Pensiero notturno, un po' mattutino

Scritto da , il 2018-11-27, genere sentimentali

Il sole illumina la stanza, svegliandoci dai sogni più dolci, dagli incubi più brutti.
Non possiamo dormire anche se siamo tanto stanchi: ci hanno presi a mezzanotte, quando la luna era alta nel cielo livido, e da allora i nostri occhi non si sono più chiusi.

Siamo desideri, esauditi sullo stoppino fumante di una candela.
Siamo domande, ricongiunte all'universo sulla coda di una stella cadente.
Siamo speranze, in una fontana piena di monetine luccicanti di bolle.

Io e te, nonostante le finestre che si oscurano per la tempesta.

Insieme.

Questo racconto di è stato letto 7 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.