Anniversario a Cap: una Gangbang in Regalo

Scritto da , il 2018-12-01, genere orge

(dal diario di Pat)
- Ha attraversato la battagliola in ginocchio come le avevo ordinato? – chiedo a Jasmine quando riemergo da sottocoperta assaporando di nuovo il sole dopo aver fatto l’amore con Eva.
Jasmine annuisce con aria di finta indifferenza: lo so che sta cercando di non ridere.
- Bene – faccio rivolgendomi a Eva facendole l’occhiolino – Sono davvero curiosa di leggere cosa scriverà adesso sul suo stupido diario.
- Secondo me si è divertita ancora più di noi – sogghigna lei, ravviandosi i capelli e stiracchiandosi al sole.
- Probabile. Che dici, le do il tempo di arrivare a casa o la chiamo subito?
- Naah! Chiamala subito, quella stupida troia: non renderle le cose più semplici…
Giusto.
La chiamo e le ordino di organizzare la partita a sei per quella sera stessa, da loro.

(dal diario di Roby)
Sono in mezzo al casino della passeggiata sotto Port Nature quando mi squilla il cellulare. Mi imbrano tutta tirandolo fuori dalla borsa che quasi mi cade quando vedo che è Pat, poi riesco a riprendere il controllo.
- Pronto?
- Roby? Tu eri il regalo di Eva per me… Ora però tocca a me fare un regalo a lei per il nostro anniversario; quindi fai la brava cagnetta e chiama i due terroni a casa tua. Eva ha voglia di cazzo e io voglio regalarle una gangbang: se gli tira possiamo usare anche tuo marito… A te invece ci penserò io: devo ancora riempirti l’altro buco.
Rabbrividisco all’idea: Pat vuole sodomizzarmi.
- Vuoi che faccia venire Lele e Nico?
- Perché, cosa ho detto? Sì, loro: i due terroni. Non farmi ripetere, scema; e vedi di sbrigarti, perché saremo da voi fra mezz’ora.
Mi precipito, e mentre corro telefono a Lele per dirgli che se si sbrigano potranno ingropparsi tutti insieme quella strafiga dell’amichetta olandese di Pat.
Lui mi dice che la conosce già: è una con la puzza sotto il naso ma è davvero una gran figa… Spero per il suo bene che Pat non lo senta dire una cosa del genere, comunque saranno da noi in pochi minuti, il tempo di rientrare dalla spiaggia e farsi una doccia.

Sono quasi le sei del pomeriggio: sarà il caso di prepararsi per la serata.
Piombo a casa come una furia e tiro giù dal letto Franco, che come gli avevo detto si stava facendo una pippa: gli spiego che fra poco arrivano Lele e Nico, e che potrà trombarsi Eva insieme a loro.
Poi mi fiondo sotto la doccia e mi faccio bella per quella che ormai considero coscientemente la mia padrona: preferisco essere la sua cagna che non la moglie di mio marito…
Mi pulisco per bene dalle tracce della scopata precedente, mi dò un filo di trucco e un po’ di profumo, poi mi infilo in una minigonna di jeans e in una canotta blusante arancione. Metto i sandali con i tacchi per non restare troppo in basso rispetto a Pat, poi raccolgo i capelli in una coda: se vuole sodomizzarmi un’altra volta, magari sarà contenta di usarli come redini mentre mi cavalca.
Lele e Nico arrivano mentre anche Franco si dà una ripulita: loro sono nudi, freschi di spiaggia e di doccia. Il maschio alfa mi chiede perché indosso un collare, e gli spiego con orgoglio che è un regalo di Pat.
- Sono la sua cagna, – gli chiarisco quando vedo che non ha capito – Lei ha il guinzaglio e me lo mette quando lo ritiene opportuno.
Lele si versa da bere, ma io lo fermo: i drink sono per Pat e Eva quando arrivano; loro possono aiutare preparando il caffè.
Le bionde arrivano spaccando il minuto.
