Espiazione

Scritto da , il 2019-06-22, genere pulp

Le mie cosce sono aperte in attesa, lui è davanti a me e mi fissa con un ghigno perverso, si lecca le labbra, mentre si continua a masturbare. Sono sua, non posso fare nulla, ci ha viste e ora devo pagare, non avrei dovuto farlo lo so, ma qui non è facile resistere alle tentazioni. Si avvicina al mio corpo e mi fissa mentre sono stesa senza niente addosso, io devo guardarlo negli occhi sempre, in questo modo mi impone di vivere il peso della mia vergogna. Senza alcun pudore, inizia a strusciare il suo cazzo sul mio piede, lo fa scivolare dal tallone fin sopra alle dita, mi osserva con disprezzo e con la sicurezza di chi può permettersi di erigersi a carnefice della situazione. Sposta il membro dal mio piede, si avvicina al mio viso e mi rivolge parole non troppe carine, ma sono la sua puttana e schiava, questo prevede la mia riabilitazione, devo assecondarlo e fare tutto quello che vuole :-Si padrone, sono la tua umile zoccola! Rispondo.
Si eccita appena percepisce la mia sottomissione verbale, il cazzo inizia a pulsare, lo posso vedere. Le sue mani palpano le mie tette con energia, mi fanno schifo sono grosse e piene di calli, pizzicano i miei capezzoli senza curarsi del fastidio. Si abbassa sul mio busto, mi infila la lingua in bocca per un po '. Quando la tira fuori è schifosamente eccitato, inizia a sputarmi in faccia, mi ritrovo presto piena di saliva e devo ingoiarla senza obiettare. Il suo grosso cazzo ora si erge in aria, ma la tunica gli copre l'erezione, allora si spoglia e rimane nudo davanti a me vestito solo dalla catenina del suo crocifisso. È grasso e l'odore del suo deodorante fa schifo, la sua mano si fa spazio tra le mie cosce, ma non tocca la fica se ne tiene alla larga. Mi prende la mano e la porta lungo il suo membro, devo masturbarlo. Inizio a segarlo, lui vuole che aumenti il ritmo, lo faccio. I suoi occhi si aprono e le pupille si dilatano mentre si compiace a guardarmi stesa indifesa su quel tavolo di legno, sembra un pazzo si lecca le labbra in continuazione, ma non posso smettere di guardarlo, sono le regole. Lo sego con forza, sento la sua enorme virilità, ho le guance bagnate e l'odore nauseante della sua saliva non è il massimo. Forse oggi me la caveró solo con una sega, ma la mia illusione non dura a lungo. Mi ferma la mano e mi fa sedere sul tavolo, devo prenderlo in bocca, lo faccio. Sento la mia bocca penetrata dal suo cazzo, uno, due, tre, quattro, cinque...colpi ben assestati e poi il sesto più lungo che arriva a fondo. Lo sento in gola, non posso muovermi e cerco di allontanarlo, ma lui è più forte di me, mi preme il capo sul suo pene. Passano i secondi, sento che manca il respiro, sto soffocando lui spinge più in fondo divertito, sento le sue parole :- Sei una cagna! Lo so che ti piace è inutile che provo a disconoscere il piacere, sei una demone e ti purificheró a colpi di cazzo per quello che hai fatto. Mi abbandono, non ho più forze. Ormai sento di avere pochi secondi di autonomia, mi raccomando al Signore e chiedo perdono per quello che ho fatto. Gli occhi si chiudono, poi improvvisamente un grande dolore mi risveglia e mi ritrovo schienata nuovamente sul tavolo. L'aria ritorna al cervello, inizio a tossire e a sputare saliva ovunque. Respiro affannosamente e mi siedo nuovamente sul tavolo a mezzo busto per riprendere fiato. Il respiro non è ancora tornato del tutto, mi sento afferrare per i capelli ricci e bruni. La mia testa ora è serrata tra le sue mani,i miei occhi rivolti verso il suo viso, intravedo la sua cappella accostata alla mia faccia, la sua mano sinistra corre sul membro, non ho il tempo di smettere di inspirare per riprendere fiato che la mia faccia viene inondata del suo copioso seme. Non posso pulirmi, devo rimanere insozzata fino a domani. Si riveste soddisfatto, mi guarda negli occhi e mi dice a domani piccola schifosa. Finisce di umiliarmi verbalmente e quando è pronto ad andar via bussano alla porta:- Monsignore è atteso in canonica. Mi guarda, so quello che devo fare, prendo posto sul tavolo, poggio la schiena in posiziona prona aprendo le braccia verso l'esterno, lui mi incatena i polsi, lo stesso fa con i piedi. Poi esce lasciandomi da sola a riflettere sulla mia vergogna mentre la sua saliva il suo seme scorrono lungo il mio viso. La porta si chiude,tornerà domani...

Questo racconto di è stato letto 3 4 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.