuzione del caffè, così dovetti passare difronte a ciascun invitato, piegarmi e porgere il vassoio con su la tazzina. Ovviamente nel momento in cui mi piegavo lo scollo del vestito aumentava mettendo in mostra il mio reggiseno a balconcino nero.
Tutti gli ospiti uno per uno si soffermarono brevemente a guardare all'interno, compreso Marco che mi lanciò uno sguardo compiaciuto e la cosa mi lasciò sconvolta.
Finito di servire il caffè presi nuovamente posto affianco a lui sul divano sorseggiando il mio intruglio calmante, ma per quanto le proprietà benefiche della camomilla possano agire sul nostro stato d’animo dopo eventi traumatici, esse sembrano impossibilitate a dare la stessa risposta nel momento in cui e contemporaneamente il dramma lo si vive; i tre stronzi davanti a me infatti ne annullarono gli effetti subitamente quando tutti assieme iniziarono fissarmi incessantemente lasciandomi davvero basita.
Sentivo gli occhi, ad uno ad uno, di quegli sconosciuti passare avidamente e lentamente in rassegna lungo il mio corpo e per questo cercai di muovermi il meno possibile, non volevo assolutamente che si potesse scorgere qualcosa da sotto la gonna; impugnai timidamente la tazza ancora mezza piena, dimostrando il mio disagio che sembrava ora essere recepito dagli ospiti ma non da mio marito che se ne stava seduto affianco a me continuando a chiacchierare allegramente senza avvertire minimamente gli sguardi bramosi che queste persone sfacciatamente mi lanciavano ormai da ore.
Il più maiale era seduto proprio nella direzione opposta a lui, percepivo il suo sguardo che senza nessun riserbo si tuffava nella mia scollatura cercando di intravedere le mie tette; lo faceva in modo insistente e non sembrava placarsi nemmeno quando mio marito gli rivolgeva la parola.
L’amarezza della mancanza del senso di protezione da parte del mio uomo mi stava avvilendo.
Finita la mia bevanda mi alzai dal sofà e raccolte le tazze vuote sul vassoio le riportai in cucina.
All'improvviso Marco mi raggiunse mentre ero di spalle e mi strinse, mi voltai e mi ritrovai tra le sue braccia. Mi baciò appassionatamente mentre le sue mani mollarono i miei fianchi e si posarono sulle mie guance. Ricordo quanto è successo stasera con trasporto e perciò vorrei darvi la possibilità di trasmettevi le mie sensazioni ed emozioni pienamente –o almeno ci voglio provare- dunque da ora in poi proverò a rendervi partecipi cambiando il tempo verbale, per rendere tutto più immediato.
Provate a leggere facendovi trasportare totalmente dalla vostra fantasia.

La sua lingua ora scivola dentro la mia bocca esplorandola interamente con sentimento e con un carica erotica pazzesca che non mi lascia fredda, ma che mi stranisce.
Compiaciuta, ma anche disorientata provo a domandargli cosa sta facendo, ma lui non risponde e continua a baciarmi senza preoccuparsi. Amo mio marito e non mi sottraggo mai a realizzare le sue richieste sessuali, ma ciò non è da lui quindi con lentezza mi divincolo e lo guarda dritto negli occhi, con le mani conserte in attesa di qualche spiegazione.
Ma lui si riavvicina, mi abbraccia e avvicina la sua bocca al mio orecchio sussurrandomi di volermi mentre le sue poderose mani iniziano a intrufolarsi sotto la gonna alla ricerca del mio fondo schiena.
Lo spingo via e gli bisbiglio se per caso fosse impazzito e gli faccio notare che in salotto ci sono ospiti, ma questo non lo ferma, con più decisione mi serra a lui con il suo muscoloso braccio, mentre la sua mano si intrufola nuovamente sotto la gonna questa volta facendosi spazio tra le mie mutandine nere alla ricerca della mia passera; scosta i miei slip e inizia a massaggiare le mie labbra vaginali e mentre lo fa un ghigno traspare sul suo volto.