Anche loro si sono vestite per la serata, e infatti Pat getta un’occhiata di commiserazione ai ragazzi; Eva invece mi sembra indifferente: a loro interessano solo i loro uccelli. La mia coetanea è davvero uno schianto: i lunghi capelli biondi e lisci le ricadono liberi sulle spalle nude. Indossa una canotta simile alla mia ma bianca e leggermente trasparente, che però le scopre completamente il pancino bello piatto e abbronzato; sotto ha degli shorts jeans che le scoprono completamente le gambe e in parte anche i glutei, e ai piedi porta ancora i sandali alla schiava.
Pat indossa una camicetta bianca a maniche corte, molto aperta sul petto, una minigonna di ecopelle nera e un paio di stivali neri e lucidi sotto il ginocchio che le slanciano le gambe lunghe e nervose: splendida…
E, sì: ha una sacca sulla spalla, e tiene in mano il mio guinzaglio.

Offro i drink mentre Franco finisce con i caffè (Lele e Nico non avevano voglia di dare una mano, accidenti a loro).
La fase di socializzazione non dura a lungo: ho la netta sensazione che alle bionde i ragazzi napoletani non siano troppo simpatici, e che la cosa sia in qualche modo reciproca. E’ anche vero però che a livello animale l’attrazione c’è, perché i due divorano Eva con gli occhi, e lei continua a guardare i loro uccelli già belli bazzotti.
Quanto a Pat…
Incrocio il suo sguardo un paio di volte, e i suoi occhi gelidi mi inducono subito ad abbassare il mio con un brivido.
E’ lei a dare il via all’orgia: - Allora, maschi: voi siete il mio regalo per la mia compagna. Lei e io siamo insieme ormai da quattro anni, ma a quanto pare per qualche motivo che mi sfugge, ha ancora fame di cazzo; quindi ringraziate il cielo per la vostra fortuna e cercate di farvelo tirare, perché lei è piuttosto esigente. Datevi da fare e fatela godere!
Mentre la sua amante parla, Eva si mette in mostra con un sorriso lascivo, una mano sul fianco e le tette in fuori.
Vedo che mio marito si lecca i baffi, ma gli altri due lo precedono mettendo subito le mani addosso alla biondina, che si concede di buon grado alle loro carezze.
Mentre osservo mio marito che si fa sotto a sua volta, sento le mani di Pat che mi afferrano i seni da sotto le ascelle, stringendomi a lei da dietro.
- Vieni qui, cagnetta – mi sibila nell’orecchio mentre le sue dita mi pastrugnano piacevolmente le tette facendomi illanguidire tutta – Mentre i maschi soddisfano la mia ragazza, tu farai divertire me…
Gusto quel massaggio esperto, mentre la lesbica con una mano mi pastrugna un seno attraverso il tessuto e intanto infila l’altra dentro per strizzarmi il capezzolo nudo.
Fremo di piacere, disponibile e vogliosa.
Pat mi bacia l’incavo del collo, strappandomi un altro brivido tirandomi i capezzoli con studiata cattiveria.
- Ahia! – guaisco io, deliziata da quel doloroso piacere.
- In ginocchio, cagna!
Mi volto verso di lei mentre scivolo con le ginocchia a terra abbracciandole le gambe tornite. Pat mi mette le mani sulla testa afferrandomi i capelli e attirandosi la mia faccia contro il grembo.
Faccio scivolare le dita sulla pelle dei suoi stivali neri, poi risalgo sui polpacci muscolosi, lungo il retro delle ginocchia e poi su per le cosce tornite e nervose, fino a incontrare il lembo della minigonna di pelle artificiale, morbida e nera…
Annuso il profumo fragrante della figa di Pat e mi sento girare la testa dalla voglia.
- Da brava, cagnetta… Sollevami la gonna!
Non avrei osato farlo senza il suo permesso. Ora che mi ha autorizzata, accarezzo con le guance l’interno delle sue cosce caldissime e con la fronte comincio a sollevare l’orlo della gonna: il profumo della fregna umida si fa più intenso, finché con la punta del naso tocco il suo pelo biondo e profumato.
Con le mani accarezzo il retro delle sue cosce mentre con la bocca le bacio la figa bagnata di voglia: trovo le sue labbra già dischiuse e le bacio, assaporando il miele che contengono.
