Racconto a puntate pt. 5 - fine

Scritto da , il 2018-11-28, genere etero

I fulmini illuminavano le finestre aprendo gli occhi dell'oscurità.
I tuoni facevano tremare i bicchieri di cristallo, vetro contro vetro sulla scrivania in disordine.
La pioggia si stava abbattendo sulle ampie vetrate dell'ufficio: tra gli ululati del vento, là fuori, era scoppiata una piccola apocalisse.


Il cielo aveva atteso il favore del buio.
E così aveva fatto lui.

Dalla strada forse si poteva vedere ancora un quadratino di palazzo illuminato.
Dalla costruzione difronte, se fosse stato possibile, probabilmente si sarebbe potuto vedere qualcosa in più.
Ma così non era stato. Nessuno aveva visto niente.
Né il momento in cui la registrazione era finita.
Né quando Leonardo mi si era avvicinato, mi aveva preso per mano e mi aveva fatto sedere vicino a lui, sul sofà di quello strano studio privato.
Mi aveva posato la mano s'un ginocchio e l'aveva fatta scorrere all'interno della coscia destra, tirando su il vestito fin dove le calze si univano tra le gambe: forse, per un attimo fu deluso di non trovare delle autoreggenti, ma non si fece problemi.
Le tirò quel tanto che bastava a sollevarle dal mio sesso, le uncinò con le dita e con un colpo secco le strappò, creandosi lo spazio per accedere alle mie mutandine.
«Ti piace così, vero?» mi strizzò un capezzolo e io lo lasciai fare.

Mi aveva detto che nell'armadio vicino alla porta c'erano i giochi: li aveva tirati fuori tutti da lì, alcuni dalle mensole in alto, altri da quelle in basso.
Le pareti interne erano bianche, illuminate dalla luce fredda di un led a movimento che si accendeva appena veniva aperta la porta.
Rimaneva poi acceso per circa un minuto dopo che essa veniva richiusa, creando una cornice di luce che usciva dalle fessure. Dentro c'era odore di pulito.
Non riuscivo a vedere sulle mensole più alte, ma ai ganci lungo la parete interna stava appesa una serie di accessori dalla funzione molto chiara: frustini, palline cinesi di diverse dimensioni, collari, strap on di vario calibro...
Una quantità inverosimile di cose ne ricopriva poi il fondo, suddiviso in quattro scatole di plexiglas trasparente.
La prima era occupata da cazzi di gomma, legno, plastica, delle più varie dimensioni: alcuni erano impressionanti e osceni, con tanto di testicoli che immaginai sbattessero in modo strano contro la carne quando mossi con vigore.
La seconda conteneva ciò che all'inizio scambiai per foulard ben ripiegati, una serie di pezzi di stoffa con caratteristiche diverse al tatto: seta, cotone, velluto, feltro, lana, persino un panno ricoperto di paillettes nere e uno con delle fredde borchie argentate.
La terza scatola raccoglieva alcuni barattolini di vetro di cui ignoravo il contenuto: sembravano piccoli barattoli di marmellata, senza etichetta e abbastanza anonimi, di vetro bianco opaco.
La quarta scatola era ricolma di fotografie a colori di donne che stavano masturbandosi: tutte avevano la stessa espressione rapita di piacere, alcune tenevano gli occhi chiusi mentre si penetravano con due dita, altre guardavano dritto nell'obiettivo mentre si divertivano con un dildo.
Tutti quegli oggetti se ne stavano lì, con la pazienza indifferente delle cose che sanno che prima o poi tornerai a cercarle, tutte disposte sull'attenti, tenute in ordine, pulite, funzionali.
Nell'angolo più in fondo dell'armadio c'era un piccolo armadietto nero, alto più o meno un metro e largo poco più di 30cm.
Ad attirare la mia attenzione in modo quasi ipnotico fu il lucchetto argentato che ne impediva l'apertura: volevo vedere cosa custodisse.
«Ah, no, Aletheia: quello è chiuso a chiave, mi dispiace... Ma se sarai brava ti farò vedere cosa contiene. Ora però vieni qui... Giochiamo.»