Tento di ricoprirmi sistemandomi la gonna, ma la sua superiorità fisica preclude ogni mio tentativo di reazione. Allora provo a bisbigliare con voce più alta per fargli capire di smetterla, ma per tutta risposta la mano che continua a stimolare la mia passera si leva, e si posa sulle mie labbra.
Avverto tra le sua dita il mio odore e lui eccitato mi fa presente quanto io sia bagnata, gli rispondo che è ubriaco -anche se ahimè non lo è per nulla e io sono davvero bagnata, mi è bastato avere le sua dita per qualche secondo tra le mie cosce per divenire un fiume in piena- lui ignora le mie parole e mi risponde
: -E’ arrivato il momento di realizzare il “nostro” giochino erotico!
Da tempo fantastica di vedermi alle prese con più uomini, mi ha sempre confidato che vedermi posseduta da più estranei è il suo più grande desiderio; ricordo che quando me lo rivelò la prima volta inizialmente ne fui disturbata da questa sua fantasia, ma con il tempo iniziai ad accettare questa sua perversione assecondandolo nelle fantasie ogni volta che scopavamo in camera.
Ma tra la fantasia e la realtà c’è una bella differenza, del resto non pensavo che assecondando quella sua depravazione avrei mai dovuto un giorno sopperire davvero a tale pretesa.
Schifata gli rispondo di no, ma poi la sua mano finisce nuovamente tra le mie cosce e inizia a sditalinarmi, mi abbandono a lui e divarico le cosce, mentre le sue dita scavano sempre più a fondo, regalandomi un piacere immenso. La sua lingua ora è di nuovo nella mia bocca e iniziamo uno scambio di saliva.
Sto gemendo intensamente, mio marito conosce bene i miei stimoli e sa bene dove toccarmi e come farmi godere ed anche ora in cucina, vicini al tavolo dove nel pomeriggio mi aveva presa, non mi sta facendo capire più nulla; chiudo gli occhi mentre lo sento farsi spazio nella mia scollatura e palpare i miei seni.
Vengo subito e sono felicissima, ma quando aprì gli occhi mi accorgo che nella stanza non siamo più soli, i suoi amici ora sono attorno a noi.
Marco mi sussurra di non avere paura, che lui rimarrà con me e con delicatezza mi sfila la zip del vestito facendomi rimanere in un momento in reggiseno e mutandine davanti ai suoi colleghi.
Le sue mani si posano sulla mia spalla e lentamente mi raggiunge da dietro.
Ora sono in seria difficoltà, una parte di me vorrebbe schiaffeggiare quel porco del mio uomo e prendere a calci tutti gli altri intorno e quella parte sembra prevalere in me, sono pronta a colpirlo con tutta la mia violenza, ora mi giro e lo colpisco con uno schiaffone, ma sento scivolare anche il mio balconcino sul pavimento. Marco me l’ha appena slacciato lasciandomi semi-nuda davanti ai miei ammiratori con le braccia adese ai fianchi e con i capezzoli turgidi per l’orgasmo di poco fa, continua imperterrito a giocare con tutto il mio imbarazzo e ora le sue mani scivolavano tra i miei slip e accarezzano la peluria.
Davanti i porci osservano il mio corpo nudo massaggiandosi la patta gonfia.
Sono rossa per la vergogna e automaticamente porto le mie mani davanti alla faccia per coprirmi e cercare di sfuggire alle loro luride occhiate, riesco a fare solo questo.
Marco continua con naturalezza a fare i suoi porci comodi su di me e ora sento strusciare da dietro il suo sesso sul mio culo facendomi sentire tutta la sua eccitazione.
Sento le sue mani avvolgere le mie tette e poi le sua dita giocare con i miei capezzoli gonfi, la sua voce da dietro mi stimola a lasciarmi andare sottolineando che in fondo lui sapesse quanto a me sarebbe piaciuta la situazione.
Non riesco a guardare le persone intorno a me, ma sento distintamente i loro apprezzamenti.
Sono scioccata e anche un po’ impaurita.
Marco ora ha finalmente smesso di molestare i miei capezzoli tesi come chiodi e le sue mani con dolcezza afferrano le mie impegnate a bendare i miei occhi e le riportano giù lungo i fianchi.