- Ooh! – annaspa Pat, strattonandomi i capelli – Brava, cagnetta: lecca! Leccami a fondo…
Ho capito che le piace essere leccata dentro: spingo la lingua fra le valve sbrodolanti e raccolgo altro succo perlaceo e dolcissimo.
Non avrei mai creduto che leccare una figa mi potesse piacere così tanto: conoscere Pat è stata una rivelazione.
Una slinguatina al clitoride eretto e duro, e torno a succhiare di gusto la fregna spalancata e succulenta.
- Aahhh… Bravissima, continua così…
Avverto alle mie spalle una serie di movimenti convulsi e di gemiti soffocati, e intuisco che anche Eva sta ricevendo le attenzioni de caso; immagino che i maschi la stiano infilando in tutti i buchi, e mi chiedo come se la stia cavando mio marito… Sono contenta che si diverta anche lui, ma mi domando se sarà all’altezza di soddisfare l’amichetta di Pat: non voglio deluderla!
Nel dubbio, io mi produco nel meglio di me stessa con la lingua, e a giudicare dall’ansimare e dai gemiti di piacere della veneta credo che lei stia apprezzando i miei sforzi.
Credo di averla slinguata per almeno venti minuti, quando mi gode in faccia con un grido liberatorio: non ho dubbi che il suo sia un orgasmo completo, perché mi sbrodola in bocca una quantità di sugo assolutamente paragonabile alla venuta di un maschio.
Io mi affanno a bere tutto con entusiasmo, e lei sembra apprezzare la mia dedizione: mi afferra nuovamente per i capelli e mi trascina sul letto dove mi abbraccia e mi bacia avidamente in bocca.
- Sei stata brava – mi sussurra mentre mi bacia a bocca aperta – Adesso tocca a me farti godere… Allarga le gambe, forza!
Mi stendo sulla schiena e spalanco le gambe come ordinato, mentre la lesbica mi fissa intensamente e indossa lentamente il suo strap-on dildo. Rabbrividisco, rendendomi conto che ha intenzione di scoparmi ancora…
Mi solleva la minigonna di jeans, scoprendomi la figa slabbrata e umida di desiderio, poi mi si piazza fra le gambe e si piega per puntarmi contro il dildo; io mi apro le grandi labbra con le dita per facilitare la penetrazione e mi rilasso.
Sento il dildo premermi alla bocca della vagina e aprirmi letteralmente la figa mentre mi affonda nella pancia centimetro dopo centimetro…
Poi Pat mi affonda completamente dentro, con un unico movimento fluido e deciso.
- Aahhh! – grido a occhi chiusi – Sì, scopami tutta…
Mi sento afferrare le caviglie, e Pat comincia a scoparmi in ginocchio, tenendomi le gambe sollevate a squadra e spingendo con forza dentro di me fino a spingermi brutalmente contro la cervice.
- Aah! Aah! – strillo, questa volta più per il dolore che per il piacere – Mi fai male…
- Davvero? – mi fa lei, in tono canzonatorio – Ti fa male? Pensa a quello che ti farò dopo…
Sono intontita dal piacere e dal dolore, e non capisco cosa intende, almeno non subito. Sento Eva mugolare di piacere dietro di me, e me la immagino riempita in tutti i buchi dai maschi che se la stanno ingroppando pochi centimetri più in là…
…Poi mi sento travolgere dalle spire dell’orgasmo, e non capisco più niente: Pat mi sta sfregando il ciccetto con le dita mentre mi chiava con lo strap-on, e io esplodo in pochi secondi con un ululato da vera cagna in calore.
- Auughhh!!! Godo… Godooo!!!
Mi contorco tutta, agitando le gambe che Pat mi ha lasciato andare per pizzicarmi i capezzoli e tormentarmi attraverso l’orgasmo…
Mi abbatto con la testa sul cuscino, e Pat continua a muoversi lentamente dentro di me mentre mi impasta saporitamente le tette indolenzite.
