Cornuto -18 - Io,mia moglie e il suo amante ospiti di una coppia cuckold

Scritto da , il 2019-03-02, genere tradimenti

Come mi era stato chiesto(ordinato?!)da Moussa,rimanendo completamente nudo,mi ero seduto sulla sedia posta sulla parete accanto al letto.

Poco dopo lui e mia moglie erano scesi dal letto e mentre lui rimaneva in piedi accostato al materasso,lei mi si era avvicinata e dopo avermi sfiorato le labbra con la sua bocca umida,mi aveva sorriso ed era andata ad inginocchiarsi davanti a lui che l'aspettava col cazzo che gli pendeva tra le gambe come una proboscide.

Lei con una incredibile delicatezza lo aveva accarezzato scorrendo con le dita dal glande per risalire verso i testicoli.

Poi,aveva cominciato a seguire lo stesso percorso con la lingua rilasciando ad ogni passaggio una scia lucida di saliva.

Quando la "bestia" aveva iniziato a dare i primi segni di risveglio,lei lo aveva preso con entrambe le mano e,come fosse un organo a fiato,aveva continuato a leccarlo e succhiarlo passando dal forellino uretrale per discendere sul prepuzio ed il frenulo per poi disegnare con la lingua,un umido percorso tra le vene già gonfie.

Poi,tenendolo sollevato sino ad appoggiarglielo sulla pancia,aveva preso a succhiargli i testicoli come fossero caramelle e discendere poi con la lingua oltre il perineo per sfiorargli il foro anale.

Lui accompagnava tutti i suoi movimenti tenendole le mani tra i capelli con gli occhi serrati e le labbra dischiuse.

Gli piaceva il servizio che gli stava facendo mia moglie ed i lievi sospiri che sfuggivano dalla sua bocca ne erano la conferma.

Io li guardavo come ipnotizzato ed in quel momento non riuscivo a capire se ero più invidioso del loro piacere o soddisfatto per esserne in qualche modo l'artefice.

Il mio cazzo eretto mi suggeriva che forse la seconda era la risposta giusta.

Dopo un tempo che mi sembrava infinito in cui il cazzo di Moussa aveva assunto le sembianze di un randello nerboruto,lui l'aveva fatta alzare ed appoggiare con la testa sul materasso.

Poi,col semplice gesto della lingua,mi aveva invitato ad inginocchiarmi dietro mia moglie per leccarle e lubrificarle il foro anale.

Volentieri mi ero posto dietro di lei e con la lingua avevo iniziato a pennellarla tra le gambe le labbra della fica madide di umori e lo sfintere anale che rispondeva alla mia lingua con rapide contrazioni.

Credo che mia moglie abbia avuto un orgasmo alle mie attenzioni orali contorcendosi col corpo e soffocando i suoi gemiti con la bocca schiacciata al materasso.

Infine,con un gesto brusco Moussa mi aveva allontanato e puntando l'ariete tra le chiappe di mia moglie,l'aveva penetrata con lenta ma implacabile decisione.

La vista di quel mostro che si faceva largo nel culo di mia moglie senza che lei desse segno di sofferenza mi aveva lasciato sgomento:Era davvero una rotta in culo ed era stato tutto merito di Moussa che con quella trivella l'aveva sfondata definitivamente!

Quando le aveva afferrato i fianchi con le mani ed aveva cominciato a stantuffarla con sempre maggiore potenza,li guardavo col fiato sospeso come temendo che lei si potesse rompere da un momento all'altro.

Lui sbuffava come un treno e lei ansimando e gridando lo stimolava ad incularla sempre più a fondo:"Sfondami...rompimi....inculami...aprimi...."

Infine quando anche lui pareva non riuscire più a controllare il suo piacere,lei urlando con un tono a me sconosciuto,aveva cominciato a scuotersi in modo scomposto invocandolo di spararle dentro il suo carico e di bruciarle il culo e lo stomaco con la sua sborra bollente.

Quando l'sfilata,il cazzo aveva emesso uno schiocco come se avesse stappato una bottiglia di spumante e tra le cosce di mia moglie era apparso un rivolo biancastro che le colava tra le cosce.

-Ingegnere,se vuole può distendersi supino sul pavimento e sua moglie le farà degustare il suo piacere.