Ho nuovamente la percezione dello spazio intorno a me, ma non mi piace: scruto davanti a me i suoi colleghi attenti a non perdersi alcuna mia reazione, hanno tutti delle facce da maniaci, Nicola e Andrea si stanno massaggiando i loro cazzi, mentre Massimo e Giorgio si stanno godendo la situazione poggiati al muro della cucina.
Sono in tranche, non so che fare, mio marito mi sta introducendo a suo piacimento in quello che è sempre stato il suo sogno erotico e ora sta conducendo il tutto a suo piacimento.
Delicatamente mi prende per mano e mi avvicina ai suoi amici, che sembrano proprio in attesa di quel segnale e infatti veloci ci circondano.
Una volta al centro Marco mi bacia appassionatamente mentre le sue mani corrono ovunque sul mio corpo nudo. Stavolta non rispondo al suo bacio, mi lascio accarezzare senza reazioni.
Mi sento un oggetto nelle sue mani, mi volta, mi palpa, mi slinguazza ed io lo lascio fare senza battere ciglio.
Le sue mani toccano tutto e i suoi colleghi seguono con gli occhi le sue movenze appagati.
Come vi ho già detto non ho delle tette grosse, la mia è una seconda, ma in compenso ho un bel sedere, tondo e morbido e Marco me lo ha sempre detto, così anche ora non si sta certo lasciando sfuggire l’occasione per esaltarlo sculacciandomi in maniera ardimentosa e usando allo stesso tempo un tono da vero porco.
Non l’ho mai visto né sentito così eccitato, la sua frenesia è altissima, friziona tutti i miei organi con foga e cura. So che mi ama da morire e che non è sua intenzione trattarmi male, ma credo che l’alcool lo abbia inibito totalmente e che abbia trovato solo così il coraggio di realizzare il suo giochino erotico.
Mi sento prendere da dietro con forza e poi chiedermi di piegarmi, rossa dalla vergogna eseguo senza protestare, una volta a pecora mi palpa le chiappe e poi le dilata esponendo il mio buchino ai porci dei suoi amici che ora commentano felicemente le mie terga.
L’essere esposta in maniera così ignorante a uomini lerci e lussuriosi, mi innervosisce, ma mi regala delle emozioni che percepisco distintamente, sensazioni contrastanti che mai prima d’ora avevo provato e che ora mentre sono con il culo per aria della mia cucina sto scoprendo.
Provo a espletare ciò che sto percependo anche se è tutto confuso: vergogna, immoralità, assoggettamento, ansia, credo siano le percezioni più sentite, ma un’altra ancora più sensazionale sta prendendo il sopravvento e mi sta appagando.
Mi pare di percepire uno stimolo di piacere all'idea che il mio culo possa essere gioia per dei perfetti estranei.
Sono piegata su me stessa con lo sguardo fisso verso il fondo della stanza e in preda a mille emozioni e mi sto ponendo un sacco di domande a cui non riesco a dare risposta; la manona di Marco si leva dalle mie chiappe e lascia il posto ad una mano più piccola e lunga che inizia a stringere i miei glutei morbidi, non faccio in tempo a voltarmi che la sento sprofondare nella vagina bagnata.
E’ la mano di Andrea che corre dentro e fuori mentre l’altra si insinua tra i miei seni.
Mi volto per cercare Marco dietro di me, lo trovo e mi rassicura strizzandomi l’occhio.
Lo guardo per qualche secondo fino a quando la figura del suo amico avvinghiatosi a me come un animale me lo consente.
Stanca di restare piegata poso le braccia in avanti e mi piego sulle mie ginocchia sul pavimento a pecora ed Andrea ne approfitta subito per stendersi sotto la mia pancia, mi afferra per i fianchi e fa sprofondare la sua faccia tra le mie mutande bagnate.
L’odore della mia patata lo eccita tremendamente e le mie mutandine vengono strappate dalle sue mani, nel giro di pochi istanti sento affondare dentro di me tutto il suo naso aquilino.
Mi basta davvero poco per capire che è bravo, ci sa fare e ora pacatamente sto gemendo per il piacere.