Protesto debolmente mentre sento il dildo che lentamente mi esce dalla vagina; mi sento insopportabilmente vuota, senza quell’attrezzo enorme dentro la pancia.
Poi avverto un’improvvisa pressione all’orifizio anale, e capisco cosa intendeva dire Pat poco prima a proposito del dolore che mi aspettava.
Provo istintivamente a stringere il buco, ma la punta del dildo è intrisa dei miei stessi umori, e lo sfintere è bagnato a sua volta dalle mie secrezioni vaginali; ma soprattutto, Pat è molto più forte di me e non ha nessuna pietà quando si tratta di sodomizzarmi.
Il dildo mi allarga l’ano con una sola spinta brutale, e poi mi affonda nel retto quasi di colpo.
- Aargghhh! – strillo, sentendomi squarciare tutta – Mi fa troppo male… Mi stai aprendo in due!
- Te lo avevo detto, che ti avrei fatto male – mi conferma la lesbica con tono piatto – Adesso ti riempio il culo e poi te lo faccio uscire dalla bocca…
Cazzo, ci manca davvero poco: me lo sento nello stomaco.
- Oh mioddio, mi stai sfondando…
- Ti tiro fuori le viscere, troia…
- Ahiaaa!!! Mi sbudellaaa…
Quando il dildo viene fuori è il momento peggiore: sembra davvero che mi strappi fuori le interiora.
Mentre mi squarcia il culo con lo strap-on, Pat mi strizza le tette con le mani, godendo del mio strazio: è atroce… Atroce e sublime al tempo stesso.
Il piacere perverso e contro natura della sodomia comincia a montarmi dentro sempre più intensamente ad ogni affondo bestiale; lentamente il piacere comincia a superare il dolore e a renderlo via via irrlevante, finché esplodo in un nuovo orgasmo bestiale.
- Oh madonna… Godo! Sborro… Aahhh!!!
Mi abbatto di nuovo sul cuscino, esausta.
Pat mi strappa via il dildo dal culo rotto, e io mi sento svuotare dentro.
Sarebbe fantastico se si piegasse a baciarmi, ma so che è chiedere troppo; rimango lì, inebetita dal piacere, a cercare di riprendermi mentre gli altri continuano a giocare e a divertirsi sul bel corpo di Eva…

Quando riesco a riaprire gli occhi sento che gemiti e grugniti accanto a me stanno rapidamente crescendo d’intensità, e così i sobbalzi del materasso.
Mi sollevo a fatica su un gomito e guardo il groviglio di corpi che si stanno bestialmente ammucchiando accanto a me.
Lele, il maschio più muscoloso, sta sotto e Eva gli sgroppa addosso, impalata con la figa sul suo uccellone; dietro di lei c’è Nico, chiaramente intento a chiavarsela nel culo in un tramezzino da urlo. Se Eva non urla davvero, è solo perché sta ciucciando con impegno il cazzo di Franco, che la tiene per le orecchie mentre cerca di scoparle la faccia.
Ma il motivo del brusco aumento del casino generale è Pat, che si è portata a sua volta dietro a Nico e gli ha spinto nel culo lo strap-on ancora lubrificato dei mei liquami…
Il moro napoletano ha la faccia distorta dal dolore, ma non sembra intenzionato a ribellarsi perché evidentemente il culo di Eva gli sta piacendo troppo e probabilmente lui pensa che il gioco valga la candela…
Un culo per un culo: Pat è avvero senza pietà!
Nella posizione in cui si trovavano, Nico era il motore del trenino ed era lui ad imprimere il ritmo alla monta di Eva; ma l’irruzione di Pat fra le sue chiappe gli ha sconvolto l’esistenza e adesso è lei a spingere il treno e a incularsi la sua ragazza attraverso il corpo quasi inerte di Nico…
Eva deve stare impazzendo dal piacere: ha tre cazzi in corpo, più lo strap-on di Pat che sta trapanando il maschio che la incula. Dev’essere fantastico, beata lei…
Infatti la vedo sputare l’uccello di Franco per cacciare un ululato di piacere che devono sentire in tutto il villaggio.