Non saprei dire quando i miei indumenti persero l'ultima traccia di calore.
Mi fece spogliare, completamente nuda: non sono brava in queste cose, ma lui godeva del mio imbarazzo.
Nel momento in cui la prima goccia di cera rovente cadde morbida sulla mia pelle, ogni domanda perse importanza.
Faceva male, ma per ogni goccia che si solidificava e raffreddava, un'altra mi usciva fluida e calda da dentro.
Tutto cambiava in continuazione: i confini tra bene e male, tra piacere e dolore, non erano più così netti, condensati in una nebbia in cui si disperavano colori e forme.
Trattenendo il respiro era possibile sentire il ghiaccio sciogliersi nei bicchieri e lo sfrigolio della fiamma sullo stoppino.

La sua eccitazione era ormai impossibile da ignorare.
Posò la candela s'un piattino e prese qualcos'altro.
«Vediamo se ti piace questo qui» disse soppesando tra le mani un vibratore telecomandato piuttosto grosso.
«Scherzi vero?»
«Certo che no... Ho bisogno che ti resti ben dentro mentre facciamo la seconda prova orale...»
Mi passò una mano tra le gambe e comprese che non c'era alcun bisogno di lubrificarmi: mi aveva stretto i capezzoli, sculacciato e sottoposto a preliminari di ogni tipo, ero un lago.

Si calò i pantaloni, mi fece inginocchiare davanti a lui e me lo puntò sulle labbra mentre mi teneva per i capelli.
Lo feci entrare tenendolo stretto: scendevo lentamente sulla punta e nell'incavo di pelle delicata che separava l'inizio dalla sua fine, feci passare la lingua per assaggiarlo.
Risalii, per scendere ancora, questa volta un po' di più, come aveva fatto lui per abituarmi a quella cosa che ora regolava con il telecomando, ben stretto nella mano sinistra.
Gli piaceva, me lo diceva il suo bacino che si muoveva al ritmo della mia bocca.
Voleva che non smettessi, appena rallentavo mi esortava con una scarica di vibrazioni.
Pensava di umiliarmi, eppure io lo stavo torturando: avrei potuto andare avanti così ancora per molto, non aveva idea di ciò di cui ero capace.
Lo guardai negli occhi, i suoi erano socchiusi e guardavano qualcosa che non esisteva davvero.
Afferrai la base del suo sesso con la mano e iniziai a muoverla insieme alla mia bocca: spingevo in giù, sentivo la pelle tirarsi sulla mia lingua.
Leonardo ansimava, sembrava sul punto di perdersi per sempre.

Il primo schizzo arrivò in silenzio e mi colpì la gola.
I successivi furono accompagnati dai suoi gemiti e dagli spasmi dell'orgasmo.
Senza attendere oltre, mi sfilai il vibratore e lo lascia cadere a terra.

«Sono stata brava?»
«Fantastica...» parlava come se godere gli avesse fatto perdere la capacità di articolare frasi di senso compiuto.
«Allora adesso posso averla?»
«Cosa...?»
«La chiave dell'armadietto nero.»
«Se ci tieni tanto...»

Fece apparire da sotto il colletto una catenella argentata, da cui pendeva una piccola chiave.
Gli strappai la catenella di dosso: lui protestò debolmente, ma aveva talmente tante endorfine in corpo...


L'armadietto nero conteneva solo una cosa.
Un quadrato di velluto blu scuro che ora giaceva a terra.
Un coltellino con la punta arrotondata e la lama affilata, che ora era tra le mie mani.

Chiusi l'armadio e mentre la cornice di luce resisteva dietro le porte, guardai il mio head hunter, ancora con i pantaloni calati, rilassato e inebetito dall'orgasmo.

Mi rigirai il coltello tra le mani.


Ho detto che il dolore mi piace, vero?

Questo racconto di è stato letto 1 3 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.