Eccitato mi afferra per i fianchi con più forza e spinge il mio bacino completamente sulla sua bocca e mi ritrova praticamente seduta sul suo viso.
La lingua corre dentro di me e mi provoca un piacere immenso, lo sento leccare in profondità e fermarsi a intervalli appoggiando le sue labbra sulle mie mentre succhia con avidità tutto il mio sapore, credo di essere così bagnata che sicuramente gli sto sbrodolando tutto il viso di umori.
Le sue mani non risparmiano nulla del mio corpo e toccano tutto ciò che possono dalle gambe, al culo.
Lo spettacolo sembra essere gradito ai presenti e stimola il loro graduale intervento. Il primo è Giorgio che si avvicina e senza tanti complimenti libera il suo pene proprio davanti al mio viso.
Inizia a smanettarlo vicino alla mia bocca, mentre la sua mano scorre tra i miei seni candidi e turgidi, osservo la sua espressione da maniaco e mi incute quasi timore, ma in realtà mi preoccupa più la dimensione del suo enorme cazzo, che credo superi abbondantemente i diciotto centimetri e anche la circonferenza mi fa paura.
Intanto la lingua di Andrea non smette di lavorare per nessuna ragione, lo sento fremere dentro di me e il suo movimento alternato ora mi stimola e mi spinge verso azioni più audaci e fino a poche ore fa impensabili.
Non ho alcuna voglia di far perdere il ritmo al suo dolce e voluttuoso cunnilingus, perciò mi limito ad osservare curiosa - senza prendere iniziativa -quel grosso serpente che ora ballonzola davanti alla mia faccia in tutta la sua interezza.
Sento l’odore acre del sesso del collega di mio marito penetrare prepotentemente nel mio naso, quel biscione pulsa sesso nella sua integrità: le gonfie e grosse palle e la larga e rossa cappella, mi danno l’impressione di avere davanti un pezzo unico, simile ad un microfono.
Sento la mano di Giorgio abbandonare i miei capezzoli e raggiungere la mia testa che si muove avanti e indietro sotto i colpi di lingua di Andrea.
Mi serra la testa con la sue manona, mentre con l’altra mi afferra i capelli tirandoli versoi il basso in modo deciso impedendomi così di continuare a muovermi. Mi guarda negli occhi per qualche istante e poi con lentezza avvicina il suo enorme pene alla mia faccia, avvicinandolo alle mie labbra.
L’odore intenso del suo cazzo mi pervade tutta e il suo odore mi penetra in gola.
Ho le labbra sudice dei suoi fluidi presenti sulla cappella, mi sento sottomessa, ma evidentemente non basta mi vuole vedere completamente asservita a lui, perciò mi schiaffeggia la faccia con il membro.
Mi sforzo di reggere quel suo sguardo da porco che mi intimorisce, ma non riesco e si palesano quel turbine di emozioni che prima mi avevano assorbita, così la paura, la vergogna, la rabbia e l’eccitazione mi scatenano un attacco di quasi panico, in cui la reggente della componente è guidata dall'eccitazione, la riconosco quella sensazione ed è anche palese dal mio forte aumento del respiro.
Gemo, squittisco e mi sto perdendo dì respiro come una cagna in calore.
L’odore del cazzo di Giorgio non è più nauseabondo, ma ora mi quasi inebria.
Giorgio sembra carpire tutto ciò e con abile mossa si fa spazio tra le mie labbra con il suo cazzo, è così grosso che lo sento arrivare interamente in gola e mi impegna tutte le mascelle.
Incastro il cazzone, per quello che posso, tra il palato e la lingua mentre lui continua a fare avanti e indietro con la mia testa.
La mia bocca ora è insozzata di saliva rafferma che devo ingoiare per evitare di strozzarmi e appena il liquido arriva nell'esofago, il mio affanno viene incredibilmente meno cedendo il posto ad una forte esplosione nella mia fica, che si traduce in un intenso orgasmo che mi pervade il corpo, sussulto e finalmente vengo.
I miei gemiti sono soffocati dal cazzo di Giorgio, ciononostante sono stati sicuramente percepiti da Marco e ora penso che vorrei vedere la faccia di quello stronzo per capire se è soddisfatto.