Mio marito barcolla all’indietro dopo aver perso l’equilibrio, e Pat lo invita a venirle dietro per metterlo in culo anche lui, in quello che è letteralmente l’unico buco libero rimasto…
Franco s’illumina d’immenso all’idea: salta dal letto con l’uccello che ondeggia bello duro dopo la lunga fellatio di Eva, gira intorno al groviglio dei corpi incavicchiati fra loro e si riarrampica da dietro per agganciarsi alla coda del treno.
Lo vedo aggrapparsi ai fianchi di Pat mentre cerca un posto fra le gambe degli altri dove mettere i piedi; s’imbrana, fa casino… Poi finalmente trova l’equilibrio e si sistema dietro a Pat per penetrarla da tergo.
Peccato che l’uccello non gli tiri più.
Mi sento il cuore in gola per la vergogna: Pat ha offerto a mio marito l’onore di metterglielo nel culo, e a lui si è ammosciato il cazzo!
Chiederò il divorzio.
Per fortuna Eva sta godendo come una pazza, urlando di piacere così forte che quasi nessuno si accorge del pietoso fallimento del mio mezzo uomo…
Lele gode sotto di lei, riempiendola dal basso, e Nico le viene nel culo mentre è a sua volta a culo pieno. Uno spettacolo da cinema porno, davvero!
La bella olandese si contorce tutta nel suo osceno sollazzo, farcita di carne e di sborra, e Pat raggiunge l’orgasmo anche lei mentre si impala di gusto il povero Nico.
Poi il trenino si sfalda, con Pat che esce da Nico e Nico che esce da Eva.
Maschi e femmine ugualmente soddisfatti si accasciano disordinatamente sul letto, e io mi ritrovo con Nico e Eva che mi rotolano addosso.

Restiamo alcuni minuti a rifiatare, poi io mi ricordo di essere la padrona di casa.
Franco può ancora dimostrarsi utile: se non come amante, almeno come cameriere: gli ordino di preparare caffè per tutti, e io mi dedico ai drink.
Naturalmente il primo bicchiere lo offro a Pat: la mia padrona mi ringrazia con un sorriso gelido e assaggia appena il prosecco.
Metto un po’ di musica mentre gli altri si rilassano e Franco serve il caffè.
Pat lo ringrazia con uno dei suoi sorrisi da tigre: ha ancora il prosecco in mano, ma scola il caffè d’un fiato. Poi, sempre con il bicchiere in mano afferra mio marito e lo trascina in mezzo alla stanza per ballare.
Si è sfilata lo strap-on, ed è ancora vestita: davvero uno schianto, con quel culo altissimo e quelle gambe che non finiscono mai… Franco non è alto come lei ed è un po’ imbarazzato, ma Pat non sembra preoccuparsene: dev’esserci abituata.
Carino da parte sua concedergli un ballo dopo che lui non è riuscito a soddisfarla: Pat è più generosa di me…
Scolo d’un fiato il mio bicchiere per farmi coraggio e afferro la mano di Lele: ho una voglia tremenda di farmi sbattere da lui, e visto che ho già avuto Pat mi sembra legittimo provarci. Lui accetta con un sorriso, e mi ritrovo stretta a lui, con il suo cazzone che mi preme contro lo stomaco.
Eva sospira, fa un cenno a Nico e i due ci raggiungono a ballare in mezzo alla stanza.
Danziamo un paio di lenti come fossimo tre coppiette, poi Pat scarica Franco e si avvicina a me e Lele.
Per un momento credo di capire che voglia Lele per sé; sono pronta a ritirarmi in buon ordine (oddio, significa finire con mio marito!) come una brava cagna subalterna, ma lei mi stupisce di nuovo.
Cinge i fianchi di entrambi, si stringe a noi e accosta le sue labbra alle nostre per un bacio a tre.
Sono al settimo cielo: il miglior maschio della serata e la femmina di cui sono innamorata sono tutti per me!
Le nostre lingue si aggrovigliano in un bacio multiplo e bagnato che mi fa sentire una scarica elettrica ai capezzoli.