Come sempre,quel mattino dovevo essere in cantiere in orario e dunque,dopo aver bevuto la sborra che colava dal buco del culo di mia moglie ed essermi sborrato anch'io sulla pancia,ero andato a dormire nella camera degli ospiti mentre mia moglie ed il suo amante erano andati avanti coi loro giochi.

Quella sera come sempre,mia moglie era bellissima.

Era vestita con un nuovo abito lungo di fattura e colori tradizionali che le aveva regalato ancora una volta Moussa.

Per l'occasione non aveva il capo coperto e le treccine dei suoi capelli le conferivano un aspetto più giovanile.

Ai piedi dei calzari in corda e sotto il vestito,completamente nuda.

Quando siamo arrivati a casa dei nostri ospiti(Una villa sontuosa circondata da un immenso giardino e protetto da guardie armate e due grossi cani)era venuta ad aprirci la moglie.

Non appena si era chiuso il portone alle nostra spalle,aveva abbracciato mia moglie e stringendola a se,l'aveva salutata baciandola con un profondo e sorprendente lingua in bocca.

Poi aveva salutato anche me sfiorandomi le labbra con le sue.

Infine,comportandosi come se noi non ci fossimo,si era avvicinato a Moussa e nella loro lingua gli aveva detto:

-Mi sei mancato...quanto tempo...quanto tempo...-

Mentre lo baciava in modo appassionato,con una mano aveva cominciato a rovistarlo dentro i pantaloni e subito dopo,staccandosi dall'abbraccio,gli si era inginocchiata davanti e dopo avergli calato i pantaloni,aveva cominciato a leccargli il cazzo.

Al primo colpo d'occhio avevamo subito capito che si trattava di una famiglia molto agiata ma la realtà andava oltre ogni fantasia.

Il marito di Kiara(questo il suo nome) era un miliardario locale possidente di miniere e pozzi di petrolio oltre che essere un influente uomo politico.

Quando Kiara gli aveva detto "Quanto tempo..." in realtà si riferiva ad una sola settimana giacché lei aveva la libertà di partire ed andarlo a trovare in ogni momento in ogni parte del mondo e si erano visti giustappunto a Parigi la settimana prima.

In ginocchio davanti a lui,lo leccava,lo accarezzava,lo baciava,se lo succhiava come se fosse un suo idolo,un Dio al quale dedicare tutta la sua devozione.

Fosse stato per lei,lo avrebbe succhiato sino a farlo sborrare li,subito!

Moussa però,le aveva messo le mani sotto le ascelle e tirandola su le aveva detto:

-Kiara...amore....non adesso,abbiamo tutta la notte per noi e i nostri amici.-

Lei gli aveva risposto qualcosa nella loro lingua di cui però,avevamo capito il senso.

Moussa ci aveva avvisati che il personale in quella casa era molto numeroso ma che,per l'occasione erano tutti in permesso tranne le guardie della sicurezza che però non potevano entrare in casa.

Superato il vestibolo d'ingresso in cui eravamo stati accolti,siamo stati accompagnati in un enorme salone arredato in modo sfarzoso con numerosi salotti,lampadari di cristallo e mobili di ogni stile provenienti da ogni parte del mondo.

Dopo esserci seduti in un angolo appartato in cui vi erano solo quattro poltroncine ed un tavolo basso,Kiara aveva suonato una campanellina d'oro come se dovesse chiamare un'inserviente.

Dopo qualche secondo era apparso il marito che,con una cuffietta bianca in testa,un corto grembiulino con dei ricami a rilievo,e delle scarpette bianche con dei pon pon rosa,portava un vassoio d'argento con 4 bicchieri ed una bottiglia di Champagne.

Dopo averci salutati con un inchino,ci aveva versato da bere e chiedendo alla moglie se avessimo avuto bisogno di altro è andato in sala da pranzo a finire di preparare.

Mentre si allontanava dandoci le spalle,avevamo visto che sotto il grembiule era completamente nudo mostrandosi con tutto il suo corpo grasso e sgraziato.

La moglie,leggendo lo stupore negli occhi miei e di mia moglie sorridendo aveva detto in inglese:

-My husband is my Cuckold!-

Mio marito è il mio cornuto!

segue

Questo racconto di è stato letto 4 4 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.