Intanto Andrea mi fa scivolare sulla sua pancia e da sotto iniziò a strizzare le mie piccole tette con foga.
Giorgio è ancora fisso tra le mie labbra e mi sta fottendo vigorosamente, mentre dalla mia bocca ora traboccano rigagnoli di saliva.
Scivolo finalmente sotto la pancia di Andrea, prendendo posto sul suo cazzo;i fluidi della mia fica e la sua saliva sono un ottimo lubrificante, infatti il suo organo entra dentro senza problemi, e inizia a fottermi.
Avviene tutto così velocemente che ormai non riesco più a prevedere e anticipare le mosse di nessuno e se ora due uomini sono troppi da tenere sotto controllo, la situazione mi sfugge totalmente appena mi rendo conto della presenza alla mia destra e alla mia sinistra rispettivamente di Nicola e di Massimo.
Riconosco le loro scarpe, non posso guardarli in faccia impossibilitata dal bazooka di Giorgio e dalla sua presa, ma con la coda dell’occhio riesco a intravedere i loro due organi eretti verso l’alto.
Giorgio finalmente decide di darmi tregua e finalmente tira fuori l’uccello, riprendo a respirare nonostante Andrea sotto, ma sono richiesta e così i cazzi degli altri due non tardano ad avvicinarsi al mio viso.
Andrea mi scopa e mi sta facendo saltare su di lui come una cavalletta e il secondo orgasmo è alle porte, ora tutte le mie inibizioni sono crollate e non faccio altro che urlare di piacere.
Afferro i peni di dimensioni più accettabili, che i due mi hanno avvicinato e inizio a segarli mentre Giorgio se lo mena davanti alla mia faccia.
Mi sento una troia succube dei suoi padroni e l’unica azione in grado di ribaltare questa mia condizione di inferiorità rispetto a loro, forse è quella di soddisfare pienamente le loro voglie, tramutando così il mio stato da abusata in dominatrice.
Mi sento usata, ma allo stesso tempo anche una gran zoccola, Marco aveva ragione a dirmi che in realtà mi sarebbe piaciuto, e perciò credo sia ora di provare a spingermi oltre i miei limiti.
Sento il cazzo marmoreo di Andrea scavare nel mio ventre, quasi squarciandomi la pancia, le mani di quei due maiali sui miei fianchi corrono ovunque e di fronte a me il cazzo di Giorgio è divenuto enorme. Ovunque mi giri vedo cazzi, sono troppo eccitata e quando Andrea svuota il suo sperma dentro di me, continuo a saltellare su di lui irremovibile, finché anch'io non raggiungo il mio ennesimo orgasmo cosmico lasciandomi poi andare ad un gemito sordo di goduria che fa comparire sul volto di mio marito, che ora vedo di fronte a me, un sorriso quasi imbarazzato.
L’orgasmo mi ha decisamente provata, ma i miei torelli non hanno ancora svuotato i loro pistoloni, in particolare Giorgio che mi afferra per i fianchi sudati liberando la mia fica, grondante e ancora gocciolante di sborra.
Stremata dall'abbondante orgasmo, lo lascio fare e prendere iniziativa, così mi ritrovo in piedi, con la sua lingua in bocca mentre le mani mi stritolano le chiappe. Anche le mie mani non stanno più ferme e da sole ora corrono sul suo gigantesco arnese.
Credo di essere sicura di non aver mai visto e toccato nella mia vita un cazzo così grosso: le palle scarsamente pelose sono così gonfie da sembrare conformi, su di esse svetta un’asta dalla circonferenza davvero grossa che non saprei quantificare, così a vista, e mentre lo sego percepisco in prossimità della cappella una lieve inclinazione che mi ricorda la forma di un bananone.
Mi sento un automa e mi faccio condurre da lui quasi rapita e senza rendermene conto mi ritrovo nuovamente la sua lingua in gola.
A questo punto non voglio essere meno audace, perciò lo sego con frenesia, mentre le nostre lingue veicolano le nostre rispettive salive. Il suo cazzone è almeno due volte la mia manina mentre le sue manone stringono le mie chiappe sode e mi sento sbucciare da dietro come una grande mela, sono dilatatissime e le sue dita ora affondano nel mio ano. Dapprima con moderazione e delicatezza, poi con più vigore.