Sento la mano di Pat che mi palpeggiava il culo sollevarmi la mini e solcarmi il perineo; ansimo di lussuria, nuovamente eccitata.
Con la coda dell’occhio vedo che Eva è in ginocchio, con i cazzi semiduri di Nico e Franco davanti al naso: ha la bocca spalancata e li succhia a turno tenendoli uno per mano, apparentemente decisa a farli tornare duri tutti e due.
Pat mi infila un dito nell’ano; ho un sussulto, il mio povero buco brucia ancora… Ma è un bruciore delizioso. Mi sento penetrare da un secondo dito mentre continuiamo a baciarci a tre, e Pat comincia a sditalinarmi il culo con due dita tese.
Cerco con la mano il cazzo di Lele, ma quando lo impugno trovo l’altra mano di Pat già in azione; pazienza, mi accontento delle sue palle, piacevolmente dure e gonfie.
Ansimo di piacere quando Lele mi afferra un seno e lo stringe piano… Immagino che con l’altra mano lui stia palpando il culo di Pat.
- Hmmm…
Lele è già intostato a dovere. Finiamo sul letto, con lui in mezzo e noi ragazze ai suoi lati a baciarlo e a segarlo… Poi scivoliamo con le nostre teste verso i suoi lombi, e ci contendiamo a colpi di lingua la sua maestosa erezione. Le nostre lingue s’incontrano sul glande, e noi due ci scambiamo un bacio rovente prima di tornare a leccare l’asta ciascuna dalla sua parte.
Lo insaliviamo per bene, poi Pat mi sussurra: - Impalatici sopra, da brava…
Non me lo faccio ripetere: di nuovo la mia padrona si dimostra generosa, e io ne approfitto finché posso. Mi sollevo e sedere sui fianchi robusti di Lele, mi alzo sulle ginocchia ed è Pat a infilarmi la sua bega durissima nella figa anelante; poi mi lascio andare e il membro possente del napoletano mi riempie il pancino voglioso.
- Aahhh…
Pat si rivolta agilmente e va a sedersi sulla faccia di Lele, dritta di fronte a me. Ora siamo entrambe sopra al maschio e lo cavalchiamo mentre lui ci lavora dal basso le fighe assetate di piacere: il viso di lui è nascosto dalla minigonna nera di Pat, mentre la mia nasconde il punto di unione dei nostri corpi e io lo cavalco roteando i fianchi per sentire meglio il cazzo dentro di me.
La camicetta di Pat è spalancata a mostrare i suoi seni a coppa di Champagne e i suoi grossi capezzoli minacciosamente puntati verso di me; lei allunga le mani per sfilarmi la blusa e pastrugnarmi dolorosamente le tette.
Sono al settimo cielo quando ci baciamo in bocca…

Accanto a noi, Eva ha fatto stendere Nico e si è infilata anche lei il cazzo a spegnimoccolo nella figa, mentre Franco in piedi sul letto le scopa la faccia.
Siamo due trii accaldati e scatenati, e io mi rendo conto che sto vivendo la migliore serata di sesso della mia vita.
Pat mi strapazza le tette mentre mi bacia in bocca, e il cazzone di Lele mi svanga divinamente in figa: potrei restare così per l’eternità, ma Pat ha altre idee.
Improvvisamente si stacca da noi e afferra la sua sacca ai piedi del letto.
Scommetto con me stessa che sta recuperando lo strap-on per incularmi di nuovo, questa volta a sandwich assieme a Lele, ma perdo la scommessa: la vedo impugnare il guinzaglio.
Ho un accesso di panico quando la lesbica mi aggancia il guinzaglio al collare e mi strattona da padrona.
Non sono ancora venuta sul cazzo di Lele, quindi emetto un latrato lamentoso da cagna avvilita, ma lei non se ne cura. Mi strattona di nuovo, e questa volta mi sento strozzare: mi stacco dolorosamente da Lele e mi lascio guidare fino al centro della camera. Pat allaccia il guinzaglio alla zampa del tavolino davanti al divano, poi mi sferra una ginocchiata dietro le gambe e mi costringe ad andare a terra, mettendomi a quattro zampe sul tappeto con la testa contro il tavolo e le terga esposte…
- Un momento di attenzione tutti quanti!
Giro la testa anch’io, e vedo che tutti hanno interrotto le loro attività per ascoltare cos’ha da dire la mia padrona.
- La cagna di casa è in calore e ha bisogno di essere montata – annuncia Pat indicandomi con un dito – Le ho appena allargato il culo, ma direi che il suo buco ha bisogno di un altro po’ di manutenzione, quindi direi che se ci diamo tutti da fare possiamo aprirla a dovere, così che possa legittimamaente definirsi una rotta in culo anche lei…
Gentile da parte sua pensare alle mie necessità…
- Direi che il maritino debba avere la precedenza – aggiunge a sorpresa Pat – Franco, vieni finalmente a inculare tua moglie: finora ce la siamo fatta tutti tranne te…
Franco si avvicina, non saprei dire se più ingrifato o titubante: ha il cazzo dritto, evidentemente Eva è davvero brava a farglielo tirare con la bocca, quindi potrebbe essere la volta buona per lui. Ho un moto di ripulsa, perché mi ero fatta un punto di non dargli mai il culo, ma se questa è la volontà della mia padrona…
- Prima insalivaglielo per bene – ordina Pat – Poi mettiglielo dentro e falla urlare. Allargala bene con il tuo cazzetto, così dopo ce la inculiamo anche noi.
Comprendo con un fremito che sto per essere sottoposta a una gangbang anale.
Pat e Eva mettono mano alle loro sacche e cominciano ad indossare i loro strap-on, mentre Lele e Nico si segano lentamente e Franco comincia a leccarmi diligentemente il buco rotto: i tessuti non si sono ancora ricomposti dopo la sodomia precedente, e lo sfintere è ancora aperto e umido. Mio marito me lo lecca con cura, facendomi fremere di anticipazione.
Poi Franco si sistema dietro di me e mi appoggia il cazzo al buco.
Lo sento spingere abbastanza goffamente: al contrario di tutti gli altri, lui non ha mai riempito un culo prima d’ora, e non ha un’idea precisa di come fare.
Mi tiene per le ossa iliache mentre mi schiaccia il cazzetto fra le chiappe e cerca di infilarmelo… Lo sento annaspare e grugnire, e ho la netta sensazione che stia perdendo l’erezione per la frustrazione.
Fallimento, un’altra volta.
Vorrei sparire per la vergogna.

Pat sospira: - Pazienza, Roby: proprio non ce la fa… Sarà per un’altra volta. Nico, tocca a te; Eva, pensaci tu al cornuto!
Dev’essere un momento terribile per mio marito: vedo con la coda dell’occhio che Eva gli si avvicina con un altro set coordinato da cagna, mette il collare a Franco e lo attacca con il guinzaglio a un’altra zampa dello stesso tavolino cui sono legata io; poi, per sopramercato, gli ammanetta i polsi dietro la schiena con un giocattolo che riconosco essere lo stesso con cui gli olandesi avevano ammanettato Pat nel camper.
Mio marito ha gli occhi gonfi di lacrime per l’umiliazione, ma non ci può fare nienete: Lele gli tiene le braccia dietro la schiena mentre Eva lo ammanetta.
- Ora stai qui buono e fai la cuccia – gli sibila Pat proprio come si parlerebbe a un cane disobbediente – Intanto noi ci trombiamo tua moglie nel culo come tu non hai mai fatto… E non farai mai.
Nico è il primo: il suo uccello è il meno grosso fra quelli ancora disponibili, ed è giusto che sia lui a riprendere dove ha ignominiosamnte fallito il mio consorte.
Mi ficca il cazzo nel culo strappandomi un urlo, poi comincia a fottermi con cattiveria mentre Pat, Eva e Lele si masturbano lentamente guardandoci.
Nico mi sborra in fondo al retto, e Eva è pronta a prendere il suo posto, immergendo il dildo del suo strap-on nel buco aperto e pieno di sperma.
Il dildo è notevolmente più grosso del membro di Nico, e mi fa un male cane.