Marco mi ha aperto il secondo canale in più occasioni, ma ora l’idea di essere penetrata da quel bananone non mi lascia serena e indifferente.
Le nostre lingue si staccano, sono invischiata di saliva sulla fica e sulle tette, sto pensando ad una doccia calda, ma i maschietti non hanno ancora finito con me e nemmeno io mi sento pronta a concludere la serata.
Giorgio mi porge dolce la sua mano, la prendo e mi accompagna per qualche metro all'interno della sala e in un istante mi ritrovo con le mani appoggiate contro la credenza e la schiena piegata in avanti.
La pecorina è da sempre la mia posizione preferita quindi cerco la posizione a me più congeniale e appena la trovo sento il cazzone di Giorgio entrare dentro di me, è davvero grosso, la mia fica stretta non riesce ad accoglierlo tutto, ma lui ci sa fare, e fa entrare la sua enorme cappella per gradi, appena guadagna terreno lo sento spingerla più lontano, le mie dimensioni sono ristrette per lui infatti basta solo la cappella ad occupare la mia fighetta.
Lui capisce e non mi sventra, ma mi impone dei colpi ben assestati e in un paio di minuti vengo per la quarta volta, nonostante le mie urla disumane, lui continua a fottermi senza scomporsi.
Le sue mani continuano a palpare i miei piccoli seni e strizzano i capezzoli con decisione.
Dal vetro della credenza intravedo riflessa l’immagine di mio marito che se ne sta a guardare soddisfatto, lo guardo e penso a quanto sia stato stronzo a farmi questo azzardo, ma da una parte sono contenta perché sto godendo come non mai nella mia vita.
Mentre mi abbandono sulla credenza sotto i colpi di Giorgio, con il riflesso di Marco ancora nel vetro, sento uscire il cazzone dalla mia fichetta. Sono ancora piegata in due e ringrazio che finalmente è uscito fuori, ma non è finita, perché una goccia compatta di liquido raggiunge in pieno il mio ano.
Mi ridesto in fretta avendo capito le intenzioni e protesto, non ho nessuna intenzione di prendere quel coso nel culo, Giorgio però non sembra d’accordo e mi continua a lubrificare con la sua saliva.
Urlo, mi dimeno, ma lui mi trattiene contro il mobile, ma non c’è nulla da fare, se non prepararsi all'impatto. Divarico le gambe il più possibile mentre le sue dita continuano a oliarmi l’ano con la saliva. Continuo a protestare, ma è tutto vano perché dopo pochissimi istanti sento premere contro il mio buco la sua grossa cappella.
All'impatto sembra morbida e non dico nulla, tuttavia sento distintamente la voce di Marco echeggiare e incitare l’amico ad andare avanti, gli grido spossata che è un pezzo di merda.
Il suo glande si fa spazio nel mio buco, ci vuole un po’ prima di scomparire dentro e ovviamente sto provando un grandissimo dolore, le mie carni si stanno staccando e un bruciore si propaga all'interno del mio sfintere. E’ mastodontico e non riesco più a sopportare e inizio urlare come una matta, ma Giorgio mi tiene ferma e con la sua voce mi rassicura dicendo di non irrigidirmi che è peggio, mi suggerisce di inspirare fuori l’aria se mi fa star meglio. Lo prendo in parola soffio come un’ossessa, sembra un parto all'inverso, ci sa davvero fare e ora i suoi consigli mi stanno aiutando a sopportare, intanto lo sento spingere deciso ma senza aggressività.
Sicuramente un principiante mi avrebbe spaccato il culo in due facendomi sanguinare.
Dopo un po’ di spintarelle sento la sua cappella dentro ce l’ha fatta!
Tenerla dentro è molto doloroso, ma pian piano sento che la sofferenza sta lasciando spazio al piacere, le sue stantuffate sono profonde e decise.
Mi sodomizza per qualche minuto e presto sono tutta un bollore, non mi controllo più e dopo qualche minuto vengo ancora, seguita da lui che mi fa sentire distintamente il suo schizzo all'interno del mio ano.
Ho la sensazione di non valere più nulla, sento il culo infuocato e non riesco a muovermi senza provar dolore, ma è stata l’inculata più bella della mia vita. Adesso con calma e signorilità lo sento uscire dal mio deretano e una volta fuori mi accarezza le guancia dicendomi che ho un culo fantastico.
Ho il sedere spaccato e rimango poggiata alla credenza per più di qualche istante, mi sento assolutamente Incapace di ricevere altri cazzi stasera.
Mi tengo agli stipi della vetrata, mentre Giorgio si riveste e si allontana, lasciando il posto a Nicola e Massimo. Mi volto verso di loro, mettendo in mostra il pelo curato della mia passera, sorreggendomi al mobile e rimango con le gambe aperte.
Mi toccano ovunque, ma con lentezza serro le gambe, per stasera ho chiuso i battenti, ma loro provano ad allargarmele nuovamente, ma stringo le gambe e proteggo il mio fiore.
Lenta prendo in mano i loro cazzi, decisamente ridotti in confronto a quello di Giorgio e inizio a smanettarli contemporaneamente, uso le mie ultime forze per inginocchiarmi davanti a loro, ci riesco non senza qualche difficoltà, alterno i loro cazzi dentro la mia bocca, lecco le loro cappelle con poco trasporto, ma ai due non frega nulla vogliono solo venire e infatti dopo qualche secondo lo fanno senza infamia né gloria: Massimo viene nella mia bocca, mentre Nicola mi inonda il viso e gli occhiali del suo seme mentre lo masturbo come un’ossessa.
Mi alzo sudicia delle loro creme e vado in bagno passando affianco a mio marito che mi guarda,in silenzio, compiaciuto attraversare il corridoio. Noto stampato sul suo viso un sorriso da porco che si posa sul mio culo fin quando non scompaio in bagno.
Entro sotto la doccia e mi ripulisco dei liquidi e degli odori che ancora imbrattano il mio corpo, mentre scorre l’acqua calda penso a quanto sia stato gratificante eccitare quei torelli, sentirli e vederli sbavare davanti al mio corpo nudo; ma soprattutto penso al cazzone di Giorgio, ormai mi è entrato nella mente e appena provo a chiudere gli occhi pensando a quella grossa cappella turgida che ha profanato poc'anzi il mio culetto, mi eccito e mi bagno ancora.
Mi fermo, ho ancora il culo a colino e mi muovo ancora a fatica e ora devo pensare se l’avvenimento di stasera abbia minato le solide basi del nostro rapporto.
Mi faccio un rapido esame di coscienza e non mi sembra percepire alcun senso di colpa e in questo modo l'idea di Marco di vedermi con più uomini è stata finalmente realizzata e in fin dei conti aveva anche ragione: la sua previsione sul fatto che mi sarebbe piaciuto non era per nulla sbagliata, anche se forse non ha calcolato che mi potesse piacere più di quanto in realtà lui si aspettasse.
Sono curiosa e allo stesso tempo un po’ dubbiosa sulla sua reazione, devo capire.
Esco dalla doccia, mi asciugo e prima di uscire indosso l’accappatoio.
In corridoio avverto la voce di Marco che parla con i suoi colleghi all'ingresso che felici lo ringraziano per la serata e si complimentano per me, lo sento replicare che anche loro sono stati bravi e che presto avrebbe organizzato un’altra cenetta.
Mi siedo sul nostro lettone in camera e mi guardo nello specchio riflettendo su quello che Marco mi ha spinto a realizzare. Mio marito mi raggiunge in camera si siede accanto a me e dopo qualche secondo mi stringe forte a sé, ci guardiamo nel riflesso dello specchio di fronte e la sua mano accarezza la mia ferma sul letto.
Mi volto lo guardo negli occhi ed è davvero felice, non gli dico nulla, ricambia il mio sguardo con un bacio passionale.
Appena stacca le sue labbra dalle mie, mi sussurra dolcemente ti amo!

Questo racconto di è stato letto 2 0 5 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.