- Ahiaa! – strillo – Brucia…
E’ come quando mi ha sodomizzato Pat: il dildo è esattamente uguale, solo Eva mi pompa con meno forza della sua compagna.
A differenza di Nico, lei non può schizzarmi dentro, però mi sodomizza finché non gode lei.
Poi cede il posto a Lele.

L’uccellone del napoletano è meno grosso delle protesi delle lesbiche, ma leggermente più lungo: mi trivella divinamente, in profondità… Comincio a masturbarmi per godere anch’io, ma Lele raggiunge l’orgasmo prima di me e mi allaga le budella con una sborrata doppia rispetto a quella di Nico.
Tocca a Pat: prima mi fa succhiare e insalivare il dildo, poi me lo caccia nell’ano con un’unica guzzata feroce.
- Aarghhh! – urlo, straziata – Mi ammazzi…
- Sta zitta, cagna – mi ringhia Pat da dietro, strattonandomi per i capelli come se fossere le mie redini – Tanto sei una stracciacula, lo sanno tutti…
Mi scovola il retto con una crudeltà oscena, facendomi urlare come una pazza per il dolore lacerante. Per fortuna ho il buco farcito di frescho dalle sborrate di Nico e di Lele, che assicurano una lubrificazione sufficiente per la spietata sodomia che Pat sta riservando al mio povero buco, ormai spanato per sempre.
- Aahhh! – grido ancora, pazza di dolore – Aahhh! Aahhh…
La mia padrona mi sodomizza per quasi un’ora, lacerandomi per sempre il culo e portandomi a più riprese vicino all’orgasmo senza mai permettermi di consumarlo. Io mi masturbo frenetica, ma alla fine è lei a godere per prima, piantandomisi nel retto fino alla base dell strap-on.
Soddisfatta, Pat si stacca da me e tira bruscamente il guinzaglio di Franco.
- Adesso tocca a te, mezzo uomo – gli fa, crudelmente – Ultima possibilità di mostrarti utile: pulisci il culo di tua moglie con la lingua. E sbrigati, cornuto!
Mio marito inghiotte un singhiozzo mentre Pat gli sgancia il guinzaglio; poi si inginocchia alle mie spalle e comincia a leccarmi lo sfintere con le mani sempre bloccate dietro la schiena: sento la sua lingua sul perineo, nel solco fra le chiappe, e finalmente sul buco rotto che mi brucia da pazzi…
- Aah! – gemo – Aahhh…
La sensazione è divina. La lingua di Franco mi ripulisce l’esterno, poi comincia a lambirmi lo sfintere e s’insinua all’interno delle mie viscere.
Lo sento succhiare, e so che sta assaggiando la venuta dei maschi che mi hanno avuta analmente poco prima. Istintivamente spingo e scorreggio sborra in faccia al cornuto.
Franco annaspa e tossisce, ma non smette di leccare. Fremo di porca lussuria all’idea che mio marito sta mangiando la sborra che i miei amanti mi hanno rovesciato nel culo…
Gli altri lo incoraggiano e lo sfottono al tempo stesso, mentre lui consuma il suo pasto fra le mie natiche roventi e sudate.
Poi, mentre Franco sta ancora succhiando, Pat mi bacia in bocca dandomi per un breve istante la lingua.
- Sei stata una brava cagnetta, Roby – mi fa a bassa voce – Proprio brava… Adesso riposati insieme a tuo marito. Noi andiamo a finire la serata a bordo della nostra barca con Lele e Nico: anche noi vogliamo farci riempire le budella di sborra calda.
Li sento raccogliere le loro cose, la porta scorre sui suoi binari, prima per aprirsi e poi per richiudersi alle loro spalle; il cancello del patio sbatte richiudendosi, e i passi delle lesbiche e dei napoletani si allontanano rapidamente lungo la passeggiata.
Io e Franco restiamo soli: legati al tavolinetto del soggiorno, con i culi rotti in aria e gli occhi gonfi per l’umiliazione.
La più bella serata della mia vita.

Questo racconto di è stato letto 4 7 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.